Impostare il monitoraggio interdominio (analytics.js)

Il monitoraggio interdominio consente ad Analytics di vedere le sessioni su due siti correlati (ad esempio, un sito di e-commerce e un sito separato per la gestione del carrello degli acquisti) come una singola sessione. Questa funzionalità viene a volte chiamata collegamento tra siti.

Per impostare il monitoraggio interdominio devi sapere modificare l'HTML e scrivere codice in JavaScript, oppure farti aiutare da uno programmatore web competente.

Ulteriori informazioni sull'impostazione del codice di monitoraggio di base.

Contenuti di questo articolo:

Panoramica del monitoraggio interdominio

Per monitorare le sessioni, Analytics raccoglie un valore Client-ID in ogni hit. I valori Client-ID sono memorizzati nei cookie che vengono archiviati in base al dominio e i siti web di un dominio non possono accedere ai cookie impostati per un altro dominio. Durante il monitoraggio delle sessioni su più domini, il valore Client-ID deve essere trasferito da un dominio all'altro. A tale scopo, il codice di monitoraggio di Analytics prevede funzioni di collegamento che consentono al dominio di origine di inserire il Client-ID nei parametri URL di un link, attraverso cui il dominio di destinazione può accedere al valore.

Impostare il monitoraggio interdominio utilizzando Google Tag Manager

Se utilizzi Google Tag Manager per gestire il monitoraggio di Analytics, segui le istruzioni riportate in Monitoraggio interdominio.

Impostare il monitoraggio interdominio modificando il codice di monitoraggio

Per impostare il monitoraggio interdominio per più domini di primo livello, devi modificare il codice di monitoraggio di Analytics su ciascun dominio. Per eseguire questo tipo di impostazione, devi avere una conoscenza di base dei linguaggi HTML e JavaScript oppure devi collaborare con uno sviluppatore. Gli esempi in questo articolo utilizzano lo snippet del codice di monitoraggio di Universal Analytics (analytics.js).

  1. Imposta una proprietà nell'account Analytics.
    Per il monitoraggio interdominio, imposta una proprietà nell'account Analytics. Utilizza lo stesso snippet di codice di monitoraggio e ID monitoraggio di tale proprietà per tutti i domini.

    Affinché il monitoraggio interdominio funzioni correttamente, devi modificare lo snippet del codice di monitoraggio. Se non hai già incluso lo snippet in tutte le pagine web, ti consigliamo di copiarlo e incollarlo in un editor di testo prima di continuare a seguire le istruzioni. In questo modo, dovrai apportare le modifiche solo una volta prima di includere lo snippet modificato in tutte le pagine web.

  2. Modifica il codice di monitoraggio per il dominio principale.
    Trova la riga create (crea) nello snippet. Per un sito web chiamato example-1.com, è simile alla seguente:

     

      ga('create', 'UA-XXXXXXX-Y', 'example-1.com');

    Apporta le seguenti modifiche allo snippet (le modifiche da apportare sono in grassetto rosso):

      ga('create', 'UA-XXXXXXX-Y', 'auto', {'allowLinker': true});
      ga('require', 'linker');
      ga('linker:autoLink', ['example-2.com'] );

    Ricordati di sostituire l'ID monitoraggio di esempio (UA-XXXXXX-Y) con il tuo ID monitoraggio e di sostituire il dominio secondario di esempio (example-2.com) con il nome del tuo dominio secondario.



    Queste modifiche devono essere apportate allo snippet del codice di monitoraggio ovunque sia presente nel tuo dominio principale.

     

    Per tre o più domini

    Segui l'esempio sopra riportato, ma aggiungi gli altri domini al plug-in di Link automatico. Qui è importante anche la virgola aggiuntiva:

    ga('linker:autoLink', ['example-2.com', 'example-3.com'] );
    Visualizza un esempio di snippet di codice completo

    Lo snippet del codice di monitoraggio nel dominio principale dovrebbe essere simile al seguente:

    <script>

    (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga');

    ga('create', 'UA-XXXXXXX-Y', 'auto', {'allowLinker': true});
    ga('require', 'linker');
    ga('linker:autoLink', ['example-2.com'] );

    ga('send', 'pageview');

    </script>
  3. Modifica il codice di monitoraggio nel dominio secondario.

    Trova la riga create (crea) nello snippet. Apporta le seguenti modifiche allo snippet (le modifiche da apportare sono in grassetto rosso):

      ga('create', 'UA-XXXXXXX-Y', 'auto', {'allowLinker': true});
      ga('require', 'linker');
      ga('linker:autoLink', ['example-1.com'] );

    Ricordati di sostituire l'ID monitoraggio di esempio (UA-XXXXXX-Y) con il tuo ID monitoraggio e di sostituire il dominio principale di esempio (example-1.com) con il nome del tuo dominio principale.

    Queste modifiche devono essere apportate allo snippet del codice di monitoraggio ovunque sia presente nel tuo dominio secondario.

    Per tre o più domini

    Segui l'esempio sopra riportato, ma aggiungi gli altri domini al plug-in di Link automatico. Qui è importante anche la virgola aggiuntiva:

    ga('linker:autoLink', ['example-1.com', 'example-3.com'] );
    Visualizza un esempio di snippet di codice completo

    Lo snippet del codice di monitoraggio nel dominio secondario dovrebbe essere simile al seguente:

    <script>

    (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga');

    ga('create', 'UA-XXXXXXX-Y', 'auto', {'allowLinker': true});
    ga('require', 'linker');
    ga('linker:autoLink', ['example-1.com'] );

    ga('send', 'pageview');

    </script>

Impostare le viste rapporti e aggiungere filtri

Per impostazione predefinita, Analytics include solo il percorso e il nome della pagina, non il nome del dominio. Ad esempio, le tue pagine potrebbero essere visualizzate come segue nel rapporto Contenuti del sito:

  • /about/contactUs.html
  • /about/contactUs.html
  • /products/buy.html

I nomi di dominio non sono elencati, pertanto potrebbe essere difficile stabilire a quale dominio appartiene ogni pagina.

Per visualizzare i nomi di dominio nei tuoi rapporti, devi eseguire due operazioni: creare una copia della vista rapporti che contenga i dati di tutti i domini e aggiungere un filtro avanzato a tale nuova vista. Il filtro indica ad Analytics di visualizzare i nomi di dominio nei rapporti.

Se hai impostato il monitoraggio interdominio, procedi come indicato nel seguente esempio per impostare i filtri della vista in modo da visualizzare i nomi di dominio nei rapporti. In alcuni campi è necessario selezionare una voce dal menu a discesa. In altri campi è necessario inserire i seguenti caratteri:

  • Tipo di filtro: Filtro personalizzato > Avanzato
  • Campo A --> Estrai A: Nome host = (.*)
  • Campo B --> Estrai B: URI della richiesta = (.*)
  • Output in -> Constructor: URI della richiesta = $A1$B1

Fai clic su Salva per creare il filtro.

Puoi verificare che i filtri funzionino come previsto utilizzando Google Tag Assistant Recordings, che è in grado di indicare esattamente il modo in cui i tuoi filtri modificano il traffico.

Aggiungere domini all'elenco esclusioni referral

Quando un utente passa dal primo al secondo dominio, ad Analytics risulta che l'utente sia stato reindirizzato al secondo dominio dal primo e viene creata una nuova sessione. Per monitorare una singola sessione su più domini, devi aggiungere i tuoi domini all'elenco esclusioni referral.

Verificare il funzionamento del monitoraggio interdominio

Il modo migliore per verificare la corretta impostazione del monitoraggio interdominio è utilizzare Google Tag Assistant Recordings. Quando crei una sessione che si estende su più domini, puoi scoprire immediatamente se ha funzionato.

Ecco un esempio di rapporto di Tag Assistant Recordings che mostra il risultato visualizzato quando il monitoraggio interdominio non è impostato correttamente.

Risorse correlate

analytics.js

gtag.js

 

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?