Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale

Norme per terze parti di Google

Queste norme si applicano a tutti i soggetti terzi che acquistano o gestiscono pubblicità Google per conto dei propri clienti.

La responsabilità è un principio fondamentale della pubblicità Google e noi vogliamo essere sicuri che gli inserzionisti, indipendentemente dal fatto che operino direttamente con Google o tramite intermediari, siano consapevoli dei risultati delle proprie campagne pubblicitarie Google e di che cosa possono aspettarsi dai loro partner terzi.

Le nostre norme per terze parti contemplano tre aree:

Requisiti di trasparenza

Affinché gli inserzionisti siano in grado di comprendere appieno tutti i vantaggi offerti dalla pubblicità Google, è necessario che dispongano di tutte le informazioni, in modo da poter prendere decisioni ponderate. Pertanto, richiediamo a tutti i nostri partner terzi di essere trasparenti in merito alle informazioni che influiscono su tali decisioni. Oltre a soddisfare i requisiti illustrati di seguito, le terze parti sono tenute a compiere ogni ragionevole sforzo per fornire ai propri clienti altre informazioni pertinenti ove richiesto.

Spesa pubblicitaria e rendimento di Google

Se i termini del servizio pubblicitario vigenti tra l'utente e Google prevedono l'invio di un rapporto sul rendimento mensile ai clienti, la terza parte è tenuta a includere i dati relativi a costi, clic e impressioni a livello dell'account pubblicitario Google. Quando comunica i dati relativi ai costi della pubblicità Google ai clienti, la terza parte è tenuta a specificare l'importo esatto addebitato da Google, al netto delle spese aggiuntive relative ai servizi che questa fornisce.

Se si forniscono altri rapporti sul costo o sul rendimento oltre ai requisiti minimi menzionati sopra, tali rapporti dovranno fare specificamente riferimento ai prodotti pubblicitari Google. Ad esempio, se si forniscono ai clienti rapporti sul costo e il rendimento giornaliero a livello di parola chiave su tutte le reti pubblicitarie, sarà necessario fornire rapporti anche sul costo e il rendimento giornaliero specifico delle parole chiave AdWords.

Si raccomanda di rendere disponibili i rapporti sul costo e il rendimento della pubblicità Google in modo tale da facilitare l'accesso da parte dei clienti, ad esempio via email o tramite il proprio sito web. Un modo alternativo per soddisfare questo requisito di invio dei rapporti è quello di consentire ai clienti di accedere al proprio account pubblicitario Google direttamente, in modo da poter conoscere i dati relativi al costo e al rendimento. Ulteriori informazioni su come condividere l'accesso a un account.

Commissioni di gestione

Generalmente, le terze parti addebitano una commissione di gestione per gli utili servizi offerti. Gli inserzionisti finali devono sapere se queste commissioni verranno loro fatturate. Pertanto, le terze parti sono tenute a segnalare ai clienti se addebitano loro una commissione di gestione (oltre ai costi di AdWords o AdWords Express). È necessario informare per iscritto dell'esistenza di queste spese, prima di ogni vendita, almeno i nuovi clienti e indicarne l'ammontare nelle fatture che vengono loro inviate.

Condivisione dell'informativa sulla divulgazione

Specialmente per gli inserzionisti che hanno a disposizione un budget limitato (e che potrebbero non avere neppure le risorse e le conoscenze dei grandi inserzionisti), è importante sapere ciò che possono aspettarsi quando lavorano con un partner terzo. Pertanto, tutte le terze parti che servono principalmente clienti con budget di piccolo o medio livello, devono condividere l'informativa sulla divulgazione "Lavorare con una terza parte" con tutti i loro clienti.

Se l'80% o più dei clienti spende meno di $ 1.000 (o l'equivalente in valuta locale) al mese in AdWords o AdWords Express, è necessario condividere l'informativa sulla divulgazione con tutti i clienti che acquistano AdWords o AdWords Express presso la terza parte. Inserire un link all'informativa sulla divulgazione in una posizione chiaramente rilevabile sul proprio sito web. Esempi di posizioni accettabili sono il piè di pagina della home page, la sezione dedicata agli inserzionisti del sito, la dashboard dei rapporti per l'inserzionista e la sezione relativa ai prodotti o ai servizi del sito. Inoltre, in occasione di nuove vendite o rinnovi, informare i clienti della presenza dell'informativa sulla divulgazione sul proprio sito web o inviare loro un'email con una copia elettronica oppure spedire loro una copia stampata.

ID cliente AdWords o AdWords Express

È importante per gli inserzionisti avere la possibilità di contattare Google direttamente in merito a problemi con un partner terzo. Al fine di consentire a Google di indagare e assistere adeguatamente l'inserzionista, richiediamo che vengano forniti ai clienti gli ID cliente dei loro account AdWords o AdWords Express, ove richiesto. Ulteriori informazioni su come trovare l'ID cliente AdWords o l'ID cliente AdWords Express.

Pratiche proibite

Affermazioni false, ingannevoli o irrealistiche

Vogliamo che gli inserzionisti prendano decisioni informate prima di contattare partner terzi. Pertanto, si consiglia di essere sinceri e schietti nel descrivere la propria azienda, i propri servizi, i costi associati a tali servizi e i risultati che gli inserzionisti possono aspettarsi. Evitare affermazioni false, ingannevoli o irrealistiche.

Esempi:

  • sostenere di avere un'affiliazione inesistente con Google
  • garantire i posizionamenti migliori su Google
  • affermare che gli annunci verranno mostrati in Ricerca Google per tutte le ricerche
  • rappresentare prodotti Google gratuiti come inserzioni a pagamento
  • fare affermazioni false riguardo alla modalità con cui vengono calcolati i costi AdWords
  • offrire clic illimitati

Comportamento molesto, offensivo o inaffidabile

Gli inserzionisti devono ricevere da un partner terzo un servizio con lo stesso livello di qualità che riceverebbero lavorando direttamente con Google. Pertanto, evitare comportamenti molesti, offensivi o inaffidabili con clienti potenziali o esistenti.

Esempi:

  • fare ripetutamente chiamate a freddo a potenziali clienti
  • esercitare una pressione indebita su un inserzionista per indurlo a firmare o a rimanere con la propria agenzia
  • chiedere a terzi di sostenere esami di certificazione Google per proprio conto
  • phishing
  • offrire coupon AdWords a pagamento

Requisiti per la configurazione dell'account

Un solo inserzionista per account

Creare un account separato per ciascun inserzionista finale è essenziale per mantenere l'integrità del punteggio di qualità AdWords. Poiché la cronologia dell'account è un componente fondamentale del punteggio di qualità AdWords, mescolare più inserzionisti in un unico account può determinare punteggi di qualità che rappresentano in modo impreciso il rendimento di uno specifico inserzionista. Inoltre, Google mostra un unico annuncio per una particolare parola chiave; pertanto, mescolando più inserzionisti in un unico account, si potrebbe limitare ingiustamente la pubblicazione degli annunci per gli inserzionisti coinvolti. Per queste ragioni, si richiede di utilizzare un account distinto per ciascun inserzionista finale gestito.

Informazioni sulle norme

È importante familiarizzare e mantenersi aggiornati sulle norme per terze parti di Google. Qualora avessimo motivo di ritenere che un'agenzia stia violando le nostre norme, potremmo contattare l'agenzia per eseguire un'analisi dettagliata delle sue pratiche e richiedere misure correttive. In caso di violazioni ripetute o gravi, potremmo impedire all'agenzia di continuare a fare pubblicità con noi e potremmo contattare i clienti per darne comunicazione.

Queste norme sono da intendersi in aggiunta alle condizioni e alle norme esistenti che si applicano alle terze parti, tra cui:

Possibili soluzioni

Se un sito o un'app sono stati sospesi per violazioni delle norme per terze parti, è possibile procedere nel seguente modo.

Violazioni di terze parti
  • Millantare l'affiliazione a un programma Google per terze parti, quale ad esempio Google Partners. Ciò potrebbe includere l'hosting di contenuti che confermano tale rivendicazione o la visualizzazione di un badge del programma Google per terze parti anche se la propria azienda non è autorizzata ad esibirlo.
  • Garantire i migliori posizionamenti degli annunci su Google o vendere clic illimitati sul proprio sito web.
  1. Leggere le norme riportate sopra per conoscere i comportamenti che non sono ammessi. Di seguito sono riportati alcuni dei possibili motivi per cui il proprio sito è stato sospeso:
  2. Rimuovere tali contenuti dal sito web. Se non si riesce a correggere il problema sul proprio sito o se non si desidera farlo, purtroppo non potremo pubblicare gli annunci per tale sito.
  3. Inviare nuovamente il proprio sito in revisione. Se dall'esame risulta che le violazioni sono state risolte, riattiveremo il sito e approveremo gli annunci che inizieranno nuovamente a essere pubblicati. Se gli annunci non vengono approvati, seguire le indicazioni per sottoporre nuovamente i propri annunci all'approvazione.
Richiedi la verifica del sito

Conseguenze in caso di violazione delle norme

  • Verifica della conformità: Google ha facoltà di verificare la conformità dell'agenzia alle norme per terze parti in qualsiasi momento. Qualora dovessimo contattare l'agenzia per richiedere informazioni in merito alla conformità della propria attività, l'agenzia è tenuta a rispondere in modo tempestivo e ad adottare rapidamente eventuali misure correttive che si rendano necessarie al fine di assicurare la conformità alle nostre norme. Google si riserva anche il diritto di contattare i clienti dell'agenzia per verificare la conformità dell'agenzia.
  • Notifica di mancata conformità: qualora ritenessimo che l'agenzia stia violando le norme per terze parti, la contatteremo per richiedere azioni correttive. Se l'agenzia non esegue l'azione correttiva richiesta entro i termini indicati, Google potrebbe adottare misure coercitive. In caso di violazioni gravi o ripetute, Google può intraprendere azioni immediate e senza preavviso.
  • Sospensione del programma per terze parti: la partecipazione ai programmi per terze parti di Google come Google Partners è subordinata al rispetto delle norme per terze parti. Google ha facoltà di limitare o sospendere la partecipazione della terza parte a tali programmi se appura che questa stia violando le norme o si rifiuti di collaborare alla verifica della sua conformità.
  • Disattivazione dei domini: in caso di violazione delle norme per terze parti, Google può sospendere i siti web che promuovono i servizi dell'agenzia. In altri termini, i siti web in questione non potranno più essere promossi sulla rete pubblicitaria di Google finché il problema non verrà risolto.
  • Sospensione dell'account pubblicitario: possiamo sospendere gli account pubblicitari Google in caso di grave violazione delle norme. In caso di violazioni ripetute o particolarmente gravi, gli account pubblicitari Google potrebbero essere sospesi in modo permanente, il che significa che l'agenzia in questione non potrà più fare pubblicità con Google. Inoltre, Google si riserva il diritto di contattare i clienti dell'agenzia per darne comunicazione.
 

Segnalazione di una violazione delle norme per terze parti

Ritieni che un partner terzo stia violando questa norma? Faccelo sapere:
Segnalazione di una violazione delle norme per terze parti
Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Stai visualizzando le norme pubblicitarie. Per assistenza di carattere generale su AdWords, consulta il Centro assistenza AdWords.