Report Indicizzazione dei video

Non visualizzi questo report? Il report Indicizzazione dei video è in fase di implementazione graduale e potrebbe non essere ancora disponibile per il tuo sito. Inoltre, questo report non sarà visibile per i siti senza video.

Il report Indicizzazione dei video mostra il numero di pagine indicizzate del tuo sito che contengono uno o più video e in quante di queste potrebbe essere indicizzato un video. I video indicizzati possono comparire nei risultati di ricerca di Google.

Report Indicizzazione dei video

Informazioni sul report

Il report mostra le seguenti informazioni:

  • Il numero di pagine indicizzate sul tuo sito contenenti un video che è stato indicizzato da Google e i dettagli di questo video.
  • Il numero di pagine indicizzate sul tuo sito in cui Google ha trovato uno o più video, ma non ha potuto indicizzarne nessuno e i dettagli sul motivo della mancata indicizzazione.

Questo report non mostra il numero di video unici sul tuo sito (a meno che alcune condizioni molto specifiche* non si applichino al sito in questione).

Il report riguarda solo le pagine indicizzate. Se una pagina non è indicizzata per qualsiasi motivo (ad esempio se è bloccata o è una pagina non canonica), non verrà visualizzata in questo report.

Come utilizzare il report

Panoramica

Approfondimenti

Esaminare i problemi

  1. Fai clic su uno stato specifico (ad esempio "URL del video non valido") per vedere un elenco delle pagine che presentano il problema in questione.
  2. Per visualizzare le informazioni sul video trovato in una determinata pagina, fai clic su quella pagina nella tabella degli esempi.
  3. Leggi i dettagli del problema e la guida alla risoluzione dei problemi per scoprire come risolverlo.

Per vedere le pagine contenenti video che potrebbero essere indicizzati, fai clic su Visualizza i dati sulle pagine video indicizzate nella pagina principale del report.

Esaminare i video in una pagina specifica

Per esaminare una pagina specifica, utilizza il report Controllo URL. Se nella pagina è stato trovato un video, verrà visualizzata una sezione Indicizzazione dei video nei risultati del report Controllo URL. Se nella pagina non sono stati rilevati video, non sarà presente la sezione Indicizzazione dei video.

Test in tempo reale non supportati: le informazioni sui video sono disponibili solo per la versione indicizzata della pagina; Search Console non supporta ancora i test in tempo reale dei video tramite il report Controllo URL.
Dettagli sull'indicizzazione dei video

Quando Google indicizza una pagina, cerca i video al suo interno. Se non trova alcun video, Google tenterà di indicizzare il candidato migliore presente nella pagina.

Se lo stesso video compare in più pagine, è possibile che in questo report venga associato e conteggiato in relazione a più pagine del sito.

Se una pagina indicizzata contiene più video, solo uno può essere indicizzato e conteggiato in questo report.

Il video incorporato può essere ospitato sul tuo sito o su una piattaforma di hosting video.

Procedura di base per l'indicizzazione dei video

  1. Quando Google esegue la scansione di una pagina e decide di indicizzarla, cerca i video al suo interno. Se fornisci informazioni sul video con una Sitemap o dati strutturati, Google tenta di associare queste informazioni a un video sulla pagina.
  2. I video trovati nella pagina che superano una soglia di indicizzazione dei video vengono classificati in base all'indicizzabilità (non alla qualità o ai contenuti).
  3. Google tenta di indicizzare i video classificati nell'ordine del rispettivo ranking. Il grado di evidenza di un video nella pagina è un fattore determinante in questo ambito.
    • Il video con il ranking più alto che può essere indicizzato viene associato alla pagina in questione nell'Indice Google e la pagina viene aggiunta al totale riportato in Video indicizzato nel report Indicizzazione dei video.
    • Se nella pagina sono stati trovati dei video, ma non è stato possibile indicizzarne nessuno, la pagina viene conteggiata nella categoria Nessun video indicizzato nel report Indicizzazione dei video.

Significato di "indicizzato" e "recuperato"

  • Il termine indicizzato significa che Google ha inserito il video nell'Indice Google. Se un video viene indicizzato, può essere visualizzato nella Ricerca, con elementi come un titolo, una descrizione, una miniatura e un link per riprodurlo, a seconda dei metadati disponibili. Per poter essere indicizzato, un video deve soddisfare determinati requisiti.
  • Un video è considerato recuperato correttamente quando Google ha potuto richiedere, ottenere e leggere il file video. Il recupero non è obbligatorio per l'indicizzazione. Se un video viene recuperato correttamente, Google tenterà di analizzarlo per cercare contenuti, di estrarre una miniatura e, possibilmente, di creare puntatori per identificare i momenti chiave del video da mostrare nei risultati di ricerca, nonché altre funzionalità. Puoi fornire esplicitamente una descrizione, una miniatura e uno o più momenti chiave utilizzando i dati strutturati.

Un video può essere indicizzato senza che sia stato recuperato correttamente. Tuttavia, l'eventuale recupero di un video può aiutare Google a comprenderne i contenuti e a renderlo inoltre idoneo per funzionalità aggiuntive, come le anteprime di riproduzione automatica, che possono migliorare notevolmente il coinvolgimento degli utenti.

Leggi le best practice per l'indicizzazione e il recupero del tuo video.

Può essere indicizzato un solo video per pagina

Google indicizza al massimo un solo video per pagina, anche se questa contiene più video.

Un video può essere indicizzato su più pagine

Se includi lo stesso video in più pagine e ogni pagina host può essere indicizzata, il video potrebbe essere indicizzato su ognuna di queste. Ogni volta che un video viene indicizzato, viene aggiunto al totale riportato in Video indicizzato, anche se lo stesso video viene indicizzato su più pagine.

Se un video viene indicizzato su più pagine, può essere mostrato nei risultati di ricerca di Google per tutte le pagine host corrispondenti. Tuttavia, i risultati di ricerca di Google proveranno a mostrare un video specifico solo una volta per ogni ricerca degli utenti.

Sitemap per i video e indicizzazione

Se includi un video in una Sitemap, non è garantito che questo venga indicizzato per la pagina in questione. Google tenta di indicizzare il video più in evidenza nella pagina, indipendentemente dal fatto che sia incluso o meno in una Sitemap.

Se in una Sitemap una pagina è contrassegnata come contenente un video, ma Google non rileva nessun video al suo interno, questa pagina non verrà inclusa nel report. Allo stesso modo, se la pagina non viene indicizzata per qualche motivo, non verrà visualizzata in questo report, a prescindere dalla sua inclusione o meno in una Sitemap.

Requisiti di indicizzazione dei video

Un video è idoneo per l'indicizzazione in una pagina solo se soddisfa i seguenti criteri:

  • Un video deve essere incorporato in una pagina host. Un video senza una pagina host non verrà indicizzato, anche se è incluso in una Sitemap per i video.
  • La pagina host deve essere indicizzata. Ciò significa che la pagina non può essere bloccata da una regola del file robots.txt, da una regola noindex o da qualsiasi altro elemento che possa impedire l'indicizzazione. Usa lo strumento Controllo URL per verificare se la pagina host è stata indicizzata o se è possibile indicizzarla. Inoltre, questo significa che il video deve trovarsi nella pagina canonica, perché viene indicizzato solo questo tipo di pagina.
  • Un video viene indicizzato utilizzando il tipo di crawler principale del tuo sito. Tuttavia, per evitare problemi con l'indicizzazione, consigliamo vivamente di fornire gli stessi video sia nella versione mobile che in quella desktop, con lo stesso livello di evidenza nella pagina.
  • Il video deve essere in evidenza nella pagina, ovvero non può essere nascosto dietro altri elementi o richiedere un'interazione complessa per la visualizzazione del player. A volte Google può attivare queste interazioni (ad esempio un'interazione "tocca per riprodurre"), ma questo non è garantito.
  • Il video deve avere dimensioni adeguate. Google può indicizzare un video solo se soddisfa i seguenti requisiti relativi alle dimensioni:
    • Larghezza: 140-1080 pixel.
    • Altezza: minimo 140 pixel.
    • (Larghezza video / larghezza pagina) < 0,33 (vale a dire, la larghezza del video deve essere almeno 1/3 di quella dello schermo).
  • È obbligatorio includere una miniatura valida. Devi fornire una miniatura valida, anche se Google potrebbe essere in grado di generarne una dal file video, se può recuperarlo.
  • Il video deve essere riproducibile all'interno della pagina. I link in uscita che rimandano a un'altra pagina di hosting video non vengono conteggiati come video.
  • Il video deve essere in un formato supportato da Google, che valuta il formato video in base all'estensione del file. Nelle pagine di cui il video è il contenuto principale, Google potrebbe ignorare l'estensione del file quando tenta di indicizzare un video, quindi non vedrai errori dovuti a formati non supportati su questi tipi di pagine.
  • Il video deve seguire le best practice per i file video.
  • Fornisci metadati coerenti. Devi specificare lo stesso titolo, URL della miniatura e URL del video in tutte le fonti (Sitemap, tag HTML, meta tag e dati strutturati) che descrivono lo stesso video sulla stessa pagina.
  • Non è necessario recuperare un video per poterlo indicizzare, ma un recupero riuscito rende il video idoneo per funzionalità aggiuntive, come le anteprime di riproduzione automatica, che possono migliorare notevolmente il coinvolgimento dell'utente.

In che modo Google estrae le informazioni su un video

Google tenta di determinare i vari metadati di un video, tra cui il titolo, la miniatura, la descrizione e altro ancora, da varie fonti.

  • Google può utilizzare dati strutturati (VideoObject), vari tag HTML e Sitemap per i video per ottenere una miniatura, un titolo, una descrizione e un URL del video.
  • Se Google può recuperare ed elaborare il video (codificato in un formato supportato), spesso può estrarre una miniatura e un'anteprima. Può anche estrarne il significato, per quanto in modo limitato, dall'audio e dal video del file.
  • Google può estrarre informazioni sul titolo e sulla descrizione dalla pagina che ospita il video, ad esempio dal testo della pagina e dai meta tag.

Spiegazione dei valori del report

Stato della pagina

Una pagina indicizzata in cui Google ha rilevato un video può avere uno dei seguenti stati:

  • Nessun video indicizzato
    Google ha rilevato che la pagina contiene almeno un video, ma non ha potuto indicizzarne nessuno per un qualche motivo. Consulta la sezione Requisiti di indicizzazione dei video per informazioni sui requisiti di indicizzazione o Risoluzione dei problemi per informazioni su come identificare e risolvere il problema. Anche se sono stati trovati più video, nel report possono essere mostrate informazioni su uno solo.
  • Video indicizzato
    Google ha potuto indicizzare la pagina e un video al suo interno. Google indicizza solo un video per pagina. Leggi le informazioni di base sull'indicizzazione dei video per saperne di più su come Google indicizza i video sul tuo sito.

Motivi della mancata indicizzazione del video

I seguenti motivi impediscono l'indicizzazione di un video:

Problema Descrizione
Google non ha potuto stabilire il video in evidenza nella pagina

Google non ha trovato un video che possa essere considerato abbastanza in evidenza per essere ritenuto il video della pagina in questione.

Ti consigliamo di risolvere altri problemi prima di risolvere questo. In alcuni casi, questo problema può essere causato da problemi di rendering in Googlebot, quindi potresti non riuscire a risolverlo, ma devi assicurarti che il video sia ragionevolmente in evidenza nella tua pagina.

Prova a utilizzare il test in tempo reale del report Controllo URL sulla tua pagina ed esamina lo screenshot per visualizzarla come la vede Google. Controlla l'URL della pagina, poi fai clic su Testa URL pubblicato > Visualizza pagina testata > Screenshot. Se il video non rientra nella posizione iniziale dello schermo, devi provare un altro metodo di test.

Impossibile determinare la posizione e le dimensioni del video Il video player non è presente nella pagina una volta caricata. In genere ciò si verifica quando la pagina include un'immagine in cui verrà visualizzato il player (spesso uno screenshot o un'immagine del player) su cui è necessario fare clic per avviare la riproduzione. Per risolvere il problema, carica il video player nelle dimensioni e nella posizione effettive visualizzate quando la pagina è caricata, senza richiedere alcuna interazione da parte dell'utente.
Video troppo grande o troppo piccolo L'area di riproduzione del video è troppo grande o troppo piccola per la pagina. Leggi le linee guida sulle dimensioni dei video e regola le dimensioni del player in modo che siano appropriate per la pagina.
Errore MRSS; prova a usare invece schema.org Per descrivere il video utilizzi MRSS (media RSS) e Google ha riscontrato un problema durante l'elaborazione della descrizione. Prova a utilizzare il markup di schema.org per descrivere il video.
URL del video non valido Il formato dell'URL del video non è valido, ad esempio utilizza caratteri non ammessi, come gli spazi, o un protocollo non valido, come "htttttp" anziché "http".
Formato video non supportato

Il video è codificato in un formato non supportato, in base all'estensione del file dell'URL del file video. Assicurati di utilizzare un formato supportato e di specificare un URL che indichi con precisione il formato del video. L'estensione del file è indicata dai tre o quattro caratteri che seguono il punto nel nome del file.

Esempi corretti:

  • https://example.com/videos/video1.mp4
  • https://example.com/videos/video1.mpeg

Esempio sbagliato: https://example.com/videos/video1.ogg

 

Formato video sconosciuto

L'estensione del file video non corrisponde a nessun formato video supportato da Google oppure non è indicata. Google valuta il formato del file in base all'URL del video. Assicurati che il video sia in un formato supportato e che includa l'estensione del file appropriata.

  • Esempio corretto: https://example.com/video1.mp4
  • Esempi sbagliati:
    • https://example.com/videos/myvideo
    • https://example.com/videos/myvideo.324fvsf4rf
Nessun URL miniatura fornito

Non è stata specificata nessuna immagine in miniatura per questo video e Google non ha potuto generarne una per te. Fornisci un link a una miniatura del video utilizzando i dati strutturati, una Sitemap o un file mRSS.

Se hai fornito un URL della miniatura utilizzando dati strutturati e hai ricevuto questo errore, assicurati che non stai definendo un URL della miniatura diverso per lo stesso video in un tag HTML. Devi specificare lo stesso titolo, lo stesso URL della miniatura e lo stesso URL del video in tutte le fonti (Sitemap, tag HTML, meta tag e dati strutturati) che descrivono lo stesso video sulla medesima pagina.

Formato miniatura non supportato L'immagine in miniatura specificata è in un formato non supportato, in base all'estensione del file della miniatura. Assicurati di utilizzare solo formati dell'immagine supportati per l'immagine in miniatura e di specificare l'estensione del formato appropriata.
Dimensioni della miniatura non valide La miniatura specificata presenta dimensioni non valide e Google non ha potuto generarne una per te. Fornisci una miniatura di dimensioni supportate.
Miniatura bloccata da robots.txt La miniatura fornita è bloccata per Google da una regola del file robots.txt. Se l'immagine è ospitata su un altro sito, contattalo per sapere come sbloccarla oppure fornisci un link a un'immagine in miniatura che possa essere raggiunta da Google senza requisiti di accesso e che non sia bloccata da regole del file robots.txt.
La miniatura è trasparente La miniatura fornita ha un livello di trasparenza superiore alla soglia accettabile: almeno l'80% dell'immagine deve avere un livello alfa superiore a 250. Le miniature trasparenti non sono consentite per l'indicizzazione dei video.
Impossibile raggiungere la miniatura Google non ha potuto accedere alla miniatura fornita all'URL indicato. Non si tratta di un problema correlato al file robots.txt. Forse l'immagine è protetta da password oppure non esiste più all'URL fornito.
Video non elaborato Google ha rilevato che nella pagina è presente almeno un video, ma ha deciso di non indicizzarlo.
Video non ancora elaborato Il video è in fase di elaborazione; ricontrolla dopo qualche giorno per vedere se l'elaborazione è completata.
Video non trovato sul servizio host Il video specificato non è presente nel servizio di hosting o è incluso in un servizio di hosting privato non raggiungibile dal crawler di Google. Per verificare, visita il servizio utilizzando l'ID video, poi aggiorna la pagina con l'ID o l'URL corretto per il tuo servizio di hosting video.
Miniatura mancante o non valida La miniatura non è stata fornita, non è disponibile o non è valida. Per motivi tecnici, il sistema non è in grado di distinguere tra questi problemi. Verifica che sia stato fornito un URL miniatura valido in un formato supportato, con un'estensione del file accurata, e che la miniatura sia disponibile per Google.
Miniatura non valida La miniatura non è valida per qualche motivo non contemplato da un altro errore relativo alle miniature elencato qui. Verifica di aver specificato un'immagine in miniatura, di rispettare tutte le linee guida relative alle miniature e che l'immagine sia disponibile per Google.

 

Ultima scansione

La data riportata in Ultima scansione nella pagina dei dettagli del problema indica l'ultima volta in cui la pagina è stata sottoposta a scansione, non il video.

Ulteriori dettagli sul video selezionato

Fai clic sull'URL di una pagina nel report per vedere ulteriori informazioni sull'indicizzazione del video per quella pagina. Queste informazioni provengono da diverse fonti. Se la pagina contiene più video distinti, tutte le informazioni riguardano il candidato più probabile per l'indicizzazione, che sia stato effettivamente indicizzato o meno.

  • URL video: l'URL del file video o del player. Se vedi più URL elencati per un singolo video, significa che Google ritiene che tutti questi URL corrispondano sostanzialmente allo stesso video. Se ritieni che questi URL duplicati siano in realtà di video diversi, puoi provare a distinguerli. Se Google trova su una pagina più video non correlati, le informazioni aggiuntive mostrate vengono associate al video più idoneo per l'indicizzazione, che sia o possa essere indicizzato o meno. Scopri di più.
  • URL miniatura: l'URL della miniatura del video. Può essere una miniatura fornita da te o un fotogramma che Google ha estratto dal file video. Se non è possibile trovare o generare una miniatura, il video non può essere indicizzato.
  • Posizionamento video: indica se la pagina host include o meno contenuti importanti oltre al video. Valori possibili:
    • Il video è il contenuto principale della pagina: i contenuti della pagina sono rappresentati principalmente da un solo video. Non sembrano esserci molti contenuti aggiuntivi.
    • Il video è un contenuto supplementare della pagina: questa pagina ospita contenuti significativi oltre al video, come testo aggiuntivo, immagini o altri video.

Origine dei dati sui dettagli dei video

I dettagli dei video provengono dalle seguenti fonti:

  • Dati strutturati: i metadati provengono da dati strutturati schema.org presenti nella pagina. In genere, si tratta di un VideoObject.
  • Sitemap: le informazioni provengono da un tag video in una Sitemap.
  • Protocollo Open Graph: le informazioni sono state fornite utilizzando i tag del protocollo Open Graph nella pagina.
  • Tag HTML: le informazioni sono state fornite utilizzando uno dei numerosi tag HTML che possono veicolare queste informazioni, tra cui tag oggetto <embed>, <video>, <link>, <script>, <amp-video>, altri tag video AMP specifici di terze parti per i video o vari tag immagine per le miniature.
  • mRSS: le informazioni sono state fornite in un file mRSS.
  • Screenshot visualizzato da Google: Google ha potuto elaborare il file video e generare una miniatura a partire dall'origine del video.
  • Generato da Google: Google ha potuto generare queste informazioni in base ai file e alle informazioni forniti nella pagina.
  • Fornita dalla piattaforma di hosting del video: la miniatura è stata fornita dalla piattaforma di hosting del video.
  • Origine metadati sconosciuta: Search Console non è sicuro di quale metodo sia stato utilizzato per ottenere le informazioni.

Informazioni sugli URL dei video

Fornire l'URL di un video è altamente consigliato, ma non è obbligatorio per l'indicizzazione. Se fornisci l'URL di un video, puoi migliorarne l'indicizzazione e attivare funzionalità aggiuntive quali le anteprime di riproduzione automatica.

URL del video mancante

Se Google identifica una pagina come contenente un video, ma non riesce a trovare l'URL del video, nel report vedrai l'indicazione "N/D" per l'URL. Per risolvere il problema, fornisci l'URL del video in contentURL o embedURL del markup VideoObject, nei tag HTML appropriati o in una Sitemap per i video.

Più URL per lo stesso video

Se vedi elencati più URL per un singolo video, significa che Google ha trovato nella pagina più URL che rimandano a quello che Google considera lo stesso video.

In questo caso, Google potrebbe combinare e utilizzare i metadati del video associati a eventuali URL duplicati, ad esempio il titolo dell'URL 1, la miniatura dell'URL 2 e così via.

Se ritieni che non si tratti dello stesso video, scopri come risolvere il problema.

Convalidare le correzioni

Dopo aver corretto tutte le istanze di un problema specifico sul tuo sito, puoi chiedere a Google di confermare le correzioni. Se tutte le istanze note vengono risolte, il numero di problemi viene azzerato nella relativa tabella e passa nella parte inferiore della tabella.

Perché eseguire la convalida

Se segnali a Google che hai risolto tutti i problemi in una determinata categoria o in uno stato specifico, i vantaggi saranno i seguenti:

  • Riceverai un'email quando Google avrà confermato la tua correzione per tutti gli URL o, al contrario, se Google ha rilevato le istanze rimanenti del problema.
  • Puoi monitorare l'avanzamento di Google nella conferma delle correzioni, visualizzare un log di tutte le pagine in coda per il controllo e lo stato di correzione di ciascun URL.

Potrebbe non essere sempre opportuno risolvere e convalidare un problema specifico sul tuo sito web: ad esempio, gli URL bloccati dal file robots.txt sono probabilmente bloccati intenzionalmente. Utilizza il buon senso per decidere se risolvere un determinato problema.

Puoi anche risolvere i problemi senza convalidarli; Google aggiorna il conteggio delle istanze ogni volta che esegue la scansione di una pagina con problemi noti, indipendentemente dal fatto che tu abbia richiesto o meno in modo esplicito la convalida.

Avviare la convalida

Per comunicare a Search Console che hai risolto un problema:

  1. Correggi tutte le istanze del problema sul tuo sito. Se hai ignorato una correzione, la convalida verrà interrotta quando Google troverà una singola istanza rimanente del problema.
  2. Apri la pagina dei dettagli del problema che hai risolto. Fai clic sul problema nell'elenco dei problemi del report.
  3. Fai clic su Convalida correzione. Non fare di nuovo clic su Convalida correzione finché la convalida non ha avuto esito positivo o negativo. Scopri di più su come Google controlla le correzioni.
  4. Puoi monitorare l'avanzamento della convalida. In genere la convalida richiede fino a 2 settimane, ma in alcuni casi può impiegare molto più tempo, quindi sii paziente. Riceverai una notifica quando la convalida sarà terminata con esito positivo o negativo.
  5. Se la convalida non va a buon fine, puoi vedere quale URL ha causato la mancata convalida facendo clic su Vedi dettagli nella pagina dei dettagli del problema. Correggi questa pagina, conferma la correzione in tutti gli URL con lo stato In attesa e riavvia la convalida.

Quando un problema viene considerato "risolto" per un URL o un elemento?

Un problema viene contrassegnato come risolto per un URL o un elemento quando viene soddisfatta una delle seguenti condizioni:

  • Quando viene eseguita la scansione dell'URL e il problema non è più presente nella pagina. Per un errore di tag AMP, ciò può significare che hai corretto il tag o che il tag è stato rimosso (se non è obbligatorio). Durante un tentativo di convalida, lo stato viene contrassegnato come Superata.
  • Se Google non riesce a raggiungere la pagina per qualsiasi motivo (la pagina è stata rimossa, contiene un tag noindex, richiede l'autenticazione e così via), il problema verrà considerato risolto per questo URL. Durante un tentativo di convalida, lo stato di convalida sarà Altro.

Durata del problema

La durata di un problema si estende dal momento in cui viene rilevata un'istanza del problema sul tuo sito fino a 90 giorni dopo che l'ultima istanza è stata contrassegnata come rimossa dal sito. Se nel corso dei 90 giorni non si ripresenta, il problema viene rimosso dalla tabella dei problemi.

La data in cui il problema viene rilevato corrisponde alla prima volta in cui è stato segnalato nel corso della sua durata e non può essere modificata. Pertanto:

  • Se tutte le istanze di un problema vengono risolte, ma si verifica una nuova istanza del problema nei 15 giorni successivi, il problema viene contrassegnato come aperto e la prima data di rilevamento sarà la data originale.
  • Se si verifica lo stesso problema 91 giorni dopo la risoluzione dell'ultima istanza e la chiusura del problema, questo viene registrato come un nuovo problema, con prima data di rilevamento impostata sulla nuova data di rilevamento.
Flusso di convalida

Ecco una panoramica del processo di convalida avviato dopo che hai fatto clic su Convalida correzione per un problema. Questo processo può richiedere 7 o più giorni. Riceverai notifiche di avanzamento via email.

  1. Quando fai clic su Convalida correzione, Search Console verifica immediatamente alcune pagine.
    • Se l'istanza in oggetto è presente in una qualsiasi di queste pagine, la convalida termina e lo stato di convalida rimane invariato.
    • Se le pagine prese a campione non presentano l'errore in oggetto, la convalida continua con lo stato Iniziata. Se la convalida rivela altri problemi non correlati, questi vengono fatti rientrare nella relativa tipologia di problema e la convalida va avanti.
  2. Search Console esamina un elenco di URL noti interessati da questo problema. Solo gli URL con istanze note di questo problema sono messi in coda per eseguire nuovamente la scansione, non l'intero sito. Search Console conserva nella cronologia di convalida un record di tutti gli URL controllati, a cui è possibile accedere dalla pagina dei dettagli del problema.
  3. Quando viene controllato un URL:
    1. Se il problema non viene trovato, lo stato di convalida dell'istanza viene modificato in Superata. Se si tratta della prima istanza controllata dopo l'inizio della convalida, lo stato di convalida del problema diventa Tutto OK.
    2. Se l'URL non è raggiungibile, lo stato di convalida dell'istanza passa a Altro (che non rappresenta uno stato di errore).
    3. Se l'istanza è ancora presente, lo stato del problema viene modificato in Non riuscita e la convalida termina. Se questa è una nuova pagina scoperta dalla normale scansione, viene considerata come un'altra istanza del problema in oggetto.
  4. Quando gli URL in coda sono stati controllati per risolvere il problema e vengono risolti, lo stato del problema passa a Superata. Tuttavia, anche se tutte le istanze sono state corrette, l'etichetta di gravità del problema non cambia (Errore o Avviso), ma viene modificato solo il numero di elementi interessati (0).

Anche se non fai clic su Avvia convalida, Google può rilevare le istanze risolte di un problema. Se Google rileva che tutte le istanze di un problema sono state risolte durante la scansione standard, cambierà in 0 il numero di problemi nel report.

Riconvalida

⚠️ Attendi il completamento di un ciclo di convalida prima di richiederne un altro, anche se hai risolto alcuni problemi durante il ciclo corrente.

Per riavviare una convalida non riuscita:

  1. Vai al log relativo alla convalida non riuscita: apri la pagina dei dettagli del problema che ha comportato l'esito negativo della convalida e fai clic su Vedi dettagli.
  2. Fai clic su Avvia nuova convalida.
  3. La convalida verrà riavviata per tutti gli URL contrassegnati come In attesa o Non riuscita, più eventuali nuove istanze di questo problema in oggetto rilevate tramite la normale scansione dall'ultimo tentativo di convalida. Gli URL con lo stato Superata o Altro non vengono ricontrollati.
  4. In genere la convalida richiede fino a 2 settimane, ma in alcuni casi può impiegare molto più tempo, quindi sii paziente.

Visualizzare l'avanzamento della convalida

Per controllare l'avanzamento di una richiesta di convalida corrente o la cronologia dell'ultima richiesta se non è in corso una convalida:

  1. Apri la pagina dei dettagli del problema. Fai clic sulla riga del problema nella pagina principale del report per aprire la pagina dei dettagli del problema.
  2. Fai clic su Vedi dettagli per aprire la pagina dei dettagli della convalida di questa richiesta.
    • Nella tabella viene visualizzato lo stato dell'istanza per ogni URL incluso nella richiesta.
    • Lo stato dell'istanza si applica al problema specifico in esame. In una pagina potresti avere un problema con lo stato Superata, ma altri problemi con lo stato Non riuscita, In attesa o Altro sulla stessa pagina.
    • Nel report AMP e nel report Copertura dell'indice, le voci nella pagina della cronologia di convalida sono raggruppate per URL.
    • Nei report Usabilità mobile e sui risultati avanzati, gli elementi vengono raggruppati in base alla combinazione di URL + elemento di dati strutturati (come stabilito dal valore Nome dell'elemento).
Stato della richiesta di convalida

I seguenti stati di convalida si riferiscono alla convalida per determinati problemi, ovvero:

  • Non iniziata: una o più istanze di questo problema non sono mai state inviate in una richiesta di convalida per questo problema.
    Passaggi successivi:
    1. Fai clic sul problema per conoscerne i dettagli. Controlla le singole pagine per visualizzare esempi di errore nella pagina pubblicata utilizzando lo strumento Test delle pagine AMP. Se lo strumento non mostra l'errore nella pagina, significa che lo hai risolto nella pagina pubblicata in seguito al rilevamento dell'errore e alla generazione del report relativo al problema da parte di Google.
    2. Fai clic su Scopri di più nella pagina dei dettagli per visualizzare i dettagli del problema.
    3. Fai clic su una riga di URL di esempio nella tabella per ottenere i dettagli sull'errore in questione.
    4. Correggi le pagine, poi fai clic su Convalida correzione per avviare la convalidaIn genere questa richiede fino a 2 settimane, ma in alcuni casi può impiegare molto più tempo, quindi sii paziente.
  • Iniziata: hai avviato un tentativo di convalida e non sono state ancora trovate altre istanze del problema.
    Passaggio successivo: Google invierà delle notifiche man mano che la convalida andrà avanti, indicandoti cosa fare, se necessario.
  • Tutto OK: hai avviato un tentativo di convalida e tutte le istanze del problema che sono state verificate finora sono state risolte.
    Passaggio successivo: Google invierà delle notifiche man mano che la convalida andrà avanti, indicandoti cosa fare.
  • Superata: tutte le istanze note del problema sono state eliminate (oppure l'URL interessato non è più disponibile). Devi aver fatto clic su Convalida correzione per ottenere questo stato (se le istanze sono scomparse senza che tu ne abbia richiesto la convalida, lo stato diventa N/D).
    Passaggio successivo: non è necessario fare altro.
  • N/D: Google ha rilevato che il problema è stato risolto in tutti gli URL, anche se non hai mai avviato un tentativo di convalida.
    Passaggio successivo: non è necessario fare altro.
  • Non superata: un determinato numero di pagine contiene ancora questo problema dopo che hai fatto clic su Convalida.
    Passaggi successivi: risolvi il problema e riavvia la convalida.
Stato di convalida dell'istanza

Dopo che hai richiesto la convalida, a ogni istanza del problema viene assegnato uno dei seguenti stati di convalida:

  • In attesa: in coda per la convalida. L'ultima volta che Google ha verificato, questa istanza del problema era presente.
  • Superata: [non disponibile in tutti i report ] Google ha cercato l'istanza del problema e ha notato che non esiste più. Puoi arrivare ad avere questo stato soltanto se hai fatto clic su Convalida per l'istanza del problema in questione.
  • Non superata: Google ha verificato questa istanza del problema e ha notato che è ancora presente. Puoi arrivare ad avere questo stato soltanto se hai fatto clic su Convalida per l'istanza del problema in questione.
  • Altro: [non disponibile in tutti i report] Google non ha potuto raggiungere l'URL che ospita l'istanza oppure (per i dati strutturati) non ha più trovato l'elemento nella pagina. Questo stato viene considerato equivalente allo stato Superata.

Tieni presente che uno stesso URL può avere diversi stati per differenti problemi. Ad esempio, se una pagina contiene entrambi i problemi X e Y, il problema X può essere in stato di convalida Superata, mentre il problema Y può essere in stato di convalida In attesa.

Risoluzione dei problemi

Panoramica della risoluzione dei problemi

Per risolvere un problema di indicizzazione dei video, devi comprendere questi concetti chiave:

Indicizzazione delle pagine
Google deve essere in grado di trovare e indicizzare la pagina che ospita un video. Requisiti per l'indicizzazione delle pagine:
  • Google può trovare la pagina: la pagina è collegata da una posizione nota a Google o è elencata in una Sitemap.
  • Google può accedere alla pagina: l'indicizzazione non è bloccata per la pagina mediante una regola del file robots.txt, una regola noindex o una richiesta di accesso.
  • La pagina segue tutte le istruzioni per i webmaster: Google non indicizza una pagina che viola le nostre istruzioni.
  • La pagina non è un duplicato di un'altra pagina: Google tenta di raggruppare le pagine duplicate del tuo sito e ne indicizza solo una. Se solo una di queste pagine duplicate contiene un video, ma questa non è la pagina indicizzata, Google non indicizzerà il video per quella pagina.
Indicizzazione dei video
Google indicizza i video solo dalle pagine indicizzate e, per farlo, deve riuscire a individuare il video in una pagina e a trovare informazioni sufficienti sul video. Se una pagina contiene più video, Google indicizzerà solo un video per pagina. Consulta la sezione Requisiti di indicizzazione dei video.
Recupero dei video
Google tenta di recuperare il file video nell'ambito dell'indicizzazione del video. Se il file è bloccato per Google (alcuni servizi impediscono a Google di recuperare un video) o è in un formato non supportato, non verrà recuperato. Il recupero di un video non è obbligatorio per l'indicizzazione.

Il numero di video/pagine totali è basso

Se la somma dei valori riportati in Video indicizzato e Nessun video indicizzato è molto inferiore al numero di pagine indicizzate contenenti video sul tuo sito, i motivi possibili sono due:

  • Google non ha potuto indicizzare la pagina contenitore. Un video non ha alcuna probabilità di essere indicizzato, a meno che non si trovi in una pagina indicizzata. Consulta la sezione La pagina contenitore non è indicizzata.
  • Google non ha trovato alcun video nella tua pagina indicizzata. La pagina, anche se viene indicizzata, non comparirà in questo report se Google non riesce a trovare un video al suo interno. Consulta la sezione Il video non è indicizzato.
Ricorda: questo report non conteggia i video totali sul tuo sito, ma le pagine indicizzate in cui Google ha rilevato un video e, tra queste, il numero di pagine in cui è stato possibile indicizzare un video (Google non indicizza mai più di un video per pagina).

La pagina contenitore non è indicizzata

Se Google non ha indicizzato una pagina host, questa e i video che eventualmente contiene non saranno inclusi in questo report.

In alternativa, se Google ha indicizzato una pagina, ma non rileva alcun video, la pagina non verrà mostrata in questo report.

Con il report Copertura dell'indice puoi vedere un quadro generale del numero di pagine del sito che sono state indicizzate. Verifica se il numero di pagine indicizzate sembra corretto. Verifica se gli errori di indicizzazione si applicano in genere alle pagine contenenti video. Tieni presente che il report Copertura dell'indice non fornisce informazioni sulle pagine non trovate da Google.

Per conoscere i dettagli del motivo per cui una pagina specifica potrebbe non essere indicizzata, utilizza lo strumento Controllo URL, che fornisce informazioni dettagliate sull'esito dell'indicizzazione di una pagina da parte di Google e sul relativo motivo. Alcune linee guida generali:

  • Problemi di trovabilità: Google deve essere in grado di trovare una pagina per poterla indicizzare. La pagina è collegata da una pagina già indicizzata sul tuo sito o su un altro sito? La pagina è elencata in una Sitemap?
  • Problemi di indicizzazione: i seguenti problemi di indicizzazione delle pagine possono essere rilevati dallo strumento Controllo URL:
    • La scansione della pagina è bloccata dal file robots.txt.
    • L'indicizzazione della pagina è bloccata da un tag o un'istruzione noindex.
    • La pagina non è canonica. Google indicizza solo le pagine canoniche (i duplicati di queste pagine non vengono indicizzati). Anche se un video non verrà indicizzato da una pagina non canonica, potrà essere indicizzato se è incorporato in un'altra pagina indicizzata e canonica.

Non è stato trovato nessun video nella pagina

Se Google non trova nessun video in una pagina indicizzata, la pagina non comparirà in questo report. Si tratta di un problema diverso rispetto al caso in cui Google trova i video in una pagina indicizzata, ma non può indicizzarli; In tal caso, la pagina verrà visualizzata nel report come Nessun video indicizzato.

Se la pagina contiene video, ma Google non ne segnala nessuno quando la esamini, ecco alcuni consigli che puoi seguire:

  • Aggiungi la pagina a una Sitemap con un descrittore del video.
  • Assicurati che il video sia in evidenza nella pagina quando viene visualizzato in un browser.
  • Assicurati di seguire le best practice per i video.
  • Accertati che la pagina di hosting sia indicizzata. Anche se il controllo degli URL pubblicati rileva un video, questo non verrà indicizzato da una pagina non indicizzata.

Google combina i metadati dei video ricavati da fonti diverse

Se visualizzi più URL per lo stesso video su una pagina, significa che Google li considera come lo stesso video.

In questo caso, Google potrebbe utilizzare i metadati di una qualsiasi delle fonti duplicate, ad esempio il titolo dell'URL 1 e la miniatura dell'URL 2.

Se ritieni che non si tratti dello stesso video, ecco come puoi aiutare Google a distinguerli:

  • Assicurati che ogni video abbia un URL del video e della miniatura univoco.
  • Se utilizzi oggetti video di schema.org, assicurati che l'URL dell'oggetto video corrisponda all'URL utilizzato nei tag HTML (<embed>, <video> o un altro tag appropriato), nelle Sitemap e nei file mRSS.
  • Non utilizzare la stessa miniatura per video diversi.

Il video non è indicizzato

Un video potrebbe non essere indicizzato per diversi motivi, tra cui:

  • La pagina contenitore non è indicizzata. Usa lo strumento Controllo URL per determinare se una pagina è stata indicizzata e, in caso contrario, il motivo della mancata indicizzazione.
  • Il video non rispetta tutte le linee guida per l'indicizzazione dei video.
  • Google non riesce a trovare il video. Google non è in grado di indicizzare un video se non riesce a trovarlo nella pagina. La pagina richiede l'interazione dell'utente per visualizzare il video? Usa lo strumento Controllo URL per testare la pagina pubblicata e controllare lo screenshot: vedi il video sulla pagina?
  • Il video non è "in evidenza" o è meno in evidenza o idoneo all'indicizzazione rispetto a un altro video nella pagina. Google indicizza un video solo se ha un livello di evidenza minimo nella pagina e dà la preferenza all'indicizzazione del video più in evidenza.
  • Un altro video nella pagina era più idoneo all'indicizzazione. Usa lo strumento Controllo URL per verificare se un altro video nella pagina è stato indicizzato.
  • Google non ha potuto recuperare la miniatura fornita o generarne una. Per fornire una miniatura, segui queste linee guida. Per consentire a Google di generare un file, consulta la sezione Recupero dei video. Puoi utilizzare lo strumento Test dei risultati avanzati per verificare se è applicato il blocco del file robots.txt:
    • Apri lo strumento Test dei risultati avanzati.
    • Fornisci l'URL della miniatura e fai clic su Testa URL.
    • Nei risultati, espandi la sezione Scansione e controlla il risultato Scansione consentita?, che dovrebbe indicare se la miniatura è bloccata da una regola del file robots.txt.
    • In questo caso, dovrai contattare il proprietario del file (il webmaster del sito che contiene la miniatura) e chiedere di sbloccarne il file per Google nel file robots.txt.
  • Google non ha potuto generare le informazioni richieste per il video per qualche motivo (la miniatura e la descrizione sono obbligatorie). Se il video utilizza i dati strutturati, questi sono corretti? Valori non validi o mancanti per gli attributi dei dati strutturati obbligatori possono impedire l'indicizzazione di un video. Puoi testare i dati strutturati del video con lo strumento Test dei risultati avanzati.
  • Consulta le linee guida per aiutare Google a trovare i tuoi video.

Domande senza risposta

Di seguito sono riportate alcune statistiche sui video che al momento non possiamo fornire in Search Console:

  • Quanti video del mio sito sono stati indicizzati da Google?
    Al momento Search Console non genera un report che mostra il numero totale di video unici indicizzati su un sito, ma solo un numero di pagine indicizzate contenenti un video che può o non può essere indicizzato.
  • Quali video possono o non possono essere indicizzati da Google?
    Search Console non genera un report completo che mostra tutti i video che possono o non possono essere indicizzati su un sito, ma solo le pagine contenenti un video che può o non può essere indicizzato.
  • Per quali pagine viene indicizzato il video X?
    Search Console non dispone di un modo per visualizzare tutte le pagine indicizzate associate a un determinato video indicizzato.
 

* Le condizioni molto specifiche citate sopra fanno riferimento al fatto che il tuo sito ospita un solo video unico per pagina e Google può indicizzare ogni pagina contenente un video. In questo caso, il report riporterà il numero di video sul tuo sito. Se il tuo sito ospita più video per pagina o lo stesso video su più pagine oppure Google non riesce a indicizzare ogni pagina contenente un video, i totali del grafico probabilmente non mostreranno il numero totale di video unici indicizzati sul tuo sito.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Prova i passaggi successivi indicati di seguito:

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
false
false
true
true
83844
false