Gestire le app Android private in Google Play

Rendere disponibili agli utenti le app di lavoro interne

Versioni supportate per questa funzionalità: Frontline, Business Starter, Standard e Plus; Enterprise; Education Fundamentals, Standard, Teaching and Learning Upgrade e Plus; G Suite Basic e Business; Essentials; Cloud Identity Free e Premium.  Confronta la tua versione

Puoi ospitare le app Android destinate alla tua organizzazione nella versione gestita di Google Play Store e specificare chi può scaricarle. Con la versione gestita di Google Play puoi anche usufruire di controlli di sicurezza, come l'autenticazione utente e il rilevamento di malware.

Puoi pubblicare le app private su Play Store dalla Console di amministrazione Google o da Google Play Console. Dopo che aggiungi un'app privata all'elenco delle app, gli utenti possono scaricarla dalla versione gestita del Play Store sul proprio dispositivo Android. Possono trascorrere alcune ore prima che l'app sia disponibile per gli utenti.

Prima di iniziare

Leggi le sezioni seguenti per decidere come pubblicare l'app e per altre considerazioni importanti.

Apri tutto in questa sezione  |  Chiudi tutto

Differenze tra gestire le app private nella Console di amministrazione e in Google Play Console

Ti consigliamo di utilizzare Google Play Console se si verifica quanto segue:

  • Hai già app private esistenti in Play Console. Non puoi gestire app private esistenti nella Console di amministrazione.

Ti consigliamo di utilizzare la Console di amministrazione se:

  • Non hai intenzione di rendere pubbliche le tue app private.
  • Non vuoi pagare una quota di registrazione una tantum pari a $ 25.
  • Vuoi che nell'elenco delle tue app siano incluse tutte le app gestite: app per dispositivi mobili pubbliche, app SAML e app private.
  • Vuoi rendere l'app disponibile solo a determinati gruppi e unità organizzative.
Informazioni importanti sulla pubblicazione di app
  • Le app non possono essere pubblicate contemporaneamente sia come app private e sia sul Google Play Store pubblico. Se un'app con lo stesso ID è stata pubblicata da un'altra organizzazione (pubblicamente o privatamente), non potrai pubblicarla finché lo sviluppatore non avrà cambiato l'ID applicazione per la tua variante. Tuttavia, puoi aggiungere le app pubbliche al tuo elenco di app per renderle disponibili agli utenti come app gestite. Grazie a questa configurazione, i tuoi utenti potranno trovare facilmente tutte le app per il lavoro in un unico posto.
  • Se pubblichi un'app sul Google Play Store pubblico, puoi impostarla come privata, ma non potrai gestirla nella Console di amministrazione.
  • Le app private non supportano le funzionalità di fatturazione. I publisher non possono addebitare alcun costo per le app private.
  • In Play Console non puoi pubblicare l'app per un gruppo specifico di utenti. Puoi pubblicare un'app destinata a un paese specifico o a specifici modelli di dispositivi. Se vuoi provare una versione beta della tua app con gruppi specifici o con determinati utenti di Play Store, puoi configurare alpha e beta test.
  • Le dimensioni dell'app devono essere inferiori al limite stabilito per il download.

Opzione 1: pubblica le app private dalla Console di amministrazione

Per caricare e pubblicare app private nella Console di amministrazione è sufficiente avere un pacchetto di applicazioni Android (APK, Android Application Package) e un titolo. Quando pubblichi un'app privata per la prima volta, viene creato un account Play Console per conto della tua organizzazione. Le app private vengono approvate automaticamente per la tua organizzazione e in genere sono pronte per la distribuzione entro 10 minuti. Puoi caricare fino a 15 app private al giorno.

  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai ad Applicazionie poiApp web e per dispositivi mobili.

  3. Fai clic su Aggiungi appe poiAggiungi app Android privata.
  4. Fai clic su Crea "" in fondo alla pagina.
  5. Inserisci un titolo.
  6. Fai clic su Carica APK.
  7. Seleziona un APK e fai clic su Apri.
  8. Fai clic su Seleziona.
  9. Specifica chi può trovare e scaricare l'app.
    • Per consentire a tutti gli utenti dell'organizzazione di installare l'app, seleziona Intera organizzazione.
    • Per consentire solo a determinati utenti di installare l'app, fai clic su Seleziona gruppi o Seleziona unità organizzative. Puoi aggiungere sia gruppi sia unità organizzative. Versioni supportate per questa funzionalità: Frontline, Business Plus; Enterprise; Education Standard e Plus; G Suite Basic e G Suite Business; Cloud Identity Premium.  Confronta la tua versione

      Groups settings are applied at the top organizational unit level and override organizational unit settings. If a user belongs to multiple groups with conflicting configurations, the settings are applied in order of group precedence, which you can set after you add the app.

  10. Fai clic su Continua.
  11. Imposta le opzioni per l'app.
    • Metodo di accesso: scegli in che modo gli utenti ricevono l'app. Per applicare una configurazione gestita prima di procedere all'installazione forzata di un'app, seleziona Disponibile e completa la configurazione dell'app, quindi applica la configurazione gestita e modifica le impostazioni dell'app per installarla in modo forzato.
      • Per consentire agli utenti di installare l'app autonomamente, seleziona Disponibile. Con questa opzione, gli utenti che non hanno bisogno dell'app non sono obbligati a scaricarla.
      • Per installare l'app su tutti i dispositivi gestiti, seleziona Forza installazione. Con questa opzione, l'app viene installata automaticamente su tutti i dispositivi gestiti e non è possibile negare il consenso. In via facoltativa, puoi impedire agli utenti di disinstallare un'app installata in modo forzato.

        L'installazione forzata è supportata anche nella Gestione dispositivi mobili di base con le versioni Business Plus, Enterprise, G Suite Business e Cloud Identity Premium.

    • Consenti agli utenti di aggiungere widget alla schermata Home: consenti agli utenti di creare una scorciatoia alla schermata home se è disponibile un widget.
    • Utilizza come app VPN sempre attiva: se questa opzione è attiva, il traffico delle app da un profilo di lavoro o da un dispositivo gestito deve passare attraverso questa app. Richiede Android 7.0 o versioni successive. Questa impostazione crea una connessione di rete più sicura per il traffico del profilo di lavoro.
  12. Fai clic su Fine.
A seconda dell'app, potrebbero essere disponibili altre opzioni delle impostazioni. Per maggiori dettagli, vedi Configurare le impostazioni delle app.

Modificare e annullare la pubblicazione delle app private dalla Console di amministrazione

Apri tutto in questa sezione  |  Chiudi tutto e torna all'inizio


Modificare il titolo o l'APK di un'app privata
  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai ad Applicazionie poiApp web e per dispositivi mobili.

  3. Fai clic su Aggiungi appe poiAggiungi app Android privata.
  4. Seleziona l'app privata che vuoi modificare.
  5. Fai clic su Modifica.
  6. Aggiorna il titolo o fai clic su modifica per caricare un nuovo APK.
  7. Fai clic su Salva.
Modificare i dettagli avanzati delle app private

Per aggiungere una descrizione, degli screenshot e altri dettagli avanzati relativi all'app:

  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai ad Applicazionie poiApp web e per dispositivi mobili.

  3. Fai clic su Aggiungi appe poiAggiungi app Android privata.
  4. Seleziona l'app privata che vuoi modificare.
  5. Fai clic su Apporta modifiche avanzate.
  6. Vai a Crescitae poiPresenza nello Storee poiScheda dello Store principale.
  7. Apporta le modifiche necessarie e fai clic su Salva.
Annullare la pubblicazione di un'app privata

Se annulli la pubblicazione di un'app privata, questa non sarà disponibile per i nuovi utenti, che non potranno trovarla né scaricarla dalla versione gestita di Google Play. Tuttavia, gli utenti esistenti potranno continuare a utilizzarla.

Per annullare la pubblicazione di un'app:

  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai ad Applicazionie poiApp web e per dispositivi mobili.

  3. Fai clic su Aggiungi appe poiAggiungi app Android privata.
  4. Seleziona l'app privata di cui vuoi annullare la pubblicazione.
  5. Fai clic su Apporta modifiche avanzate.
  6. Accedi alla Play Console utilizzando un Account Google. In futuro, potrai utilizzare questo account per accedere a Play Console.
  7. Vai a Releasee poiConfigurazionee poiImpostazioni avanzate.
  8. Nella sezione Disponibilità dell'app, seleziona Annulla pubblicazione.

Opzione 2: pubblica le app private da Play Console

Per le istruzioni, vedi Pubblicare app private da Play Console. Nota: per evitare di pagare la tariffa di registrazione, segui le istruzioni contenute in questo articolo su come pubblicare app private dalla Console di amministrazione.

Specificare chi può pubblicare e accedere alle app private

Se non sei tu a pubblicare le app private, puoi consentire ad altri utenti o sviluppatori di terze parti di pubblicarle. Se la tua organizzazione utilizza la versione gestita di Google Play senza un EMM (prima denominata canale privato di Google Play) per autorizzare l'accesso alle app private, devi consentire esplicitamente agli utenti di accedere e scaricare le app private. Per le istruzioni, consulta le sezioni seguenti.

Apri tutto in questa sezione  |  Chiudi tutto e torna all'inizio

Consentire ad altri utenti di pubblicare app private
Per far sì che l'azienda mantenga l'accesso alle app pubblicate se un dipendente va via, consigliamo agli amministratori di creare account di ruolo dedicati. Puoi anche configurare un ruolo di amministratore che consenta il caricamento di app private.
Prima di iniziare: per applicare l'impostazione a determinati utenti, inserisci i loro account in un'unità organizzativa.
  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Fai clic su Applicazionie poiServizi Google aggiuntivi.
  3. Per applicare l'impostazione a tutti, lascia selezionata l'unità organizzativa di primo livello. Altrimenti, seleziona un'unità organizzativa secondaria.
  4. Attiva Google Play Console per gli utenti dell'unità organizzativa selezionata.
  5. Sulla sinistra della Console di amministrazione, vai a Dispositivi ""e poiDispositivi mobili ed endpointe poiImpostazioni di Android.
  6. Fai clic su App e condivisione datie poiApp private di Google Play.
  7. Per applicare l'impostazione a tutti, lascia selezionata l'unità organizzativa di primo livello. Altrimenti, seleziona un'unità organizzativa secondaria.
  8. Per consentire agli utenti dell'unità organizzativa selezionata di pubblicare app private, seleziona la casella Consenti agli utenti di pubblicare e aggiornare app private di Google Play
  9. Fai clic su Salva. Se hai configurato un'unità organizzativa secondaria, potresti essere in grado di ereditare o ignorare le impostazioni di un'unità organizzativa principale.
Consentire a sviluppatori di terze parti di pubblicare app

Per le istruzioni, vedi Pubblicare app private da Play Console.

Nessun EMM: consentire agli utenti di accedere alle app private
Prima di iniziare: per applicare l'impostazione a determinati utenti, inserisci i loro account in un'unità organizzativa.
  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai a Dispositivi.
  3. A sinistra, fai clic su Dispositivi mobili ed endpointe poiImpostazionie poiImpostazioni di Android.
  4. Fai clic su App e condivisione datie poiApp private di Google Play.
  5. Per applicare l'impostazione a tutti, lascia selezionata l'unità organizzativa di primo livello. Altrimenti, seleziona un'unità organizzativa secondaria.
  6. Seleziona la casella Consenti agli utenti di accedere alle app private di Google Play.
  7. Fai clic su Salva. Se hai configurato un'unità organizzativa secondaria, potresti essere in grado di ereditare o ignorare le impostazioni di un'unità organizzativa principale.

Argomenti correlati

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
73010
false