Acquisire informazioni dettagliate sul rendimento della strategia di offerta di Search Ads 360

Per comprendere il rendimento di una strategia di offerta di Search Ads 360, aggiungi colonne di analisi alle tabelle di rapporto della strategia di offerta:

  1. Accedi a un inserzionista.

    Passaggi per accedere a un inserzionista
    1. Fai clic sulla barra di navigazione per visualizzare le relative opzioni.

    2. Nell'elenco Agenzia fai clic sull'agenzia contenente l'inserzionista. Puoi cercare un'agenzia per nome o scorrendo l'elenco.

    3. Nell'elenco Inserzionista fai clic sull'inserzionista.

    4. Fai clic su Applica o premi il tasto Invio.

    In Search Ads 360 viene visualizzata la pagina dell'inserzionista che contiene dati relativi a tutti gli account motore dell'inserzionista.

  2. Nel pannello di navigazione a sinistra, fai clic su Strategie di offerta.

  3. Seleziona un intervallo di date che inizia a decorrere dal giorno in cui hai applicato (o da quello successivo) la strategia di offerta a campagne, gruppi di annunci o elementi disponibili.

  4. Aggiungi una qualsiasi delle colonne descritte qui sotto.

  5. Per concentrarti sul rendimento di specifici elementi disponibili, fai clic sul nome di una strategia di offerta nella colonna Strategie di offerta, quindi fai clic sulle schede Parole chiave o Gruppi di prodotti.

Colonne dei rapporti per l'analisi del rendimento di una strategia di offerta

Colonna di strategia di offerta Descrizione

% all'offerta max

% con offerta min.

Percentuale di spesa nell'ambito dell'intervallo selezionato in cui gli elementi disponibili hanno raggiunto la rispettiva effettiva offerta massima o minima, sia associata alla strategia di offerta in sé sia, nel caso di elementi disponibili che impostano le proprie offerte massime e minime, associata alle impostazioni specificate per i singoli elementi disponibili.

Ad esempio, nell'arco di giorni, 100 parole chiave su 1000 raggiungono la propria offerta massima per un totale di $ 100. La spesa totale per tutte le 1000 è $ 1000. Il valore di % con offerta max. per i sette giorni sarà pertanto 10%.

Se la percentuale è troppo alta, ti conviene adottare le opportune misure, in quanto potresti non riuscire a conseguire i tuoi obiettivi entro l'intervallo di offerta specificato. Ad esempio, se gli elementi disponibili hanno raggiunto l'offerta massima per un'elevata percentuale di giorni, potresti aumentare le offerte massime effettive.

Queste colonne possono essere aggiunte al rapporto sulle strategie di offerta (scheda Strategie di offerta) e al rapporto sulle parole chiave (scheda Parole chiave) relativo a una strategia di offerta, una campagna o un gruppo di annunci in particolare.

Costo ottimale

Importo ideale da spendere sulle conversioni, in funzione delle impostazioni di una strategia di offerta con obiettivo Conversioni, Entrate o Targeting avanzato.

Ad esempio:

  • Per le strategie CPA, il costo ottimale è dato da:
    CPA target × numero di conversioni
    Ad esempio, target CPA di $ 10 × 100 conversioni = costo ottimale di $ 1000.
  • Per le strategie di tipo ERS, il costo ottimale è dato da:
    ERS target × importo delle entrate
    Ad esempio, target ERS del 15% × importo entrate di $ 10.000 = costo ottimale di $ 1500
  • Per le strategie di offerta con targeting avanzato, Search Ads 360 calcola un costo ottimale distinto per ciascun target. Tuttavia, la colonna Costo ottimale visualizza il costo ottimale aggregato rilevato da tutti i target. Ad esempio, immagina di gestire una serie di parole chiave associate ad autonoleggi e impostare attività Floodlight e target della strategia di offerta diversi per autonoleggi, camere di albergo, tariffe aeree e pacchetti crociera. Search Ads 360 calcola i costi ottimali nel seguente modo:
    • 20 conversioni autonoleggio × obiettivo CPA di $ 9 = costo ottimale di $ 180
    • 5 conversioni camere d'albergo × obiettivo CPA di $ 20 = costo ottimale di $ 100
    • 5 conversioni tariffe aeree × obiettivo CPA di $ 30 = costo ottimale di $ 150
    • 1 conversione crociera × target CPA di $ 700 = costo ottimale di $ 700
    • Il costo ottimale totale sarà $ 1130, che corrisponderà a quanto riportato nella colonna Costo ottimale.

Il costo ottimale viene calcolato quotidianamente in base alle metriche del giorno. Ad esempio, se nella giornata dovessi modificare il target, Search Ads 360 non aggiorna il costo ottimale della settimana precedente. Il costo ottimale rispecchia sempre lo stato delle tue impostazioni del giorno in corso.

Search Ads 360 mostra un costo ottimale pari a 0 per le strategie di offerta con obiettivi di posizione poiché non vi sono target CPA o ERS associati.

% di costo ottimale

Proporzione tra costo effettivo e costo ottimale in una strategia di offerta con obiettivo Conversioni, Entrate o Targeting avanzato espresso in percentuale. Questo valore viene calcolato come
(costo effettivo / costo ottimale) * 100.

Strategia di offerta che rispetta l'obiettivo

Un valore pari al 100% indica che il costo effettivo corrisponde esattamente alla strategia di offerta.

Spesa della strategia di offerta inferiore al costo ottimale

Un valore inferiore al 100% indica che la strategia di offerta ha speso meno del costo ottimale durante l'intervallo di tempo del rapporto.

I motivi cui è imputabile una % di costo ottimale inferiore al 100% sono diversi. Ad esempio:

  • Impostazioni di offerta massima che impediscono alla strategia di offerta di spendere l'importo ottimale. Esamina la colonna % di errori di costo con offerta max per dettagli.
  • Il budget della campagna prevede un limite di spesa. In questo caso, prendi in considerazione l'aumento del budget della campagna.
  • Basso volume nella strategia di offerta. Ad esempio, se una strategia di offerta registra una media di due conversioni al giorno nel breve termine, la % di costo ottimale fluttuerà di più di una strategia di offerta a elevato volume. Se riscontri un numero basso di conversioni, aggiungi altre campagne alla strategia di offerta e/o altri target di conversione.

Spesa della strategia di offerta superiore al costo ottimale

Un valore superiore al 100% indica che la strategia di offerta ha speso più del costo ottimale durante l'intervallo di tempo del rapporto.

Le strategie di offerta si adoperano affinché il CPA, la ERS o il ROAS totale soddisfi i tuoi obiettivi. È possibile tuttavia che durante un breve periodo di tempo, il costo effettivo sia superiore al tuo obiettivo. In questo caso, la strategia di offerta diminuirà automaticamente le offerte per avvicinare il costo totale al tuo obiettivo.

% di errori di costo con offerta max

% di errori di costo con offerta min

Percentuale di errori di costo in una strategia di offerta con obiettivo Conversioni, Entrate o Targeting avanzato attribuibile a elementi vincolati da limiti dell'offerta.

L'errore di costo è dato dalla differenza tra il costo ottimale (importo che si sarebbe dovuto spendere) e il costo effettivo (importo speso). Questo valore viene calcolato come costo ottimale - costo effettivo.

I fattori che possono impedire a una strategia di offerta di spendere l'importo ottimale sono diversi, tra cui:

Per ridurre queste percentuali, potresti convenire modificare la tua offerta massima o minima. Ad esempio:

  • Un valore di 30 nelle colonne % di errori di costo con offerta max: il 30% degli errori è imputabile al tentativo di Search Ads 360 di aumentare l'offerta per consentire il raggiungimento dell'obiettivo di costo, che non riesce poiché il valore dell'offerta massima è già stato raggiunto. Per ridurre questa percentuale di errore, ti conviene aumentare l'offerta massima.
  • Un valore di 20 nella colonna % di errori di costo con offerta min: il 20% degli errori è imputabile al tentativo di Search Ads 360 di ridurre l'offerta per consentire il raggiungimento dell'obiettivo di costo, che non riesce poiché il valore dell'offerta minima è già stato raggiunto. Per ridurre questa percentuale di errore, ti conviene abbassare l'offerta minima.

Diff. da posizione target

Differenza tra la posizione effettiva in cui vengono visualizzati gli annunci della rete di ricerca e la posizione target della strategia di offerta.

  • I valori negativi indicano che gli annunci vengono visualizzati più in alto nella pagina di ricerca rispetto al target. L'offerta minima impostata per la strategia di offerta o per le singole parole chiave potrebbe precludere la strategia d'offerta dall'offrire di meno e così raggiungere una posizione parola chiave inferiore.
  • I valori positivi indicano che gli annunci vengono visualizzati più in basso nella pagina di ricerca rispetto al target. L'offerta massima impostata per la strategia di offerta o per le singole parole chiave potrebbe impedire alla strategia d'offerta di offrire di più e così raggiungere una posizione parola chiave superiore.

Per calcolare la differenza dalla posizione target, Search Ads 360 utilizza la posizione target della strategia di offerta per ricavare l'errore di posizione medio e poi pondera tale valore rispetto alle impressioni. 

​​​Le informazioni proposte nella restante sezione illustrano le posizioni target della strategia di offerta e gli errori di posizione oltre a calcolare la differenza tra la posizione target negli esempi. 

Posizione target per parole chiave

In una strategia con un obiettivo Posizione, la posizione target deriva dalla posizione specificata nella strategia di offerta.

In altri tipi di strategie di offerta in cui facoltativamente specifichi un vincolo di posizione, è la strategia di offerta in sé a ottenere la posizione target in base alle proprie impostazioni di offerta minima e massima, così come al rendimento della parola chiave. Se imponi in modo esplicito un vincolo di posizione, il target ideale potrebbe essere al di fuori dei limiti di tale vincolo. Tieni presente che la strategia di offerta punterà sempre a mantenersi entro i limiti di tale vincolo di offerta, ignorando il target ideale.

Errore di posizione

L'errore di posizione viene calcolato in modo diverso in base all'impostazione o meno di un vincolo di posizione più bassa. 

Se per una parola chiave viene specificato un vincolo di posizione più basso, l'errore di posizione equivarrà alla differenza tra la posizione media effettiva e l'intervallo di posizioni (da posizione target a posizione più bassa: l'intervallo di posizioni ideale).

Tieni presente che se la posizione di una parola chiave rientra nell'intervallo di posizioni, l'errore di posizione è 0.

Se per una parola chiave non viene specificato un vincolo di posizione più bassa, l'errore di posizione equivarrà alla differenza tra la posizione media effettiva e il target posizione della strategia di offerta.

Esempio con un vincolo di posizione più bassa:

  1.  Una strategia di offerta sceglie come target la posizione 1.
  2. La posizione più bassa della strategia di offerta è 4.
  3. La posizione media per una parola chiave è 5,5.
  4. L'errore di posizione è 1,5, pari alla differenza tra la posizione media e la posizione più bassa nell'ambito dell'intervallo target (5,5 - 4).

Esempio senza un vincolo di posizione più bassa:

  1. Una strategia di offerta sceglie come target la posizione 2.
  2. La posizione media per una parola chiave è 5,5.
  3. L'errore di posizione è 3,5, pari alla differenza tra la posizione media effettiva e la posizione target.

Numerosi fattori contribuiscono a creare un errore di posizione, tra cui:

  • Fluttuazione imprevista delle offerte dei concorrenti.
  • Definizione di un target di posizione che la strategia di offerta relativa alla posizione non è in grado di raggiungere.
  •  Definizione di un vincolo di posizione troppo ristretto in una strategia di offerta ROI o relativa al numero di clic.

Differenza dalla posizione target

Per calcolare la differenza dalla posizione target, Search Ads 360 pondera l'errore di posizione medio rispetto alle impressioni.

Ad esempio, ipotizza una strategia di offerta con un intervallo di posizioni target di 1,0 e un vincolo di posizione minimo di 4,0 per una parola chiave. La strategia di offerta viene eseguita per due giorni. Se la parola chiave riceve 1000 impressioni con una posizione media di 2,0 il primo giorno e 500 impressioni con una posizione media di 5,5 il secondo giorno, la posizione media della strategia di offerta sarà:

  • (2,0 x 1000 + 5,5 x 500) / 1500 = 3,83

3,83 è compreso nell'intervallo della posizione target, quindi potresti pensare che l'errore è pari a 0. Tuttavia, un terzo delle impressioni non è stato incluso nell'intervallo della posizione.

La colonna Diff. da posizione target somma i valori di errore di posizione a livello di parola chiave, ponderati per impressioni delle parole chiave:

  • (0 x 1000 + 1,5 x 500) / 1500 = 0,5

Nel calcolo riportato sopra, il valore di errore per il primo giorno è pari a 0, poiché la posizione 2,0 rientra nell'intervallo target di 1,0 - 4,0. Per calcolare il valore di errore per il secondo giorno, Search Ads 360 prende la differenza dalla posizione del secondo giorno (5,5) al limite inferiore dell'intervallo target (4,0) e il risultato è 1,5. Search Ads 360 pondera quindi il risultato rispetto al numero di impressioni (500) e divide l'intero termine per tutte le impressioni (1.500).

% di errori di posizione con offerta max

% di errori di posizione con offerta min

Percentuale dell'errore di posizione attribuibile a elementi disponibili vincolati da un target di posizione impostato in una strategia di offerta con obiettivo Posizione o un vincolo di posizione impostato in altri tipi di strategie di offerta.

Ad esempio:

  • Un valore di 30 indica che il 30% degli errori è imputabile al tentativo di Search Ads 360 di aumentare l'offerta per una parola chiave per raggiungere l'obiettivo di posizione, che non riesce poiché il valore dell'offerta massima è già stato raggiunto.
  • Un valore di 30 indica che il 30% degli errori è imputabile al tentativo di Search Ads 360 di ridurre l'offerta per una parola chiave per raggiungere l'obiettivo di posizione, che non riesce poiché il valore dell'offerta minima è già stato raggiunto.

Per diminuire queste percentuali:

  • In una strategia di offerta relativa alla posizione, modifica la posizione target della strategia di offerta o, se hai definito un vincolo di posizione più bassa, modifica il vincolo. 
  • Nelle strategie di offerta ROI, ti conviene rettificare le impostazioni della posizione più alta e di posizione più bassa.
In queste percentuali, potrebbero essersi verificati errori dovuti a fattori esterni ai vincoli di offerta.
Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?