Targeting degli annunci

Il targeting degli annunci è un aspetto fondamentale per una campagna pubblicitaria efficace. Può anche darsi che l'annuncio che hai creato sia perfetto, ma se vuoi raggiungere il tuo obiettivo devi mostrarlo alle persone giuste al momento giusto. Google Ads ti offre diversi metodi di targeting degli annunci.

Prima di iniziare

Per i gruppi di annunci video che utilizzano solo il targeting per posizionamento: se scegli come target solo i posizionamenti su YouTube o sulla Rete Display, ora i tuoi annunci saranno idonei alla pubblicazione su entrambi.
In via del tutto eccezionale, i gruppi di annunci esistenti privi di targeting verranno automaticamente messi in pausa affinché non vengano pubblicati annunci che non vuoi mostrare. In futuro dovrai mettere manualmente in pausa i gruppi di annunci che non sono pronti per la pubblicazione di annunci. Scopri di più su come mettere in pausa o ripristinare i gruppi di annunci

Targeting per pubblico

In Google Ads sono stati apportati i seguenti miglioramenti per offrire una visione completa e consolidata dei tuoi segmenti di pubblico, nonché per semplificarne la gestione e l'ottimizzazione:

  • Nuovi report Pubblico
    I report dettagliati su dati demografici, segmenti ed esclusioni ora si trovano tutti all'interno della scheda "Segmenti di pubblico" disponibile nel menu di navigazione a sinistra nella pagina. Da questa pagina dei report puoi anche gestire facilmente i segmenti di pubblico. Scopri di più sui report Pubblico
  • Nuovi termini
    Stiamo utilizzando nuovi termini nel report Pubblico e in Google Ads. Ad esempio, i "tipi di pubblico" (inclusi quelli simili, personalizzati, in-market e di affinità) sono ora denominati "segmenti di pubblico", mentre il termine "per il remarketing" è stato sostituito dall'espressione "di dati". Scopri di più sugli aggiornamenti alle frasi e ai termini per i segmenti di pubblico

Il pubblico rappresenta gli utenti che vuoi raggiungere con i tuoi annunci. Puoi entrare in contatto con gli utenti in base a:

  • Chi sono.
  • I loro interessi e abitudini.
  • Ciò che stanno cercando attivamente.
  • Interazioni precedenti con i tuoi annunci, il tuo sito web o la tua app e l'interesse a visitarli di nuovo.

Scopri di più sul targeting per pubblico.

Targeting basato sui contenuti

In Google Ads sono stati apportati i seguenti miglioramenti per offrire una visione completa e consolidata del tuo targeting dei contenuti, nonché per semplificarne la gestione e l'ottimizzazione.

Tutti i tipi di targeting dei contenuti sono ora disponibili nella scheda "Contenuti" del menu di navigazione laterale:

  • "Argomenti", "Posizionamenti", "Parole chiave per la Rete Display e i video" ed "Esclusioni" per tutti i tipi di targeting dei contenuti si trovano ora nella scheda "Contenuti" del menu di navigazione laterale. Per "Esclusioni", fai clic sulla freccia menu a discesa a destra del termine "Esclusioni" e seleziona le esclusioni per argomenti, posizionamenti o parole chiave per la Rete Display e i video.

A breve, noterai ulteriori miglioramenti:

  • "Argomenti", "Posizionamenti", "Parole chiave per la Rete Display e i video" saranno disponibili in una singola pagina "Contenuti" e in un report. Anche le esclusioni saranno raggruppate in un singolo report nella stessa pagina ("Contenuti").
  • I tuoi annunci avranno come target uno dei contenuti selezionati nel gruppo di annunci. Ad esempio, se hai scelto come target l'argomento "bici" e la parola chiave per la Rete Display e i video "andare in bici", i tuoi annunci verranno pubblicati su contenuti che corrispondono a una di queste opzioni.

Fino a quando non verrà eseguita la migrazione del tuo account, ti consigliamo di utilizzare un solo metodo di targeting dei contenuti (argomenti, posizionamenti O parole chiave per la Rete Display e i video) per gruppo di annunci. Prima che vengano apportate le modifiche previste, la combinazione dei metodi può limitare il rendimento della campagna.

Solo per le campagne video che generano conversioni: per aiutarti a trovare altre opportunità di conversione, nei prossimi mesi non potrai più aggiungere il targeting basato sui contenuti alle campagne nuove ed esistenti basate sulle conversioni. Dall'inizio del 2023, tutte le impostazioni esistenti del targeting basato sui contenuti verranno rimosse automaticamente dalle campagne video che generano conversioni. Per rimuovere manualmente il targeting basato sui contenuti dalle campagne esistenti basate sulle conversioni, vai alle impostazioni del gruppo di annunci. Scopri di più su come ottimizzare una campagna per aumentare le conversioni
  • Argomenti: indirizza un annuncio contemporaneamente a più pagine riguardanti argomenti specifici. Il targeting per argomento consente di pubblicare gli annunci su una grande quantità di pagine della Rete Display. Google Ads analizza i contenuti web e prende in considerazione fattori quali il testo, la lingua, la struttura dei link e delle pagine. In seguito, determina i temi centrali di ogni pagina web e indirizza gli annunci in base agli argomenti che hai scelto.
  • Posizionamento: scegli come target siti web della Rete Display visitati dai tuoi clienti. Se selezioni questo tipo di targeting, includeremo solo i siti che hai scelto (posizionamenti gestiti) nella ricerca di siti pertinenti. A differenza del targeting contestuale (posizionamenti automatici), il targeting per posizionamento non richiede l'utilizzo di parole chiave. Un posizionamento può essere un intero sito web oppure solo una parte.
  • Parole chiave dei contenuti: specifica parole pertinenti per il tuo prodotto o servizio per scegliere come target utenti che effettuano ricerche con gli stessi termini. Puoi personalizzare un insieme di parole chiave per raggiungere manualmente determinati gruppi demografici o obiettivi specifici. Ad esempio, puoi cambiare le parole chiave in modo da riflettere interessi stagionali o ottenere il massimo da uno sconto.
  • Espansione alla Rete Display per la ricerca: consenti a Google Ads di trovare gli utenti per te mediante una combinazione di offerte automatiche e targeting intelligente. L'espansione alla Rete Display funziona sia per le campagne sulla rete di ricerca sia per quelle display, mediante l'individuazione di momenti ad alto rendimento che ti consente di ottenere i risultati migliori.

Esempi

Se gestisci un canile a Birmingham, potresti aggiungere la parola chiave per la rete di ricerca "cura dei cani" e "Birmingham e città limitrofe" come località target per la tua campagna Google Ads. Quando gli utenti che si trovano a Birmingham eseguono una ricerca su Google utilizzando i termini "cura dei cani", potrebbero visualizzare il tuo annuncio accanto ai risultati di ricerca.

Se la tua attività vende costumi per feste in maschera, potresti aggiungere la parola chiave per la Rete Display e i video "acquista maschere" e scegliere come target del tuo annuncio illustrato i dispositivi iPhone o Android. L'annuncio illustrato potrebbe quindi essere proposto agli utenti che utilizzano telefoni Android per visitare siti sulla Rete Display che contengono informazioni sull'acquisto di maschere.

Aspetti da considerare

Quando selezioni più metodi di targeting sulla Rete Display, l'esito dipende dalle tue impostazioni di rete.

Gli annunci display vengono pubblicati solo sulla Rete Display di Google e non sulle pagine dei risultati di ricerca. Come nel caso di altri annunci Google, puoi creare annunci display per campagne basate su costo per clic (CPC), costo per mille impressioni (CPM), costo per azione (CPA) target, ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) target e costo per clic ottimizzato (CPCO).

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema

false
Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
true
true
true
73067
false
false
false