Norme del programma di Ad Manager e Ad Exchange

Falsi positivi e informazioni personali

Ai fini della tutela della privacy dell'utente finale, le norme sui prodotti degli annunci Google sanciscono che i publisher non devono trasmettere a Google dati utilizzabili o identificabili come informazioni personali. Questo articolo illustra alcune best practice da seguire in diversi aspetti della progettazione di una pagina per ridurre il rischio di inserire informazioni personali nell'URL trasferito a Google.

Se ricevi una notifica che ti informa di una violazione costituita dall'invio di informazioni personali a Google, segui la procedura riportata qui per risolvere il problema. Se hai approfondito la questione e sostieni che la notifica sia stata inviata per errore, leggi le definizioni di falsi positivi più comuni riportate di seguito.

Definizioni di falsi positivi relativi alle informazioni personali

  1. Indirizzi email di contatto del sito
  2. URL archiviato sul disco rigido di un utente

Indirizzi email di contatto del sito

Descrizione. La richiesta di annuncio può contenere un indirizzo email non personale che consente all'utente di contattare il publisher. In genere, questo indirizzo email è subito disponibile sul sito del publisher. Se per quell'indirizzo email viene attivata la notifica di violazione relativa alle informazioni personali, la richiesta di annuncio è un falso positivo e non richiede l'intervento del publisher.

Procedura di verifica:

  1. Conferma che la pagina che invia le informazioni personali a Google è la tua pagina "Contattaci".
    1. Individua le richieste di annuncio di esempio nella notifica di violazione delle informazioni personali che hai ricevuto.
    2. Trova i parametri "url" e "ref" nelle richieste di annuncio. Entrambi i parametri dovrebbero avere l'aspetto di URL. Ad esempio:
      • url=http%3A%2F%2Fwww.examplesite.com%2Fcontact%2Fredacted@example.com
      • ref=http%3A%2F%2Fwww.examplesite.com%2Fcontact%2Fredacted@example.com
    3. Utilizza uno strumento senza caratteri di escape per rimuovere i caratteri di escape dagli URL.
    4. Verifica se corrisponde all'URL della pagina "Contattaci".
  2. Accedi alla pagina "Contattaci" sul sito.
  3. Verifica che nella pagina sia presente un indirizzo email per contattarti.
  4. Una volta verificato, contrassegna la casella "Credo di essere stato contattato per errore". Esaminare nuovamente il mio account" sul modulo allegato alla notifica di violazione.

Torna all'inizio

URL archiviato sul disco rigido di un utente

Descrizione. Gli utenti hanno la possibilità di salvare parte dei siti web sul proprio disco rigido, utilizzando il comando "Salva con nome" nel browser. Se una parte del percorso associato al salvataggio del sito include un indirizzo email, si può verificare un falso positivo.

Procedura di verifica:

  1. Individua le richieste di annuncio di esempio nella notifica di violazione delle informazioni personali che hai ricevuto.
  2. Trova i parametri "url" e "ref" nelle richieste di annuncio. Entrambi i parametri dovrebbero avere l'aspetto di URL. Ad esempio:
    • url=file%3A%2F%2Fexamplesite.com%2Fpaget%2Fredacted@example.com
    • ref=file%3A%2F%2Fexamplesite.com%2Fpaget%2Fredacted@example.com
  3. Utilizza uno strumento senza caratteri di escape per rimuovere i caratteri di escape dagli URL.
  4. Verifica che l'URL abbia lo stesso aspetto di un percorso file da computer. Ad esempio:
    • file://examplesite.com/page/redacted@example.com
  5. Una volta verificato, contrassegna la casella "Credo di essere stato contattato per errore. Esaminare nuovamente il mio account" sul modulo allegato alla notifica di violazione.

Torna all'inizio

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?