Abbonamenti

In qualità di sviluppatore, devi evitare di fuorviare gli utenti in merito a servizi o contenuti in abbonamento offerti all'interno dell'app. È fondamentale includere comunicazioni chiare in tutte le promozioni in-app o nelle schermate iniziali. Sono vietate le app che sottopongono gli utenti a esperienze di acquisto ingannevoli o manipolatorie (inclusi abbonamenti o acquisti in-app).

La tua offerta deve essere trasparente. Questo significa, tra le altre cose, indicare esplicitamente i termini dell'offerta, il costo dell'abbonamento, la frequenza del ciclo di fatturazione e se sia necessario un abbonamento per usare l'app. Agli utenti non dovrebbe essere richiesta alcuna ulteriore azione per esaminare le informazioni.

Gli abbonamenti devono fornire un valore ricorrente o costante agli utenti tramite la durata dell'abbonamento e non possono essere usati per offrire agli utenti vantaggi una tantum (ad esempio, SKU che offrono una forma di pagamento in crediti/valuta in-app o potenziamenti per i giochi da usare una sola volta). Il tuo abbonamento può offrire bonus promozionali o incentivi, ma questi devono essere complementari al valore ricorrente o costante fornito tramite la durata dell'abbonamento. I prodotti che non offrono un valore ricorrente o costante devono usare un prodotto in-app invece di un prodotto in abbonamento.

Non puoi camuffare o definire in modo errato i vantaggi una tantum come abbonamenti. È inclusa la modifica di un abbonamento affinché diventi un'offerta una tantum (ad esempio l'annullamento, il ritiro o la riduzione del valore ricorrente) dopo che l'utente ha acquistato l'abbonamento.

Esempi di violazioni
  • Abbonamenti mensili che non informano gli utenti del fatto che il rinnovo sarà automatico e che l'addebito avverrà ogni mese.
  • Abbonamenti annuali che evidenziano il prezzo in termini di costo mensile.
  • Termini e prezzi dell'abbonamento localizzati in modo incompleto.
  • Promozioni in-app che non spiegano chiaramente che l'utente può accedere ai contenuti anche senza abbonamento (quando disponibile).
  • Nomi di SKU che non riflettono in modo accurato il tipo di abbonamento, ad esempio "Prova senza costi aggiuntivi" o "Prova l'abbonamento Premium: 3 giorni senza costi" per un abbonamento con addebito automatico per il rinnovo. 
  • Diverse schermate nel flusso di acquisto che portano gli utenti a fare clic in modo involontario sul pulsante Abbonati.
  • Abbonamenti che non offrono un valore ricorrente o costante, ad esempio l'offerta di 1000 gemme il primo mese per poi ridurre il vantaggio a 1 gemma nei mesi seguenti dell'abbonamento.
  • Registrazione obbligatoria da parte dell'utente a un abbonamento con rinnovo automatico per poter ottenere un vantaggio una tantum e annullamento dell'abbonamento di un utente senza che venga richiesto dopo l'acquisto.
Esempio 1:

① Il pulsante Ignora non è chiaramente visibile e gli utenti potrebbero non comprendere che possono accedere alla funzionalità senza accettare l'offerta dell'abbonamento.

② Il prezzo dell'offerta viene visualizzato solo in termini di costo mensile e gli utenti potrebbero non comprendere che verrà addebitato loro il costo semestrale in un'unica soluzione al momento della sottoscrizione dell'abbonamento.

③ L'offerta mostra solo il prezzo di lancio e gli utenti potrebbero non comprendere quale importo verrà loro addebitato automaticamente al termine del periodo di lancio.

④ L'offerta deve essere localizzata nella stessa lingua dei termini e condizioni, in modo tale che gli utenti possano comprendere l'offerta nella sua totalità.

 

Esempio 2:

① Clic ricorrenti nella stessa area del pulsante potrebbero comportare il clic involontario da parte dell'utente sul pulsante "Continua" finale che consente di abbonarsi.

② L'importo che verrà addebitato agli utenti al termine della prova è poco leggibile, pertanto gli utenti potrebbero pensare che il piano sia senza costi.

COMPRIMI TUTTO ESPANDI TUTTO

 

Prove gratuite e offerte di lancio

Prima che un utente attivi l'abbonamento offerto dall'app: lo sviluppatore deve specificare in modo chiaro e preciso i termini della sua offerta includendo la durata, i prezzi e una descrizione dei contenuti o dei servizi accessibili. Lo sviluppatore deve assicurarsi di informare l'utente di quando e come una prova gratuita si convertirà in un abbonamento a pagamento, di quanto costerà tale abbonamento e del fatto che l'utente potrà annullare la prova gratuita qualora non voglia che si converta in un abbonamento a pagamento.
Esempi di violazioni
  • Offerte che non spiegano chiaramente quanto durerà la prova gratuita o il prezzo di lancio.
  • Offerte che non spiegano chiaramente che, al termine del periodo dell'offerta, per l'utente verrà automaticamente attivato un abbonamento a pagamento.
  • Offerte che non spiegano chiaramente che l'utente può accedere ai contenuti senza una prova (quando disponibile).
  • Prezzi e termini dell'offerta localizzati in modo incompleto.
 

① Il pulsante Ignora non è chiaramente visibile e gli utenti potrebbero non comprendere che possono accedere alla funzionalità senza iscriversi alla prova gratuita.

② L'offerta mette in evidenza la prova gratuita e gli utenti potrebbero non comprendere che alla fine del periodo di prova verrà effettuato un addebito a loro carico.

③ L'offerta non specifica il periodo di prova e gli utenti potrebbero non comprendere per quanto tempo durerà il loro accesso gratuito ai contenuti in abbonamento.

④ L'offerta deve essere localizzata nella stessa lingua dei termini e condizioni, in modo tale che gli utenti possano comprendere l'offerta completa.

 

Gestione degli abbonamenti, annullamento e rimborsi

Se vendi abbonamenti nella tua app o nelle tue app, devi assicurarti che comunichino chiaramente in che modo l'utente può gestire o annullare il proprio abbonamento. Inoltre, nell'app devi includere l'accesso a un metodo online facile da usare per annullare l'abbonamento. Nelle impostazioni dell'account della tua app (o nella pagina equivalente), puoi soddisfare i requisiti includendo:

  • Un link al Centro abbonamenti di Google Play (per le app che usano il sistema di fatturazione di Google Play); e/o
  • L'accesso diretto alla procedura di annullamento.

Se un utente annulla un abbonamento acquistato mediante il sistema di fatturazione di Google Play, le norme generali di Google prevedono che l'utente non riceva un rimborso per il periodo di fatturazione corrente, ma che continui a ricevere i contenuti in abbonamento per il resto di tale periodo di fatturazione a prescindere dalla data dell'annullamento. L'annullamento da parte dell'utente diventa valido al termine del periodo di fatturazione corrente.

In qualità di fornitore dei contenuti o dell'accesso, puoi implementare norme sui rimborsi più flessibili direttamente con i tuoi utenti. È tua responsabilità informare gli utenti in merito a eventuali modifiche apportate alle norme su abbonamento, annullamento e rimborsi e assicurarti che tali norme siano conformi alla legge vigente.

È stato utile?

Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Prova i passaggi successivi indicati di seguito:

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale