Caricare video HDR (High Dynamic Range)

Ora puoi caricare contenuti video HDR (High Dynamic Range) su YouTube. I video HDR sono caratterizzati da un contrasto più elevato e da una maggiore gamma di colori rispetto a quelli digitali standard.

Gli spettatori possono guardare i video HDR su dispositivi mobili compatibili o su TV HDR. Possono inoltre riprodurli in streaming utilizzando Chromecast Ultra su una TV HDR. Quando guardano un video, gli spettatori hanno la possibilità di scegliere la riproduzione in HDR se vedono un badge "HDR" sui controlli di riproduzione o sul menu Qualità.

Se il dispositivo utilizzato non supporta l'HDR, verrà visualizzato come un normale video SDR (Standard Dynamic Range).

Caricare i video HDR

Per essere riprodotti correttamente su YouTube, i video HDR devono includere metadati HDR nel codec o nel contenitore. Il modo più sicuro per registrare correttamente i metadati è quello di eseguire l'esportazione utilizzando un'applicazione supportata.

Se per effettuare la correzione cromatica utilizzi un flusso di lavoro che non prevede l'esportazione di metadati HDR standard, puoi utilizzare lo strumento per i metadati HDR di YouTube per aggiungere i metadati HDR ai video. Questo strumento funziona regolarmente solo se la correzione cromatica del video è stata effettuata utilizzando la funzione di trasferimento HDR. 

Nota: se la correzione cromatica del video non è stata eseguita mediante la funzione di trasferimento HDR, questo strumento produrrà delle visibili aberrazioni cromatiche. Spesso la correzione cromatica dei video etichettati come "HDR" non viene effettuata utilizzando la funzione di trasferimento HDR e in tali casi questo strumento non funziona. Se non hai effettuato la correzione cromatica dei tuoi contenuti in HDR o non conosci il significato del termine "correzione cromatica", ti consigliamo di non utilizzare lo strumento per i metadati HDR di YouTube.

Se effettui la correzione cromatica, ti consigliamo di utilizzare Rec. 2020 con PQ o HLG. Una diversa configurazione, compreso lo spazio DCI-P3, produrrà risultati non corretti.

Il processo di caricamento di un video contrassegnato come HDR è identico a quello di un normale video. YouTube individuerà i metadati HDR e li elaborerà eseguendo la transcodifica HDR per i dispositivi HDR e producendo una versione SDR per tutti gli altri dispositivi.

Nota: al momento i video HDR non possono essere modificati con l'editor web di YouTube.

Requisiti dei video HDR 

Una volta che un video HDR è stato caricato, YouTube lo convertirà automaticamente in SDR, se necessario, per adattarlo a tutte le esigenze di risoluzione.

Requisiti di caricamento

Risoluzione 720p, 1080p, 1440p, 2160p
Per risultati ottimali, utilizza larghezze UHD anziché DCI (ad es. 3840 x 1600 invece di 4096 x 1716).
Frequenza fotogrammi 23.976, 24, 25, 29.97, 30, 48, 50, 59.94, 60 
Profondità di colore 10 o 12 bit
Colori primari Rec. 2020
Matrice colore Rec. 2020 luminanza non costante
EOTF PQ o HLG (Rec. 2100)
Velocità in bit video Per l'H.264, utilizza le impostazioni consigliate per la codifica dei caricamenti
Audio Stessi requisiti delle impostazioni consigliate per la codifica dei caricamenti

Codifica dei file video HDR

Il funzionamento degli accoppiamenti tra contenitore e codec elencati qui di seguito è stato verificato. Ciò non toglie che altri codec a 10 bit di alta qualità con metadati HDR potrebbero funzionare ugualmente. 

Contenitore Codifica
MOV/QuickTime

H.264 10 bit

VP9 Profilo 2

ProRes 422

ProRes 4444

DNxHR HQX 

MP4

H.264 10 bit

VP9 Profilo 2

DNxHR HQX

MKV

H.264 10 bit

VP9 Profilo 2

ProRes 422

ProRes 4444

DNxHR HQX

Metadati HDR

Per essere elaborati, i video HDR devono includere la funzione di trasferimento (PQ o HLG), i colori primari (Rec. 2020) e la matrice (Rec. 2020 luminanza non costante) corretti.
I video HDR con segnale PQ devono includere anche informazioni sul display su cui sono stati masterizzati (metadati di masterizzazione SMPTE ST 2086) e sulla luminosità dei contenuti (CEA 861-3 MaxFALL e MaxCLL). Se queste informazioni mancano, vengono utilizzati i valori relativi al display di masterizzazione Sony BVM-X300, il display di masterizzazione HDR più comunemente utilizzato al momento.
Se necessario, i video HDR possono contenere metadati dinamici (HDR10+) come codici terminali ITU-T T.35 o come intestazioni SEI.

Strumenti di creazione HDR 

Ecco alcuni esempi di strumenti che puoi utilizzare per caricare video HDR su YouTube:

  • DaVinci Resolve
  • Adobe Premiere Pro
  • Adobe After Effects
  • Final Cut Pro X

Problemi comuni

Definizione errata dello spazio colore

Nel cinema, capita spesso di masterizzare contenuti HDR nello spazio colore DCI-P3 con punti bianchi DCI (~D50) o D65. Questo formato di distribuzione non è supportato dagli apparecchi elettronici di consumo. Quando esegui la masterizzazione, scegli i colori primari Rec. 2020 (lo standard Rec. 2100 prevede il colore Rec. 2020 in numerose applicazioni).
Un errore comune è quello di masterizzare in P3 e di aggiungere un tag al risultato con i colori primari Rec. 2020. Questa operazione ha come conseguenza un'eccessiva saturazione e la modifica delle tonalità dei colori.

Ulteriori controlli sulla conversione in SDR

La conversione automatica in SDR di YouTube è una scelta pratica che può dare buoni risultati senza alcuno sforzo. Tuttavia, nel caso di clip molto complesse, il risultato potrebbe non essere perfetto. Siamo lavorando per migliorare la conversione automatica in SDR in modo che possa funzionare al meglio in ogni circostanza.
È possibile fornire trigger per la conversione in SDR di YouTube utilizzando una tabella di ricerca in 3D (LUT). Per creare questa LUT, procedi nel seguente modo:
  1. Carica il tuo video HDR in un'applicazione per la correzione cromatica senza applicare la gestione del colore.
  2. Imposta il display di masterizzazione con il colore Rec. 709 e la funzione di trasferimento Gamma 2.4.
  3. Applica una LUT esistente che esegue la conversione da Rec. 2020 + ST. 2084 a Rec. 709, quindi, nei nodi successivi, regola i correttori primari, le curve e le chiavi per ottenere il risultato che desideri.
  4. Esporta la LUT nel formato .cube nella stessa cartella del video HDR.
  5. Seleziona la LUT e il video HDR e trascinali nello strumento per i metadati.

Lo strumento applicherà i metadati per il display BVM-X300 e includerà la LUT per fornire i trigger per la conversione in SDR. 

Nota: al momento non esiste un controllo spaziale o temporale per il trigger della conversione in SDR. Questo significa che le finestre e i tasti di attivazione utilizzati per controlli come la sfocatura non funzioneranno correttamente. Lo stesso vale per le regolazioni applicate su singole riprese.

Rumore nelle ombre

Quando esegui la masterizzazione in PQ (ST 2084), gran parte dell'intervallo del segnale è destinata ai dettagli delle ombre. Codec digitali intermedi come ProRes e DNxHR mantengono i dettagli su tutta l'immagine. Questo significa che il video può contenere molto rumore nelle zone occupate dalle immagini più scure, che potrebbe essere nascosto dalle zone più in evidenza dell'immagine.
L'elaborazione del video di YouTube può rimuovere parte del rumore per ottenere velocità in bit di streaming. Per un maggiore controllo, puoi eliminare in parte il rumore prima di effettuare il rendering per il caricamento. L'eliminazione del rumore è utile anche nei casi in cui il video appare troppo "compresso" durante la riproduzione in streaming.
Lavoriamo costantemente per migliorare la qualità dei video su YouTube e stiamo dando il massimo anche in questo caso.
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?