Aree di lavoro

Utilizza le aree di lavoro per raggruppare e gestire le modifiche ai tag.

Le aree di lavoro di Google Tag Manager ti consentono di creare più insiemi di modifiche per il contenitore. I membri del team possono lavorare alle modifiche in aree di lavoro separate per sviluppare autonomamente le proprie configurazioni di tag. Questa funzionalità migliora il controllo sulla versione, in quanto consente di ripristinare le modifiche della configurazione di un'area di lavoro precedente e contribuisce a impedire a un membro del team di pubblicare inavvertitamente le modifiche non completate di un altro membro.

Ogni volta che apporti modifiche a un contenitore, stai modificando un'area di lavoro. Ogni contenitore crea un'area di lavoro predefinita. Gli account normali possono aggiungere fino a due aree di lavoro in più, mentre gli account Tag Manager 360 possono crearne un numero illimitato.

Quando creare una nuova area di lavoro

Un'area di lavoro in Tag Manager è il luogo in cui lavorare a una serie di modifiche che diventeranno una versione. Ti consigliamo di creare una nuova area di lavoro quando vuoi sviluppare le configurazioni dei tag ed eseguire test su di esse separatamente da quelle dell'ambiente di produzione principale oppure se più utenti lavorano a configurazioni dei tag diverse.

Ogni contenitore ha un singolo flusso di versioni. Quando viene creata una nuova versione, in ogni area di lavoro viene visualizzata una notifica che informa che l'area di lavoro non è aggiornata, con un prompt per aggiornarla.

Quando un'area di lavoro diventa una versione o viene pubblicata, il nome, le note e l'elenco delle modifiche vengono registrati insieme alla versione e l'area di lavoro viene rimossa. Viene quindi ricreata l'area di lavoro predefinita.

Gestire le aree di lavoro

Utilizza la pagina Aree di lavoro per creare una nuova area, passare a un'altra o rimuoverne una esistente.

Per creare una nuova area di lavoro:

  1. Nella barra di navigazione a sinistra fai clic sul menu Area di lavoro predefinita.
  2. Nell'angolo in alto a destra della pagina Aree di lavoro, fai clic sul pulsante Aggiungi.
  3. Inserisci un nome e una descrizione per la nuova area di lavoro. Il nome e la descrizione dell'area di lavoro diventeranno in seguito un nome e una descrizione della versione, per cui ti consigliamo di stabilire uno schema di denominazione funzionale e descrittivo, che rispecchi gli obiettivi dell'area di lavoro. Ad esempio, "Nuovi Floodlight per T1", "Google Analytics aggiornato per T2" e così via.
  4. Fai clic su Salva.

Per passare a un'altra area di lavoro:

  1. Nella barra di navigazione a sinistra, fai clic sul menu Area di lavoro predefinita.
  2. Nella pagina Aree di lavoro, seleziona un'area di lavoro dall'elenco.
Suggerimento: per restringere un lungo elenco di aree di lavoro, fai clic sull'icona di ricerca nell'angolo in alto a destra e inserisci un termine.

Per rimuovere un'area di lavoro:

  1. Nella barra di navigazione a sinistra, fai clic sul menu Area di lavoro predefinita.
  2. Fai clic sul pulsante Informazioni a destra dell'area di lavoro da eliminare.
  3. Nell'angolo in alto a destra, fai clic sul pulsante Altro e poi su Elimina.

I clienti di Tag Manager 360 possono creare un numero illimitato di aree di lavoro. Tutti gli altri utenti possono avere fino a tre aree di lavoro alla volta: una predefinita e due personalizzate.

Aggiornare le aree di lavoro

Se utilizzi più aree di lavoro, una di queste potrebbe non essere aggiornata con le modifiche apportate altrove nel contenitore. Per aggiornare un'area di lavoro:

  1. Quando cerchi di pubblicare un'area di lavoro e vengono trovate modifiche relative a un'altra versione, Tag Manager mostra la seguente notifica: "Quest'area di lavoro non è aggiornata. Se continui, verrà aggiornata automaticamente."
  2. Fai clic su Aggiorna area di lavoro per visualizzare un elenco di versioni non unite.
  3. Nell'elenco delle versioni non unite, fai clic su una voce per visualizzare le modifiche apportate in quella versione.
  4. Fai clic su Aggiorna per unire le modifiche.

Quando viene aggiornata, l'area di lavoro acquisisce le eventuali modifiche che sono state apportate alle altre versioni del contenitore dall'ultimo aggiornamento. Se una di queste modifiche è in conflitto con quelle dell'area di lavoro corrente, vengono visualizzati i conflitti e ti verrà chiesto di risolverli.

Risolvere i conflitti

Quando viene trovato un conflitto, nella pagina Panoramica dell'area di lavoro compare il messaggio "Rilevato conflitto". Seleziona Risolvi conflitti per visualizzare lo strumento di risoluzione dei conflitti.

Puoi risolverli uno alla volta. La configurazione dell'ultima versione sincronizzata viene mostrata sulla sinistra, mentre quella nell'area di lavoro corrente viene mostrata sulla destra. Viene evidenziato ogni conflitto e il colore dell'evidenziazione indica il tipo di conflitto:

  • Blu: tra l'ultima versione sincronizzata e l'area di lavoro corrente è stata apportata una modifica.
  • Rosso: una modifica nell'ultima versione sincronizzata non è presente nell'area di lavoro corrente.
  • Verde: una modifica nell'area di lavoro corrente non è presente nell'ultima versione sincronizzata.

Per ogni conflitto, decidi se ignorare o copiare la modifica proveniente dall'ultima versione sincronizzata. Puoi utilizzare Risolvi tutto per ignorare tutte le modifiche dell'ultima versione sincronizzata. Una volta risolti tutti i conflitti, salva le modifiche. Ripeti questa procedura per eventuali altri conflitti.

Quando l'area di lavoro corrente diventa una versione o viene pubblicata, le eventuali modifiche dell'ultima versione sincronizzata che sono state ignorate vengono sovrascritte con quelle presenti nell'area di lavoro corrente.

Best practice per la gestione delle aree di lavoro

Crea piccoli insiemi di modifiche: crea un'area di lavoro per ogni serie di modifiche correlate e che verranno pubblicate contemporaneamente. Ad esempio, potresti lavorare a tag, attivatori e variabili per l'implementazione iniziale di tag di visualizzazione di pagina di Google Analytics in un'area di lavoro e lavorare alla configurazione di tag di monitoraggio eventi di Google Analytics in un'altra.

Utilizza le aree di lavoro per raggruppare le modifiche comuni: se hai un'agenzia che si occupa sia dei tag Google Analytics che di quelli Floodlight, utilizza due aree di lavoro per mantenere separate le configurazioni. In questo modo puoi pubblicare i tag in un ordine controllato e la cronologia delle versioni sarà più chiara.

Utilizza le aree di lavoro per gestire i team: fai in modo che ciascun team o persona utilizzi un'area di lavoro separata. Inoltre, ogni team o persona può avere a disposizione più aree di lavoro per vari insiemi di modifiche.

Utilizza sistemi di denominazione coerenti e descrittivi: quando un contenitore viene pubblicato o una versione viene salvata, inserisci un Nome versione e una Descrizione che aiutino gli utenti a capire quali modifiche sono state apportate. Ad esempio:

  • Nome versione: "Lancio iniziale tag Visualizzazione di pagina GA"
  • Descrizione: "Lancio tag Visualizzazione di pagina di Google Analytics su example.com."

Utilizza le aree di lavoro per provare le configurazioni: in questo modo puoi testare le modifiche evitando che qualcun altro pubblichi per sbaglio il tuo lavoro. Un'area di lavoro è una specie di sandbox in cui provare le modifiche che apporti alla configurazione del contenitore. Se decidi di non pubblicare le modifiche contenute in un'area di lavoro, puoi salvarla per utilizzarla in seguito o eliminarla.

Risorse correlate

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?