Norme del programma di Ad Manager e Ad Exchange

Codificare una richiesta di annuncio per il trattamento per siti o servizi destinati ai minori (TFCD)

Puoi contrassegnare le richieste di annunci affinché vengano trattate come contenuti destinati ai minori. Questa funzionalità è pensata per agevolare la conformità al Children's Online Privacy Protection Act (COPPA). Tieni presente che la legge COPPA potrebbe prevedere altre obbligazioni legali. Consulta la guida della Federal Trade Commission (FTC) e rivolgiti a un consulente legale. Gli strumenti di Google sono studiati per favorire l'ottemperanza alle norme e non esonerano i publisher dalle obbligazioni previste dalla legge.

Quando usi questa funzionalità, nella richiesta di annuncio viene incluso un parametro TFCD (tag per il trattamento per siti o servizi destinati ai minori), che permette di disattivare o consentire la pubblicità basata sugli interessi e gli annunci di remarketing per i contenuti in questione. Il parametro non incide sull'utilizzo delle coppie chiave-valore di Ad Manager. Di conseguenza, devi assicurarti che l'utilizzo delle coppie chiave-valore sia conforme al COPPA. Per ulteriori informazioni, leggi le linee guida COPPA.

Il parametro TFCD in una richiesta di annuncio ha la precedenza su ogni altra impostazione applicabile a livello di sito.

Se l'impostazione "Annunci destinati ai minori" è disponibile nell'interfaccia utente, l'impostazione "Limita pubblicazione di elementi pubblicitari" per gli elementi pubblicitari di prenotazione viene applicata solo se rileviamo che la richiesta proviene dal SEE o se hai configurato Ad Manager conformemente.*


* Questa impostazione consente di selezionare i tipi di annunci che possono essere offerti agli utenti dello Spazio economico europeo (SEE).

Le linee guida riportate di seguito descrivono come contrassegnare i tag come contenuti destinati ai minori e includono i seguenti argomenti.

Se utilizzi i servizi pubblicitari di Google e vuoi implementare il trattamento per siti o servizi destinati ai minori a livello di sito o di app, anziché nelle richieste di annunci, consulta l'articolo su come codificare un sito o un'app per il trattamento per siti o servizi destinati ai minori. Tieni presente che, in qualità di proprietario dei contenuti responsabile del tuo sito o della tua app, generalmente sei tu a decidere in che modo devono essere trattati i tuoi contenuti in relazione al COPPA. Tuttavia, in alcuni casi, anche se non riceve comunicazioni in proposito, Google potrebbe iniziare a trattare il tuo sito o la tua app come destinati ai minori, conformemente alle sue obbligazioni previste dalla legge COPPA. In questi casi, Google cerca di comunicartelo e tu puoi utilizzare i nostri strumenti per richiedere un trattamento particolare.

Tag publisher di Google (GPT)

Se stai utilizzando GPT, puoi contrassegnare una richiesta di annuncio con uno stato di tipo "destinato ai minori", utilizzando la seguente chiamata all'API:

googletag.pubads().setTagForChildDirectedTreatment(int options);

Imposta il parametro options sul valore intero 1 per contrassegnare la richiesta di annuncio come destinata ai minori e su 0 per le richieste di annunci non destinate ai minori.

Per accertarti che le opzioni specificate diventino effettive prima che vengano richiesti annunci per la pagina, effettua la chiamata API GPT setTagForChildDirectedTreatment nella fase iniziale dell'esecuzione della pagina. Se la chiamata non viene effettuata per tempo, il contrassegno per contenuti destinati ai minori potrebbe non essere preso in considerazione per ogni richiesta di annuncio. Ad esempio, devi assicurarti che la chiamata a setTagForChildDirectedTreatment venga eseguita prima di qualsiasi chiamata a googletag.enableServices(), googletag.pubads().display(...).

Le chiamate successive per aggiornare eventuali aree annuncio (utilizzando googletag.pubads().refresh) prenderanno in considerazione le modifiche apportate con setTagForChildDirectedTreatment dall'ultima richiesta per l'area annuncio.

Dopo aver effettuato la chiamata API per contrassegnare la richiesta di annuncio con uno stato di tipo "destinato ai minori", puoi annullare l'impostazione del valore. Quando annulli l'impostazione del valore, le eventuali richieste di annunci all'interno della stessa visualizzazione di pagina vengono impostate sul valore predefinito a livello di sito, se applicabile. Annulla l'impostazione dello stato di tipo "destinato ai minori" utilizzando la seguente chiamata all'API:

googletag.pubads().clearTagForChildDirectedTreatment();

Dopo la chiamata a setTagForChildDirectedTreatmenT(), tutte le richieste di annunci successive rispetteranno l'impostazione finché non la modifichi o elimini.

Esempio di snippet di codice GPT
<script type="text/javascript">
   window.googletag = window.googletag || {cmd: []}; (function() {    var gads = document.createElement("script");    gads.async = true;    gads.type = "text/javascript";    var useSSL = "https:" == document.location.protocol;    gads.src = (useSSL ? "https:" : "http:") + "//securepubads.g.doubleclick.net/tag/js/gpt.js";    var node = document.getElementsByTagName("script")[0];    node.parentNode.insertBefore(gads, node);   })();
</script>
<script type='text/javascript'>
googletag.cmd.push(function() {    googletag.pubads().setTagForChildDirectedTreatment(1);    googletag.defineSlot('/1234/sports/football', [728, 90],'div_1').addService(googletag.pubads());
    googletag.enableServices();
});  
</script>

Tag GPT di pass-back

I tag GPT di pass-back possono essere utilizzati per pubblicare annunci da un publisher Ad Manager a un altro publisher, a prescindere dall'utilizzo della pubblicazione di annunci Ad Manager o di un ad server di terze parti. I tag vengono inviati dal publisher A al publisher B e poi vengono smistati mediante l'ad server del publisher B.

Se utilizzi i tag GPT di pass-back, puoi contrassegnare una richiesta di annuncio con uno stato di tipo "destinato ai minori" includendo la seguente chiamata all'API:

setTagForChildDirectedTreatment(int options);

Imposta il parametro options sul valore intero 1 per contrassegnare la richiesta di annuncio come destinata ai minori e su 0 per le richieste di annunci non destinate ai minori.

Lo snippet GPT deve essere sottoposto a rendering in un iframe per impedire al pass-back di ereditare qualsiasi impostazione a livello di pagina da qualsiasi altra istanza GPT in esecuzione nella pagina del publisher.

Quando utilizzi i tag di pass-back, viene richiesto l'annuncio iniziale da Ad Manager per il publisher A utilizzando TFCD=1, TFCD=0 o nessuno dei due. Quando la creatività viene pubblicata nella pagina, la macro %%TFCD%% "eredita" il valore dalla richiesta di annuncio iniziale. La richiesta di annuncio al publisher B verrà effettuata utilizzando il valore della prima richiesta di annuncio. L'utilizzo della macro %%TFCD%% funzionerà solo laddove entrambi i publisher (A e B) utilizzano la pubblicazione di annunci Ad Manager.

Esempio di snippet di codice GPT di pass-back
<script async src="https://securepubads.g.doubleclick.net/tag/js/gpt.js"></script>
<div id='gpt-passback'>
  <script>
     window.googletag = window.googletag || {cmd: []};
       googletag.cmd.push(function() {
         googletag
           .defineSlot('/123/sports', [300, 250], 'gpt-passback')

           .setTagForChildDirectedTreatment(1)
           .addService(googletag.pubads());
         googletag.pubads().set('page_url', 'mydomain.com/mypage.html');
         googletag.enableServices();
         googletag.display('gpt-passback');
     });
  </script>
</div>
Esempio di snippet di codice GPT di pass-back che utilizza la macro %%TFCD%%
<script async src="https://securepubads.g.doubleclick.net/tag/js/gpt.js"></script>
<div id='gpt-passback'>
  <script>
     window.googletag = window.googletag || {cmd: []};
       googletag.cmd.push(function() {
         googletag
           .defineSlot('/123/sports', [300, 250], 'gpt-passback')
           
.setTagForChildDirectedTreatment(%%TFCD%%)
           .addService(googletag.pubads());
         googletag.pubads().set('page_url', 'mydomain.com/mypage.html');
         googletag.enableServices();
         googletag.display('gpt-passback');
     });
  </script>
</div>

Leggi ulteriori informazioni sui tag di pass-back GPT e sulle macro.

Richiesta senza tag

Se usi le richieste senza tag, puoi contrassegnare una richiesta di annuncio con uno stato di tipo "destinato ai minori" aggiungendo il parametro tfcd=[int] direttamente all'URL della richiesta di tag. Devi specificare il parametro all'inizio del tag; per sicurezza, inseriscilo nei primi 500 caratteri. Specifica tfcd=1 per contrassegnare la richiesta di annuncio come destinata ai minori o tfcd=0 per le richieste di annunci non destinate ai minori. Ad esempio:

https://securepubads.g.doubleclick.net/gampad/adx?tfcd=1&iu=/12345/adunit&sz=728x90&c=12345

SDK Google Mobile Ads

In qualità di sviluppatore di app, puoi indicare se vuoi che Google tratti i tuoi contenuti come destinati ai minori quando esegui una richiesta di annuncio.

Puoi impostare tagForChildDirectedTreatment per indicare se i tuoi contenuti devono essere trattati come destinati ai minori ai sensi della legge COPPA. Leggi la documentazione per sviluppatori per Android e iOS per maggiori informazioni.

Trattamento per siti o servizi destinati ai minori nella mediazione
Imposta tagForChildDirectedTreatment(true) nel Google Mobile Ads SDK per indicare che i tuoi contenuti devono essere trattati nella modalità prevista per i contenuti destinati ai minori, ai sensi della legge COPPA. Google rende questa indicazione disponibile per le reti pubblicitarie di terze parti in Mediazione per agevolare il rispetto della legge COPPA. Ulteriori informazioni
Google Ad Manager opera semplicemente come una piattaforma: il rapporto pubblicitario viene gestito dallo sviluppatore dell'app per dispositivi mobili e dalla rete pubblicitaria di terze parti. Pertanto, è responsabilità dello sviluppatore garantire che ciascuna rete pubblicitaria di terze parti pubblichi annunci che trattino i contenuti dello sviluppatore stesso in conformità alla legge COPPA per i contenuti destinati ai minori.

SDK Google Interactive Media Ads (per i video)

Per le richieste di video puoi indicare che Google tratti i contenuti video come destinati ai minori aggiungendo il parametro tfcd=1 al tag annuncio. A tal fine puoi utilizzare un tag video principale creato manualmente o uno qualsiasi degli SDK IMA specifici della piattaforma (HTML5, iOS o Android).

Se il video player utilizza l'inserimento di annunci dinamici, può anche includere il parametro tfcd=1 in una richiesta di tipo video on demand (VOD) o live streaming per passare il parametro alle eventuali richieste di annunci incluse.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?