Applicazioni delle norme

Principali motivi della chiusura degli account legata a traffico non valido o violazione delle norme

Se la tua applicazione AdSense è stata disapprovata, visita il nostro articolo guida per sapere come procedere.

Se il tuo account AdSense è temporaneamente sospeso per traffico non valido o per violazione delle norme, visita il nostro articolo guida sulle sospensioni dell'account per ulteriori informazioni.

Per aiutarti a capire il motivo per cui gli account dei publisher possono essere disattivati, di seguito sono elencate le cause più frequenti che portano alla disattivazione degli account per traffico non valido o violazione delle norme. Ci auguriamo che queste informazioni ti aiutino a comprendere meglio le norme del programma e verificare che il tuo account (ad esempio, tutti i tuoi siti, i canali YouTube e/o le app) le rispetti. Tieni presente che l'elenco riportato di seguito non è completo, ma include i motivi principali. Per ulteriori informazioni, consulta le norme del programma AdSense.

Desideriamo mantenere un ecosistema forte per gli inserzionisti e i publisher. I publisher sono tenuti a garantire traffico e spazi pubblicitari di qualità elevata. Se il traffico che riceviamo da un publisher vìola le norme e/o non è valido, il publisher non sarà più idoneo a partecipare ad AdSense o ad altri prodotti per i publisher. Questo tipo di traffico sta danneggiando i nostri inserzionisti, nonché i nostri publisher legittimi, in quanto può ridurre la fiducia degli inserzionisti nel resto della rete.

Motivi comuni per i quali gli account AdSense vengono disattivati per traffico non valido

Espandi tutto  Comprimi tutto Fai clic sugli annunci sul tuo sito, sul canale YouTube o sull'app
  • I publisher non devono fare clic sugli annunci sul proprio sito, canale YouTube o nella propria app e non devono aumentare le impressioni o i clic sugli annunci né manualmente né mediante strumenti automatici. I publisher di YouTube devono ignorare l'annuncio quando guardano i propri video per non aumentare involontariamente in modo artificioso i costi degli inserzionisti.
  • Per ulteriori informazioni su uno degli inserzionisti che pubblicano annunci sul tuo sito, digita l'URL dell'annuncio direttamente nella barra degli indirizzi del browser.
  • Se desideri fare clic sugli annunci per esaminarli nei dettagli o verificarne le pagine di destinazione, utilizza Google Publisher Toolbar. La Toolbar ti consente di conoscere la destinazione degli annunci nella pagina senza correre il rischio di generare clic non validi.
  • Per i publisher di AdMob, utilizza annunci di prova (disponibili per Android, e iOS) per evitare di generare clic non validi nelle tue app.

Uno o più utenti hanno fatto ripetutamente clic sugli annunci sul tuo sito, sul canale YouTube o sull'app

  • I publisher non devono gonfiare in modo artificioso le impressioni o i clic sugli annunci né manualmente né mediante strumenti automatici. È compresa l'esecuzione di test sugli annunci pubblicati.
  • Non incoraggiare, né chiedere ai tuoi amici, familiari o collaboratori di fare clic sui tuoi annunci. Se hai dei tester, chiedi loro di evitare di fare clic sugli annunci pubblicati.
  • Per testare gli annunci sul sito, utilizza Google Publisher Toolbar. La Toolbar ti consente di conoscere la destinazione degli annunci nella pagina senza correre il rischio di generare clic non validi.
  • Per testare gli annunci sui tuoi canali YouTube, ignora l'annuncio in modo che i costi dell'inserzionista non siano aumentati involontariamente in modo artificioso.
  • Per testare gli annunci sulle app AdMob, utilizza gli annunci di prova (disponibili per Android e iOS) per evitare di generare clic non validi.
  • I publisher non possono chiedere ad altri di fare clic sui propri annunci. Ad esempio, i publisher non possono chiedere agli utenti di sostenere il proprio sito, canale YouTube o la propria app, non possono offrire agli utenti ricompense per i clic sugli annunci, né impegnarsi a corrispondere somme di denaro a terze parti in cambio di tali azioni.
Traffico generato o ricevuto tramite bot o strumenti automatici
  • Le impressioni e i clic artificiali generati tramite strumenti automatici come bot o software ingannevoli sono vietati. Il traffico automatizzato può essere generato da un publisher oppure essere traffico acquistato. È importante verificare le sorgenti di traffico prima di decidere di utilizzarle. Fai attenzione ai programmi di verifica dei link del tuo sito, canale YouTube o della tua app in quanto anch'essi possono fare clic sui link degli annunci.
Uso di una sorgente di traffico che offre incentivi
  • I publisher non devono utilizzare servizi di terze parti che generano clic o impressioni come programmi paid-to-click, paid-to-surf, di navigazione automatica o di scambio di clic.
Manipolazione della pubblicazione degli annunci
  • È vietato manipolare il targeting degli annunci al fine di aumentare le entrate che generano. In particolare, è vietato l'utilizzo nel sito di parole chiave che non sono in relazione con i contenuti del sito per ottenere annunci non pertinenti.
  • È vietato inserire gli annunci in IFRAME. Oltre a essere vietate, le implementazioni improprie possono determinare discrepanze nei rapporti e il publisher potrebbe non sapere in quali posizionamenti gli annunci vengono effettivamente pubblicati.
Incentivazione al supporto del sito, canale YouTube o app tramite interazione sugli annunci
  • I publisher non possono chiedere ad altri di ricaricare o fare clic sui propri annunci. Ad esempio, i publisher non possono chiedere agli utenti di sostenere il proprio sito, canale YouTube o la propria app, non possono offrire agli utenti ricompense per la consultazione degli annunci, per i clic su di essi o per l'esecuzione di ricerche, né impegnarsi a corrispondere somme di denaro a terze parti in cambio di tali azioni.
  • Per AdMob, sono disponibili annunci con premio tramite mediazione di terze parti (per Android, iOS). Tieni presente che il comportamento incentivato sugli annunci AdWords regolari è ancora vietato.
Posizionamento degli annunci in modo ingannevole per gli utenti o generazione di clic involontari
  • I publisher non sono autorizzati a incoraggiare gli utenti a fare clic sugli annunci Google in alcun modo. Sono compresi, a titolo esemplificativo:
    • non è consentito posizionare gli annunci in modo che possano essere scambiati per altri contenuti, come link di menu, di navigazione o per il download;
    • la modifica delle dimensioni dell'annuncio per farlo diventare non standard, invisibile o di difficile visualizzazione per l'utente;
    • posizionamento degli annunci troppo vicino a elementi della pagina o della schermata che richiedono numerose interazioni con il mouse. Consulta le norme sulle implementazioni considerate ingannevoli.
  • Rivedi le nostre norme sul posizionamento degli annunci per informazioni sulle implementazioni degli annunci considerate ingannevoli.
  • Leggi il nostro post del blog di AdSense sul clickjacking per apprendere come Google combatte i tentativi di raggirare gli utenti affinché facciano clic sugli annunci.
Annunci incorporati in applicazioni
  • I publisher non possono integrare gli annunci nelle applicazioni software, in particolare, barre degli strumenti, applicazioni desktop, estensioni del browser e così via. In alcuni casi, questa regola può essere applicata ad applicazioni ospitate da siti di terze parti se le implementazioni comportano clic non validi di utenti che non hanno intenzione di fare clic sugli annunci, ma lo fanno involontariamente. I publisher che desiderano pubblicare annunci nelle applicazioni per cellulari possono farlo esclusivamente tramite l'SDK AdMob. È anche possibile utilizzare l'SDK AdSense per i video o AdSense per i giochi per pubblicare annunci nei video o nei contenuti flash.
Se il tuo account è già stato disattivato per traffico non valido, consulta la pagina Account AdSense disattivato per attività non valide per ulteriori informazioni.

Torna all'inizio

Motivi comuni per i quali gli account AdSense vengono disattivati per violazione delle norme

Contenuti pornografici, destinati a un pubblico adulto o inappropriati per i minori
  • La rete di AdSense è considerata adatta per tutta la famiglia; ciò significa che ai publisher non è consentito pubblicare annunci Google su siti che presentano pornografia o contenuti per adulti. Se il tuo sito presenta contenuti la cui visualizzazione non ti sembra consigliabile in un ambiente lavorativo o in presenza dei membri della famiglia, è probabile che si tratti di un sito non appropriato sul quale inserire annunci Google. Visualizza esempi dettagliati di contenuti per adulti che violano le norme del programma AdSense.
  • Per suggerimenti, leggi il post del blog su come mantenere la rete adatta ai minori.
Contenuti generati dagli utenti
  • Ci rendiamo conto che per i publisher con una rete estesa di siti sia difficile monitorare costantemente ogni singola pagina. Tuttavia, è importante sapere che ogni pagina contenente il tuo codice degli annunci deve essere conforme alle norme del programma, sia che tratti contenuti di tua proprietà sia che tratti contenuti generati dagli utenti.
  • Per suggerimenti, leggi il post del blog sul monitoraggio dei contenuti generati dagli utenti.
Violazione delle istruzioni per i webmaster
Posizionamento degli annunci ingannevole
  • Incoraggiamento dei clic non validi, ossia etichette fuorvianti, induzione a fare clic in modo ingannevole, attenzione innaturale, layout ingannevole:
    • I publisher non sono autorizzati a incoraggiare gli utenti a fare clic sugli annunci Google in alcun modo. Ad esempio, non è consentito posizionare gli annunci in modo che possano essere scambiati per contenuti del sito web, come link di menu, di navigazione o per il download.
  • Per ulteriori informazioni, consulta il post del blog sull'ottimizzazioni dei posizionamenti degli annunci.
Violazione del copyright
  • Gli annunci Google non possono essere pubblicati su siti web che presentano contenuti protetti dalla legge sul copyright, a meno che non si disponga dei diritti legali necessari per pubblicare tali contenuti o indirizzare traffico verso tali contenuti. Alcuni esempi di contenuti protetti da copyright comprendono file mp3 e video, spettacoli televisivi, software, fumetti e opere letterarie. Si parla di contenuti racchiusi in un frame quando il proprietario di un sito web pubblica sul proprio sito, all'interno di un frame o di una finestra, un sito web di terzi. È severamente vietato inserire annunci Google su tali pagine.
Contenuti illegali
  • Non è ammesso l'inserimento degli annunci Google sui siti che promuovono o ammettono qualsiasi forma di attività criminale. Sono inclusi, a titolo esemplificativo, atti sessuali con minorenni, non consensuali o illeciti, produzione di documenti legali falsi o vendita di relazioni accademiche di fine corso o altro materiale che promuove attività fraudolente o siti che indirizzano il traffico o forniscono istruzioni sulla produzione di articoli di marca contraffatti o imitazioni di articoli di marca.
Se il tuo account è già stato disattivato a causa della violazione delle norme, consulta la pagina Account AdSense disattivato per violazione delle norme per ulteriori informazioni.

Torna all'inizio

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?