Escludere pagine web e video specifici

I controlli di targeting ed esclusione per gli annunci display per dispositivi mobili sono stati semplificati per consentirti di raggiungere più facilmente la crescente base di utenti di tali dispositivi.

L'esclusione di contenuti (esclusione "App per dispositivi mobili GMob non interstitial") è stata sostituita da opzioni di targeting per dispositivo (computer, tablet e dispositivo mobile) semplificate.

Puoi controllare su quali publisher o tipi di contenuti vengono visualizzati i tuoi annunci utilizzando:

  • Argomenti
  • Targeting per dispositivo: computer, tablet, dispositivo mobile
  • Categoria app
  • Esclusioni di singole app tramite posizionamenti esclusi per app per dispositivi mobili ed esclusione di singoli siti web
  • Esclusioni di contenuti

Così come puoi scegliere i posizionamenti target nella Rete Display di Google in cui pubblicare gli annunci, ad esempio pagine, siti, app per dispositivi mobili e video specifici, puoi anche escludere quelli dove non vuoi pubblicarli. In particolare, puoi escludere siti web o domini che non sono adatti al tuo brand o che si sono rivelati inefficaci nel promuovere la vendita dei tuoi prodotti e servizi.

Tipi di posizionamento che puoi escludere

  • Alcuni posizionamenti specifici non adatti al tuo brand.
  • Posizionamenti in cui gli annunci pubblicati mostrano un rendimento insufficiente.

Esempio

Un'agenzia di viaggi ha un gruppo di annunci con pacchetti di vacanze in campeggio per famiglie e targeting per argomento Escursionismo e campeggio. L'agenzia nota che alcuni annunci vengono pubblicati su posizionamenti automatici pertinenti all'argomento, ma non adatti alle famiglie. Può escludere questi posizionamenti dal gruppo di annunci.

Escludere posizionamenti da campagne, gruppi di annunci o account

Puoi escludere posizionamenti da campagne e gruppi di annunci specifici dalla pagina "Posizionamenti".

  1. Accedi al tuo account Google Ads.
  2. Dal menu Pagina a sinistra, seleziona Posizionamenti.
  3. Nella barra dei menu a sinistra, fai clic sulla scheda Esclusioni.
  4. Fai clic sull'icona a forma di matita Modifica.
  5. Scegli "Aggiungi posizionamento escluso" o "Utilizza elenco di posizionamenti esclusi".
  6. Scegli se escludere i posizionamenti a livello di campagna, gruppo di annunci o account.
  7. Se hai selezionato "Aggiungi posizionamento escluso", esegui una delle seguenti operazioni:
    1. Cerca la parola, la frase, l'URL o l'ID video che vuoi escludere.
    2. Fai clic su Inserisci più posizionamenti e immetti gli URL da escludere.
  8. Se hai selezionato "Utilizza elenco di posizionamenti esclusi", seleziona un elenco di posizionamenti esclusi esistente.
  9. Una volta inserite le esclusioni, fai clic su Salva.

Come aggiungere gli URL di esclusione

Ci sono differenti tipi di URL per differenti tipi di proprietà. Dalle app per dispositivi mobili fino alle pagine di prodotti specifici, ciascun tipo di proprietà ha uno specifico formato di indirizzo. Espandi le sezioni di seguito per vedere in che modo inserire gli indirizzi per ciascun tipo di posizionamento.

Formattare i posizionamenti esclusi per i siti

Esistono diversi metodi per escludere posizionamenti: per dominio, sottodominio, nome percorso o singole pagine, ma non per domini multilivello. In generale, l'esclusione di un dominio impedisce la pubblicazione degli annunci in tutte le pagine del dominio in questione, mentre l'esclusione di un sottodominio o percorso impedisce solo la pubblicazione degli annunci rispettivamente sulle pagine del sottodominio o del percorso in questione.

Esempio

L'azienda di Carla vende prodotti biologici per la pulizia domestica e lei desidera mostrare i propri annunci solo su posizionamenti strettamente correlati. Sceglie come targeting un popolare sito web di recensioni di prodotti e aggiunge un'esclusione per i percorsi di siti dedicati ad accessori per la cucina ed elettrodomestici, in modo che i suoi annunci non appaiano su queste pagine. Perfezionando i posizionamenti, Carla è in grado di mostrare i suoi annunci ai clienti potenziali più interessati.

Il formato di ciascuna voce compresa nell'elenco di esclusione dei siti determina il tipo di filtro applicato da Google Ads. Di seguito sono riportati alcuni esempi che mostrano come escludere domini e formattare tali esclusioni.

Livello

Esclusione

 
Nome di dominio di primo livello example.com
Utilizza questo formato per escludere gli annunci da un determinato dominio e dai relativi sottodomini, nomi di directory, pagine specifiche e così via.
  • Gli annunci non vengono pubblicati su example.com, www.example.com, www1.example.com, www.example.com/oggetti, www.example.com/oggetti/pagina.html o placement.example.com
yes, confirmed Accettabile
Sottodominio di primo livello www.example.com
  • Gli annunci non vengono pubblicati su www.example.com o www.example.com/oggetti
  • Gli annunci possono essere pubblicati su www1.example.com o placement.example.com
yes, confirmed Accettabile
Sottodominio di primo livello placement.example.com yes, confirmed Accettabile
Nome di directory unico www.example.com/oggetti
  • Gli annunci non vengono pubblicati su www.example.com/oggetti o www.example.com/oggetti/pagina.html
  • Gli annunci possono essere pubblicati su www.example.com
yes, confirmed Accettabile
Nome di directory unico example.com/stuff yes, confirmed Accettabile
Nome della seconda directory www.example.com/oggetti/extra
  • Gli annunci non vengono pubblicati su www.example.com/oggetti/extra o www.example.com/oggetti/extra/pagina.html
  • Gli annunci possono essere pubblicati su www.example.com o www.example.com/oggetti
yes, confirmed Accettabile
Sottodomini multilivello

www.placement.example.com

  • Gli annunci possono essere esclusi solo da questo sottodominio specifico
Sconsigliato
Singola pagina www.example.com/index.html yes, confirmed Accettabile

A causa della natura dinamica della Rete Display, non possiamo garantire che l'esclusione di una categoria impedisca la pubblicazione degli annunci sul 100% delle pagine correlate. Nei test che abbiamo condotto, tuttavia, abbiamo riscontrato che l'esclusione di una categoria riduce l'esposizione nelle pagine correlate di circa il 90%.

Escludere singole app dalle campagne display

  1. Accedi al tuo account Google Ads.
  2. Nel menu a sinistra, seleziona Posizionamenti.
  3. Nella barra dei menu in alto, fai clic sulla scheda Esclusioni.
  4. Fai clic sull'icona a forma di matita Optimization.
  5. Seleziona Aggiungi posizionamento escluso.
  6. In "Escludi da", seleziona Campagna.
  7. Fai clic su Seleziona una campagna, quindi scegli la campagna dalla quale vuoi escludere le app.
  8. Fai clic su Inserisci più posizionamenti.
  9. Effettua una delle seguenti operazioni:
    • Per escludere app per iPhone:
      • Trova l'ID iTunes per l'app da escludere. L'ID iTunes si trova alla fine dell'URL iTunes dell'app. Ad esempio, l'ID in rosso è l'ID iTunes dell'app "MechaHamster:
        https://itunes.apple.com/us/app/mechahamster/id1286046770.

      • Inserisci “mobileapp::1-” seguito dall'ID iTunes. Ad esempio, per aggiungere l'app "MechaHamster" come posizionamento escluso, inserisci mobileapp::1-1286046770.

    • Per escludere le app Android:
      • Nel Google Play Store, cerca l'app da escludere, poi copia il nome del pacchetto dell'app (la parte finale dell'URL dopo "id="). Ad esempio, per l'app "MechaHamster", copia la sezione dell'URL indicata in rosso di seguito:
        https://play.google.com/store/apps/details?id=com.google.fpl.mechahamster
      • Nel campo per l'inserimento dei posizionamenti in Google Ads, immetti "mobileapp::2-" e incolla l'URL che hai copiato. Utilizzando l'esempio del passaggio precedente, l'esclusione per l'app "MechaHamster" avrebbe questo aspetto:
        mobileapp::2-com.google.fpl.mechahamster

Esclusione di domini parcheggiati

La maggior parte delle esclusioni si applica solo alla Rete Display, ad eccezione dei siti di domini parcheggiati, che vengono esclusi sia sulla Rete Display sia sulla rete di ricerca utilizzando le esclusioni di contenuti.

Nota

Escludere i posizionamenti è diverso da eliminarli. Quando escludi i posizionamenti, blocchi la pubblicazione degli annunci in quei posizionamenti. Quando rimuovi i posizionamenti utilizzati per il targeting, l'annuncio potrebbe comunque essere pubblicato in quei posizionamenti in base agli altri metodi di targeting impostati nel gruppo di annunci, ad esempio parole chiave o argomenti.

Pianificare caricamenti automatici degli elenchi di posizionamenti esclusi

Per gli inserzionisti

Per pianificare un elenco di esclusione, collega un elenco di posizionamenti esclusi in un formato file supportato in Google Ads. Questa origine elenco verrà utilizzata periodicamente per gestire le esclusioni all'interno di Google Ads. Può essere gestita da te o da un fornitore di elenchi di terze parti di cui ti fidi. Pianifica i caricamenti dei posizionamenti esclusi per accertarti che l'elenco di esclusione venga aggiornato automaticamente in modo da riflettere gli aggiornamenti apportati al file di origine esterno.

Istruzioni per scaricare un modello e pianificare un elenco di posizionamenti esclusi

  1. Accedi al tuo account Google Ads.
  2. Seleziona la visualizzazione dettagliata switch view icon found within the UI nel menu Panoramica.
  3. Fai clic sull'icona Strumenti e impostazioni Google Ads | tools [Icon] all'interno del menu di navigazione nella parte superiore.
  4. Nella sezione "Libreria condivisa", fai clic su Elenchi di posizionamenti esclusi.
  5. Fai clic sul pulsante Più .
  6. Fai clic su Pianifica il caricamento di un elenco.
  7. Se l'origine elenco non è stata ancora creata da te o da fornitori di elenchi attendibili, fai clic su Visualizza i modelli per visualizzare i modelli supportati e scaricare quello che ti interessa, che può essere aggiunto e salvato. Tipi di esclusioni supportati:
    • Siti
    • App per dispositivi mobili
    • Canali YouTube
    • Video di YouTube

Nota: le esclusioni sono soggette ai limiti relativi agli elenchi di posizionamenti esclusi. Scopri di più sui limiti del targeting di Google Ads

  1. Dopo aver salvato un'origine elenco nel tipo di file corretto, puoi pianificare i caricamenti automatici dei posizionamenti esclusi presenti nell'origine elenco.
    1. Inserisci il "Nome pianificazione".
    2. Inserisci il "Nome elenco" che verrà visualizzato nelle colonne "Elenco di posizionamenti esclusi".
    3. Nel menu a discesa "Origine", seleziona la modalità di consegna del file.
      • Fogli Google
      • HTTPS
      • SFTP
    4. Assicurati che il file sia pubblico o di fornire le autorizzazioni per accedervi.
      Nota: se selezioni SFTP e ricevi un errore "File non trovato", prova a inserire una doppia barra ("//") tra il percorso e il nome del file, ad esempio SFTP://sftp.mysite.com/exclusions.csv.
      1. Se scegli Fogli Google, il file deve essere pubblico. In caso contrario, devi condividerlo con l'account Google Ads visualizzato quando selezioni "Fogli Google" come "Origine" e poi fare clic su Collega un foglio Google esistente.
      2. Per HTTPS/SFTP potrebbero essere necessarie delle credenziali (nome utente/password). Se richiesto, inserisci nome utente e password per accedere al file.
    5. Utilizza i campi "Frequenza" e "Tempo" per decidere con quale frequenza e quando l'origine selezionata deve essere caricata e applicata ai posizionamenti esclusi.
    6. Fai clic su Salva.
    7. Per verificare che il file di origine sia stato caricato correttamente, verifica che sia visualizzato nella colonna "Elenco di posizionamenti esclusi" nella pagina Posizionamenti esclusi che hai raggiunto dal menu Strumenti Google Ads | tools [Icon]. Potrebbero essere necessari fino a dieci minuti prima che l'elenco venga visualizzato.
  2. Per annullare o modificare i posizionamenti esclusi pianificati:
    1. Fai clic sull'icona degli strumenti Google Ads | tools [Icon].
    2. In "Azioni collettive", seleziona Caricamenti.
    3. Fai clic sulla scheda Pianificazioni.
    4. Passa il mouse sopra il puntino colorato a sinistra dell'elemento pianificato nella colonna "Pianifica".
    5. Puoi scegliere tra "Attiva", "Metti in pausa" o "Rimuovi".
    6. Puoi anche apportare modifiche facendo clic su Modifica nella colonna "Azioni".

Note:

  • Se utilizzi un file creato da un fornitore di elenchi attendibile, assicurati che il file sia nel formato supportato in modo che venga caricato correttamente.
  • Se i caricamenti sono pianificati, le esclusioni nel file di origine verranno sempre caricate nell'elenco. Ti consigliamo di aggiornare direttamente il file di origine o di collaborare con il fornitore di elenchi di terze parti per aggiornare il file di origine.
  • Una volta creato l'elenco di esclusione, potrai applicare un elenco di posizionamenti esclusi a una campagna per iniziare a escludere i posizionamenti.

Per i provider di elenchi

Per creare un elenco di esclusione destinato agli inserzionisti, scarica un'origine file esterna supportata in Google Ads. Dopo essere stata pianificata dagli inserzionisti, questa origine elenco verrà utilizzata per gestire le esclusioni in Google Ads e l'elenco potrà essere gestito da te. Gli inserzionisti possono pianificare i caricamenti utilizzando il file dei posizionamenti esclusi. I loro elenchi verranno aggiornati automaticamente in modo da riflettere le modifiche apportate ai file di origine.

Istruzioni per scaricare un modello di file e testare un file di posizionamenti esclusi

  1. Accedi al tuo account Google Ads.
  2. Seleziona la visualizzazione dettagliata nel menu Panoramica.
  3. Fai clic sull'icona Strumenti e impostazioni Google Ads | tools [Icon] all'interno del menu di navigazione nella parte superiore.
  4. Nella sezione "Libreria condivisa", fai clic su Elenchi di posizionamenti esclusi.
  5. Fai clic sul pulsante Più .
  6. Fai clic su Pianifica il caricamento di un elenco.
  7. Fai clic su Visualizza i modelli per visualizzare i tipi di file e i modelli supportati, poi scarica il file del modello che utilizzerai per creare elenchi di posizionamenti esclusi. Tipi di esclusioni supportati:
  8. Dopo aver salvato un'origine elenco nel tipo di file corretto, verifica che il file di esclusione sia formattato correttamente caricandolo sul tuo account.
    1. Inserisci il "Nome pianificazione".
    2. Inserisci il "Nome elenco" che verrà visualizzato nelle colonne "Pianifica" e "Elenco di posizionamenti esclusi".
    3. Nel menu a discesa "Origine", seleziona la modalità di consegna del file.
      • Fogli Google
      • HTTPS
      • SFTP
    4. Assicurati che il file sia pubblico o di fornire le autorizzazioni per accedervi.
      1. Se scegli Fogli Google, il file deve essere pubblico. In caso contrario, devi condividerlo con l'account Google Ads visualizzato quando selezioni "Fogli Google" come "Origine" e poi fare clic su Collega un foglio Google esistente.
      2. Per HTTPS/SFTP potrebbero essere necessarie delle credenziali (nome utente/password). Se richiesto, inserisci nome utente e password per accedere al file.
      3. Queste autorizzazioni si applicano anche a tutti gli inserzionisti che possono accedere al tuo file
        Nota: se selezioni SFTP e ricevi un errore "File non trovato", prova a inserire una doppia barra ("//") tra il percorso e il nome del file, ad esempio SFTP://sftp.mysite.com/exclusions.csv.
    5. Utilizza i campi "Frequenza" e "Tempo" per decidere con quale frequenza e quando l'origine selezionata deve essere caricata e applicata ai posizionamenti esclusi dell'inserzionista.
    6. Fai clic su Salva.
    7. Per verificare che il file di origine sia stato caricato correttamente, verifica che sia visualizzato nella colonna "Elenco di posizionamenti esclusi" nella pagina Posizionamenti esclusi che hai raggiunto dal menu Strumenti Google Ads | tools [Icon]. Potrebbero essere necessari fino a dieci minuti prima che il file di origine venga visualizzato.

Best practice:

  • Prima di condividere un file con gli inserzionisti, è consigliabile pianificare l'elenco con il proprio account e verificare che sia stato caricato correttamente. Mantieni attiva la pianificazione per alcuni giorni per verificare che gli aggiornamenti vengano caricati.
  • Ricorda che gli elenchi sono soggetti a un limite massimo di 65.000 posizionamenti esclusi condivisi standard per elenco. Tieni presente che gli account degli inserzionisti devono rispettare altri limiti di esclusione in base all'utilizzo del targeting. Scopri di più sui limiti del targeting di Google Ads
  • Collabora con gli inserzionisti per apportare modifiche permanenti agli elenchi direttamente nei file di origine degli elenchi, dato che gli inserzionisti non possono modificare in modo permanente gli elenchi pianificati da Google Ads.

Passaggi successivi

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema