Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
true

Utilizzare un ID ordine per ridurre al minimo le conversioni duplicate

Aggiungi un ID ordine al tag di monitoraggio delle conversioni per evitare il conteggio delle conversioni duplicate.

Se aggiungi un tag di conversione a una pagina di conversione, ad esempio la pagina di conferma di un ordine, viene conteggiata una conversione solo quando un cliente completa un'azione di valore sul tuo sito web. Tuttavia, se il cliente torna alla pagina di conversione o la ricarica, è possibile che lo stesso tag si attivi di nuovo e che venga conteggiata una seconda conversione per lo stesso ordine.

Per evitare queste conversioni duplicate, è possibile modificare il tag di conversione in modo che catturi un ID ordine unico, ad esempio un numero di conferma d'ordine già in uso. Se risultano due conversioni per la stessa azione di conversione con lo stesso ID ordine, AdWords riconosce che la seconda conversione è duplicata e non la conteggia.

In questo articolo illustreremo come aggiungere un ID ordine unico al tag di monitoraggio delle conversioni.

Prima di iniziare

Prima di poter aggiungere un ID ordine al tag di monitoraggio delle conversioni, è necessario:

  • Configurare il monitoraggio delle conversioni per il sito web. Per procedere come indicato di seguito, devi prima creare un'azione di conversione nell'account AdWords e aggiungere il tag di conversione al sito web.
  • Impostare ID ordine unici, ad esempio i numeri di conferma d'ordine delle transazioni. Gli ID ordine possono includere numeri, lettere e caratteri speciali come trattini o spazi (con un limite di 64 caratteri), devono essere unici per ogni ordine e non devono includere dati identificativi dei singoli clienti.
  • Modificare il codice del sito web. Tu o il tuo webmaster dovrete modificare il tag di monitoraggio delle conversioni.

Istruzioni

È necessario aggiungere al tag di monitoraggio delle conversioni una porzione di codice che estragga il numero d'ordine unico e lo abbini al tag. Non occorre aggiornare altro nell'account AdWords; è sufficiente aggiornare il tag.

Aspetti da tenere presente

  • Assicurati di inserire un valore dinamico per l'ID ordine. Se il tag invia ad AdWords lo stesso ID per transazioni diverse, potrebbe essere conteggiato un numero notevolmente inferiore di conversioni.
  • Nelle istruzioni seguenti viene utilizzata la tecnologia ASP (Active Server Pages) come esempio. Il codice esatto varia in base al linguaggio utilizzato dal server: assicurati di utilizzare il linguaggio giusto per il tuo sito.

Seleziona la versione di AdWords che stai utilizzando. Ulteriori informazioni

  1. Apri il file ASP della pagina di conversione o, se il server utilizza un linguaggio diverso, apri il file appropriato. Se lo stesso file genera più pagine, individua la sezione che genera la pagina di conversione.
  2. Se il sito ha un ID ordine variabile, individua l'espressione ASP che memorizza questo dato, ad esempio <%= orderId %>.
  3. Apri il file HTML relativo alla pagina di conversione e individua il tag di monitoraggio delle conversioni di AdWords. Puoi modificare il tag di monitoraggio delle conversioni anche prima di aggiungerlo alla pagina di conversione: cambialo come indicato di seguito e quindi installalo seguendo le istruzioni riportate nell'articolo Aggiungere tag di monitoraggio delle conversioni al tuo sito web
  4. Nella sezione script del tag (tra i tag <script></script>), aggiungi il codice seguente, sostituendo <%= orderId %> con l'espressione ASP citata al passaggio 2:

    if (<%= orderId %>) {
    var google_conversion_order_id = "<%= orderId %>";
    }
     
  5. Nella sezione noscript del tag (tra i tag <noscript></noscript>), aggiungi il codice seguente all'URL src, sostituendo <%= orderId %> con l'espressione ASP citata al passaggio 2:

    &amp;oid=<%= orderId %>
  6. Per verificare che il codice funzioni, visita la pagina di conversione completando una conversione sul sito.
  7. Nel browser web, visualizza il codice sorgente della pagina. Nella maggior parte dei browser è possibile eseguire questa operazione facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina e selezionando Visualizza sorgente. Il codice per il monitoraggio delle conversioni si trova fra i tag <body> e </body> della pagina. L'espressione ASP è sostituita dall'ID ordine effettivo.

 Di seguito è riportato un esempio di tag di conversione con il codice dell'ID ordine evidenziato:

<body>
    ...
    <!-- Google Code for Purchase Conversion Page -->
    <script type="text/javascript">
    /* <![CDATA[ */
    var google_conversion_id = 1234567890;
    var google_conversion_label = "xxx-XXx1xXXX123X1xX";
     if (<%= orderId %>) {
         var google_conversion_order_id = "<%= orderId %>";
    }

    /* ]]> */
    </script>
    <script type="text/javascript" 
    src="//www.googleadservices.com/pagead/conversion.js">
    </script>
    <noscript>
    <img height=1 width=1 border=0 
    src="//www.googleadservices.com/pagead/conversion/1234567890/
    ?label=xxx-XXx1xXXX123X1xX&amp;guid=ON&amp;oid=<%= orderId %>&amp;script=0">
    </noscript>
    </body>

Informazioni sull'ID ordine e sull'impostazione "Conteggio"

L'aggiunta di un ID ordine al tag non equivale alla modifica dell'impostazione "Conteggio" affinché venga conteggiata una sola conversione per ogni clic sull'annuncio.

Con l'aggiunta di un ID ordine, eviti che venga conteggiata due volte la stessa conversione, ad esempio se un utente riapre la pagina di conferma di un acquisto dando luogo al conteggio di due conversioni per lo stesso acquisto.

Quando imposti "Conteggio" su "Uno", dopo un clic sull'annuncio viene conteggiata una sola conversione, anche se tale clic ha generato più conversioni, ad esempio più acquisti diversi.

Quando è meglio usare l'impostazione "Conteggio" al posto dell'ID ordine? 

  • Se desideri monitorare un lead per ciascun clic sull'annuncio, imposta l'opzione Conteggio su "Uno".
  • Se desideri monitorare tutti gli acquisti effettuati da un cliente in seguito a un clic sull'annuncio, ma vuoi assicurarti di non conteggiare due volte lo stesso acquisto, aggiungi un ID ordine al tag. L'aggiunta di un ID ordine è l'opzione consigliata per gli acquisti.

Nota

  • Gli ID ordine non verranno riportati in AdWords.
  • L'aggiunta di un ID ordine al tag non risolve il problema delle conversioni view-through duplicate.
  • Se sul sito è già presente una soluzione per rimuovere le conversioni duplicate, l'aggiunta dell'ID ordine rappresenta un ulteriore strumento per garantire la massima accuratezza dei dati sulle conversioni. 
  • Se utilizzi Google Tag Manager, puoi utilizzare gli ID ordine. Assicurati di inserire l'ID ordine come variabile, non come stringa statica.
Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?
false
Raggiungi più clienti con un annuncio online

Con AdWords, puoi pubblicare gli annunci su Google in modo da farti notare nelle ricerche locali. Paghi solo quando viene fatto clic sul tuo annuncio. [Ulteriori informazioni]

Registrati ad AdWords