Mappare un nuovo URL su un sito di Google Sites

Tu e i tuoi utenti dovete convertire i siti dalla versione classica alla nuova versione di Sites entro il 31 dicembre 2022. Tutti i siti rimanenti verranno convertiti automaticamente a partire dal 1° gennaio 2023. Per maggiori dettagli, vai a Passaggio dalla versione classica alla nuova versione di Sites.

Come amministratore, puoi mappare un URL a un sito in Google Sites e nella versione classica di Sites, così da creare un indirizzo breve e facile da ricordare per il tuo sito web pubblico. Puoi creare fino a 2000 indirizzi di siti personalizzati con il tuo account Google Workspace. 

Considerazioni sulla mappatura degli URL

  • Potrebbero essere necessarie fino a 24 ore prima che le modifiche abbiano effetto.
  • Gli utenti con account di prova o account con stato di prova non possono mappare un sito a un URL.
  • Nei siti appartenenti alla nuova versione di Sites, le mappature degli indirizzi forniscono automaticamente certificati SSL di tipo Domain Validated per le connessioni sicure. Non puoi utilizzare altri certificati.
  • Nella nuova versione di Sites non è possibile mappare un sito su un URL associato a un nome di dominio diverso.
  • Le persone possono vedere l'URL mappato solo se il sito viene condiviso con altri all'esterno dell'organizzazione. Se il sito viene condiviso con persone specifiche o soltanto con l'organizzazione, tutti vedranno l'URL originale, ad esempio sites.google.com/example.com/nomesito, anziché l'URL mappato. Per maggiori dettagli, vai a Impostare le opzioni di condivisione di Google Sites.

Passaggio 1: attiva la creazione di siti per gli utenti

Prima di iniziare: assicurati che Sites sia attivato per gli utenti. Per maggiori dettagli, vai a Specificare i membri dell'organizzazione che possono utilizzare la versione classica o la nuova versione di Sites.
 
Per attivare la creazione di siti per la versione classica e la nuova versione di Sites:

  1. Accedi alla Console di amministrazione Google.

    Accedi utilizzando l'account amministratore (non termina con @gmail.com).

  2. Nella home page della Console di amministrazione, vai ad Applicazionie poiGoogle Workspacee poiSites.
  3. Fai clic su Nuova versione di Sitese poiCreazione e modifica dei siti.
  4. Seleziona Gli utenti possono modificare i siti e seleziona la casella Consenti agli utenti di creare nuovi siti.
  5. Fai clic su Salva.
  6. In corrispondenza di Nuova versione di Sites, fai clic sulla Freccia su "" per chiudere la sezione.
  7. Fai clic su Impostazioni di condivisione - versione classica di Sitese poiCreazione siti.
  8. Seleziona Gli utenti di nome del tuo dominio possono creare siti e fai clic su Salva.

Passaggio 2: aggiungi un URL personalizzato

È necessario disporre del privilegio di amministratore Impostazioni dominio.

Prima di iniziare: se vuoi mappare un URL su un dominio secondario, è necessario che il proprietario del sito utilizzi quel dominio per il proprio indirizzo email. Se il proprietario utilizza un altro dominio, devi creare un account per l'utente sul dominio secondario e trasferire la proprietà del sito al nuovo account. L'utente del dominio secondario deve quindi duplicare il sito (per cambiarne il percorso impostandolo sul dominio secondario) e pubblicarlo.

  1. Nelle impostazioni di Sites della Console di amministrazione, fai clic su URL personalizzato.
  2. Fai clic su Aggiungi ""e poiNuova versione di Sites o Versione classica di Sites, a seconda della posizione in cui il sito viene pubblicato.
  3. Fai clic su Continua.
  4. Inserisci l'URL corrente del sito. Il formato dell'URL dipende dal modo cui il sito è stato creato:
    • Creato con la nuova versione di Sites: l'URL sarà sites.google.com/dominio/nomesito.
    • Creato con la versione classica di Sites e migrato alla nuova versione: l'URL sarà sites.google.com/a/dominio/nomesito.
    • Creato con la versione classica di Sites: l'URL sarà sites.google.com/a/dominio/nomesito.
  5. Fai clic su Continua.
  6. Seleziona un dominio verificato.
    Nota: se mappi l'URL dalla nuova versione di Sites, sarà disponibile solo il dominio che ospita il sito.
  7. Inserisci un URL personalizzato per il sitoe poifai clic su Continua.
  8. Configura il record CNAME presso l'host del tuo dominio.
    L'aggiornamento del record CNAME va effettuato sul sito web dell'host del tuo dominio, non nella Console di amministrazione. La procedura cambia a seconda dell'host del dominio. Per maggiori dettagli, vai ad Aggiungere un record CNAME ai record DNS del dominio.
  9. Fai clic su Aggiungi URL personalizzato.

(Facoltativo) Creare un indirizzo di dominio semplice

Per maggiori dettagli, vai a Configurare l'indirizzo di dominio semplice per il proprio sito.

Risolvere gli errori

Problema

Soluzione

Certificato mancante Elimina e ricrea la mappatura degli indirizzi per fornire i certificati SSL di tipo Domain Validated.
DNS non valido Questo errore può essere dovuto a diversi problemi, tra cui: 
  • Il record CNAME non è stato configurato correttamente. Per maggiori dettagli, vai ad Aggiungere un record CNAME ai record DNS del dominio.
  • Il tuo provider DNS non offre un supporto adeguato per i record CAA (Certificate Authority Authorization). In questo caso, puoi eseguire una o più delle seguenti operazioni:
    • Aggiungere un record CAA al dominio.
    • Contattare il provider DNS per risolvere il problema del supporto dei record CAA.
    • Passare a un provider DNS che offre un supporto dei record CAA adeguato.
    • Riconfigurare il record CAA se è stato configurato in modo esplicito per impedire l'emissione da parte di Let's Encrypt.
Il trasferimento di proprietà al nuovo account non funziona

Le possibili cause di questo errore sono le seguenti:

  • Il fatto che il sito è stato creato sul dominio principale e mostra il dominio originale quando tenti di aggiungere l'URL personalizzato. 

In questo caso:

  • Crea una copia del sito utilizzando il nuovo dominio. Questa azione consente al proprietario di mappare il sito utilizzando il dominio secondario.


Google, Google Workspace e marchi e loghi correlati sono marchi di Google LLC. Tutti gli altri nomi di società e prodotti sono marchi delle rispettive società a cui sono associati.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
73010
false