Best practice per migrazioni di grandi dimensioni a Google Drive

Questo articolo è rivolto alle organizzazioni che intendono eseguire la migrazione di centinaia di migliaia di file da un sistema di terze parti a Google Drive. Prima di eseguire una migrazione di questo tipo, consulta queste best practice. Queste linee guida rappresentano un riferimento di base su come affrontare una migrazione.

Ciascuna cartella di Il mio Drive di un utente può contenere massimo 500.000 elementi e ciascun Drive condiviso può contenere un totale di 400.000 elementi.

Evita di riempire le cartelle e i Drive condivisi durante una migrazione, in modo che possano crescere in modo organico man mano che gli utenti creano nuovi contenuti. Scopri di più sui limiti per le cartelle su Drive.

Prima di iniziare

Per la maggior parte delle migrazioni di grandi dimensioni:

Creazione e proprietà dei file

Importante: per ridurre la possibilità di errori e migliorare le prestazioni sia durante sia dopo la migrazione, non consentire agli utenti di creare o possedere più di 400.000 file, cartelle o scorciatoie.

Per accelerare la migrazione, utilizza invece gli account di servizio per condividere la creazione dei file in più account. Gli account di servizio sono account computer che svolgono funzioni aziendali che non richiedono l'intervento umano in Google Workspace.

Struttura delle cartelle

Se le dimensioni delle gerarchie delle cartelle aumentano notevolmente, l'aggiornamento può richiedere molto tempo. Per facilitare l'aggiornamento di autorizzazioni ed elementi, evita di inserire troppi elementi in un'unica cartella o di nidificare profondamente le gerarchie. Evita di nidificare più di 20 livelli di cartelle in Il mio Drive o in un Drive condiviso. Vedi Limiti dei Drive condivisi.

Utilizzare Drive condivisi

I file vengono creati dagli utenti e successivamente possono essere aggiunti a un Drive condiviso, che a questo punto ne diventa proprietario. Inserisci gli elementi che non devono necessariamente appartenere a una sola persona in un Drive condiviso. Puoi anche aggiungere gruppi specifici come membri del Drive condiviso.

Se qualcuno lascia l'organizzazione, i file contenuti nei Drive condivisi rimangono disponibili. Il team può continuare a condividere informazioni e lavorare ovunque, da qualsiasi dispositivo. Per saperne di più, vedi Cosa sono i Drive condivisi?.

Condivisione e autorizzazioni su Google Drive

L'ereditarietà è un concetto fondamentale per capire la condivisione dei file su Drive e per eseguire correttamente la migrazione. I file ereditano le autorizzazioni di condivisione delle cartelle in cui si trovano. Pertanto, in genere è consigliabile applicare le autorizzazioni alle cartelle prima di aggiungere i file. 

Limiti di caricamento, quote ed esenzioni

Altri limiti di sistema proteggono i dati e assicurano le prestazioni migliori. Per maggiori dettagli, vedi Limiti di spazio di archiviazione e di caricamento per Google Workspace e Limiti di utilizzo dell'API Drive.

Per evitare di superare i limiti e le quote, consulta le seguenti best practice e Monitora le quote dell'API. Se pensi di superare queste quote, richiedi un aumento.

  • Raggruppa più chiamate in un'unica richiesta utilizzando l'API Google Drive, in particolare quando modifichi i metadati dei file di molti elementi che appartengono allo stesso utente. Vedi API Google Drive.
  • Non consentire a un account di servizio di creare più di 400.000 file per conto di un determinato account utente.
  • Il limite di quota predefinito per l'API Drive è 20.000 chiamate ogni 100 secondi, per utente e per progetto. Questo limite si applica alla somma delle chiamate di lettura e scrittura.
  • La frequenza delle richieste di scrittura dell'API Drive è limitata: evita di superare 3 richieste di scrittura o inserimento al secondo per account. Nota: questo limite di frequenza non può essere aumentato.
  • Se si verificano errori durante la migrazione, segui i passaggi per risolverli. Vedi Rieseguire le richieste non riuscite per risolvere gli errori.

Utilizzare account di servizio per impersonare molti utenti e caricare i file

Importante: utilizza account di servizio per la delega solo quando l'identità appartiene a un singolo utente. Utilizzare l'account di servizio come proprietario comune per creare molti documenti condivisi può causare problemi di prestazioni. Non utilizzare account di servizio per acquisire quote di spazio di archiviazione aggiuntive o come membri di un dominio.

Gli account di servizio svolgono un ruolo fondamentale nelle migrazioni perché automatizzano la creazione dei contenuti per conto degli utenti, applicando autorizzazioni e inserendo elementi in modo appropriato nella struttura delle cartelle. Gli account di servizio possono aiutare a completare la migrazione più velocemente, distribuendo il carico della migrazione tra molti utenti.

Utilizzali per:

  • Creare contenuti per conto di un utente facendo in modo che lo impersonino.
  • Distribuire le richieste di caricamento e inserimento tra molti account utente. Per velocizzare il caricamento di contenuti su Google Drive ed evitare problemi di quota, usa un account di servizio con delega a livello di dominio per distribuire le attività di scrittura tra molti utenti impersonati diversi.

Consulta: 

Nota: anziché assegnare la proprietà di file e cartelle all'account di servizio che esegue il caricamento, inserisci i contenuti in un Drive condiviso o assegna la proprietà a un account utente.

Caricamento di video su Drive

In genere, i file video caricati su Drive vengono elaborati in modo da essere riprodotti direttamente nelle app mobile o web di Drive. Tuttavia, sono in vigore dei limiti per l'elaborazione dei video, allo scopo di proteggere i nostri sistemi, che potrebbero essere attivati dalle migrazioni. Se stai eseguendo la migrazione di una grande quantità di file video e hai bisogno che vengano riprodotti direttamente su Drive, contatta il tuo partner per la migrazione prima di procedere. Scopri di più su come archiviare e riprodurre video su Google Drive e sui limiti di caricamento di Google Drive.

Strategia di informazione

Prima della migrazione, progetta un sistema per organizzare gli elementi nel corpo di contenuti. Ad esempio, crea i metadati dei file e struttura i contenuti dell'organizzazione seguendo questi passaggi:

  • Applica proprietà di file personalizzate. Scopri di più
  • Limita le versioni autorevoli dei file mediante i blocchi. Scopri di più
  • Applica criteri di conservazione di Google Vault ai contenuti. Scopri di più
  • Specifica i criteri di condivisione della tua organizzazione. Scopri di più

Hai ancora bisogno di aiuto?

Contatta il tuo partner per la migrazione. Se non collabori con un partner, contatta l'assistenza Google Workspace.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
false
false
true
true
73010
false
false