Tag

Un tag è uno snippet di JavaScript che invia informazioni a terze parti come Google. Se non utilizzi una soluzione di gestione dei tag come Google Tag Manager, devi aggiungere questi snippet di JavaScript direttamente al codice sorgente del tuo sito. Con Google Tag Manager, invece, non hai più bisogno di gestire ogni snippet di JavaScript nel tuo codice sorgente, ma puoi semplicemente indicare i tag da attivare e specificare quando desideri attivarli nell'interfaccia utente di Google Tag Manager.

In Google Tag Manager, puoi implementare un tag tramite un modello del tag specifico o, se per il tag da implementare non è disponibile un modello, tramite un tag personalizzato nel quale inserire il tuo tag di JavaScript. Google Tag Manager offre:

Modelli per i tag di Google supportati

Google Tag Manager supporta esplicitamente i seguenti tipi di tag, con modelli che riducono al minimo la possibilità di errori nei tag.

Tag di monitoraggio delle conversioni di Google Ads

Per impostare questo tag in Google Tag Manager, devi specificare l'ID conversione, l'etichetta di conversione e il valore di conversione.

  1. Nell'account Google Ads seleziona Strumenti e analisi > Conversioni. Fai clic sulla scheda Codice.
  2. Seleziona il nome di un'azione a sinistra, poi seleziona "Apporto personalmente le modifiche al codice". Nella casella del codice:
    • Individua il valore di "google_conversion_id = " e inseriscilo in ID conversione.
    • Individua il valore di "google_conversion_label = " e inseriscilo in Etichetta di conversione.
    • Individua il valore di "google_conversion_value = " e inseriscilo in Valore di conversione (facoltativo). Se vuoi inserire un valore in modo dinamico, seleziona una variabile nel menu a discesa o creane uno nuovo.

Aggiungi una regola in modo da attivare il tag nella pagina di conversione che vuoi. Assegna un nome alla regola dopo la pagina di conversione, ad esempio, "Pagina di conversione download PDF". Questo ti permetterà di identificare facilmente e di riutilizzare la regola in altri tag.

Ulteriori informazioni sul monitoraggio delle conversioni di Google Ads.

Tag Contatore Floodlight

Il tag Contatore Floodlight permette di contare quante volte gli utenti hanno visitato una determinata pagina dopo avere visualizzato o fatto clic su un annuncio. I tag Floodlight possono essere aggiunti a un contenitore in due modi:

  • Accettando un tag caricato automaticamente dall'interfaccia utente di Campaign Manager.
  • Aggiungendo il tag dall'interfaccia utente di Google Tag Manager.

Accettazione di un tag Floodlight caricato automaticamente

Questo tag può essere caricato automaticamente e direttamente nel contenitore dall'interfaccia utente di Campaign Manager. Per consentire questa operazione in Google Tag Manager, devi approvare la richiesta di collegamento e i tag caricati automaticamente. Per ulteriori informazioni, leggi Approvazioni. Per informazioni su come caricare automaticamente i tag da Campaign Manager, consulta Aggiungere attività Floodlight ai contenitori di Google Tag Manager.

Per accettare un tag Floodlight caricato automaticamente, seleziona Coda di approvazione > Tag. Fai clic sul nome dell'attività. Alcuni parametri (ad esempio i valori di "src= ", "type= " e "cat= ") saranno preimpostati.

Le variabili personalizzate Floodlight sono coppie chiave-valore che possono essere utilizzate per monitorare i dati raccolti sui tuoi utenti, ad esempio il genere di film acquistato da un utente. Le variabili Floodlight personalizzate utilizzano i valori u1=, u2= e così via. Per i tag caricati automaticamente, i nomi delle variabili vengono precompilati nei campi delle variabili personalizzate. Per recuperare i dati appropriati, dovrai configurare queste variabili.

Apporta le modifiche che vuoi al tag e fai clic su Approva.

Aggiunta di tag in Google Tag Manager

Seleziona Contatore Floodlight come tipo di tag.

  • Trova il valore di "src= " e inseriscilo in ID inserzionista.
  • Trova il valore di "type= " e inseriscilo in Stringa tag gruppo.
  • Trova il valore di "cat= " e inseriscilo in Stringa tag attività.

 

Le variabili personalizzate Floodlight sono coppie chiave-valore che possono essere utilizzate per monitorare i dati raccolti sui tuoi utenti, ad esempio il genere di film acquistato da un utente. Le variabili Floodlight personalizzate utilizzano le chiavi u1=, u2= e così via. Per ogni variabile personalizzata, seleziona una variabile contenente il valore che intendi passare alla variabile.

Dopo aver completato l'inserimento delle informazioni relative ai tag, fai clic su Salva.

Ulteriori informazioni sul tag Contatore Floodlight.

Tag Vendite Floodlight

Il tag Vendite Floodlight ti consente di tenere traccia del numero di articoli acquistati dagli utenti, nonché del valore totale di questi acquisti. I tag Floodlight possono essere aggiunti a un contenitore in due modi:

  • Accettando un tag caricato automaticamente dall'interfaccia utente di Campaign Manager.
  • Aggiungendo il tag dall'interfaccia utente di Google Tag Manager.

 

Accettazione di un tag Floodlight caricato automaticamente

Questo tag può essere caricato automaticamente e direttamente nel contenitore dall'interfaccia utente di Campaign Manager. Per consentire questa operazione in Google Tag Manager, devi approvare la richiesta di collegamento e i tag caricati automaticamente. Per ulteriori informazioni, leggi Approvazioni. Per informazioni su come caricare automaticamente i tag da Campaign Manager, consulta Aggiungere attività Floodlight ai contenitori di Google Tag Manager.

Per accettare un tag Floodlight caricato automaticamente, seleziona Coda di approvazione > Tag. Fai clic sul nome dell'attività. Alcuni parametri (ad esempio i valori di "src= ", "type= " e "cat= ") saranno preimpostati.

Per i tag caricati automaticamente, il parametro Entrate è precompilato con una variabile {{cost}}. Devi creare e configurare una variabile {{cost}} che recuperi l'importo delle entrate.

Inoltre, il parametro ID ordine è precompilato con una variabile {{ord}}. Dovrai quindi creare e configurare una variabile {{ord}}. Questa variabile deve recuperare l'ID ordine (oppure, se il metodo di conteggio è Articoli venduti, un conteggio del numero di articoli venduti).

Le variabili personalizzate Floodlight sono coppie chiave-valore che possono essere utilizzate per monitorare i dati raccolti sui tuoi utenti, ad esempio il genere di film acquistato da un utente. Le variabili Floodlight personalizzate utilizzano i valori u1=, u2= e così via. Per i tag caricati automaticamente, i nomi delle variabili vengono precompilati nei campi delle variabili personalizzate. Per recuperare i dati appropriati, dovrai configurare queste variabili.

Apporta le modifiche che vuoi al tag e fai clic su Approva.

Aggiunta di tag in Google Tag Manager

Seleziona Vendite Floodlight come tipo di tag.

  • Trova il valore di "src= " e inseriscilo in ID inserzionista.
  • Trova il valore di "type= " e inseriscilo in Stringa tag gruppo.
  • Trova il valore di "cat= " e inseriscilo in Stringa tag attività.

 

Per il parametro Entrate, seleziona una variabile che contiene l'importo delle entrate. Per l'ID ordine, seleziona una variabile che contiene l'ID ordine. Se hai selezionato Articolo venduto come metodo di conteggio, seleziona una variabile che contenga un conteggio del numero di articoli venduti. Dovrai creare queste variabili in Google Tag Manager se non lo hai già fatto.

Le variabili personalizzate Floodlight sono coppie chiave-valore che possono essere utilizzate per monitorare i dati raccolti sui tuoi utenti, ad esempio il genere di film acquistato da un utente. Le variabili Floodlight personalizzate utilizzano le chiavi u1=, u2= e così via. Per ogni variabile personalizzata, seleziona una variabile contenente il valore che intendi passare alla variabile.

Dopo aver completato l'inserimento delle informazioni relative ai tag, fai clic su Salva.

Ulteriori informazioni sul tag Vendite Floodlight.

Tag Google Analytics

Per trovare l'ID proprietà web, procedi nel seguente modo:

  • Nel tuo account Google Analytics accedi alla scheda Amministrazione.
  • Fai clic su Impostazioni proprietà.

 

Inserisci l'ID monitoraggio (nel formato UA-xxxxxx-xx) nel campo ID proprietà web.

Puoi utilizzare anche una variabile nel campo ID proprietà web. Questa soluzione è particolarmente utile se gestisci più proprietà Google Analytics.

Per attivare le funzionalità Pubblicità display, inclusi i rapporti su dati demografici e interessi, il remarketing e l'integrazione di Campaign Manager, seleziona la casella di controllo Assistenza per gli inserzionisti display. Se selezioni questa opzione, consulta l'articolo Requisiti delle norme per la pubblicità display.

Google Tag Manager supporta i seguenti tag Google Analytics:

Puoi definire altre impostazioni (nella sezione Altre impostazioni):

  • Configurazione di base
    • Anonimizza indirizzi IP: informazioni
    • Percorso pagina virtuale: indica il percorso della pagina per il monitoraggio delle metriche. informazioni
    • Imposta frequenza di campionamento: informazioni
    • Imposta timeout cookie sessione: informazioni
  • Monitoraggio della campagna:
  • Variabili personalizzate: informazioni
  • Domini e directory: informazioni
    Ad esempio, quando esegui il monitoraggio tra i domini A.com e B.com, dovrai configurare B.com in modo che utilizzi i dati dei cookie del parametro URL (della sessione di A.com) invece di impostare/utilizzare cookie propri. Per attivare questo collegamento, seleziona la casella di controllo Consenti linker.
  • Motori di ricerca e referrer: informazioni
  • Configurazione avanzata:
    • Nome del tracker: ti consente di assegnare personalmente un nome all'oggetto tracker. Nota. Non è consigliabile assegnare personalmente un nome all'oggetto tracker. Se inavvertitamente riutilizzi il nome di un oggetto tracker esistente, i dati potrebbero corrompersi. Sebbene l'assegnazione di un nome al tracker ti permetta di condividere lo stato tra i tracker creati da Google Tag Manager e il codice preesistente di Google Analytics, devi aggiornare il codice sul tuo sito per utilizzare la sintassi dataLayer di Google Tag Manager. In caso contrario, non potrai configurare il monitoraggio tramite Google Tag Manager.
    • Percorso GIF ocale: informazioni
    • Timeout cookie visitatori: informazioni
    • Hit richiamata: il valore di questo campo deve puntare a una variabile che restituisce una funzione. Questa funzione viene richiamata una volta effettuato l'invio del beacon di monitoraggio di Google Analytics.
    • Attiva attribuzione link avanzata: informazioni
    • Attiva modulo monitoraggio browser: informazioni
    • Attiva rilevamento Flash: informazioni
    • Attiva rilevamento titolo: informazioni
    • Invia hit ai server di Google: se imposti un percorso GIF locale, gli hit verranno inviati a un server di tua proprietà. Se selezioni questa opzione, gli hit verranno inviati anche a Google.

Monitoraggio di base

Per il monitoraggio di base di Google Analytics, aggiungi un unico tag Google Analytics e seleziona "Visualizzazione di pagina" come tipo di monitoraggio. Aggiungi una regola per attivare il tag su tutte le pagine. Se è sufficiente il monitoraggio di base, aggiungi questo unico tag di Google Analytics. Tuttavia, per il monitoraggio di eventi o transazioni e-commerce, devi aggiungere altri tag di Google Analytics.

Monitoraggio di eventi Google Analytics

Per esempi, consulta Eventi Google Analytics.

Monitoraggio interdominio

Per esempi, consulta Monitoraggio interdominio.

Tag Universal Analytics

Il tag Universal Analytics è una nuova versione del tag di monitoraggio Google Analytics. Universal Analytics introduce un insieme di funzioni che cambiano il modo in cui vengono raccolti e organizzati i dati nel tuo account Google Analytics.

Con Universal Analytics, puoi raccogliere più tipi di dati e migliorarne la qualità, in modo da poter capire meglio come i visitatori interagiscono con la tua attività in tutte le fasi: pubblicità, vendite, utilizzo del prodotto, assistenza e fidelizzazione.

Installare Universal Analytics tramite Google Tag Manager è un sistema di implementazione ideale, poiché consente di apportare le future modifiche in modo molto più semplice.

Per trovare l'ID proprietà web, procedi nel seguente modo:

  • Nel tuo account Google Analytics accedi alla scheda Amministrazione.
  • Fai clic su Impostazioni proprietà.

 

Inserisci l'ID monitoraggio (nel formato UA-xxxxxx-xx) nel campo ID proprietà web.

Puoi utilizzare anche una variabile nel campo ID proprietà web. Questa soluzione è particolarmente utile se gestisci più proprietà Google Analytics.

Google Tag Manager supporta i seguenti tag Google Analytics:

Hai la possibilità di definire altre impostazioni:
  • Configurazione di base
  • Configurazione avanzata
  • Configurazione dei cookie
  • Monitoraggio interdominio: Collega automaticamente i domini: separa più domini con una virgola, ad esempio A.com, B.com, C.com (vedi Monitoraggio interdominio per esempi di utilizzo).
  • Dimensioni personalizzate: informazioni
  • Metriche personalizzate: informazioni
  • Campi da impostare: ad esempio, quando esegui il monitoraggio tra i domini A.com e B.com, dovrai configurare B.com in modo che utilizzi i dati dei cookie del parametro URL (della sessione di A.com) invece di impostare/utilizzare cookie propri. Per attivare questo collegamento, inserisci
    Nome campo: allowLinker
    Valore: true

Monitoraggio di base

Per il monitoraggio di base di Google Analytics (Universal Analytics), aggiungi un unico tag di Google Analytics (Universal Analytics) e seleziona "Visualizzazione di pagina" come tipo di monitoraggio. Aggiungi una regola per attivare il tag su tutte le pagine. Se è sufficiente il monitoraggio di base, aggiungi solo questo unico tag di Google Analytics (Universal Analytics). Tuttavia, per il monitoraggio di eventi o transazioni e-commerce, devi aggiungere altri tag di Google Analytics (Universal Analytics).

Monitoraggio di eventi Google Analytics

Per esempi, consulta Eventi Google Analytics.

Monitoraggio interdominio

Per esempi, consulta Monitoraggio interdominio.

Tag di remarketing sulla Rete Display di Google

Per impostare il tag di remarketing sulla Rete Display di Google in Google Tag Manager, devi specificare l'ID conversione e l'etichetta di conversione.

  1. Nell'account Google Ads fai clic sulla scheda Campagne.
  2. Nell'elenco delle campagne a sinistra fai clic su Libreria condivisa > Segmenti di pubblico.
  3. Individua l'elenco creato per te denominato "Elenco principale". Successivamente, fai clic su Tag sotto la colonna "Tag/definizioni".
  4. Fai clic sul link "Tag". Nella casella del codice:
    • Trova il valore di "google_conversion_id = " e inseriscilo nel campo ID conversione.
    • Trova il valore di "google_conversion_label = " e inseriscilo nel campo Etichetta conversione.

Per istruzioni dettagliate, consulta Configurazione del remarketing dinamico di Google Ads. Ulteriori informazioni sul tag di remarketing.

Modelli per i tag di fornitori certificati

Oltre ai modelli per i tag di Google, sono disponibili anche modelli per molti tag di terze parti. Per utilizzare un modello, basta selezionarlo, fornire i dati richiesti e Google Tag Manager genera automaticamente il codice corretto. Ulteriori informazioni sui tag di fornitori certificati.

Per richiedere a Google di includere un modello per il tag della tua azienda, contattaci per diventare un fornitore di tag.

Tipi di tag personalizzati

Sono disponibili i due seguenti tipi di tag personalizzati, che consentono di copiare e incollare il codice praticamente da qualsiasi tag. Per implementare un tag non esplicitamente supportato tramite un modello, puoi utilizzare uno di questi tipi di tag.

Tag immagine personalizzato

Il tipo Tag immagine personalizzato permette di gestire un tag di immagine non incluso nell'elenco dei tipi di tag. Ad esempio, se per il monitoraggio utilizzi un'immagine invisibile da un pixel, inserisci l'URL dell'immagine. Per inserire le variabili, inserisci il nome della variabile tra parentesi graffe doppie, ad esempio {{variable_name}}. Seleziona "//" se sono disponibili versioni dell'immagine relative al protocollo; seleziona "https://" se è disponibile solo una versione protetta. Consigliamo di non scegliere "http://".

Seleziona la casella di controllo Busting della cache e specifica un parametro di busting della cache per fare in modo che i risultati vengano registrati dai browser che dispongono di versioni cache dell'immagine.

Tag HTML personalizzato

Il tipo Tag HTML personalizzato permette di gestire, tramite un modello Google Tag Manager, i tag non esplicitamente supportati, come i tag non forniti da Google. Ulteriori informazioni sulle restrizioni dei tag.

Copia e incolla il codice HTML/JavaScript nella casella di testo. Accertati di includere gli snippet JavaScript nei tag di script HTML. Puoi inserire le chiamate a document.write() nei tuoi tag.

Per inserire variabili nel tuo tag HTML personalizzato, racchiudi il nome della variabile tra parentesi graffe doppie, ad esempio {{variable_name}}. Ciò può essere utile per riutilizzare i tag in più contesti.

Aggiungi i tag in modo indipendente, invece di creare combinazioni di tag. Ad esempio, se disponi di due strumenti per la raccolta dei dati uno accanto all'altro nel codice del sito originale, suddividi questi strumenti in due tag HTML personalizzati distinti. In questo modo potrai implementare ogni tag in modo indipendente.

Specifica le regole per l'attivazione del tag. Dopo aver assegnato un nome e salvato il tag, potrai gestirlo con Google Tag Manager.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?