Monitorare le conversioni di app con Firebase

Una volta collegati gli account Google Ads e Firebase, puoi importare le conversioni da Firebase per verificare in che modo le tue campagne di annunci incrementano le installazioni di app e le azioni in-app per le app Android o iOS. 

In questo articolo vengono indicate le azioni da intraprendere prima di importare le conversioni da Firebase e quindi illustrate le istruzioni di configurazione.

Prima di iniziare

Prima di poter importare le conversioni da Firebase, avrai bisogno di una serie di elementi per impostare il monitoraggio, tra cui:

  • Un progetto Firebase: l'account Google che utilizzi per Google Ads deve essere incluso come proprietario in un progetto Firebase. Ulteriori informazioni su come iniziare a utilizzare Firebase.
  • L'SDK Firebase installato nelle tue app: ulteriori informazioni su come utilizzare l'SDK Firebase con le tue app.
  • Un collegamento tra Firebase e Google Adsalmeno un progetto Firebase deve essere collegato al tuo account Google Ads.
  • Eventi di conversione impostati in Firebase: puoi importare qualsiasi evento impostato come evento di conversione in Firebase. Prime aperture, acquisti in-app ed eventi e-commerce sono abilitati automaticamente come eventi di conversione. Per monitorare come conversioni eventi di altro tipo, devi abilitarli come conversioni in Firebase. Firebase può contenere un massimo di 10 eventi di conversione per ogni app.
  • Un ID App Store inserito in Firebase per le app per iOS: se non inserisci l'ID Apple App Store per i progetti iOS, per tali progetti non potrai visualizzare gli eventi di conversione in Google Ads. Per aggiungere un ID App Store, apri Firebase, trova l'app per iOS nella schermata "Panoramica" e seleziona "Gestione" nel menu con i tre puntini.

Se utilizzi il monitoraggio delle conversioni su più account per monitorare le conversioni in un gestore clienti, devi importare le conversioni nel gestore clienti dopo averlo collegato a Firebase.

Istruzioni

Scegli l'esperienza Google Ads che stai utilizzando. Ulteriori informazioni

Come importare azioni di conversione da Firebase

  1. Accedi all'account AdWords.
  2. Fai clic sulla scheda Strumenti e seleziona Conversioni nel menu a discesa.
  3. Nel menu a sinistra, seleziona Firebase.
  4. A questo punto dovresti visualizzare una schermata con le impostazioni e i tuoi eventi di conversione Firebase. In caso contrario, accertati di aver creato un collegamento tra Firebase e AdWords.
  5. Fai clic su Attribuzione Firebase. Questa impostazione ti consente di selezionare quando segnalare una conversione in AdWords se gli annunci hanno ricevuto clic su più reti pubblicitarie. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Informazioni sull'attribuzione Firebase riportata di seguito. Seleziona un'opzione (o mantieni il valore predefinito selezionato) e fai clic su Salva.
  6. Sotto "Importa eventi di conversione Firebase" verrà visualizzata una tabella con gli eventi Firebase che è possibile importare. Se nella tabella non vengono visualizzati tutti i tuoi eventi di conversione Firebase, accertati di aver collegato i progetti Firebase per gli eventi che desideri importare.
  7. Seleziona gli eventi di conversione da importare.
  8. Fai clic su Importa.

L'importazione dei tuoi eventi di conversione è ora completa. D'ora in poi, tali eventi verranno monitorati come azioni di conversione in AdWords. Per modificare le impostazioni delle tue nuove azioni di conversione, segui le istruzioni indicate di seguito.

Come modificare le impostazioni delle azioni di conversione

Ora che gli eventi di conversione sono stati importati, verranno elencati come azioni di conversione nella tabella "Azioni di conversione".

  1. Nella tabella "Azioni di conversione" (se non ci sei ancora, fai clic sulla scheda Strumenti e seleziona Conversioni), fai clic sul nome dell'azione di conversione Firebase da modificare.
  2. Verrà visualizzata una pagina con le impostazioni correnti per tale azione di conversione. Fai clic su Modifica impostazioni.
  3. Apporta le modifiche desiderate (vedi sotto per le impostazioni che è possibile modificare per ogni tipo di azione di conversione). Successivamente, fai clic su Salva.

Per alcune impostazioni, potresti visualizzare un avviso indicante che le tue impostazioni di Firebase sono diverse da quelle di AdWords. È consentito avere impostazioni differenti per ciascun prodotto, tuttavia tieni presente che i dati di conversione presentati in AdWords e in Firebase potrebbero differire.

Le impostazioni che è possibile modificare variano a seconda che tu stia monitorando prime aperture, acquisti in-app monitorati automaticamente o altri eventi. Consulta di seguito l'elenco di impostazioni per ciascuno di questi eventi. 

Impostazioni per prime aperture

  • Nome: inserisci un nome per l'azione di conversione da monitorare. In questo modo potrai riconoscere questa azione all'interno dei rapporti sulle conversioni. 

  • Valore: inserisci un valore per ciascuna installazione o seleziona "Non assegnare un valore" se preferisci non monitorare un valore specifico. Ulteriori informazioni sui valori di conversione.

  • Includi in "Conversioni": deseleziona questa opzione (che per impostazione predefinita è selezionata per iOS e deselezionata per Android) se non vuoi includere i dati per questa azione di conversione nella colonna dei rapporti "Conversioni" (o per strategie di offerta automatica che utilizzano tale colonna). Puoi deselezionare questa opzione se utilizzi una strategia di offerta automatica per l'ottimizzazione delle conversioni e preferisci scegliere quali azioni di conversione includere in tale strategia di offerta. È consigliabile includere solo un'azione di conversione per evento e app per evitare il conteggio di conversioni duplicate. Ulteriori informazioni sull'impostazione Includi in "Conversioni".

Nota: l'evento prima apertura deve essere l'unico evento di conversione per app impostato su Sì.

Impostazioni per acquisti in-app monitorati automaticamente

  • Nome: inserisci un nome per l'azione di conversione da monitorare. In questo modo potrai riconoscere questa azione all'interno dei rapporti sulle conversioni.
  • Conteggio: scegli se conteggiare ogni conversione o solo una conversione per clic sull'annuncio. Ulteriori informazioni sul conteggio delle conversioni.
  • Finestra di conversione: seleziona per quanto tempo monitorare le conversioni dopo che un utente fa clic su un annuncio. Ulteriori informazioni sulle finestre di conversione.
  • Includi in "Conversioni": deseleziona questa opzione (selezionata per impostazione predefinita) se non vuoi includere i dati per questa azione di conversione nella colonna dei rapporti "Conversioni". Potrebbe interessarti deselezionare questa impostazione se utilizzi una strategia di offerta automatica per ottimizzare le conversioni e preferisci non includere questa specifica azione di conversione nella tua strategia di offerta. Ulteriori informazioni sull'impostazione Includi in "Conversioni".

Nota: gli acquisti in-app monitorati automaticamente sono monitorati per impostazione predefinita in Firebase. Tutte le altre azioni di conversione possono essere monitorate in base alle tue impostazioni, ma questo richiede l'implementazione manuale.

Impostazioni per tutte le altre azioni di conversione (inclusi gli eventi e-commerce)

  • Nome: inserisci un nome per l'azione di conversione da monitorare. In questo modo potrai riconoscere questa azione all'interno dei rapporti sulle conversioni.
  • Valore: il valore di ciascun evento di conversione viene monitorato in Firebase e automaticamente importato in Google Ads. Puoi anche impostare un valore predefinito in Google Ads. Tieni presente che Google Ads registra le conversioni se in Firebase il valore viene inviato sotto forma di numero. Ulteriori informazioni sui valori di conversione.
  • Conteggio: scegli se conteggiare ogni conversione o solo una conversione per clic sull'annuncio. "Ogni" è l'opzione migliore per le vendite, "Uno" è l'opzione migliore per i lead. Ulteriori informazioni sul conteggio delle conversioni.
  • Finestra di conversione: seleziona per quanto tempo monitorare le conversioni dopo che un utente fa clic su un annuncio. Ulteriori informazioni sulle finestre di conversione.
  • Categoria: seleziona la categoria che meglio descrive la tua conversione. Puoi utilizzare la categoria selezionata per segmentare i rapporti sulle conversioni.
  • Includi in "Conversioni": deseleziona questa opzione (selezionata per impostazione predefinita) se non vuoi includere i dati per questa azione di conversione nella colonna dei rapporti "Conversioni". Potrebbe interessarti deselezionare questa impostazione se utilizzi una strategia di offerta automatica per ottimizzare le conversioni e preferisci non includere questa specifica azione di conversione nella tua strategia di offerta. Ulteriori informazioni sull'impostazione Includi in "Conversioni".

Informazioni sull'attribuzione Firebase

Se utilizzi più reti pubblicitarie per pubblicizzare la tua app, il rapporto di attribuzione di Firebase accrediterà anche altre reti alle tue conversioni, se hai configurato le reti in Impostazioni di rete nell'interfaccia utente. Google Ads segnalerà solo le conversioni che hanno comportato un clic su un annuncio. L'impostazione "Attribuzione Firebase" consente di definire meglio quali conversioni Google Ads devono essere accreditate e di conseguenza indicate nella sezione dei rapporti Google Ads. Hai due possibilità:

  • Segnala tutte le conversioni effettuate con un clic Google Ads, anche se ci sono stati clic successivi su altre reti pubblicitarie. Seleziona questa opzione per segnalare qualsiasi conversione associata a un clic Google Ads. Questa è l'opzione predefinita; ciò significa che verranno visualizzate tutte le conversioni associate alle tue campagne Google Ads.
  • Segnala solo le conversioni in cui l'ultimo clic era su un annuncio. Seleziona questa opzione se vuoi che Google Ads non segnali conversioni in cui l'ultimo clic è stato su un annuncio di una rete pubblicitaria diversa, anche se in precedenza ci sono stati clic Google Ads lungo il percorso di conversione del cliente. In questa opzione, la conversione viene accreditata all'ultima rete pubblicitaria su cui l'utente ha fatto clic.

Informazioni sulle conversioni duplicate

Se più azioni di conversione di app stanno monitorando installazioni di app per una stessa app, per tali azioni di conversione verrà visualizzato un avviso nell'impostazione Includi in "Conversioni". Se tali azioni stanno monitorando la stessa versione di un'app, è consigliabile deselezionare l'opzione Includi in "Conversioni" per tutte le azioni di conversione ad eccezione di una. In questo modo, nella colonna "Conversioni" Google Ads conteggerà solo una conversione per installazione di app. Ciò è particolarmente importante se utilizzi una strategia di offerta automatica per ottimizzare le conversioni, in quanto potrai evitare di fare offerte per due conversioni diverse per la stessa installazione di app.

Se il codice delle due azioni di conversione viene installato in diverse versioni dell'app, non dovrai rimuoverne una dalla colonna "Conversioni". Se stai effettuando la transizione dall'SDK di Google Ads a Firebase, leggi la nota riportata di seguito.

Nota: a causa di una limitata visibilità, non potrai visualizzare le conversioni registrate in Google Ads per le campagne nella rete di ricerca iOS.

Nota: transizione dall'SDK di Google Ads a Firebase

Se stai utilizzando l 'SDK di Google Ads, ti consigliamo di passare a Firebase, poiché questa è la soluzione Google consigliata per il monitoraggio delle conversioni. Ecco come installare il nuovo codice di conversione:

Come indicato sopra, aggiungi l'SDK di Firebase e rimuovi quello di Google Ads dalla nuova versione dell'app. Nella colonna "Conversioni" puoi includere sia le azioni di conversione dell'SDK di Firebase che di Google Ads. L'azione di conversione meno recente continuerà a conteggiare conversioni per la precedente versione dell'app, mentre l'azione di conversione Firebase conteggerà conversioni per la nuova versione dell'app.

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?