Eseguire una migrazione dalla riga di comando con GSMMO

Come alternativa alla procedura guidata di G Suite Migration for Microsoft® Outlook (GSMMO), puoi eseguire la migrazione utilizzando lo strumento della riga di comando. Puoi importare direttamente i tuoi dati utilizzando gli argomenti user-only. Gli amministratori possono eseguire la migrazione dei dati per conto di un utente utilizzando gli argomenti administrator-only.

Esegui la migrazione utilizzando gli argomenti e i parametri indicati di seguito. Colloca il doppio trattino (--) prima di ciascun argomento o inserisci i parametri nelle virgolette doppie. Inserisci il comando su una sola riga.

Ecco un esempio:

ClientMigration.exe --nouse_gui --profile_name="nome-profilo-outlook"
--google_email="email-utente-google"
--service_account_json_path="C:\Users\admin\privatekey.json"
--email_migration_start_date="2010-02-15"
Per questo argomento... Fornisci questo parametro Descrizione
--help Non sono richiesti parametri. Mostra l'elenco degli argomenti per ClientMigration.exe.
--crash_reporting Non sono richiesti parametri. I rapporti sugli arresti anomali verranno inviati a Google. Per ulteriori informazioni, vedi Invio di rapporti sugli arresti anomali per GSMMO.
--email_migration_start_date Data nel formato AAAA-MM-GG. Tutti i messaggi precedenti a questa data vengono esclusi dalla migrazione.
--email_migration_end_date Data nel formato AAAA-MM-GG. Tutti i messaggi successivi a questa data vengono esclusi dalla migrazione.
--exclude_top_level_folders Elenco con valori separati da virgole delle cartelle di livello superiore da escludere. Specifica le cartelle di livello superiore da escludere dalla migrazione.
--force_restart Non sono richiesti parametri. Esegue di nuovo la migrazione dall'inizio anziché dall'ultimo punto di anomalia.
--google_email Indirizzo email dell'utente G Suite verso il quale viene eseguita la migrazione dei dati. Obbligatorio.
--migrate_deleted Non sono richiesti parametri. Esegue la migrazione dei messaggi della cartella Messaggi eliminati.
--migrate_junk Non sono richiesti parametri. Esegue la migrazione dei messaggi della cartella della posta indesiderata.
--nocrash_reporting Non sono richiesti parametri. I rapporti automatici sugli arresti anomali non verranno inviati a Google. Per ulteriori informazioni, vedi Invio di rapporti sugli arresti anomali per GSMMO.
--noenable_calendar_migration Non sono richiesti parametri. Esegue la migrazione senza includere i dati del calendario.
--noenable_contact_migration Non sono richiesti parametri. Esegue la migrazione senza includere i dati dei contatti.
--noenable_email_migration Non sono richiesti parametri. Esegue la migrazione senza includere i dati dell'email.
--noenable_label_prefix Non sono richiesti parametri. Si utilizza quando si esegue la migrazione della posta da file PST. Non include il nome del file PST come prefisso nelle etichette di Gmail create per i messaggi migrati dalle cartelle di Outlook.
--nouse_gui Non sono richiesti parametri. Esegue l'utilità dalla riga di comando. La modalità GUI è l'impostazione predefinita.
--nowait Non sono richiesti parametri. Chiude lo strumento senza attendere il tasto Invio se lo strumento viene eseguito dalla riga di comando.
--profile_name Profilo di Microsoft Outlook da cui viene eseguita la migrazione dei dati. Obbligatorio, tranne se utilizzi l'argomento pst_file_names (vedi sotto).
--pst_file_names Elenco di nomi di file PST completi da cui viene eseguita la migrazione dei dati, separati da "|". Obbligatorio, tranne se utilizzi l'argomento profile_name (vedi sopra).
--service_account_json_path Il percorso al file delle credenziali dell'account di servizio. Per le istruzioni su come ottenere questo file, consulta "Configurazione di G Suite" nella Guida all'amministrazione di G Suite Migration for Microsoft Exchange.
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?