Creare e ottimizzare le campagne Shopping

Guida ufficiale alla creazione di una strategia per le campagne Shopping standard


Best Practices logo

Le campagne Shopping ti offrono l'opportunità di presentare i tuoi prodotti ai clienti online. Consulta la nostra ultima guida alle best practice delle campagne Shopping per scoprire come strutturare campagne efficaci, impostare le offerte migliori e ottimizzare la strategia per conseguire i tuoi obiettivi di marketing.

Oggi i consumatori acquistano ovunque, in qualsiasi momento, su qualsiasi dispositivo, dal momento dell'ispirazione all'acquisto finale. Non è più così importante, per un acquirente, essere presente nello spazio di un rivenditore, che sia online o in negozio, come lo è per un rivenditore essere presente sempre e ovunque quando qualcuno fa acquisti. Per sfruttare la crescente domanda di acquisti in tutti i dispositivi, ti mostreremo come creare una strategia per le campagne Shopping in grado di costruire una forte presenza e che ti faccia cogliere le opportunità di conquistare i clienti. Segui questi passaggi per conseguire i tuoi obiettivi di marketing e per far fronte, in ultima analisi, agli acquirenti sempre connessi di oggi.

1. Definire gli obiettivi per le campagne Shopping

Prima di approfondire le tattiche specifiche, concentrati sull'impostazione degli obiettivi della campagna. Che cosa cerchi di ottenere con le campagne Shopping? Stabilisci metriche di successo chiare prima di sviluppare il piano per raggiungere i tuoi obiettivi.

2. Seleziona il sottotipo giusto per la campagna

Per il massimo della semplicità, delle prestazioni e della copertura, utilizza le campagne Shopping intelligenti per gestire l'inventario dei prodotti. Le campagne di questo tipo combinano le campagne Shopping standard e quelle di remarketing sulla Rete Display per raggiungere più acquirenti e ottimizzano automaticamente le offerte, i segmenti di pubblico e i prodotti per soddisfare il tuo obiettivo di marketing. Ulteriori informazioni sulle campagne Shopping intelligenti.

Se non soddisfi i requisiti per le campagne Shopping intelligenti, o non puoi pubblicarle, seleziona il sottotipo campagna Shopping standard e consulta le best practice riportate di seguito per creare e ottimizzare le tue campagne.

3. Scegli la strategia di offerta giusta per una campagna Shopping standard

Le offerte hanno un impatto diretto sulla visibilità e sui risultati. Decidi se le offerte manuali o Smart bidding sono la strategia migliore. Utilizzare le opzioni automatiche disponibili garantisce che i tuoi prodotti compaiano nelle query di ricerca adatte per conseguire gli obiettivi della tua campagna. Ulteriori informazioni su Smart Bidding.

Utilizzare Smart Bidding per migliorare il rendimento

Molto probabilmente, gli obiettivi che vuoi raggiungere con le tue campagne Shopping standard si basano su risultati di rendimento. Ecco tre esempi:

  1. Il rivenditore A vuole generare il volume massimo di vendite per la sua linea di prodotti stagionale.
  2. Il rivenditore B vuole massimizzare le entrate dando la priorità ai prodotti che generano i guadagni maggiori.
  3. Il rivenditore C ha margini di profitto diversi per i vari prodotti e vuole che i costi siano in linea con questi margini.

Smart Bidding ottimizza automaticamente le offerte sulla base delle metriche di rendimento importanti per la tua attività. Applica la strategia di offerta Ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) target per modificare le tue offerte per ogni ricerca degli utenti, in modo da raggiungere il tuo obiettivo di ROAS e massimizzare il valore di conversione. Per ogni aggiustamento delle offerte vengono valutati molti fattori, tra cui il tipo di dispositivo, la località dell'utente e i dettagli del prodotto. Ad esempio, se registri un rendimento elevato sui dispositivi mobili, il ROAS target modificherà di conseguenza le offerte per dispositivi mobili. Ulteriori informazioni sul ritorno sulla spesa pubblicitaria target.

Utilizzare Smart Bidding come prima delle offerte manuali

Se devi modificare manualmente le offerte, ti consigliamo di creare un sistema di gestione. Per ottimizzarle ulteriormente, puoi attivare la funzionalità CPC ottimizzato (CPCO) per modificare le offerte del tuo gruppo di prodotti a livello di query per ogni asta. Questi aggiustamenti delle offerte massimizzano il numero di conversioni mantenendo i costi all'incirca allo stesso livello, generando tassi di conversione maggiori e costi per conversione minori. Ulteriori informazioni sul CPCO.

Annuncio Shopping Query Senza CPCO
Variazione offerta
Con CPCO
Variazione offerta
Tasso di conversione
stivali da pioggia gialli puddlers numero 38 € 0,60 € 0,78

Alto

stivali da pioggia gialli puddlers € 0,60 € 0,75 Alto
stivali da pioggia puddlers € 0,60 € 0,64 Alto
stivali puddlers € 0,60 € 0,61 Alto
stivali da pioggia gialli € 0,60 € 0,59 Basso
scarpe puddlers € 0,60 € 0,55 Basso
stivali da pioggia € 0,60 € 0,40 Basso
stivali per la pioggia € 0,60 € 0,35 Basso
stivali antipioggia € 0,60 € 0,31 Basso
Offerta CPC max da € 0,60 stivali € 0,60 € 0,10 Basso
Utilizzare Smart Bidding per aumentare il traffico

Supponiamo che il tuo obiettivo principale sia quello di indirizzare quanto più traffico possibile verso i tuoi prodotti. Ecco tre esempi:

  1. Il rivenditore A vuole generare il traffico maggiore per la sua ultima linea di prodotti.
  2. Il rivenditore B vuole creare l'awareness per un particolare brand di prodotto.
  3. Il rivenditore C crea una nuova campagna Shopping e vuole accumulare traffico prima di ottimizzare ulteriormente la campagna.

Le offerte devono essere competitive per ricevere la maggior parte del traffico. Utilizza la strategia di offerta Massimizza i clic per regolare automaticamente le offerte e ottimizzarle per il traffico di clic entro il tuo budget. Ulteriori informazioni su Massimizza i clic.

Quando la tua campagna ha accumulato dati sufficienti, puoi valutare il passaggio a una strategia di offerta CPCO o ROAS target, per iniziare l'ottimizzazione orientata alle conversioni anziché al traffico.

Modificatori di aggiustamento delle offerte per livello

Sia che utilizzi le offerte manuali o Smart Bidding, ricorda di considerare tutte le differenze di rendimento a livello di segmento, oltre alla strategia di offerta. Metti l'accento su un forte rendimento oppure dai la priorità ai segmenti aumentando i modificatori di aggiustamento delle offerte per tipi di dispositivo, orari, posizioni e/o elenchi dei segmenti di pubblico specifici. Se vuoi concentrarti sull'incremento del traffico da dispositivi mobili, ad esempio, aumenta il modificatore di aggiustamento delle offerte per dispositivi mobili. Ricorda che la strategia di offerta Ritorno sulla spesa pubblicitaria target già ottimizza automaticamente le offerte in base a una serie di fattori, tra cui il dispositivo e la posizione dell'utente, quindi non dovrai regolare manualmente i modificatori con questa soluzione in esecuzione. Ulteriori informazioni sugli aggiustamenti delle offerte.

4. Crea una solida struttura per la campagna Shopping standard

La struttura della campagna è fondamentale per conseguire gli obiettivi. Pensa a quello che vuoi ottenere nelle diverse aree di prodotto e a come puoi organizzare il tuo inventario dei prodotti in linea con i vari obiettivi.

Dividi i prodotti in un albero relazionale a più livelli

Crea divisioni dell'annuncio relazionale/del gruppo di prodotti in una struttura progressiva a più livelli. Tale approccio:

  • Fornisce copertura totale per le offerte dell'intero spazio pubblicitario
  • Offre al tuo sistema di offerte più dati sugli annunci/gruppi di prodotti per influenzare le ottimizzazioni delle offerte
  • Offre maggiore visibilità nei rapporti sul rendimento
  • Allinea la gestione delle offerte ai tuoi obiettivi
  • Semplifica la gestione dell'account
  • Impedisce lo spreco di investimenti su ID elementi o piccoli annunci/gruppi di prodotto che hanno scarsa attività e garantiscono modifiche pressoché nulle alle loro offerte.

Utilizza dati sul traffico e sul rendimento per stabilire il giusto livello di granularità e raggruppa i tuoi prodotti in base a quanto probabilmente avranno un rendimento simile per raggiungere obiettivi specifici. Più traffico c'è in ciascun gruppo di prodotti, meglio è. Prova a evitare i gruppi di prodotti con un numero ridotto di clic.

Inizia da divisioni più ampie utilizzando attributi come tipo di prodotto e Categoria di prodotti Google (Categoria). Se ci sono abbastanza dati e devi giustificare più divisioni, puoi continuare a segmentare ulteriormente i tuoi prodotti con attributi identici o più concentrati. L'attributo del brand, ad esempio, può essere utilizzato per le attività più orientate al brand. Nel livello finale, l'ID elemento, l'etichetta personalizzata o il brand sono attributi più concentrati che possono essere utilizzati per affinare certi prodotti. Fai attenzione: utilizzare l'ID elemento restringe fortemente le ulteriori divisioni dei gruppi di prodotto. Nei casi in cui non puoi influire sul rendimento, metti questi prodotti nei loro gruppi per raccogliere più informazioni. Vedi l'esempio di seguito e leggi altro sugli attributi disponibili per le suddivisioni dei gruppi di prodotti.

Gruppo prodotti Suddivisione Attributo suggerito per la divisione dei prodotti
Tutti i prodotti 1 Tipo di prodotto, Categoria
Abbigliamento 2 Tipo di prodotto, Categoria
Camicie 3 Tipo di prodotto, Categoria
Brand di lusso 4 Tipo di prodotto, Categoria, Brand
ID prodotto: 123456789 Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Tutto il resto in brand "di lusso" Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Tutto il resto in "Camicie" 4 Tipo di prodotto, Categoria, Brand
Tutto il resto in "Abbigliamento" 3 Tipo di prodotto, Categoria
Elettronica 2 Tipo di prodotto, Categoria
Laptop Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Tablet Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Telefoni Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Tutto il resto in "Elettronica" Finale Tipo di prodotto, Categoria, Brand, Etichetta personalizzata, ID articolo
Tutto il resto in "Tutti i prodotti" 2 Tipo di prodotto, Categoria

Come esempio, diamo un'occhiata alla struttura della campagna di un rivenditore che vende scarpe da uomo e una piccola selezione di accessori maschili.

Gruppo prodotti CPC max Descrizione
Tutti i prodotti € 1,00 Ha come target tutti i prodotti nello spazio pubblicitario
Calzature uomo € 1,00 Ha come target tutte le calzature uomo utilizzando il tipo di prodotto
Stivali € 4,00 Ha come target gli stivali utilizzando il tipo di prodotto
Sneaker € 2,00 Ha come target le sneaker utilizzando il tipo di
prodotto
Tutto il resto in "Calzature uomo" € 1,00 Ha come target i prodotti rimanenti in calzature uomo
Tutto il resto in "Tutti i prodotti" € 1,00 Ha come target i prodotti restanti nell'inventario

Nel complesso, il rivenditore sarà in grado di raccogliere informazioni di valore sul rendimento del gruppo di prodotti principale Calzature da uomo e sui gruppi di prodotti secondari: stivali, sneaker e tutti gli altri. Il rivenditore mantiene la visibilità creando un sistema di offerte in grado di coprire tutti i prodotti, indipendentemente dal segmento in cui ricadono. Questa struttura relazionale aggiunge anche nuovi prodotti allo spazio pubblicitario senza che si debbano creare nuovi gruppi.

Non esiste una soluzione universale per tutti gli obiettivi pubblicitari di tutto il tuo spazio pubblicitario. Le sfumature della combinazione tra la giusta struttura e la strategia di offerta variano da rivenditore a rivenditore. In sostanza, gli elementi essenziali per raggiungere i tuoi obiettivi saranno i dati sul traffico e sul rendimento, che utilizzerai per creare la struttura e le offerte.

Sfruttare le priorità delle campagne Shopping standard

Utilizza le priorità delle campagne a tuo vantaggio. Le priorità della campagna non influiscono sulla pertinenza delle ricerche o sulla probabilità che il tuo prodotto venga mostrato per una query specifica. Piuttosto, le priorità sono una funzione utile per impostare i prodotti e offerte corrispondenti più importanti per te.

Ad esempio, un rivenditore di gioielli può scegliere di dare la priorità a offerte competitive di una campagna stagionale contenente i prodotti per la Festa della Mamma impostando la priorità della campagna su "alta". In questo modo, le offerte del rivenditore rimarranno forti rispetto a quelle dei concorrenti quando questi attiveranno la campagna per la Festa della Mamma. Vedi il seguente esempio:

Campagna Stato CPC max predefinito Descrizione
N. 1, campagna Shopping standard stagionale per la Festa della Mamma
(alta priorità)
Idoneo € 5,00 Sceglie come target i prodotti per la Festa della Mamma utilizzando l'etichetta personalizzata
N. 2, campagna Shopping standard Più venduti
(priorità media)
Idoneo € 3,00 Sceglie come target i prodotti più venduti utilizzando l'etichetta personalizzata
N. 3, campagna Shopping standard principale
(priorità bassa)
Idoneo € 0,50 Sceglie come target l'intero inventario dei prodotti

Utilizza un'impostazione di priorità "alta" per accertarti che i prodotti che ti interessa maggiormente pubblicizzare ottengano il seguito necessario. La campagna con priorità "alta" deve contenere i prodotti con l'impatto maggiore e che conseguiranno gli obiettivi principali della campagna con un budget separato. L'impostazione di priorità rimane valida finché non applichi nuovamente la priorità "bassa" o esaurisci il budget. Per scegliere esclusivamente come target prodotti specifici per questa campagna, puoi:

  • Utilizzare l'opzione "Esclusi" del tuo gruppo di prodotti "Tutto il resto" per effettuare offerte solo sugli articoli che hai specificato in un determinato gruppo di annunci. Per "escludere" gruppi di prodotti, fai clic sulla colonna "CPC max" delle schede "Campagne" o "Gruppi di annunci". Per ridurre al minimo i potenziali conflitti di offerta, consigliamo di non avere più di 100 gruppi di prodotti di tipo "Tutto il resto".
  • Applicare un filtro dello spazio pubblicitario per limitare gli articoli in un certo annuncio/gruppo di prodotti per specifici attributi o etichette personalizzate. Ulteriori informazioni sull'utilizzo del filtro dello spazio pubblicitario.

Per gli account con più campagne, è particolarmente importante avere una campagna con la copertura più ampia possibile. Crea una campagna con priorità "bassa" con tutti i prodotti o con i prodotti restanti non acquisiti dalle campagne con priorità maggiore per assicurarti una copertura completa dei prodotti. Questo funziona da rete di sicurezza, facendo in modo che i tuoi prodotti siano sempre presenti nelle aste in cui le campagne con priorità maggiore raggiungono i limiti di budget o in cui si verificano problemi imprevisti. Ulteriori informazioni sulle priorità delle campagne.

Creare campagne shopping standard in base alla lingua

Se fai pubblicità in più lingue per lo stesso paese di destinazione, ti consigliamo di utilizzare le etichette personalizzate per creare campagne distinte per ciascuna lingua. Ad esempio, se il paese di destinazione è la Svizzera, potresti impostare un'etichetta personalizzata che utilizza i valori "Tedesco" e "Francese". In questo modo, potrai impostare budget, offerte e parole chiave escluse in base alla lingua. Ulteriori informazioni sulle etichette personalizzate.

Combinare la struttura della campagna Shopping standard e la strategia di offerta

Ora vediamo come funziona in pratica. Come combiniamo un struttura di campagna relazionale con una strategia di offerta per conseguire gli obiettivi principale? Ecco alcune possibilità:

Esempio di campagna per incentivare il ritorno sulla spesa pubblicitaria

Un rivenditore di prodotti per la decorazione della casa dispone di un budget separato per i prodotti principali con un ROAS target aggressivo mantenendo un ROAS target efficace per il resto del catalogo. Per conseguire gli obiettivi, il rivenditore separa i prodotti più venduti in una campagna con priorità "alta" utilizzando il filtro dello spazio pubblicitario e applica la strategia di offerta ROAS target. Il rivenditore ha anche una campagna principale con priorità "bassa", che contiene tutti i prodotti, con la strategia di offerta ROAS target. Ciascuna campagna è suddivisa in gruppi di prodotti in base al rendimento simile dei prodotti utilizzando l'attributo brand per conseguire gli obiettivi principali e fornire visibilità totale al rendimento.

Gruppo prodotti Campagna Strategia di offerta Descrizione
Tutti i prodotti (filtrati) #1 più venduti
(alta priorità)
ROAS target Sceglie come target i prodotti più venduti utilizzando l'etichetta personalizzata
Tutti i prodotti (filtrati) >
Brand di lusso
#1 più venduti
(alta priorità)
ROAS target Ha come target i prodotti più venduti utilizzando il brand
Tutti i prodotti (filtrati) >
Tutto il resto in "Tutti i prodotti (filtrati)"
#1 più venduti
(alta priorità)
ROAS target Ha come target i prodotti più venduti restanti
Tutti i prodotti #2 campagna principale
(priorità bassa)
ROAS target Sceglie come target l'intero inventario dei prodotti
Tutti i prodotti >
Brand di lusso
#2 campagna principale
​(Priorità bassa)
ROAS target Ha come target prodotti di lusso utilizzando il brand
Tutti i prodotti >
Tutto il resto in "Tutti i prodotti (filtrati)"
#2 campagna principale
​(Priorità bassa)
ROAS target Ha come target i prodotti restanti nell'inventario

Esempio di campagna per aumentare il traffico

Un rivenditore di elettronica dispone di un nuovo budget per indirizzare quanto più traffico possibile verso i suoi saldi di fine stagione. Sceglie come target i esclusivamente i prodotti dei saldi di fine stagione in una campagna con priorità "alta" con la strategia di offerta Massimizza clic. Nella nuova campagna, il rivenditore divide due gruppi di prodotti di interesse per valutare il rendimento del traffico. Questa campagna si svolge parallelamente alle altre che riguardano tutti i prodotti, in modo da mantenere una copertura totale dello spazio pubblicitario e da conseguire gli altri obiettivi della campagna. In questo esempio, se il rivenditore verifica un forte rendimento dai dispositivi mobili, aumenterà anche il modificatore di offerte per dispositivi mobili in aggiunta alla strategia Smart Bidding attuale.

Gruppo prodotti Campagna Strategia di offerta Descrizione
Tutti i prodotti (filtrati) #1 Saldi di fine stagione
(alta priorità)
Clic max Ha come target i prodotti in saldi di fine stagione utilizzando l'etichetta personalizzata
Tutti i prodotti (filtrati) >
Accessori per computer
#1 Saldi di fine stagione
(alta priorità)
Clic max Ha come target gli accessori per computer utilizzando il tipo di prodotto
Tutti i prodotti (filtrati) >
Accessori per telefono
#1 Saldi di fine stagione
(alta priorità)
Clic max Ha come target gli accessori per telefono utilizzando il tipo di prodotto
Tutti i prodotti >
Tutto il resto in "Tutti i prodotti (filtrati)"
#1 Saldi di fine stagione
(alta priorità)
Clic max ha come target i prodotti restanti in saldi di fine stagione
Tutti i prodotti (filtrati) #2 Più venduti
(priorità media)
CPCO Sceglie come target i prodotti più venduti utilizzando l'etichetta personalizzata
Tutti i prodotti #3 Campagna principale
(priorità bassa)
CPCO Sceglie come target l'intero inventario dei prodotti

5. Differenzia le offerte in base al pubblico della campagna Shopping standard

Se cerchi di conseguire obiettivi di rendimento o di traffico, puoi aggiungere un livello alle tue campagne per differenziarle in base al tuo pubblico di destinazione. Puoi fare offerte esclusivamente in base al traffico di ritorno applicando l'impostazione Targeting per pubblicare i tuoi prodotti solo ai clienti che rientrano nei tuoi elenchi di segmenti di pubblico. In tal modo potresti, tuttavia, limitare la portata della campagna, poiché ridurresti la copertura a un elenco dei segmenti di pubblico più ristretto. Differenzia invece le offerte per il traffico di ritorno e mantieni le attuali offerte per quello nuovo, aggiungendo elenchi per il remarketing alle campagne in corso tramite l'impostazione "Osservazione (consigliata)".

Questa impostazione permetterà gli aggiustamenti di offerte per raggiungere il traffico di ritorno continuando a mostrare i tuoi annunci a tutti i clienti che cercano i tuoi prodotti. Applica i moltiplicatori di offerta in base al valore di ciascun segmento di clienti per la tua attività. Ad esempio, puoi applicare un moltiplicatore di offerta del 100% per un elenco di pubblico composta dai precedenti acquirenti perché hanno un lifetime value cliente superiore per la tua attività e un moltiplicatore di offerte del 10% per i clienti che hanno visitato la tua homepage e sono usciti dal sito. Mentre gli elenchi di remarketing crescono e raccolgono seguito, continua a utilizzare dati per influenzare gli aggiustamenti di offerte. Per ulteriore assistenza, guarda il nostro video su come aggiungere elenchi per il remarketing.

6. Ottimizza le campagne Shopping per ottenere buoni risultati

Una volta che gli annunci hanno avuto il tempo di raccogliere dati sufficienti, puoi iniziare a utilizzare metriche che misurano la competitività come il CPC di benchmarking, il CTR di benchmarking, la quota impressioni e la quota clic, nonché strumenti come il Simulatore di offerta, per valutare il rendimento, perfezionare la strategia di offerta e prendere decisioni informate allo scopo di migliorare il rendimento delle campagne. Ulteriori informazioni sul monitoraggio e sull'ottimizzazione delle campagne Shopping.

Monitora i tuoi prodotti

Osserva regolarmente la scheda Prodotti per scoprire le aree di miglioramento e risolvere eventuali problemi. Ad esempio, puoi verificare che i prodotti principali siano idonei alla pubblicazioni filtrando in base ai maggiori clic o conversioni e visualizzando le colonne di stato dei prodotti.

ID elemento Titolo Clic Costo CPC medio Stato prodotto
123456 Scarpe da corsa da pista Acme 576 € 345,11 € 0,60 Pronto per la pubblicazione
12345687 Scarpe leggere da allenamento Acme 552 € 236,79 € 0,43 Pronto per la pubblicazione
5678613 Scarpe da corsa forma naturale Acme 342 € 155,22 € 0,45 Pronto per la pubblicazione
5645868 Scarpe da corsa basso impatto Acme 158 € 76,21 € 0,48 Non approvato
4896135 Scarpe da allenamento Acme 119 € 40,33 € 0,34 Non approvato

Presta attenzione al conteggio complessivo dei prodotti e alle percentuali di disapprovazione per segnalare in anticipo eventuali disapprovazioni. Visualizza altre informazioni.

% prodotti pronti per la pubblicazione Prodotti pronti per la pubblicazione % prodotti attivi Prodotti attivi % prodotti approvati Prodotti inviati Prodotti inviati
92,08% 1.105 94,16% 1.130 95,63% 1.150 1.200
Ottieni più conversioni allo stesso costo

Suddividi il tuo inventario in modo da creare gruppi di prodotti in linea con i tuoi articoli più richiesti. Successivamente, puoi utilizzare il monitoraggio delle conversioni per ottimizzare ulteriormente le offerte. Ad esempio, se un gruppo di prodotti ha un costo per azione (CPA) basso, puoi aumentare l'offerta per incrementare il volume di conversioni e spendere una quota maggiore del budget per realizzare più conversioni. Se, invece, un gruppo di prodotti presenta un costo per azione elevato, puoi ridurre l'offerta di quel gruppo per riservare il budget per gruppi di prodotti che possono generare più conversioni a un costo inferiore. Un altro modo per determinare quali offerte impostare per i tuoi gruppi di prodotti importanti consiste nell'utilizzare il Simulatore di offerta, che può fornire stime di rendimento per determinate offerte. Ulteriori informazioni.

Rivedi le metriche della concorrenza

I dati sulla concorrenza possono essere un buon punto di inizio per individuare le opportunità per ottimizzare le tue campagne. Quando osservi i tuoi rapporti, ti consigliamo di segmentare per dispositivo, data la variabilità del panorama della concorrenza. Prova a utilizzare gli strumenti indicati di seguito nella tue campagne Shopping:

  • La quota clic è la metrica migliore per avere un senso della tua posizione rispetto a quella dei concorrenti. Una quota clic più bassa con una quota impressioni alta indica che non vieni pubblicato tra i principali risultati per incentivare clic di valore. Cerca modi per differenziare gli annunci e regolare le offerte di conseguenza per acquisire una maggiore quota clic, specialmente sui dispositivi mobili, in cui la dimensione ridotta dello schermo incentiva la visibilità e il traffico verso i risultati principali. Puoi scaricare o pianificare un rapporto per ottenere la quota clic per dispositivo. Ulteriori informazioni sulla quota clic.

    Gruppo di prodotti Campagna CPC max Costo Clic Quota clic
    Tutti i prodotti (filtrati) N. 1, campagna Shopping standard stagionale
    (alta priorità)
    offerta automatica: € 5,00 € 193,20 345 50,20%
    Tutti i prodotti (filtrati) N. 2, campagna Shopping standard Più venduti
    (priorità media)
    € 3,00 (ottimizzata) € 52,80 160 30,15%
    Tutti i prodotti N. 3, campagna Shopping standard principale
    (priorità bassa)
    € 0,50 (ottimizzata) € 11,22 51 11,3%
    Mostra righe: 50 1 - 3 di 3

  • La quota impressioni può aiutarti a verificare che i tuoi annunci raggiungano quanti più clienti possibile. Se questa è bassa e le impressioni ricevute generano un profitto, è consigliabile aumentare le offerte oppure ottimizzare la qualità dei dati per ricevere un maggior numero di queste impressioni ad alto rendimento.
  • Le informazioni aste ti permettono di confrontare il tuo rendimento con quello degli altri inserzionisti che partecipano alle tue stesse aste. Queste informazioni possono aiutarti a prendere decisioni strategiche su offerte e budget, rivelando i tuoi punti di forza e gli aspetti in cui invece il tuo rendimento potrebbe essere migliore. Scopri di più su Informazioni aste.
  • Il CTR benchmark e il CPC max benchmark mostrano se i tuoi gruppi di prodotti sono all'altezza della concorrenza. Se il tuo CTR e CPC max sono indietro rispetto al benchmark, significa che devi migliorare i dati dei prodotti in modo che gli annunci siano più pertinenti o che devi regolare le offerte per essere più competitivo. I dati visualizzati relativi al rendimento degli annunci della concorrenza vengono aggregati e ne viene calcolata la media, in modo che siano anonimi.
  • Il Simulatore di offerta può mostrarti i risultati che avresti potuto ottenere durante la settimana precedente se avessi impostato offerte più o meno elevate. Prova a utilizzare questo strumento in maniera specifica per i dispositivi mobili, per capire le opportunità che hai perso con offerte più competitive per i dispositivi mobili. Ulteriori informazioni sul Simulatore di offerta.
Utilizza strategicamente le parole chiave a corrispondenza inversa

Le parole chiave a corrispondenza inversa possono essere uno strumento efficace per evitare di mostrare i tuoi prodotti ai clienti sbagliati. Tuttavia, l'aggiunta di troppe parole chiave a corrispondenza inversa può ridurre notevolmente il traffico complessivo o pertinente e può spesso influenzare negativamente il rendimento, a meno che non vengano riviste attentamente con regolarità. Ulteriori informazioni sulle parole chiave a corrispondenza inversa.

Ti consigliamo di utilizzare le parole chiave a corrispondenza inversa solo per evitare che i tuoi prodotti vengano pubblicati su query del tutto non pertinenti. Ad esempio, un rivenditore che vende solo scarpe da cerimonia non vuole apparire nei risultati di una query del tipo "sneaker". Può aggiungere "sneaker" come parola chiave esclusa alla sua campagna. Per ottimizzare le tue campagne per query specifiche, prova a utilizzare il CPCO o il ROAS target, per fare in modo che i tuoi annunci vengano pubblicati per un traffico pertinente.

Conclusioni

Le campagne Shopping sono una vetrina, un invito a visitare il tuo sito, una corsia preferenziale per raggiungere gli acquirenti sempre connessi di oggi. Fai che siano sempre impeccabili e aggiornate e vedrai che riuscirai non solo ad attirare l'attenzione dei consumatori, ma anche il loro portafoglio. Poi misura e ottimizza i risultati per consentire agli acquirenti di segnalarti quello che per loro è più utile e coinvolgente. Buona fortuna.

Iscriviti alla newsletter sulle best practice per ricevere aggiornamenti e suggerimenti avanzati su Google Ads direttamente nella tua casella di posta.
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema