Norme

Attività non valide: account sospeso

Oltre a monitorare le violazioni delle norme, analizziamo tutti i clic e le impressioni per determinare se rispondono a un modello di utilizzo in grado di aumentare in modo artificioso i costi di un inserzionista o le entrate di un publisher. Se appuriamo l'esistenza di traffico non valido nell'account, potremmo sospenderlo e rimborsarne le entrate e la quota di compartecipazione alle entrate di Google agli inserzionisti danneggiati.

La sospensione dell'account ti dà il tempo di verificare le sorgenti del traffico non valido, identificare e bloccare il traffico sospetto e prendere le misure necessarie a garantirne la validità. Le sospensioni sono inappellabili. Consigliamo di utilizzare Google Analytics per Firebase per comprendere, monitorare e valutare meglio il traffico verso la tua app. Ciò può anche aiutarti a identificare le sorgenti del traffico non valido. Per ulteriori informazioni, visita il Centro risorse per la qualità del traffico sugli annunci.

Tieni presente che, qualora si verificassero ulteriori problemi nell'account AdMob durante il periodo di sospensione provvisoria, l'account potrebbe essere disattivato definitivamente anche prima della fine di tale periodo. Se, dopo l'annullamento della sospensione dell'account, il traffico non valido persistesse, continuando a generare traffico di scarsa qualità nel nostro ecosistema pubblicitario, potremmo limitare o disattivare la pubblicazione degli annunci, sospendere nuovamente l'account o disattivare il tuo account per tutelare i nostri inserzionisti e gli utenti.

Per aiutarti a capire i motivi che potrebbero portare alla sospensione dell'account di un publisher per traffico non valido, indichiamo di seguito i più ricorrenti. Tieni presente che l'elenco non è completo, ma include solo i motivi principali.

Motivi ricorrenti per i quali gli account AdMob vengono sospesi per traffico non valido

Clic sugli annunci nella propria app
  • I publisher non possono fare clic sui propri annunci, né utilizzare tecniche in grado di aumentare artificiosamente le impressioni e/o i clic, inclusi metodi manuali. Non è consentito fare clic sui propri annunci a scopo di test.
  • Per evitare di generare clic non validi, utilizza gli annunci di prova (disponibili per Android o iOS).
Uno o più utenti ha fatto ripetutamente clic sugli annunci nella tua app
  • I publisher non devono gonfiare in modo artificioso le impressioni o i clic sugli annunci né manualmente né mediante strumenti automatici.
  • I publisher non possono chiedere ad altre persone di fare clic sui propri annunci. Sono comprese la richiesta agli utenti di sostenere la propria app, l'offerta di ricompense per i clic sugli annunci o prome di raccogliere fondi per terze parti in cambio di tale comportamento.
Posizionamento degli annunci ingannevole per gli utenti o generazione di clic accidentali
  • I publisher non sono in alcun modo autorizzati a incoraggiare gli utenti a fare clic sugli annunci Google. Sono compresi, tra gli altri, il posizionamento degli annunci troppo vicino a elementi selezionabili nell'app, l'implementazione degli annunci in modo tale che impediscano agli utenti di visualizzare i contenuti e le funzionalità principali dell'app e la modifica delle dimensioni degli annunci affinché siano non standard, invisibili o di difficile visualizzazione per l'utente. Consulta la guida all'implementazione.

Risorse

Moduli di contatto

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?