Comunicazioni archiviate

16 novembre 2017: il monitoraggio delle conversioni è stato spostato in AdWords

Le conversioni in AdMob sono state interrotte. Nella tabella Conversioni rimarrà visualizzato un elenco di sola lettura delle conversioni che hai creato in AdMob e AdWords. 

In futuro, tutte le conversioni verranno create in AdWords e monitorate utilizzando Firebase SDK. Una volta collegati gli account AdWords e Firebase, puoi importare le conversioni da Firebase per verificare in che modo le tue campagne di annunci incrementano le installazioni di app e le azioni in-app per le app Android o iOS. 

Se imposti il monitoraggio delle conversioni in AdWords per la prima volta, segui le istruzioni per monitorare le conversioni con Firebase.

Ulteriori informazioni

14 novembre 2017: versioni dell'SDK Google Mobile Ads anteriori alla 7.0.0 (Android e iOS)

A partire dal 23 gennaio 2018, non supporteremo più le versioni dell'SDK Google Mobile Ads anteriori alla 7.0.0 per Android o iOS. Per continuare a pubblicare gli annunci per dispositivi mobili da AdMob, Ad Exchange o DFP dopo tale data, esegui l'upgrade alla versione più recente dell'SDK Google Mobile Ads:

Android 

iOS

16 ottobre 2017: accettazione dei Termini e condizioni aggiornati

I Termini e condizioni sono stati aggiornati e AdMob potrebbe chiederti di accettare la nuova versione. In tal caso, dovrai accettare i Termini e condizioni aggiornati per poter continuare a utilizzare AdMob. Se il tuo account AdMob ha più utenti, il suo amministratore dovrà accettare i Termini e condizioni. 

Per accettare i Termini e condizioni aggiornati, procedi nel seguente modo: 

  1. Accedi all'account AdMob alla pagina https://apps.admob.com.
  2. Rivedi i Termini e condizioni di AdSense.
  3. Seleziona la casella di controllo per accettare i Termini e condizioni.
  4. Fai clic su Accetta.
Se non accetti i Termini e condizioni aggiornati, non potrai più accedere al tuo account AdMob né all'API.

24 ottobre 2017: preparare gli annunci per l'iPhone X

Con il lancio dell'iPhone X, gli sviluppatori di app ora devono tenere conto di nuovi fattori inerenti al design, poiché gli angoli arrotondati, la tacca e l'indicatore della schermata Home sullo schermo esteso possono nascondere i contenuti e comportare esperienze pubblicitarie poco soddisfacenti per gli utenti quando gli annunci vengono inseriti in queste aree.

Abbiamo creato una guida relativa al rendering degli annunci per l'iPhone X per aiutarti a posizionare gli annunci banner o nativi nelle "aree sicure" indicate per questo nuovo dispositivo.

Inoltre, abbiamo aggiornato le nostre norme per indicare che gli annunci non devono essere posizionati laddove gli oggetti possono ostacolare la normale interazione dell'utente con l'annuncio o l'app, ad esempio sotto l'indicatore della schermata Home sull'iPhone X.

Al fine di rispettare le norme di AdMob, gli annunci dovrebbero essere aggiornati entro il 20 novembre 2017.

Ulteriori informazioni su queste modifiche: 

28 settembre 2017: i controlli e le impostazioni delle unità pubblicitarie verranno aggiornati

Stiamo aggiornando i tipi di annunci disponibili per i formati banner e interstitial. Aggiungeremo anche un nuovo tipo di annunci combinato denominato "Testo, illustrati e rich media" e annunci "Video" per le unità pubblicitarie banner.

Gli aggiornamenti entreranno in vigore il giorno 10 ottobre 2017.

 

  • Gli annunci di testo, illustrati e rich media saranno combinati per banner e interstitial

    Per ottimizzare la selezione del tipo di annuncio per le unità pubblicitarie banner e interstitial, gli annunci di testo, illustrati e rich media (HTML5 e altri annunci interattivi) verranno combinati in un solo tipo. Selezionato per impostazione predefinita.

  • La personalizzazione dei banner sarà rimossa

    La personalizzazione dello stile dell'annuncio di testo verrà rimossa dalla creazione delle unità pubblicitarie banner.

  • Rimozione del pulsante Sposta

    Il pulsante Sposta verrà rimosso dalla pagina Unità pubblicitarie.

  • Ai banner sarà aggiunto un tipo di annuncio videoPROSSIMAMENTE

    Per gli annunci banner sarà disponibile il tipo di annuncio video, che funzionerà in modo simile agli annunci video mostrati nelle unità pubblicitarie interstitial. Selezionato per impostazione predefinita.

17 maggio 2017: presentazione di AdMob Beta

AdMob Beta è la nuova versione di AdMob ottimizzata per le app. Ciò significa che tutto in AdMob Beta verte sulle app, inclusa la nuova struttura di navigazione, la creazione dell'unità pubblicitaria, le dashboard e la mediazione.

Quando esegui l'aggiornamento ad AdMob Beta, ottieni l'accesso a nuove funzioni e miglioramenti esclusivi:

  • Navigazione basata su app: le tue app sono il motivo per cui utilizzi AdMob. Pertanto, abbiamo riorganizzato l'interfaccia utente AdMob per semplificare la gestione delle tue app. Tutto quello di cui hai bisogno è a portata di pochi clic. 
  • Dashboard: abbiamo creato nuove dashboard per aiutarti a capire lo stato generale del tuo ecosistema di app. Le dashboard non sono progettate con l'intento di sostituire i rapporti, ma piuttosto di completarli con una panoramica completa sull'utilizzo della tua app e sulle entrate stimate.
  • Maggiore integrazione con Google Analytics for Firebase: AdMob Beta mostra i dati di Google Analytics for Firebase nella panoramica dell'app, pertanto non devi uscire da AdMob per esaminare le metriche dell'utente.
  • Gruppi di mediazione: abbiamo riprogettato l'esperienza di mediazione per aiutarti ad aumentare le entrate utilizzando AdMob. I gruppi di mediazione ti consentono di organizzare il tuo elenco di mediazione in insiemi predefiniti di criteri in modo che tu possa facilmente applicarli alle tue unità pubblicitarie. Crea un gruppo di mediazione una sola volta, poi aggiungi tutte le unità pubblicitarie a cui vuoi applicarlo.

Per eseguire l'upgrade all'ultima versione di AdMob, completa la procedura riportata di seguito: 

  1. Accedi all'account AdMob alla pagina https://apps.admob.com.
  2. Nella scheda Home, fai clic su Esegui l'upgrade.
  3. Controlla le informazioni sullo schermo e fai clic su Esegui l'upgrade. Se hai cambiato idea, puoi fare clic su Mantieni la versione corrente per annullare la procedura di upgrade.
  4. Guarda il video introduttivo sull'ultima versione di AdMob. (facoltativo)
  5. Esamina le modifiche apportate alla mediazione AdMob. (facoltativo)
  6. Scarica ed esamina il tuo rapporto personalizzato di upgrade della mediazione. Il rapporto fornisce ulteriori informazioni su come l'impostazione di mediazione esistente verrà adattata per l'uso della nuova funzione dei gruppi di mediazione durante l'upgrade.
  7. Seleziona la casella di controllo per confermare che hai esaminato il rapporto di upgrade della mediazione e sei pronto per procedere con l'upgrade.
  8. Fai clic su Esegui l'upgrade per eseguire l'upgrade del tuo account.
  9. Al termine dell'operazione, fai clic su Continua per iniziare a utilizzare la nuova interfaccia utente di AdMob.

6 aprile 2017: l'eCPM osservato nel rapporto Mediazione annunci

Abbiamo aggiunto una nuova metrica al rapporto Mediazione annunci: eCPM osservato.

L'eCPM osservato rappresenta l'eCPM medio stimato di una rete pubblicitaria di terze parti, calcolato con i dati storici sulle entrate.

L'eCPM osservato viene mostrato solo per le reti pubblicitarie in cui è attiva l'ottimizzazione della rete pubblicitaria. Il valore nella riga "Totale" della tabella è una media di tutti i valori presenti nella colonna eCPM osservato.

Per aggiungere la metrica eCPM osservato al rapporto, fai clic su Personalizza metriche e seleziona eCPM osservato nella nuova sezione Entrate.

12 dicembre 2016: targeting delle unità pubblicitarie native nelle campagne di annunci autopromozionali

Ora puoi scegliere unità pubblicitarie native come target nelle tue campagne di annunci autopromozionali AdMob. Gli annunci inclusi in queste campagne verranno pubblicati nelle unità pubblicitarie selezionate mediante la creatività da te caricata (ad esempio, l'immagine per la promozione di un'app stagionale).

Nota: le campagne di annunci nativi sono compatibili solo con annunci illustrati, di testo o video per l'installazione di app. Gli annunci illustrati e di testo che pubblicizzano siti web non sono compatibili con campagne di annunci nativi e non potranno essere utilizzati per pubblicare annunci nativi. 

Per scegliere come target un'unità pubblicitaria nativa in una campagna, crea una nuova campagna nella scheda Campagne.

Durante il passaggio Seleziona unità pubblicitaria e imposta il targeting per utente, seleziona le unità pubblicitarie che desideri scegliere come target. Segui poi le successive istruzioni per creare annunci per la campagna. 

Per annunci illustrati in formato Nativo Express, devi scegliere immagini conformi alle dimensioni di annunci illustrati supportate. Consulta ulteriori informazioni sull'implementazione del formato Nativo Express.

Le informazioni sulle app scelte come target verranno importate da Play Store (Android) o App Store (iOS) e verranno visualizzate negli annunci nativi che crei per la campagna.

1° dicembre 2016: ritiro della scheda Promuovi di AdMob

Nell'ambito del nostro impegno per migliorare AdMob, abbiamo lanciato la nuova scheda Campagne e ritirato la scheda Promuovi.

La creazione di campagne di annunci autopromozionali è stata spostata nella nuova scheda Campagne, mentre da oggi tutte le campagne a pagamento e le attività di fatturazione dovranno essere gestite da Google AdWords, il programma pubblicitario online di Google.

Ulteriori informazioni sul salvataggio dei dati della scheda Promuovi e sulla gestione delle campagne

1 agosto 2016: Ritiro della scheda Promuovi di AdMob

Nell'ambito del nostro impegno per migliorare AdMob, è in programma il lancio della nuova scheda Campagne e il ritiro della scheda Promuovi.

A partire da settembre, sposteremo la creazione delle campagne di annunci autopromozionali nella nuova scheda Campagne. Tutte le campagne a pagamento e le attività di fatturazione dovranno essere gestite da Google AdWords, il programma pubblicitario online di Google.

Questa modifica interesserà tutti gli utenti che attualmente pubblicano campagne di annunci autopromozionali e/o campagne di annunci a pagamento in AdMob.

Ulteriori informazioni

14 marzo 2016: premia gli utenti che hanno guardato i video con gli annunci video con premio

Le unità pubblicitarie video con premio ti consentono di premiare gli utenti che hanno guardato gli annunci video assegnando loro elementi in-app. Puoi specificare i valori dei premi associati al posizionamento dell'unità pubblicitaria nella tua app e impostare premi diversi per le varie unità pubblicitarie. Gli annunci con premio sono disponibili solo nelle reti di terze parti selezionate per la mediazione.

Quando crei una nuova unità pubblicitaria o monetizzi una nuova app, seleziona il formato dell'annuncio video con premio e inserisci i dettagli. Completa la creazione dell'unità pubblicitaria in AdMob e segui i passaggi indicati nella documentazione per gli sviluppatori (Android, iOS) per portare a termine l'implementazione.

Alcune cose da sapere prima di iniziare

 
  • Impostazione mediazione richiesta: è necessario configurare Mediazione AdMob per l'unità pubblicitaria prima che vengano pubblicati gli annunci con premio.
  • Solo annunci video: nelle unità pubblicitarie video con premio possono essere pubblicati solo annunci video.
     

Per ulteriori informazioni sulle reti pubblicitarie disponibili per la mediazione nelle unità pubblicitarie video con premio, consulta gli elenchi di reti disponibili nella guida per gli sviluppatori Google (Android, iOS).
 

10 Settembre 2015: Timeout interstitial non più supportato

Il campo Timeout interstitial (disponibile nelle impostazioni di un'unità pubblicitaria) non è più supportato dagli SDK di Google Mobile Ads per Android e iOS. Di conseguenza, AdMob ha rimosso il campo Timeout interstitial per le unità pubblicitarie interstitial.

Puoi continuare a creare unità pubblicitarie interstitial in AdMob e a implementare formati dell'annuncio interstitial nelle tue app. Questa modifica non influisce sulla pubblicazione di annunci o sulla monetizzazione.

16 giugno 2015: ottimizzazioni introdotte nei rapporti

Stiamo migliorando la modalità con cui le richieste di annuncio vengono riportate in AdMob. Ciò significa che potresti notare alcuni cambiamenti nei dati di richiesta recenti, tra cui, ad esempio, una lacuna nelle richieste precedenti per tutto il periodo di implementazione di queste novità. Anche i dati relativi a clic e impressioni potrebbero essere interessati dal fenomeno.

Queste modifiche non avranno effetto sulle entrate o sul modo in cui gli annunci vengono distribuiti nelle tue app, ma aumenteranno la precisione dei tuoi rapporti AdMob in futuro. I dati storici completi relativi al precedente metodo di conteggio delle richieste di annuncio sono ancora disponibili come metrica AD_REQUESTS all'interno dell'API di gestione AdSense.

31 agosto 2014: la versione precedente di AdMob è stata disattivata

La versione precedente di AdMob è stata disattivata.

Non puoi più utilizzare la versione precedente di AdMob per promuovere e monetizzare le tue app. In particolare, tieni presente quanto segue:

  • È stata interrotta la pubblicazione degli annunci nelle unità pubblicitarie precedenti non importate nella nuova versione di AdMob. Le unità pubblicitarie precedenti importate e correttamente associate a un nuovo ID unità pubblicitaria nell'interfaccia AdMob continueranno a pubblicare annunci.
  • È stata interrotta la pubblicazione delle precedenti campagne di annunci autopromozionali.
  • Non è più possibile accedere all'interfaccia utente della versione precedente di AdMob.

Passa oggi stesso alla nuova versione di AdMob.

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?