Rettificare i dati di Trends

Per semplificare il confronto tra i termini, Trends normalizza i dati di ricerca.

I risultati di ricerca sono proporzionali alla data e all'area geografica di una query come descritto di seguito:

  • Ogni punto dati viene diviso per le ricerche totali dell'area geografica e l'intervallo di tempo che rappresenta, al fine di confrontare la frequenza relativa. Se ciò non venisse fatto, le aree geografiche con il maggior volume di ricerca avrebbero sempre il ranking più alto.
  • I risultati numerici vengono successivamente scalati in un intervallo da 0 a 100 in base alla proporzione dell'argomento su tutte le ricerche di tutti gli argomenti.
  • Anche se per diverse aree geografiche viene indicato lo stesso interesse di ricerca per un termine, non significa che i relativi volumi di ricerca totali siano uguali.

Provenienza dei dati di Trends

I dati di Google Trends sono un campione imparziale dei dati di ricerca di Google. I dati di Trends vengono compilati utilizzando solo una parte delle ricerche effettuate.

Esistono due tipi di dati di Trends:

  • I dati in tempo reale sono un campione casuale delle ricerche effettuate negli ultimi sette giorni.
  • I dati non in tempo reale sono un campione casuale dei dati di ricerca di Google che possono andare dal 2004 alle 36 ore precedenti la data della ricerca.

Una volta raccolti, i dati di ricerca vengono categorizzati e associati a un argomento, rimuovendo tutte le informazioni personali presenti.

Tipi di dati esclusi

  • Ricerche eseguite da pochissimi utenti: Trends mostra soltanto i dati relativi ai termini di ricerca più frequenti, pertanto per i termini con un ridotto volume di ricerca viene indicato il valore "0".
  • Ricerche duplicate: Trends elimina le ricerche ripetute dallo stesso utente in un breve periodo di tempo.
  • Caratteri speciali: Trends applica un filtro per rimuovere le query con apostrofi e altri caratteri speciali.