Notifica

Visita La tua pagina AdSense, in cui puoi trovare informazioni personalizzate sul tuo account che ti aiuteranno a raggiungere risultati ottimali con AdSense.

Norme

Norme per i publisher di Google

(23 marzo 2022) A causa della guerra in Ucraina, metteremo in pausa la monetizzazione dei contenuti finalizzati a sfruttare, ignorare o giustificare la guerra.

(10 marzo 2022) In seguito alla recente sospensione dei sistemi pubblicitari Google in Russia, metteremo in pausa la creazione di nuovi account in Russia su AdSense, AdMob e Google Ad Manager. Metteremo in pausa, inoltre, la pubblicazione degli annunci sulle proprietà e sulle reti di Google a livello mondiale per gli inserzionisti con sede in Russia.

(3 marzo 2022) A causa della guerra in corso in Ucraina, metteremo temporaneamente in pausa la pubblicazione degli annunci destinati agli utenti che si trovano in Russia.

(26 febbraio 2022) Alla luce della guerra in Ucraina, Google metterà in pausa la monetizzazione dei media finanziati dallo Stato russo. 

Continueremo a monitorare attivamente la situazione e ad apportare le modifiche necessarie.

Stiamo eseguendo la migrazione e il consolidamento di tutte le norme e le limitazioni per i publisher di Google nel nuovo Centro assistenza delle norme per i publisher. Per il momento, puoi continuare a visualizzare tutte le norme nei Centri assistenza AdMob, AdSense e Ad Manager

Quando monetizzi i tuoi contenuti con il codice dell'annuncio Google, devi rispettare le seguenti norme. Il mancato rispetto di queste norme può portare Google a bloccare la pubblicazione degli annunci sui tuoi contenuti oppure a sospendere o chiudere il tuo account.

Queste norme vengono applicate in aggiunta a eventuali altre norme che regolano l'utilizzo dei prodotti Google per i publisher.

Google contribuisce a rendere Internet uno spazio libero e aperto, aiutando i publisher a monetizzare i contenuti e permettendo agli inserzionisti di raggiungere potenziali clienti con prodotti e servizi utili e pertinenti. Per preservare la fiducia nell'ecosistema pubblicitario, è necessario fissare dei limiti su quello che viene monetizzato.

Le Norme per i publisher di Google sono suddivise nelle seguenti categorie:

Scopri di più sui termini delle norme di uso comune e sul loro significato nel glossario

Norme relative ai contenuti 

Contenuti illegali

Non sono consentiti contenuti che:

  • Sono illegali, promuovono attività illecite o violano i diritti legali di terzi.

 Scopri di più sui contenuti illegali

Abuso della proprietà intellettuale

Non sono consentiti contenuti che:

  • Violano il copyright. È nostra prassi rispondere alle segnalazioni di presunte violazioni in linea con il Digital Millennium Copyright Act (Legge statunitense sul copyright). Il publisher può inviare una contronotifica tramite questo modulo.
  • Vendono o promuovono la vendita di prodotti contraffatti. Gli articoli contraffatti contengono un marchio o un logo identico o sostanzialmente non distinguibile da un marchio esistente. Questi articoli imitano gli elementi distintivi del brand del prodotto tentando di passare per il prodotto originale del proprietario del brand.

Scopri di più sull'abuso della proprietà intellettuale

Contenuti dispregiativi o pericolosi

Non sono consentiti contenuti che:

  • Incitano all'odio, alla discriminazione o alla denigrazione nei confronti di un individuo o un gruppo per motivi legati a razza o etnia, religione, disabilità, età, nazionalità, stato di veterano di guerra, orientamento o identità sessuale, sesso o altre caratteristiche associate a discriminazione o emarginazione sistematica.

    Esempi: promozione di gruppi che incitano all'odio o materiali utilizzati da gruppi che incitano all'odio e promuovono l'idea che un gruppo o un individuo sia disumano, inferiore o meritevole di odio

  • Includono molestie, intimidazioni o bullismo nei confronti di un individuo o un gruppo.

    Esempi: contenuti mirati a individuare una persona da sottoporre a maltrattamenti o molestie, a insinuare che un evento tragico non si è verificato o che le vittime o le relative famiglie sono attori o complici in un occultamento dell'evento

  • Contengono minacce o messaggi di incitamento alla violenza fisica e psicologica contro se stessi o gli altri.

    Esempi: contenuti che istigano all'anoressia, al suicidio o ad altre tipologie di autolesionismo; minacce di violenza nella vita reale o incitamento all'aggressione a danno di altre persone; contenuti che promuovono, esaltano o giustificano la violenza contro altre persone; contenuti realizzati da o a sostegno di gruppi terroristici o organizzazioni transnazionali di traffico di droga oppure contenuti che promuovono atti terroristici, incluso il reclutamento, o che celebrano attacchi terroristici o di organizzazioni transnazionali di traffico di droga

  • Sfruttano altre persone attraverso l'estorsione.

    Esempi: pratiche abusive per la rimozione dei contenuti, revenge porn, ricatto

Scopri di più sui contenuti dispregiativi o pericolosi

Crudeltà nei confronti degli animali

Non sono consentiti contenuti che:

  • Promuovono crudeltà o violenza gratuita nei confronti degli animali

    Esempi: promozione di crudeltà nei confronti di animali per divertimento, come combattimenti di galli o cani.

  • Promuovono la vendita di prodotti ottenuti da specie protette o in via d'estinzione.

    Esempi: vendita di tigri, pinne di squalo, avorio d'elefante, pelli di tigre, corni di rinoceronte, olio di delfino

Scopri di più sulla crudeltà nei confronti degli animali

Contenuti ingannevoli

Rappresentazione fuorviante

Non sono consentiti contenuti che:

  • Nascondono informazioni, forniscono una rappresentazione ingannevole o informazioni errate sul publisher, sull'autore dei contenuti, sullo scopo dei contenuti o sui contenuti stessi.
  • Presentano affermazioni false che suggeriscono affiliazione o approvazione da parte di un altro individuo, organizzazione, prodotto o servizio.

    Esempi: furto d'identità dei prodotti Google, uso improprio dei loghi aziendali

 Leggi ulteriori informazioni sulla rappresentazione ingannevole

Affermazioni non affidabili e dannose

Non sono consentiti contenuti che:

  • Sostengono affermazioni manifestamente false e che potrebbero minare significativamente la partecipazione o la fiducia in un processo elettorale o democratico.

    Esempi: informazioni su procedure di voto pubbliche, idoneità dei candidati politici in base a età o luogo di nascita, risultati elettorali o partecipazione ai sondaggi in conflitto con documenti governativi ufficiali

  • Promuovono dichiarazioni sulla salute dannose o si riferiscono a una grave crisi sanitaria attuale e sono in contraddizione con il consenso scientifico autorevole.

    Esempi: promozione di posizioni contro i vaccini, rifiuto dell'esistenza di patologie mediche come AIDS o Covid-19, terapie di conversione per persone gay

  • Sono in contraddizione con il consenso scientifico autorevole sui cambiamenti climatici.

 Leggi ulteriori informazioni sulle rivendicazioni inaffidabili e dannose

Pratiche ingannevoli

Non sono consentiti:

  • Indurre gli utenti a interagire con i contenuti con pretesti falsi o poco chiari.
  • Tentare di rubare informazioni personali o indurre con l'inganno gli utenti a condividere informazioni personali.

    Esempio: ingegneria sociale come il phishing

  • Promuovere contenuti, prodotti o servizi che utilizzano affermazioni false, disoneste o ingannevoli.

    Esempio: soluzioni per arricchirsi rapidamente

  • Eseguire azioni di coordinazione con altri siti o account e occultare o rappresentare in modo ingannevole la propria identità o altri importanti dati personali, se i contenuti proposti sono relativi a politica, problemi sociali o questioni di interesse pubblico.

  • Indirizzare contenuti inerenti a questioni politiche, sociali o di interesse pubblico a utenti che vivono in un paese diverso dal proprio; rappresentare in modo ingannevole o nascondere il proprio paese di origine o altri importanti dati personali.

 Leggi ulteriori informazioni sulle pratiche ingannevoli

Contenuti multimediali manipolati

Non sono consentiti contenuti che:

  • Ingannano gli utenti attraverso contenuti multimediali manipolati inerenti questioni politiche, sociali o di interesse pubblico.

 Leggi ulteriori informazioni sui contenuti multimediali manipolati 

Favoreggiamento di comportamenti fraudolenti

Non sono consentiti contenuti che:

  • Aiutano gli utenti a ingannare altre persone.

    Esempi: creazione di documenti fasulli o falsi come passaporti, diplomi o certificati; vendita o distribuzione di tesine, servizi di redazione di prove scritte o per il superamento di esami; informazioni su prodotti per superare test tossicologici

  • Promuovono qualsiasi forma di pirateria informatica o intrusioni e/o forniscono agli utenti istruzioni, attrezzature o software per manomettere o accedere senza autorizzazione a dispositivi, software, server o siti web.

    Esempi: pagine o prodotti che consentono l'accesso illegale a telefoni cellulari o ad altri sistemi o dispositivi di comunicazione o divulgazione di contenuti; prodotti o servizi che aggirano la protezione del copyright, compresi quelli che eludono le tecnologie di gestione dei diritti digitali; prodotti che decodificano illegalmente i segnali via cavo o satellitari allo scopo di ricevere servizi senza costi; pagine che favoriscono o permettono il download di video in streaming quando i fornitori dei contenuti lo vietano

  • Consentono a un utente o promuovono prodotti e servizi che consentono a un utente di tracciare o monitorare un'altra persona o le sue attività senza la sua autorizzazione.

    Esempi: spyware e tecnologie utilizzati per la sorveglianza della vita privata del partner, ad esempio spyware/malware che consentono a un utente di monitorare SMS, telefonate o la cronologia di navigazione di un'altra persona; rilevatori GPS specificamente commercializzati per spiare o monitorare qualcuno senza il suo consenso; promozione di attrezzature di sorveglianza (ad es. videocamere, registratori audio, dash cam, nanny cam) commercializzate con l'esplicito scopo di spiare

    Non sono inclusi (a) servizi di investigazione privata o (b) prodotti o servizi destinati ai genitori per localizzare o monitorare i figli minorenni.

 Scopri di più sul favoreggiamento di comportamenti fraudolenti

Contenuti sessualmente espliciti

Non sono consentiti contenuti che:

  • Includono testi, immagini, audio, video o giochi di natura sessualmente esplicita.

    Esempi: atti sessuali come sesso genitale, orale e/o anale; masturbazione; fumetti o cartoni animati pornografici e hentai; scene di nudo esplicite

  • Contengono argomenti sessuali riguardanti atti non consensuali (simulati o reali).

    Esempi: stupro, incesto, sesso con animali, necrofilia, snuff, materiali pornografici con adolescenti o a tema lolita, incontri con minori

    Scopri di più sui contenuti sessualmente espliciti

Atti sessuali a pagamento

Non sono consentiti contenuti che:

  • Possono essere interpretati come promozione di atti sessuali in cambio di un compenso.

    Esempi: prostituzione; servizi di accompagnamento e di escort; massaggi erotici; siti di servizi di compagnia; incontri a pagamento o accordi sessuali in cui è previsto che uno dei partecipanti fornisca denaro, regali, sostegno economico, tutoraggio o altri benefici di valore a un altro partecipante, come nel caso di appuntamenti tra una persona benestante e una più giovane che ha bisogno di aiuto economico

     Scopri di più sugli atti sessuali a pagamento

Mogli per corrispondenza

Non sono consentiti contenuti che:

  • Facilitano il matrimonio con una persona straniera.

    Esempi: mogli per corrispondenza, intermediari matrimoniali internazionali, tour romantici

      Scopri di più sulle mogli per corrispondenza

Temi destinati a un pubblico adulto all'interno di contenuti per famiglie

Non sono consentiti contenuti che:

  • Sembrano adatti alle famiglie, ma in realtà includono temi per adulti come sesso, violenza o altre rappresentazioni di bambini e personaggi amati dai bambini non appropriate per un pubblico generico.

       Scopri di più sui temi destinati a un pubblico adulto all'interno di contenuti per famiglie

Abuso e sfruttamento sessuale di minori

Non sono consentiti contenuti che:

  • Comportano o promuovono l'abuso o lo sfruttamento sessuale di minori, compreso ogni tipo di materiale pedopornografico.
  • Mettono in pericolo dei minori, inclusi a titolo esemplificativo:
    • Adescamento di minori (ad esempio, fare amicizia con un minore online per facilitare, online oppure offline, il contatto sessuale e/o lo scambio di immagini di natura sessuale con il minore in questione);
    • "Sextortion" (ad esempio, minacciare o ricattare un minore utilizzando l'accesso reale o presunto alle sue immagini intime);
    • Sessualizzazione di un minore (ad esempio, contenuti che raffigurano, incoraggiano o promuovono l'abuso o lo sfruttamento sessuale di minori); e
    • Traffico di minori (ad esempio, annunci o proposte di sfruttamento sessuale di minori a fini commerciali).

In questi casi, adotteremo le misure necessarie, tra cui la segnalazione al National Center for Missing & Exploited Children e la disattivazione degli account. Se ritieni che un minore sia in pericolo o sia stato vittima di abusi, sfruttamento o traffico, devi contattare immediatamente la polizia. Se temi che un minore sia o rischi di essere in pericolo in relazione ai nostri prodotti, puoi segnalare il comportamento a Google.

        Scopri di più sull'abuso e sfruttamento sessuale di minori


Norme di comportamento 

Dichiarazioni disoneste

Le informazioni fornite dai publisher per consentire l'uso o l'interazione con i sistemi pubblicitari di Google:

  • Devono essere esaustive e complete, senza omissioni ingannevoli.
  • Non possono essere espresse in modo ingannevole o fuorviante.

    Esempi: le informazioni personali o i dettagli di pagamento forniti da un publisher sono materialmente incompleti, oscurati o imprecisi. Le informazioni fornite sul sito web (ad es. nel file ads.txt) o sull'app (ad es. nel file app-ads.txt) di un publisher sono imprecise. Richieste di annunci che contengono URL o ID app parziali o imprecisi.

               Scopri di più sulle dichiarazioni disoneste

Interferenze con gli annunci 

Annunci pubblicati da Google che interferiscono con i contenuti o con le interazioni degli utenti

Non sono consentiti annunci pubblicati da Google che:

  • Si sovrappongono o sono accanto a elementi di navigazione o per altre azioni e che potrebbero generare interazioni indesiderate con gli annunci.
  • Interferiscono pesantemente con la fruizione dei contenuti, ad esempio sovrapponendosi ai contenuti o spingendoli all'esterno dell'area visualizzata,
  • Vengono posizionati in una schermata "senza uscita" dalla quale l'utente non può uscire senza fare clic sull'annuncio. 

               Scopri di più sulle interferenze con gli annunci

Valore dell'inventario

Annunci pubblicati da Google su schermate senza contenuti dei publisher

Non sono consentiti annunci pubblicati da Google su pagine e app:

  • senza contenuti dei publisher o con contenuti di scarso valore,
  • in fase di allestimento,
  • utilizzati per avvisi, navigazione o per altri scopi comportamentali.

Scopri di più sugli annunci pubblicati da Google su schermate senza contenuti dei publisher

Annunci fuori contesto

Non sono consentiti annunci pubblicati da Google:

  • In app o pagine web eseguite in background.
  • Mostrati all'esterno dell'area visualizzata.
  • Se l'utente deve prestare attenzione altrove e non all'app o alla pagina web che ospita l'annuncio.

All'utente devono essere chiari i contenuti a cui è associato l'annuncio.

Scopri di più sugli annunci fuori contesto

Annunci pubblicati da Google su schermate con contenuti replicati

Non sono consentiti annunci pubblicati da Google su schermate:

  • Con contenuti incorporati o copiati da altri senza l'aggiunta di commenti, selezioni di contenuti o l'aggiunta di valore.

Devi rispettare anche le norme relative all'abuso di proprietà intellettuale.

Scopri di più sugli annunci pubblicati da Google su schermate con contenuti replicati

Più annunci o materiale promozionale a pagamento rispetto ai contenuti dei publisher

Non sono consentiti annunci pubblicati da Google su schermate:

  • con più annunci o altro materiale promozionale a pagamento rispetto ai contenuti dei publisher.

Scopri di più su più annunci o materiale promozionale a pagamento rispetto ai contenuti dei publisher

 

 Lingue non supportate

Non sono consentiti contenuti che:

Scopri di più sulle lingue non supportate

 

 


Norme relative ai video

Norme relative all'inventario video

La monetizzazione dell'inventario video è un modo per apportare valore aggiunto ai contenuti video, a beneficio di publisher, utenti e inserzionisti. Per garantire che l'inventario video monetizzato con il codice dell'annuncio Google ("Inventario video") offra un'esperienza positiva a publisher, utenti e inserzionisti, abbiamo definito di seguito i requisiti relativi alla natura e all'implementazione dell'inventario video.

Descrivere accuratamente l'inventario

  1. L'inventario video deve fornire dichiarazioni con indicatori accurati (per Ad Manager, consulta Parametri URL del tag annuncio VAST), tra cui:
    • Udibilità del posizionamento dell'annuncio: udibile per impostazione predefinita o con audio disattivato (per Ad Manager, fai riferimento al parametro vpmute).
    • Tipo di posizionamento dell'annuncio: gli annunci video pubblicati nei video player con contenuti video devono essere dichiarati con precisione come posizionamenti di tipo "In-stream" o "Contenuto aggiuntivo" (per Ad Manager, fai riferimento al parametro plcmt). Gli annunci video pubblicati in posizionamenti non di tipo video player non richiedono dichiarazioni e verranno determinati automaticamente da Google in base al formato dell'inventario come posizionamenti "Interstitial" o "Autonomo".
      • Per "In-stream" si intende un annuncio video o audio riprodotto nello stream di contenuti video o audio, quando questi contenuti costituiscono l'oggetto della visita dell'utente o sono stati esplicitamente richiesti dall'utente.

        Esempio: un annuncio video riprodotto prima, durante o dopo lo stream di contenuti video richiesti dall'utente.

      • Per "Contenuto aggiuntivo" si intende un annuncio video riprodotto nello stream di contenuti video che accompagnano i contenuti principali alla base della visita dell'utente, quando i contenuti video non costituiscono né l'oggetto della visita dell'utente né contenuti esplicitamente richiesti dall'utente. I posizionamenti di tipo Contenuto aggiuntivo devono essere caricati nel corpo della pagina e avere l'audio disattivato per impostazione predefinita.

        Esempio: un annuncio video riprodotto prima, durante o dopo lo stream di contenuti video con audio disattivato che occupano una piccola parte di una pagina prevalentemente editoriale.

      • Per "Interstitial" si intende un annuncio video riprodotto senza la presenza di altri contenuti video in streaming durante il passaggio da un contenuto all'altro, quando l'annuncio video è l'elemento principale della pagina e occupa la maggior parte dell'area visibile.

        Esempio: un annuncio video indipendente da altri contenuti video in streaming e visualizzato per intero durante un'interruzione naturale o il passaggio da un contenuto all'altro.

      • Per "Autonomo" si intende un annuncio video riprodotto senza la presenza di altri contenuti video in streaming, quando l'annuncio video non rappresenta l'elemento principale della pagina.

        Esempio: un annuncio video indipendente da altri contenuti video in streaming e posizionato in un banner nella fascia laterale destra della pagina di un articolo.

Nota: per Ad Manager, i termini "instream" o "in-stream" nelle pagine del Centro assistenza e nei controlli all'interno del prodotto fanno riferimento sia a "In-stream" che a "Contenuto aggiuntivo", come definito nelle presenti norme. L'inventario video di Ad Manager definito come di tipo "In-stream" o "Contenuto aggiuntivo" secondo le presenti norme deve rispettare i rispettivi requisiti riportati nelle stesse.

Utilizzare le implementazioni supportate

  1. I posizionamenti di tipo In-stream o Contenuto aggiuntivo devono utilizzare l'SDK Interactive Media Ads di Google o la libreria di accesso programmatico di Google sulle piattaforme supportate, a meno che non venga impiegato un programma beta ufficiale di Google.
    • I partner e i publisher non possono utilizzare i prodotti Interactive Media Ads per monetizzare i contenuti di YouTube. Per monetizzare i contenuti di YouTube, i partner e i publisher devono partecipare al Programma partner di YouTube.
  2. I posizionamenti di tipo Interstitial o Autonomo devono utilizzare le soluzioni fornite da Google: Tag publisher di Google per il web e l'SDK Google Mobile Ads per le app (per Ad Manager, per AdMob).
    • L'SDK Interactive Media Ads di Google non è consentito per i posizionamenti di tipo Interstitial o Autonomo, ad eccezione dei posizionamenti nei giochi.

Proteggere il valore per gli inserzionisti

  1. I contenuti o i controlli (ad esempio per riprodurre, mettere in pausa, disattivare l'audio, saltare o ignorare) dell'Inventario video, inclusi i contenuti o i controlli degli annunci, se forniti, non devono essere coperti, nascosti o non funzionanti.
  2. Per i posizionamenti di tipo In-stream, gli annunci audio non devono essere richiesti o pubblicati in posizionamenti con audio disattivato.

Rispettare l'utente

  1. L'inventario video può essere riprodotto automaticamente alle seguenti condizioni:
    • Solo un inventario video in tutti i tipi di posizionamento può essere riprodotto automaticamente con audio in qualsiasi momento.
      • Inoltre, per i posizionamenti di tipo In-stream o Contenuto aggiuntivo, può essere visualizzato in riproduzione automatica un solo video player in un determinato momento.
    • L'annuncio non deve essere riprodotto automaticamente finché non è visibile almeno il 50% dell'unità pubblicitaria.
  2. L'inventario video può essere fisso alle seguenti condizioni:
    • Viene mostrata un'opzione per ignorare l'annuncio per l'intera durata del video o del contenuto dell'annuncio. Questa opzione non deve essere nascosta, coperta o non funzionante.
    • Per i posizionamenti di tipo In-stream o Contenuto aggiuntivo, il video player deve avviarsi nel contenuto principale e passare a un posizionamento fisso quando l'utente fa scorrere il video player fuori dalla pagina.
Nota: le nostre norme definiscono il tipo di contenuti che i creator e i publisher possono monetizzare con il codice dell'annuncio Google. I requisiti illustrati sopra non garantiscono agli inserzionisti la qualità dei posizionamenti che acquistano.

            Scopri di più sulle norme relative all'inventario video


Norme sulla privacy

Informative sulla privacy

I publisher sono tenuti a:

  • Definire e rispettare norme sulla privacy che divulghino chiaramente qualsiasi raccolta, condivisione e utilizzo dei dati che avviene su qualsiasi sito, app, pubblicazione di email o altra proprietà in seguito all'utilizzo dei prodotti Google. Le norme sulla privacy devono indicare agli utenti che terze parti potrebbero inserire e leggere cookie sui browser degli utenti o utilizzare beacon web per raccogliere dati a seguito della pubblicazione di annunci sul sito web.

    Per rispettare l'obbligo di questa informativa relativamente all'utilizzo dei dati da parte di Google, puoi mostrare in modo ben visibile un link alla pagina Modalità di utilizzo da parte di Google delle informazioni fornite da app o siti che usano i suoi servizi.

           Scopri di più sulle informative sulla privacy

Cookie nei domini Google

I publisher sono tenuti a:

  • Non impostare un cookie nei domini di Google o non modificare, intercettare oppure eliminare i cookie impostati nei domini di Google.

           Scopri di più sui cookie nei domini Google

Identificare gli utenti

I publisher devono rispettare le seguenti linee guida:

  • Non utilizzare le impronte del dispositivo oppure oggetti condivisi localmente (ad es. cookie Flash, oggetti BHO, archiviazione locale HTML5) diversi dai cookie HTTP o identificatori di dispositivi mobili reimpostabili dall'utente progettati per essere utilizzati nella pubblicità. Ciò non limita l'utilizzo dell'indirizzo IP per il rilevamento di attività fraudolenta.
  • Non trasmettere a Google informazioni che Google potrebbe utilizzare o riconoscere come informazioni che consentono l'identificazione personale o che identifichino in modo permanente un determinato dispositivo (come l'identificatore univoco di un cellulare, qualora questo identificatore non possa essere reimpostato).
  • Non utilizzare i nostri servizi per identificare gli utenti o facilitare l'unione di informazioni che consentono l'identificazione personale con informazioni raccolte in precedenza come informazioni che non consentono l'identificazione personale senza avere inviato una chiara notifica all'utente e senza avere prima ricevuto il consenso di quest'ultimo all'unione (tramite un'opzione di attivazione). Indipendentemente dal consenso fornito dagli utenti, è vietato provare a separare i dati che Google riporta in forma aggregata.

    Per ulteriori informazioni, consulta la Guida al rispetto delle norme relative all'identificazione degli utenti.

  • Rispettare le Norme relative al consenso degli utenti dell'UE.

           Scopri di più sull'identificazione degli utenti

Utilizzare dati del dispositivo e sulla posizione

Sezione dedicata ai publisher che raccolgono, trattano o divulgano informazioni che identificano o che possono essere utilizzate per dedurre la posizione geografica precisa di un utente finale, ad esempio dati provenienti da sistemi GPS, Wi-Fi o torri cellulari.

I publisher sono tenuti a:

  • Indicare all'utente, tramite un avviso interstitial o in tempo reale, gli scopi per i quali i suoi dati possono essere utilizzati (tra cui personalizzazione degli annunci, analisi e attribuzione, a seconda dei casi), inclusi i dati che possono essere condivisi con i partner;
  • Ottenere il consenso esplicito (tramite un'opzione di attivazione) da parte degli utenti finali prima di raccogliere, trattare o divulgare tali informazioni;
  • Inviare tali informazioni a Google in stato criptato o tramite un canale criptato; e
  • Rendere nota tale raccolta, trattamento o divulgazione di informazioni in tutte le norme sulla privacy applicabili.

            Scopri di più su come utilizzare dati del dispositivo e sulla posizione

Children's Online Privacy Protection Act (COPPA)

Se implementi un servizio pubblicitario di Google su un'app, un sito o una sezione di un sito che rientra nel Children's Online Privacy Protection Act (COPPA), devi:

  • Informare Google della presenza di tali siti o sezioni che rientrano nel COPPA utilizzando Google Search Console, inserire un tag nella richiesta di annuncio utilizzando l'SDK AdMob o inserire un tag nel sito, nell'app o nella richiesta di annuncio per il trattamento per siti o servizi destinati ai minori;
  •  Non utilizzare la pubblicità basata sugli interessi (incluso il remarketing) nel caso in cui si scelgano come target:
    • Attività pregresse o attuali di utenti la cui età nota risulta essere inferiore ai 13 anni o
    • Attività pregresse o attuali su siti destinati a utenti di età inferiore a 13 anni.

               Scopri di più sul Children's Online Privacy Protection Act (COPPA)


Requisiti e altri standard

Norme relative allo spam per la Ricerca Google

Non devi:

               Scopri di più sulle Norme relative allo spam per la Ricerca Google

Esperienze intrusive 

Non devi:

               Scopri di più sulle esperienze intrusive

Malware o software indesiderato

Non devi:

  • Inserire annunci pubblicati da Google su schermate contenenti software dannosi o malware che possono danneggiare un computer, un dispositivo o una rete o accedere a questi ultimi senza autorizzazione.

    Esempi: virus di computer, ransomware, worm, trojan horse, rootkit, keylogger, dialer, spyware, rogue e altri programmi o app dannosi

  • Inserire annunci pubblicati da Google su schermate che violano le norme relative al software indesiderato di Google.

    Esempi: software per cui non vengono chiaramente indicate le funzionalità fornite o tutte le implicazioni derivanti dall'installazione; software che non includono i Termini di servizio o un Contratto di licenza con l'utente finale (EULA); software o applicazioni associati ad altri software o applicazioni senza che l'utente ne sia al corrente; software che apportano modifiche al sistema senza il consenso dell'utente; software con procedure di disinstallazione o disattivazione rese intenzionalmente complicate; software che non utilizzano correttamente le API di Google disponibili pubblicamente quando interagiscono con prodotti o servizi Google

   Scopri di più su malware o software indesiderato

Better Ads Standards 

Non devi:

               Scopri di più su Better Ads Standards

Inventario autorizzato

Non devi:

  • Inserire gli annunci pubblicati da Google su un dominio che utilizza il file ads.txt, in cui non sei presente come venditore autorizzato dell'inventario. 

Per i partner di syndication, i soggetti principali devono assicurarsi che i soggetti secondari aggiungano prontamente il file ads.txt ai domini secondari, includendo i soggetti principali come venditori autorizzati dell'inventario secondario.

               Scopri di più sull'inventario autorizzato

Conformità alle sanzioni

Google è tenuta a rispettare le sanzioni e i controlli delle esportazioni previste dall'Ufficio di controllo dei beni stranieri (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e dal Bureau of Industry & Security del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, nonché altre sanzioni applicabili. Di conseguenza, i prodotti per i publisher di Google non sono disponibili per i publisher che si trovano nei seguenti paesi o territori:

  • Crimea
  • Cuba
  • Le cosiddette Repubblica Popolare di Donetsk (DNR) e Repubblica Popolare di Luhansk (LNR) 
  • Iran
  • Corea del Nord
  • Siria

Inoltre, i prodotti per i publisher di Google non possono essere utilizzati a beneficio o per conto di una parte che si trova nelle aree geografiche o nei paesi soggetti a sanzioni sopra elencati. 

Inoltre, i prodotti per i publisher di Google non possono essere utilizzati da persone giuridiche o privati soggetti a limitazioni in virtù delle sanzioni commerciali e delle leggi sulla conformità delle esportazioni vigenti. Inoltre, non possono essere utilizzati da persone giuridiche o privati di proprietà di o controllati da o che agiscono a beneficio o per conto di tali persone giuridiche o privati soggetti a limitazioni. 

I publisher devono inoltre rispettare le sanzioni e le normative sulle esportazioni vigenti, incluse le sanzioni dell'OFAC, nonché accettare di non causare la violazione di tali normative da parte di Google. Non è consentito utilizzare i prodotti Google per i publisher a beneficio o per conto di persone giuridiche o privati soggetti a limitazioni oppure ubicati in aree geografiche o paesi soggetti a sanzioni.

               Scopri di più sulla conformità alle sanzioni

È stato utile?

Come possiamo migliorare l'articolo?
true
La tua pagina AdSense

Pagina AdSense: una nuova risorsa in cui puoi trovare informazioni personalizzate e nuove opportunità per l'account per sfruttare al meglio AdSense.

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale