Utilizzare un ID ordine per ridurre al minimo le conversioni duplicate

Aggiungi un ID ordine al tag di monitoraggio delle conversioni per evitare il conteggio delle conversioni duplicate.

Se aggiungi il tag di monitoraggio delle conversioni a una pagina di conversione, ad esempio la pagina di conferma di un ordine, viene conteggiata una conversione solo quando un cliente ha completato un'azione di valore sul tuo sito web. Tuttavia, se il cliente torna alla pagina di conversione o la ricarica, è possibile che lo stesso tag si attivi di nuovo e che venga conteggiata una seconda conversione per lo stesso ordine.

Per evitare queste conversioni duplicate, puoi modificare il tag di monitoraggio delle conversioni in modo che acquisisca un ID ordine unico, ad esempio un numero di conferma ordine già in uso. Se risultano due conversioni per la stessa azione di conversione con lo stesso ID ordine, Google Ads riconosce che la seconda conversione è duplicata e non la conteggia.

In questo articolo illustreremo come aggiungere un ID ordine unico al tag di monitoraggio delle conversioni.

Prima di iniziare

Prima di poter aggiungere un ID ordine al tag di monitoraggio delle conversioni, è necessario:

  • Configurare il monitoraggio delle conversioni per il sito web. Per procedere come indicato di seguito, devi prima creare un'azione di conversione nell'account Google Ads e aggiungere il tag di conversione al sito web.
  • Impostare ID ordine unici, ad esempio i numeri di conferma d'ordine delle transazioni. Gli ID ordine possono includere numeri, lettere e caratteri speciali come trattini o spazi (con un limite di 64 caratteri), devono essere unici per ogni ordine e non devono includere dati identificativi dei singoli clienti.
  • Modificare il codice del sito web. Tu o il tuo webmaster dovrete modificare il tag di monitoraggio delle conversioni.

Istruzioni

È necessario aggiungere al tag di monitoraggio delle conversioni una porzione di codice che estragga il numero d'ordine unico e lo abbini al tag. Non occorre aggiornare altro nell'account Google Ads; è sufficiente aggiornare il tag.

Aspetti da considerare

  • Assicurati di inserire un valore dinamico per l'ID ordine. Se il tag invia a Google Ads lo stesso ID per transazioni diverse, potrebbe essere conteggiato un numero notevolmente inferiore di conversioni.
  • Nelle istruzioni seguenti viene utilizzata la tecnologia ASP (Active Server Pages) come esempio. Il codice esatto varia in base al linguaggio utilizzato dal server: assicurati di utilizzare il linguaggio giusto per il tuo sito web.
 

 

A partire da ottobre 2017, gli inserzionisti che creano un'azione di conversione sul sito web nella nuova esperienza Google Ads utilizzano un nuovo tag di monitoraggio delle conversioni composto dal tag globale del sito e dallo snippet di evento. Se sul tuo sito web è installato il tag di monitoraggio delle conversioni precedente, questo funzionerà ancora; tuttavia, ti consigliamo di utilizzare il nuovo tag di monitoraggio delle conversioni. Scopri i vantaggi del nuovo tag di monitoraggio delle conversioni sul sito web.

Se preferisci monitorare i clic sul tuo sito web come conversioni utilizzando il tag di monitoraggio delle conversioni precedente, segui queste istruzioni.

  1. Apri il file ASP della pagina di conversione o, se il server utilizza un linguaggio diverso, apri il file appropriato. Se lo stesso file genera più pagine, individua la sezione che genera la pagina di conversione.

  2. Se il sito ha un ID ordine variabile, individua l'espressione ASP che memorizza questo dato, ad esempio: <%= orderId %>.

  3. Apri il file HTML relativo alla pagina di conversione e individua lo snippet di evento. Puoi anche apportare queste modifiche allo snippet prima di aggiungerlo alla pagina di conversione. Modifica lo snippet come indicato di seguito e quindi installalo seguendo le istruzioni riportate in Aggiungere tag di monitoraggio delle conversioni al tuo sito web.

  4. Nella sezione script dello snippet di evento (tra i tag <script></script>), sostituisci <%= orderId %> con l'espressione ASP riportata al passaggio 2:

    Esempio di snippet di evento:
        <!-- Event snippet for Example conversion page --> <script>   gtag('event', 'conversion', {'send_to': 'AW-123456789/AbC-D_efG-h12_34-567',     'value': 1.0,     'currency': 'USD',     'transaction_id': '<%= orderId %>',   }); </script>
    

    Note

    The event snippet only includes the transaction_id parameter by default if you selected the category “Purchase/Sale” while setting up the conversion action.
  5. Per verificare che il codice funzioni, visita la pagina di conversione completando una conversione sul sito.

  6. Nel browser web, visualizza il codice sorgente della pagina. Nella maggior parte dei browser, puoi eseguire questa operazione facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina e selezionando Visualizza sorgente. Il codice per il monitoraggio delle conversioni deve essere posizionato tra i tag <head> e </head> della pagina. L'espressione ASP verrà sostituita dall'ID ordine effettivo.

Informazioni sull'ID ordine e sull'impostazione "Conteggio"

L'aggiunta di un ID ordine allo snippet di evento non equivale alla modifica dell'impostazione "Conteggio" affinché venga conteggiata una sola conversione per ogni clic sull'annuncio.

Con l'aggiunta di un ID ordine, eviti che venga conteggiata due volte la stessa conversione, ad esempio se un utente riapre la pagina di conferma di un acquisto dando luogo al conteggio di due conversioni per lo stesso acquisto.

Quando imposti "Conteggio" su "Uno", dopo un clic sull'annuncio viene conteggiata una sola conversione, anche se tale clic ha generato più conversioni, ad esempio più acquisti diversi.

Quando è meglio usare l'impostazione "Conteggio" al posto dell'ID ordine?

  • Se vuoi monitorare un lead per ciascun clic sull'annuncio, imposta l'opzione Conteggio su "Uno".
  • Per tenere traccia di ogni acquisto effettuato da un cliente dopo un clic sull'annuncio, assicurandoti però di non conteggiare due volte lo stesso acquisto, aggiungi un ID ordine allo snippet di evento. L'aggiunta di un ID ordine è l'opzione consigliata per gli acquisti.

Nota

  • Gli ID ordine non verranno riportati in Google Ads.
  • L'aggiunta di un ID ordine allo snippet non risolve il problema delle conversioni view-through duplicate.
  • Se sul sito è già presente una soluzione per rimuovere le conversioni duplicate, l'aggiunta dell'ID ordine rappresenta un ulteriore strumento per garantire la massima accuratezza dei dati sulle conversioni. 
  • Se utilizzi Google Tag Manager, puoi utilizzare gli ID ordine. Assicurati di inserire l'ID ordine come variabile e non come stringa statica.

 

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema