Notifica

Ricevi suggerimenti personalizzati per l'ottimizzazione, scopri lo stato del tuo account e completa la configurazione necessaria nella versione migliorata di "La mia pagina AdMob".

Inizia

Come utilizzare lo strumento di controllo degli annunci nella tua app

Lo strumento di controllo degli annunci inizia automaticamente a esaminare la pubblicazione di annunci nell'app quando la apri su un dispositivo di prova registrato. Puoi visualizzare i dettagli delle richieste di annunci caricate mentre utilizzi l'app oppure puoi caricare le richieste di annunci pubblicando annunci di prova nello strumento di controllo degli annunci.  

Tieni presente che potresti visualizzare una serie di richieste di annunci anche all'avvio dell'app, se questa precarica gli annunci. 

Questo articolo spiega come:

Visualizzare le richieste di annunci per unità pubblicitaria 

Dopo avere richiamato lo strumento di controllo degli annunci sul dispositivo di prova utilizzando un gesto o una chiamata API personalizzata, vedrai la scheda Unità pubblicitarie che elenca le unità pubblicitarie della tua app ordinate in base all'attività più recente (sia che abbiano mostrato un annuncio o meno).

Puoi controllare le unità pubblicitarie:

  • In contesto: puoi verificare le unità pubblicitarie come se fossi l'utente mentre utilizzi la tua app. Richiama lo strumento di controllo degli annunci nelle schermate in cui vengono caricati gli annunci. 
  • Fuori contesto: puoi verificare le unità pubblicitarie con annunci di prova per non dover utilizzare tua app. Richiama lo strumento di controllo degli annunci su qualsiasi schermata. Nella scheda Unità pubblicitarie, trova l'unità pubblicitaria che vuoi verificare. Poi tocca Richiedi annuncio di prova

Le unità pubblicitarie fuori contesto vengono elencate dopo le unità pubblicitarie con attività nella scheda Unità pubblicitarie.

Nota: ti consigliamo di inizializzare l'SDK Google Mobile Ads prima di utilizzare lo strumento di controllo degli annunci. Non puoi visualizzare l'elenco completo delle unità pubblicitarie finché non inizializzi l'SDK. Scopri di più su come inizializzare l'SDK Google Mobile Ads (per Android e iOS). 

Inoltre, se la tua app contiene unità pubblicitarie non associate al tuo ID app AdMob, ciascuna unità pubblicitaria viene mostrata solo se è stata completata almeno una richiesta per l'unità.

Visualizzare i log delle richieste SDK 

Tocca un'unità pubblicitaria per visualizzare il relativo log delle richieste SDK. Il log delle richieste dell'SDK mostra in dettaglio la struttura a cascata della mediazione per le richieste di annunci più recenti. Mostra le origini annuncio chiamate nella struttura a cascata fino al punto in cui l'annuncio è stato riempito (o la struttura a cascata è terminata senza riempimento). Elenca anche le origini annuncio che non sono state richieste dopo che l'annuncio è stato riempito. 

Nel log delle richieste dell'SDK puoi visualizzare anche dettagli più specifici sulle origini annuncio per l'asta e sulle origini annuncio con struttura a cascata.

Nel log delle richieste dell'SDK, tocca Altro e poi Condividi stringa della richiesta per esportare l'intera richiesta di annuncio. Questa operazione può aiutarti a risolvere altri problemi o a condividere informazioni con l'Assistenza Google per eseguire il debug. 

Dettagli sulle origini asta 

Per visualizzare i dettagli delle offerte nello strumento di controllo degli annunci, devi installare la versione 20.2.0 o successive per Android e la versione 8.5.0 o successive per iOS.

Nel log delle richieste dell'SDK, tocca Altro e poi Visualizza tutti gli offerenti per visualizzare tutte le origini annuncio per l'asta configurate per quell'unità pubblicitaria. 

I risultati dell'asta vengono mostrati nel seguente ordine:

  1. L'origine annuncio che ha vinto l'asta.
  2. Le origini annuncio che presentano problemi. Scopri come risolvere questi problemi.
  3. Le origini annuncio che non hanno restituito un annuncio o non hanno fatto offerte. Questo potrebbe essere dovuto a un problema con l'origine annuncio di terze parti. Fai riferimento direttamente all'origine annuncio per ricevere assistenza.
  4. Le origini annuncio che hanno perso l'asta.

Informazioni sui dettagli dei parametri delle aste di terze parti

Per visualizzare i dettagli del parametro di terze parti inviato in una richiesta di annuncio, tocca Altro e poi Parametro dell'asta di terze parti. La decodifica del parametro dell'asta di terze parti fornisce le seguenti informazioni sull'origine asta di terze parti:

  • Versione SDK
  • Versione adattatore
  • Dati generati dall'acquirente 
    Per condividere questi dati con l'origine annuncio di terze parti, tocca Fai clic per copiare. I dati generati dall'acquirente vengono raccolti dall'origine asta di terze parti tramite indicatori sicuri. Google non può interpretare queste informazioni e le trasmette direttamente agli offerenti terzi.
  • Nome classe adattatore
  • Se è stato rilevato un errore, ne verranno forniti il tipo e la descrizione. Scopri come risolvere i problemi relativi ai parametri delle aste

Dettagli sulle origini annuncio con struttura a cascata

Puoi espandere ogni origine annuncio con struttura a cascata che non ha riempito un annuncio per visualizzare i dettagli relativi all'errore di mancato riempimento. 

Per le origini annuncio di terze parti, i messaggi di errore vengono inviati direttamente dall'origine annuncio. Per saperne di più, rivolgiti all'origine annuncio di terze parti.

Visualizzare gli adattatori di terze parti

Dopo avere richiamato lo strumento di controllo degli annunci, vedrai la scheda Adattatori che elenca gli adattatori SDK di terze parti e il relativo stato. Se si verifica un errore nell'adattatore, scopri come risolvere i problemi comuni relativi agli adattatori SDK

La scheda dell'adattatore dello strumento di controllo degli annunci in AdMob.

Testare singole origini annuncio

Con lo strumento di controllo degli annunci, puoi provare la configurazione di una singola origine annuncio con struttura a cascata di terze parti. In questo modo, puoi verificare di aver implementato correttamente l'adattatore di mediazione di terze parti e che l'origine annuncio stia pubblicando annunci come previsto. 

Nota: per poter utilizzare la funzionalità di prova di una singola origine annuncio, devi prima inizializzare l'SDK Google Mobile Ads. 

Per iniziare, attiva l'opzione Single ad source test (Prova di singola origine annuncio) nella parte inferiore dell'app. Poi, seleziona l'origine annuncio da provare. Quando lo strumento di controllo degli annunci è impostato sulla prova di una singola origine annuncio, tutte le richieste di annunci future cercheranno di mostrare gli annunci dall'origine annuncio selezionata.

Nota: nella modalità di test di una singola origine annuncio, tutte le richieste di annunci proveranno a utilizzare l'origine annuncio selezionata per soddisfare le richieste, indipendentemente dal fatto che l'origine annuncio sia associata all'unità pubblicitaria in questione. Ciò significa che se l'origine annuncio che stai provando non è nella struttura a cascata della mediazione per una certa unità pubblicitaria, visualizzerai il messaggio di errore "Nessun riempimento" che indica che l'unità pubblicitaria non è configurata per questa origine annuncio. 

Durante la prova di una singola origine annuncio, puoi toccare un'unità pubblicitaria per visualizzare il relativo log delle richieste SDK. In questo modo, puoi sapere se l'origine annuncio ha soddisfatto le richieste di annunci effettuate dopo l'attivazione della prova di una singola origine annuncio. Se l'origine annuncio non ha soddisfatto una richiesta di annuncio, vedrai un messaggio di errore con i dettagli relativi all'errore di mancato riempimento.  

Se hai aggiunto più istanze dell'origine annuncio selezionata a una struttura a cascata della mediazione, vedrai ogni istanza della chiamata all'origine annuncio nella struttura a cascata fino al momento in cui l'annuncio non viene riempito o fino al termine della struttura a cascata senza un riempimento. 

Il test della singola origine annuncio scade automaticamente dopo 60 minuti. 

Come forzare il riavvio

Quando attivi la prova di una singola origine annuncio, devi forzare il riavvio dell'app. Alcune app memorizzano gli annunci nella cache all'avvio, per cui riavviando l'app ti assicuri che la prova di una singola origine annuncio venga applicata a tutte le richieste di annuncio della sessione di prova.

Sui dispositivi Android, in genere puoi forzare il riavvio di un'app dalle Impostazioni dello smartphone. Queste possono variare in base al telefono. Per saperne di più, rivolgiti al produttore del dispositivo

Scopri come forzare il riavvio di un'app sui dispositivi iOS.  

È stato utile?

Come possiamo migliorare l'articolo?
true
Show your support to promote DEI in Gaming by turning intentions into action!

Check out the newly launched Diversity in Gaming website, where you can find video stories and written pledges from global gaming developers. This campaign centers on 3 pillars: diverse teams, diverse games and diverse audiences showing how diversity is not just good for gamers, but for business as well. Show your support by taking the pledge to promote DEI in Gaming and share it on social!

Learn More

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale