Configurare GSSMO nella Console di amministrazione Google

Questa pagina si rivolge agli amministratori che prevedono di implementare G Suite Migration for Microsoft® Outlook (GSMMO) per i propri utenti. Per installare GSMMO autonomamente e iniziare a utilizzarlo, devi invece fare riferimento alla guida per gli utenti di GSMMO.

Panoramica

GSMMO consente ai singoli utenti di eseguire la migrazione del calendario, dei contatti e dei dati relativi alla posta da Microsoft Exchange o da un file PST locale a un account G Suite. Gli amministratori possono utilizzare la versione da riga di comando dell'utilità per eseguire la migrazione dei dati per conto di un singolo utente.

Nota: viene eseguita solo la migrazione dei contatti personali di ciascun utente. Affinché l'Elenco indirizzi globale, inclusi i contatti condivisi, sia disponibile per gli utenti, l'amministratore deve prima eseguire la migrazione dei dati con un'utilità come Google Cloud Directory Sync.

Requisiti di sistema di Windows per i computer client

Ogni computer degli utenti che esegue l'utilità di migrazione deve avere la seguente configurazione minima:

  • Microsoft Windows®:
    Windows Vista (32 bit) SP1 
    Windows Vista (64 bit) SP1 
    Windows 7 e 8 (32 e 64 bit)
    Windows 10 (32 e 64 bit)

Indipendentemente dalla versione di Windows in uso, ti consigliamo di eseguire l'upgrade alle patch più recenti per la versione.

  • Microsoft Outlook 2003 SP3 
    Microsoft Outlook 2007 SP2 (o SP1 con l'aggiornamento rapido
    Microsoft Outlook 2010 (32 e 64 bit)
    Microsoft Outlook 2013 (32 e 64 bit)
    Microsoft Outlook 2016 (32 e 64 bit)
Eseguire il provisioning degli utenti in G Suite

Affinché gli utenti possano eseguire la migrazione dei dati, devi eseguire il provisioning dei loro account in G Suite. Per maggiori dettagli, consulta la sezione relativa alla creazione di un nuovo utente. Ogni utente, inclusi gli amministratori di G Suite, deve anche accedere al proprio account G Suite almeno una volta per accettare i Termini di servizio di Google.

Oltre a eseguire il provisioning degli account utente in G Suite, puoi:

  • Creare per i tuoi utenti nickname corrispondenti agli alias utilizzati sul server Exchange
  • Creare gruppi corrispondenti alle mailing list presenti sul server Exchange
  • Aggiungere alias di dominio
Eseguire la migrazione dei contatti condivisi (facoltativo)

Prima che i tuoi utenti eseguano la migrazione dei loro dati, puoi eseguire la migrazione dei tuoi contatti condivisi a G Suite in modo che gli utenti abbiano accesso immediato al tuo elenco indirizzi completo.

Per informazioni sulla migrazione dei contatti, consulta:

Installare G Suite Migration for Microsoft Outlook

Dopo aver configurato G Suite, verificato i requisiti di sistema di Windows su ogni computer client, eseguito il provisioning degli utenti in G Suite ed eseguito la migrazione dei contatti condivisi, il passaggio successivo è l'installazione di G Suite Migration for Microsoft Outlook sul computer di ogni utente.

Sono disponibili due opzioni di installazione:

  • Push di un file MSI agli utenti che potranno quindi utilizzare l'opzione Esegui programmi annunciati nel pannello di controllo di Windows. Scarica il file .msi indicato sotto (assicurati di scegliere la versione corretta per la versione di Outlook degli utenti). Per informazioni sull'implementazione del file .msi, consulta la documentazione relativa a Windows.

    Scarica il file GoogleAppsClientMigration.msi:
  • Consenti ai tuoi utenti di scaricare l'utilità dalla pagina di download di GSMMO e di completare l'installazione autonomamente.

Per eseguire il programma di installazione:

Fai doppio clic su OutlookMigrationSetup.exe, quindi fai clic su Esegui.

L'utilità viene installata nel percorso seguente:
C:\Programmi\Google\Google Apps Migration\ClientMigration.exe.

Esecuzione di migrazioni

Esegui una sola istanza dell'utilità su un computer ed esegui una sola istanza dell'utilità per ogni utente.

Per informazioni dettagliate sull'utilizzo dell'utilità per eseguire le migrazioni, visita il Centro assistenza GSMMO.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?