Informazioni sulla distribuzione della frequenza

Con la distribuzione della frequenza, puoi scoprire quante persone hanno visualizzato i tuoi annunci un determinato numero di volte in un intervallo di date selezionato. In questo articolo, scoprirai come viene calcolata la distribuzione della frequenza in Google Ads e come visualizzarla per una campagna video.

Come viene calcolata la distribuzione della frequenza in Google Ads

In Google Ads, la distribuzione della frequenza appare in sei diversi bucket indicanti il numero minimo di volte in cui un utente ha visualizzato l'annuncio: "1+", "2+", "3+", "4+", "5+" e "10+". Il bucket di frequenza "1+" mostrerà sempre il totale degli utenti unici per l'intervallo di date selezionato, mentre i bucket di frequenza "2+", "3+", "4+", "5+" e "10+" indicheranno il numero di utenti che hanno visualizzato l'annuncio almeno il numero di volte indicato nel bucket. Tieni presente che gli utenti possono essere conteggiati in più di un bucket di frequenza, a seconda del numero di volte in cui hanno visualizzato l'annuncio.

Esempio

Supponiamo che un utente abbia visualizzato il tuo annuncio due volte in un intervallo di date selezionato su un dispositivo mobile e un computer desktop. Poiché ha visualizzato il tuo annuncio due volte, la persona viene inclusa nei bucket di frequenza "1+" e "2+".

A differenza di altre metriche di copertura unica, è possibile generare rapporti sulla distribuzione della frequenza solo per un intervallo di date di 31 giorni al massimo. Se selezioni un intervallo di date superiore a 31 giorni, nella tabella delle statistiche non può essere visualizzata la distribuzione della frequenza.

La distribuzione della frequenza è diversa dalla frequenza media delle impressioni per utente. Quest'ultima indica il numero medio di volte in cui gli utenti hanno visualizzato i tuoi annunci nella campagna, mentre la distribuzione della frequenza mostra il numero di persone che hanno visualizzato i tuoi annunci e la frequenza di visualizzazione. Ad esempio, una campagna potrebbe avere una frequenza media delle impressioni per utente di 2,5 volte per persona, ma la sua distribuzione della frequenza registrata potrebbe indicare che l'annuncio è stato visualizzato due volte da 50.000 persone, tre volte da 30.000 persone e così via.

Effetti delle quote limite sulla distribuzione della frequenza

Se imposti una quota limite per la tua campagna, potresti notare che la distribuzione della frequenza registrata mostra valori superiori a tale quota. Ecco alcuni motivi possibili:

  • Le quote limite vengono applicate dai cookie e non dagli utenti unici. Gli utenti potrebbero essere conteggiati più di una volta perché utilizzano più browser o computer con cookie diversi.
  • A seconda dell'intervallo di date selezionato in Google Ads, la frequenza registrata potrebbe aumentare. Ad esempio, se scegli un intervallo di date di due settimane in Google Ads e la tua campagna ha una quota limite di tre impressioni a settimana per persona, potresti registrare fino a sei impressioni per persona.
  • La frequenza registrata in Google Ads potrebbe mostrare un numero di impressioni superiore alla quota limite. Google Ads inizierà a conteggiare le impressioni a fronte della quota limite di una campagna il primo giorno in cui un utente visualizza l'annuncio (evento che può verificarsi all'inizio, a metà o verso la fine della campagna). Ad esempio, se hai una quota limite di tre impressioni a settimana e stai considerando un intervallo di date di quattro giorni, i dati potrebbero riguardare due periodi di quota limite.

Aggiungere la distribuzione della frequenza ai rapporti Google Ads

Puoi visualizzare la distribuzione della frequenza di una campagna nella tabella delle statistiche di Google Ads. A tale scopo, aggiungi la colonna "Distribuzione della frequenza" in Google Ads.

  1. Accedi al tuo account Google Ads.
  2. Nel menu di navigazione a sinistra, fai clic su Campagne video.
  3. Fai clic sull'icona Colonne Colonne sopra la tabella delle statistiche.
  4. Fai clic su Metriche di copertura nel menu.
  5. Fai clic sulla casella accanto a Distribuzione della frequenza.
  6. (Facoltativo) Se vuoi salvare l'insieme di colonne per utilizzarlo in un secondo momento, fai clic sul campo "Salva il gruppo di colonne” e inserisci un nome per l'insieme selezionato.
  7. Fai clic su Applica. La distribuzione della frequenza compare ora nella tabella delle statistiche di Google Ads per le tue campagne video, suddivisa in sei bucket di frequenza diversi ("1+", "2+", "3+", "4+", "5+" e " 10+").
  8. Per visualizzare i dati relativi a un periodo specifico, fai clic sul selettore dell'intervallo di date nell'angolo superiore della pagina e seleziona un intervallo di date. Puoi selezionare fino a 31 giorni.
  9. Quando passi il mouse sopra un valore nella colonna "Distribuzione della frequenza" in Google Ads, viene visualizzato un istogramma che mostra la variazione della distribuzione della frequenza nel tempo.
     
    Nota: i dati dell'istogramma si riferiscono alle date selezionate nell'intervallo e non all'intera campagna.
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema