Report sul rendimento (Ricerca)

Il report sul rendimento mostra metriche importanti relative alle prestazioni del tuo sito nei risultati della Ricerca Google, ad esempio:

  • Puoi conoscere i cambiamenti del traffico di ricerca nel tempo, la provenienza del traffico e per quali query di ricerca è più probabile che venga mostrato il tuo sito.
  • Scopri quali query vengono cercate sui dispositivi mobili e utilizza queste informazioni per migliorare il tuo targeting mobile.
  • Puoi scoprire quali pagine registrano la percentuale di clic più alta (e più bassa) nei risultati di ricerca di Google.
Nuovo utente?
Se non hai familiarità con l'analisi dei siti web, inizia da qui per un'introduzione semplice a questo report.

 

APRI IL REPORT SUL RENDIMENTO

 

Rapporti sul rendimento in Search Console - Formazione su Google Search Console

Attività comuni

Quali sono le query più cercate per il tuo sito?

Visualizza la scheda QUERY per vedere fino a 1000 query principali per il tuo sito (non vengono mostrate query rare per tutelare la privacy degli utenti).
Ordina i dati per clic, CTR o impressioni facendo clic sulla colonna nella parte superiore della tabella.
Tieni presente che le query sono corrispondenze esatte (non sensibili alle maiuscole), pertanto tante query possono essere molto simili. Probabilmente vale la pena trattare le query simili come query uguali quando analizzi il rendimento del tuo sito o della tua pagina. In Search Console, puoi creare filtri per trovare corrispondenze per più query; consigliamo di associare le query simili, ad esempio "coppa del mondo", "la coppa del mondo" e "coppa del mondo 2023".
Puoi monitorare il rendimento di una query nel tempo filtrando in base a quella query (fai clic sulla query nella scheda QUERY). Search Console non supporta un modo per monitorare il rendimento di più query singolarmente nel tempo, ma puoi applicare un'espressione regolare per filtrare più query (oppure associare query contenenti una stringa comune)

Quali sono le pagine più visitate nella Ricerca?

Visualizza la scheda PAGINE e scegli le metriche relative a clic e CTR. Ordina i risultati per clic o CTR.

Quali sono le pagine meno efficaci nella Ricerca?

Il CTR è un buon fattore per determinare l'"efficacia" nella Ricerca. Questo perché un CTR basso indica che gli utenti vedono la tua pagina nella Ricerca, ma non pensano che risponda a quello che stanno cercando.
Se noti un CTR basso per una pagina, valuta se vale la pena conservarla. In quel caso, cerca di migliorare il titolo e lo snippet della pagina per rappresentare al meglio i contenuti oppure modifica i contenuti stessi in modo che rispecchino meglio le query degli utenti che mostrano la pagina.
Per visualizzare le pagine con il CTR più basso:
  1. Seleziona il CTR come metrica.
  2. Apri la scheda PAGINE.
  3. Ordina per il CTR.

Quali pagine del tuo sito ha mostrato Google per una determinata query?

Fai clic sulla scheda QUERY per visualizzare fino a 1000 query principali per il tuo sito (non vengono mostrate query rare per tutelare la privacy degli utenti).
Fai clic su una query per filtrare tutti i dati del report relativi alla query selezionata. In alternativa, puoi aggiungere un filtro delle query per specificare il testo della query anziché scegliere una query dalla tabella. Il filtro delle query non è sensibile alle maiuscole.
Molte query sono quasi identiche, pertanto ti consigliamo di inviare più termini di query esatti utilizzando un'espressione regolare (la coppa del mondo | coppa del mondo | coppa del mondo 2022) o applicando il filtro "elementi contenenti" e utilizzando un termine comune ("coppa del mondo" anziché "la coppa del mondo"). Gli utenti tendono a cercare molti termini simili.
Ricorda che, anche se una query viene mostrata nel tuo elenco, il tuo sito potrebbe non comparire nei risultati se esegui la stessa query nella Ricerca Google. Questo avviene perché i risultati della Ricerca sono molto specifici in base a fattori quali, ad esempio, orario, luogo, dispositivo e cronologia delle ricerche recenti dell'utente. Inoltre, gli utenti che effettuano ricerche con la stessa stringa possono ottenere risultati diversi, in base a ciò che Google pensa che stiano cercando.

Perché il traffico ha registrato un calo o un picco?

Un calo del traffico organico nella Ricerca può verificarsi per diversi motivi e, nella maggior parte dei casi, è possibile trovare una soluzione a questo problema. Per scoprire di più sulle cause principali di un calo di traffico, leggi l'articolo Eseguire il debug dei cali del traffico della Ricerca Google.

Confrontare i dati relativi a due pagine, intervalli di date, query o qualsiasi altro elemento

Consulta la sezione Confrontare gruppi per scoprire come confrontare il rendimento per due intervalli di date diversi o per qualsiasi altro elemento.

Come misurare l'efficacia di una modifica nella pagina

Determinare se una modifica specifica su una pagina ha apportato un miglioramento può essere più difficile di quanto pensi. Questo perché altri eventi non correlati alle modifiche potrebbero aver contribuito al cambio di rendimento nella Ricerca. Ad esempio, cambiamenti periodici nel sentiment degli utenti, magari dovuti a nuove notizie, potrebbero suscitare un interesse maggiore o minore per la tua pagina, nonché influire sull'aspetto o sul miglioramento di un sito concorrente. Verifica se il tuo miglioramento nella Ricerca è in linea con le modifiche del sito, rispetto a periodi di tempo simili in passato.

Qual è la tua posizione media nei risultati della Ricerca nel tempo?

Per visualizzare la posizione media nei risultati della Ricerca:
  1. Se vuoi visualizzare la cronologia delle posizioni per una pagina specifica o un determinato gruppo di pagine, aggiungi un filtro URL al report.
  2. Seleziona la metrica Posizione media e deseleziona tutte le altre metriche.
  3. Scegli l'intervallo di tempo che ti interessa.
  4. Se vuoi, confronta questo intervallo di tempo con uno simile.

Ricorda che il valore mostrato per ogni data corrisponde alla posizione media più alta per le pagine del tuo sito.

Ricorda anche che è molto difficile determinare esattamente a quale parte della pagina si riferisce una posizione specifica. È preferibile puntare alla posizione 10 o a una inferiore e cercare di non scendere di posizione nel tempo. In generale, dovresti concentrarti più sulle impressioni e sui clic che sulla posizione.

Confrontare il rendimento nella Ricerca Google, in News e in Discover

Sono disponibili report sul rendimento separati per la Ricerca, News e Discover. Non puoi combinare i dati in un unico report in Search Console nel browser, ma puoi esportarli e confrontarli. (Tieni presente che devi disporre di dati sufficienti su Google News e Discover per visualizzare i report.)
Inoltre, tieni presente che News e Discover potrebbero avere molto meno traffico rispetto a quello della Ricerca e, in questo caso, combinandoli in un unico report, il traffico della Ricerca supererebbe il traffico delle altre sorgenti.

Visualizzare i dati relativi alle query correlate o non correlate a un brand

Potresti voler sapere per quante query viene mostrato il tuo sito quando l'utente include o meno una parola o frase specifica, ad esempio il nome di un brand.

Questo non è semplice quanto filtrare le query con e senza un valore perché, aggiungendo un filtro, Search Console ignora le query anonimizzate che potrebbero contenere la frase desiderata. Di conseguenza, il numero reale andrà perso non appena inizierai a filtrare i dati. Tuttavia, puoi stimare il margine massimo di errore aggiungendo un filtro di query e osservando quanto diminuisce il numero totale di impressioni o di clic rispetto al totale non filtrato. Pertanto:

  1. Aggiungi un filtro per le query che corrispondono a un valore ("Query esatta", "Query contenenti" o "Personalizzata (regex)"). Registra i clic, le impressioni e il CTR totali dal grafico.
  2. Modifica il filtro per trovare le query che non contengono quel valore ("Query non contenenti" o "Personalizzata (regex)"). Registra i valori totali dal grafico.
  3. Modifica il filtro per creare una corrispondenza con tutte le query: "Personalizzata (regex)" per le query che corrispondono al termine .* e registra i valori totali dal grafico.
  4. Rimuovi tutti i filtri di query e pagine e registra i valori totali dal grafico. Tieni presente che l'aumento dei totali del passaggio 3 riguarda i dati anonimizzati e altri dati long-tail che hanno subito un calo.
  5. I tuoi numeri approssimativi di query correlate o non correlate a un brand sono:
(Query contenenti "un valore")
(Query non contenenti "un valore") + (Query contenenti "un valore")

Margine massimo di errore approssimativo:

(Totale con un filtro che soddisfa tutti i criteri / Totale senza filtri)

Configurare il report

Nella visualizzazione predefinita del report vengono mostrati i dati relativi a clic e impressioni per il tuo sito nei risultati della Ricerca Google degli ultimi tre mesi.

 

Esportare i dati dei rapporti

Per molti rapporti è disponibile un pulsante di esportazione che consente di esportare i dati dei rapporti. Vengono esportati i dati di grafici e tabelle. I valori indicati come ~ o - nel report (non disponibili o non corrispondenti a un numero) appariranno come zeri nei dati scaricati.

 

Consultare il grafico

A seconda delle schede selezionate, il grafico mostra i clic totali, le impressioni totali, la percentuale di clic (CTR) media e la posizione media per la proprietà. I dati sul grafico sono aggregati per proprietà. Consulta la sezione Metriche per informazioni sulle metriche disponibili e su come vengono calcolate. I dati più recenti possono essere preliminari; i dati preliminari vengono indicati quando ci passi il mouse sopra o li selezioni nel grafico.

I dati del grafico vengono sempre aggregati per proprietà, a meno che non applichi filtri per pagina o per aspetto nella ricerca.

Nel grafico vengono indicati i totali relativi a ogni metrica. I totali del grafico potrebbero essere diversi da quelli della tabella.

Leggi le sezioni Dimensioni, Metriche e Informazioni sui dati per interpretare i valori.

Consultare la tabella

La tabella mostra i dati raggruppati in base alla dimensione selezionata (ad esempio per query, pagina o paese).

I dati della tabella vengono aggregati per proprietà, a meno che non applichi un filtro o visualizzi i risultati per pagina o per aspetto nella ricerca.

I totali del grafico potrebbero essere diversi da quelli della tabella per svariati motivi.

Leggi le sezioni Dimensioni, Metriche e Informazioni sui dati per interpretare i valori.

Perché non è più disponibile la tabella del report?

La tabella non viene mostrata nel report se non fornisce maggiori informazioni rispetto al grafico. Ad esempio, se vuoi vedere il numero di clic in una tabella con raggruppamento per paese e confronti gli Stati Uniti con il Regno Unito, la tabella sarà simile alla seguente:

Paese Clic Stati Uniti Clic Regno Unito
Stati Uniti 1000 0
Regno Unito 0 1000

Questa tabella non offre maggiori informazioni rispetto al grafico, pertanto viene omessa.

Dimensioni e filtri

Puoi raggruppare e filtrare i dati in base alle dimensioni che seguono. Per raggruppare i dati, seleziona la scheda della dimensione desiderata sopra la tabella. Per filtrare i dati, leggi qui.

Query

Si tratta delle stringhe di query cercate dagli utenti su Google. Vengono mostrate soltanto le stringhe di query non anonimizzate per cui è stato restituito il tuo sito.

Query anonimizzate

In questi risultati non vengono riportate alcune query (chiamate query anonimizzate) al fine di tutelare la privacy degli utenti che le hanno utilizzate. Le query anonimizzate vengono sempre escluse dalla tabella. Le query anonimizzate vengono incluse nei totali del grafico a meno che non applichi il filtro per query (le query contenenti o non contenenti una determinata stringa).

Se il tuo sito ha un numero elevato di query anonimizzate, potresti notare una discrepanza significativa tra i totali (numero di query contenenti una_stringa + numero di query non contenenti una_stringa). Questo avviene perché le query anonimizzate vengono omesse quando viene applicato un filtro. Scopri di più su come le query anonimizzate possono causare discrepanze nei dati.

I dati vengono aggregati per proprietà se li raggruppi o filtri per query.

Se filtri i dati per query, potresti perdere i dati long-tail nella tabella o nel grafico. Se raggruppi i dati per query, potresti perdere i dati long-tail soltanto nella tabella. Questo è più evidente nei siti di grandi dimensioni.

Se non riesci più a trovare una query di ricerca che hai visto di recente, verifica di non avere aggiunto un filtro che nasconde i risultati.

Altri limiti per le query

A causa di limitazioni interne, Search Console memorizza le principali righe di dati, ma non tutte le righe. Di conseguenza, non tutte le query oltre a quelle anonimizzate verranno mostrate. L'obiettivo è mostrare quelle più importanti per l'intera proprietà.

Utilizzi comuni

  • Cercare le query previste e impreviste. Se l'elenco non contiene le parole che avevi previsto, è probabile che i contenuti del sito non siano sufficientemente pertinenti per queste parole. Se vengono riportate parole impreviste (come "Viagra" o "casinò"), il tuo sito potrebbe essere stato compromesso.
  • Individuare le query con numero elevato di impressioni e bassa percentuale di clic. Queste query possono esserti utili per stabilire come migliorare i titoli e gli snippet in base agli interessi degli utenti.
  • Vedere i totali delle query correlate o non correlate a un brand. Potresti voler sapere per quante query viene mostrato il tuo sito quando l'utente include o meno una stringa specifica, ad esempio il nome di un brand. Dato che non è possibile conteggiare le query anonimizzate e che i dati long-tail vengono omessi quando applichi il filtro per query, questo valore sarà sempre indicativo; comunque la percentuale (molto approssimativa) di query correlate a un brand è pari a:
    (Query contenenti "un valore")
    (Query non contenenti "un valore") + (Query contenenti "un valore")
Pagine

L'URL finale a cui rimanda tramite link un risultato di ricerca dopo eventuali reindirizzamenti ignorati (vedi sotto).

La maggior parte dei dati sul rendimento mostrati in questo report è assegnata all'URL canonico della pagina, non a un URL duplicato. Questo significa che, quando un utente fa clic su un URL duplicato nei risultati di ricerca, viene conteggiato il clic per l'URL canonico, non per l'URL visitato dall'utente. Di conseguenza, nel report sul rendimento può essere indicato un numero di clic pari a zero per un URL duplicato, anche se dai log del sito risulta che gli utenti hanno raggiunto quella pagina dalla Ricerca Google. Puoi conoscere l'URL canonico di una pagina usando lo strumento Controllo URL.

Una piccola quantità di clic e impressioni potrebbe essere assegnata all'URL effettivo anziché all'URL canonico. Gli esempi includono alcuni link di schede informative nei risultati di ricerca mobile, nonché alcuni risultati hreflang.

Puoi provare a determinare il traffico effettivo relativo ai duplicati se hai versioni separate per i visitatori che utilizzano la versione desktop e mobile. In questo caso, puoi visualizzare il traffico relativo all'URL effettivo su cui l'utente ha fatto clic filtrando i dati per dispositivo (computer o dispositivo mobile).

 

Se scegli la dimensione Pagine, nella tabella i dati vengono aggregati per pagina anziché per proprietà; nel grafico, invece, i dati vengono aggregati per proprietà a prescindere dalla dimensione.

Se raggruppi i dati per pagina, potresti perdere i dati long-tail nella tabella. Questo è più evidente nei siti di grandi dimensioni.

I reindirizzamenti vengono ignorati: l'URL mostrato da Google per un risultato di ricerca potrebbe essere diverso dall'effettivo URL del link. Ad esempio, nel caso di un sito con due versioni di una pagina: example.com/mypage per gli utenti di dispositivi desktop e m.example.com/mypage per gli utenti di dispositivi mobili, Google potrebbe mostrare l'URL desktop sia per le ricerche da dispositivi mobili sia per le ricerche da dispositivi desktop, ma la destinazione del link <a> sarà diversa, a seconda del dispositivo da cui è stata eseguita la ricerca. Sui computer il link sottostante rimanda alla pagina desktop, mentre sui dispositivi mobili rimanda alla pagina mobile (si parla di reindirizzamenti ignorati).
Paesi

Il paese in cui è stata eseguita la ricerca, ad esempio Canada o Messico.

Dispositivi

Il tipo di dispositivo da cui è stata eseguita la ricerca: desktop, tablet o smartphone. Se hai proprietà diverse per tipi differenti di dispositivi (ad esempio m.example.com per i dispositivi mobili ed example.com per i dispositivi desktop), potresti non riuscire a confrontare le metriche se non utilizzi una proprietà Dominio.

Tipo di ricerca [solo filtro]

La scheda di ricerca che conteneva il link visto dall'utente:

  • Web: risultati riportati nella scheda Tutti o Web. Sono inclusi i risultati di immagini o video mostrati nella scheda di risultati Tutti.
  • Immagini: risultati riportati nella scheda dei risultati di ricerca Immagini.
  • Video: risultati riportati nella scheda dei risultati di ricerca Video.
  • Notizie: risultati riportati nella scheda dei risultati di ricerca Notizie.

Il raggruppamento per tipo di ricerca non è supportato perché il layout della pagina dei risultati cambia molto in base ai diversi tipi di ricerca. Ad esempio, la posizione 30 potrebbe essere nella prima pagina dei risultati di ricerca di immagini, ma nella terza pagina dei risultati di ricerca web.

I dati sono memorizzati separatamente in base al tipo di ricerca

Per un determinato URL, tutti i dati su clic, impressioni e posizione sono memorizzati separatamente per ogni tipo di ricerca. Quindi, ad esempio, un'immagine può apparire sia nei risultati di ricerca web sia nei risultati di ricerca di immagini, ma i dati su clic, impressioni e posizione relativi a quell'immagine vengono registrati separatamente per le ricerche web e per le ricerche immagini.

Se prendiamo ad esempio un'immagine ospitata sulla pagina example.com/aboutme.html, potresti avere questi dati:

Tipo di ricerca Impressioni Clic Posizione
Immagine 20 10 23
Web 30 30 7
Aspetto nella ricerca

I dati vengono raggruppati in base alla funzionalità o al tipo di risultato di ricerca specifici.

Tipi di aspetti nella ricerca supportati:

L'applicazione di dimensioni o filtri per aspetto nella ricerca consente di aggregare i dati per pagina anziché per proprietà solo nella tabella; i dati nel grafico saranno comunque raggruppati per proprietà.

L'elenco delle funzionalità di filtro mostra solo i tipi di filtro per cui hai ricevuto impressioni; ad esempio, se non hai risultati per l'elenco delle offerte di lavoro, non vedrai questa opzione nell'elenco dei filtri.

La stessa pagina può avere più funzionalità di aspetto nella ricerca in una singola sessione, ma viene conteggiata una sola impressione per ogni tipo di funzionalità. Ad esempio, nella stessa query, una pagina può avere sia un link a un risultato avanzato sia a un risultato di ricerca.

Conteggi dei clic filtrati

Se filtri i dati per aspetto nella ricerca, non è garantito che tutti i clic conteggiati per un determinato URL siano relativi al link del tipo di funzionalità su cui è basato il filtro. Questo perché i clic vengono assegnati a un URL e non a una combinazione di URL e funzionalità. È però sicuro che l'utente abbia visto un link con l'URL e la funzionalità in questione nello stesso insieme di risultati in cui ha fatto clic su un link con questo URL.

Date
Consente di raggruppare i dati per giorno. Questi dati possono includere dati preliminari. Tutte le date sono nel fuso orario PT (ora del Pacifico).
Per impostazione predefinita vengono inclusi solo i giorni interi (giorni per cui sono disponibili dati da mezzanotte a mezzanotte); se vuoi includere giorni parziali (ad esempio, oggi), devi cambiare il filtro della data per specificare la data di inizio esatta.

Metriche

Scegli le metriche da visualizzare attivando/disattivando la scheda appropriata nel report.

Sono disponibili le seguenti metriche:

  • Clic: il numero di clic da un risultato di ricerca di Google che ha indirizzato gli utenti alla tua proprietà. Scopri di più.
  • Impressioni: il numero di link che rimandano al tuo sito visti da un utente nei risultati di ricerca di Google. Le impressioni vengono conteggiate quando l'utente visita quella pagina di risultati, anche se il risultato non è reso visibile nella pagina tramite scorrimento. Se, però, l'utente vede soltanto la pagina uno e il risultato si trova nella pagina due, l'impressione non viene conteggiata. Il valore viene aggregato per proprietà o pagina. Nelle pagine di risultati a scorrimento continuo, ad esempio per le ricerche di immagini, è possibile che l'impressione venga conteggiata solo se l'elemento viene reso visibile nella pagina tramite scorrimento. Scopri di più.
  • CTR: la percentuale di clic, ossia il conteggio dei clic diviso per il numero di impressioni. Se una riga di dati non contiene impressioni, la percentuale di clic sarà espressa sotto forma di trattino (-), in quanto equivarrebbe alla divisione per zero.
  • Posizione media [solo grafico]: la posizione media del risultato relativo al tuo sito mostrato più in alto. Ad esempio, se per il tuo sito sono stati mostrati tre risultati nelle posizioni 2, 4 e 6, viene indicata la posizione 2. Se per una seconda query sono stati restituiti risultati nelle posizioni 3, 5 e 9, la posizione media sarebbe (2 + 3) / 2 = 2,5. Se una riga di dati non contiene impressioni, la posizione sarà espressa sotto forma di trattino (-), in quanto è una posizione inesistente. Scopri di più.
  • Posizione [solo tabella]: il valore di posizione nella tabella rappresenta la posizione media nei risultati di ricerca dell'URL. Ad esempio, se raggruppi i dati per query, la posizione è la posizione media nei risultati di ricerca della query in questione. Consulta la sezione posizione media sopra per sapere come viene calcolato il valore.

Filtrare i dati

Puoi filtrare i dati in base a diverse dimensioni. Ad esempio, se hai raggruppato i dati per query, puoi aggiungere i filtri "paese='USA' E dispositivo='Dispositivi mobili'".

Aggiungere un filtro

  • Fai clic sull'etichetta + NUOVO nella sezione dei filtri nella parte superiore del report. (Cerca i filtri tipo di ricerca e data che sono sempre presenti.)
    O
  • Fai clic su una riga qualsiasi di una tabella per filtrare automaticamente i dati in base a quella riga. Ad esempio, per filtrare in base a un URL elencato nella scheda Pagine, fai clic sull'URL mostrato. Successivamente, puoi fare clic e modificare il filtro come preferisci (ad esempio, per mostrare tutti i risultati tranne l'elemento selezionato o per filtrare elementi simili).

Rimuovere un filtro

  1. Fai clic sulla Annulla accanto a un filtro esistente. Non puoi rimuovere i filtri del tipo di ricerca o della data.

Modificare un filtro

  1. Fai clic sul filtro e reimposta i valori.

Filtrare i dati per query o URL può incidere sui totali.

Filtrare per più elementi

Puoi filtrare i risultati in base a più query o URL. Puoi filtrare i dati in modo da mostrare quelli che corrispondono alle tue scelte oppure tutti quelli che non corrispondono alle tue scelte.

Se vuoi visualizzare i dati di più dispositivi, tipi di ricerca, paesi o tipi di aspetto nella ricerca, puoi eseguire un confronto limitato a due elementi.

Esistono due modi per filtrare in base a più query o URL:

Elementi contenenti o elementi non contenenti

I filtri di query e URL ti consentono di inserire una sottostringa da associare alla query o all'URL. Puoi quindi filtrare i dati in modo da includere solo le query o gli URL contenenti o non contenenti questa sottostringa. Questo è utile quando tutti gli elementi che vuoi trovare contengono la stessa sottostringa.

  1. Fai clic sull'etichetta + NUOVO nella riga dei filtri del report.
  2. Scegli Query o Pagine.
  3. Scegli Query contenenti o URL contenenti in modo che corrispondano alla stringa fornita. Scegli Query non contenenti o URL non contenenti per escludere la stringa fornita.
  4. Inserisci una stringa da associare. La corrispondenza non è sensibile alle maiuscole, ma è comunque esatta, spazi inclusi. Ad esempio, "3 4" corrisponderà a "123 456", ma non a "3456".
  5. Fai clic su Applica.

Ricerca tramite espressioni regolari

La ricerca tramite espressioni regolari consente di associare diverse sottostringhe con differenze significative. Puoi utilizzarla per filtrare o escludere più query o URL che potrebbero contenere differenze o sezioni variabili.

  1. Fai clic sull'etichetta + NUOVO nella riga dei filtri del report.
  2. Scegli Query o Pagine.
  3. Scegli Personalizzata (regex).
  4. Utilizza la seguente espressione regolare, aggiungendo tutti i valori che preferisci, separati da una barra verticale | e racchiudi l'intera espressione tra parentesi:
    • (<valore 1> | <valore 2> | <valore 3> | ...)
    Ad esempio, per cercare query relative alla recente Coppa del Mondo, potresti cercare questa espressione per combinare query molto simili:
    • (la coppa del mondo|coppa del mondo|coppa del mondo 2023)
    • Quando filtri gli URL, potrebbe essere necessario includere solo la parte finale.
    • Quando filtri le query, non utilizzare le virgolette e valuta la possibilità di applicare un filtro in base a tutte le varianti di una query che vedi nei risultati.
  5. Se vuoi visualizzare tutti i valori eccetto quelli specificati, scegli Non corrisponde alla regex. Altrimenti, utilizza il valore predefinito Corrisponde alla regex.
  6. Fai clic su Applica.

Sensibilità alle maiuscole

Tutti i filtri per query e per URL delle pagine non sono sensibili alle maiuscole, eccetto per l'URL esatto che invece lo è. Si tratta quindi dei filtri per URL o query "contenenti/non contenenti/esatti/personalizzati (regex)", ma non dei filtri per URL esatti.

Puoi rendere le espressioni regolari sensibili alle maiuscole come descritto di seguito.

Filtro basato su espressioni regolari

Se scegli il filtro Personalizzato (regex), puoi filtrare i dati in base a un'espressione regolare (corrispondenza con caratteri jolly) per l'elemento selezionato. Puoi usare i filtri basati su espressioni regolari per gli URL delle pagine e le query degli utenti. Viene usata la sintassi RE2.

  • Puoi scegliere se mostrare le stringhe che corrispondono alla tua espressione regolare o che non corrispondono alla tua espressione regolare. Per impostazione predefinita, vengono mostrate le stringhe che corrispondono all'espressione regolare.
  • La corrispondenza predefinita è "corrispondenza parziale", che indica che l'espressione regolare può corrispondere a qualsiasi punto della stringa di destinazione, a meno che non utilizzi ^ o $ per richiedere la corrispondenza rispettivamente dall'inizio o dalla fine della stringa.
  • La corrispondenza a espressioni regolari predefinita non è sensibile alle maiuscole. Puoi anteporre "(?-i)" all'inizio della stringa di espressione regolare per corrispondenze sensibili alle maiuscole. Esempio: (?-i)AAA corrisponderà a https://example.com/AAA, ma non a https://example.com/aaa
  • Se la sintassi delle espressioni regolari non è valida, non vengono restituite corrispondenze.
  • La corrispondenza delle espressioni regolari è complessa; prova la tua espressione in uno strumento di test in tempo reale oppure leggi la guida completa alla sintassi RE2.
Espressioni regolari comuni

Ecco alcune espressioni regolari di base:

Carattere jolly Descrizione
.

Corrisponde a qualsiasi singolo carattere.

  • "m.n" corrisponde a "men" e "man", ma non a "meen"
[caratteri]

Corrisponde a qualsiasi singolo elemento all'interno di [ ].

  • "c[aie]t" corrisponde a "cat", "cit" e "cet"
  • "i[o0-9]n" corrisponde a "ion" e a "i7n", ma non a "ian"
*

Corrisponde a zero o più volte la lettera o il pattern precedenti.

  • "fo*d" corrisponde a "fd", "fod", "food" e "foooooooood"
  • "https*://example" corrisponde a "http://example" e "https://example"
+

Corrisponde a 1 o più volte la lettera o il pattern precedenti.

  • "fo+d" corrisponde a "fod", "food", "foooooooood", ma non a "fd"
|

Operatore OR, corrisponde all'espressione precedente o successiva all'operatore |.

  • "New York|San Francisco" corrisponde sia a "I love New York" sia a "I love San Francisco"
\d

Una cifra da 0 a 9.

  • "\d\d\d abc" corrisponde a "123 abc".
\D

Qualsiasi carattere non numerico (ad esempio qualsiasi lettera oppure caratteri come + o , o ?).

  • "\D\D\D 123" corrisponde ad "aaa 123", ma non a "123 123"
\s

Qualsiasi spazio vuoto (tabulazione, spazio).

  • "1\s2\s3" corrisponde a "1 2 3"
\S

Qualsiasi carattere diverso dallo spazio vuoto.

  • (\S)+ corrisponde a "fire" "and" "ice" nella stringa "fire and ice", ma a nessuno degli spazi e non all'intera stringa.
(?-i)

Specifica corrispondenze sensibili alle maiuscole per tutti i caratteri successivi.

  • "(?-i)AAA" corrisponderà a https://example.com/AAA, ma non a https://example.com/aaa.
^

All'inizio dell'espressione, limita le corrispondenze all'inizio della stringa di destinazione.

  • "^example" corrisponde a "example", ma non a "an example"
  • "example" corrisponde sia a "example" sia a "an example"

Confrontare gruppi

Puoi confrontare i dati di due valori relativi a qualsiasi dimensione di raggruppamento, che sia attualmente selezionata o meno. Ad esempio, nel raggruppamento per query puoi confrontare i clic tra due date (settimana in corso e settimana passata) oppure tra due paesi (Stati Uniti e Francia). Il confronto per pagina o aspetto nella ricerca potrebbe comportare una variazione del calcolo delle metriche relative a CTR, impressioni e clic. Quando confronti i valori relativi a un'unica metrica, nella tabella dei risultati viene mostrata una colonna Differenza per consentirti di confrontare i valori di ogni riga.

Per confrontare dati di gruppi:

  1. Il confronto è gestito tramite filtri (ad esempio, Data o Tipo di ricerca). Modifica un filtro esistente o fai clic su Nuovo per aggiungerne uno nuovo.
  2. Nella finestra di dialogo delle proprietà del filtro, scegli Confronta.
  3. Aggiungi le dimensioni o le date per il confronto e fai clic su Applica.
  4. Puoi eseguire un solo confronto alla volta. Se aggiungi un nuovo filtro per il confronto, il confronto esistente verrà sostituito. Ad esempio, se confronti le date e poi aggiungi un confronto tra paesi, questo sostituisce il confronto tra date.

Alcuni esempi di confronti utili:

  • Ordina i dati per differenza per vedere le query con cambiamenti significativi rispetto alla settimana precedente.
  • Confronta le ricerche totali eseguite sul tuo sito mobile con le ricerche da dispositivi mobili eseguite sul tuo sito desktop. Se non usi una proprietà Dominio, devi aprire un report sul rendimento diverso per ogni sito e confrontare le ricerche eseguite da dispositivi mobili sul tuo sito desktop (www.example.com) con tutte le ricerche eseguite sul tuo sito mobile (m.example.com).
Puoi confrontare i dati di un'unica dimensione alla volta (Date, Query e così via). Se aggiungi un nuovo tipo di confronto in un'altra dimensione di raggruppamento, il tipo corrente viene rimosso. Ad esempio, se stai confrontando i clic della settimana corrente con quelli della scorsa settimana (Data) e aggiungi un confronto tra Stati Uniti e Giappone (Paese), viene ripristinato l'intervallo di date predefinito.

Se confronti due gruppi e un valore risulta molto raro in un gruppo ma non lo è nell'altro, il primo gruppo mostrerà ~ in corrispondenza di quella riga, per indicare che il numero non è disponibile. Ad esempio, se confronti le impressioni delle query tra Germania e Thailandia, la riga del risultato per "Deutsche Bundesbank" mostrerà probabilmente un numero di impressioni per la Germania e il simbolo ~ (non disponibile) per la Thailandia. Questo perché il numero di impressioni per la Thailandia si trova alla fine di una lunga sequenza di risultati; non è necessariamente uguale a zero, ma si trova comunque in fondo all'elenco per questo gruppo. Tuttavia, se filtri in base al valore raro (in questo esempio "Deutsche Bundesbank"), dovresti vedere i valori dei dati per entrambe le dimensioni.

Maggiori informazioni sui dati

Nel report sul rendimento i dati vengono conteggiati separatamente per ogni proprietà unica. Ciò significa che i dati vengono conteggiati separatamente per ognuna delle seguenti destinazioni:

  • https://example.com/
  • http://example.com/
  • http://m.example.com/

Se invece usi una proprietà Dominio, vengono combinati tutti i dati dello stesso dominio, sia per http sia per https.

I dati non includono le impressioni o i clic provenienti dagli annunci nella Ricerca Google che indirizzano al tuo sito web.

Data Ultimo aggiornamento

La data Ultimo aggiornamento nel report indica la data più recente per cui sono disponibili dati nel report.

Come vengono calcolati i clic, le impressioni e la posizione?

Leggi informazioni dettagliate su come vengono conteggiati e calcolati i clic, le impressioni e la posizione.

Dati preliminari

A volte i dati più recenti nel report sul rendimento nella Ricerca sono preliminari, il che significa che i dati potrebbero variare leggermente prima della conferma. I dati preliminari solitamente risalgono a meno di tre giorni prima della data corrente; a un certo punto tutti i dati preliminari vengono confermati. I dati preliminari vengono indicati quando ci passi sopra il mouse nel grafico.

I dati preliminari vengono inclusi sia nelle tabelle sia nel grafico relativi al rendimento nella Ricerca, ma anche nel grafico Rendimento della pagina Panoramica di Search Console.

Discrepanze nei dati

Potresti notare alcuni tipi di discrepanze nei dati di Search Console

Discrepanze tra i totali del grafico e i totali della tabella

Potresti riscontrare differenze tra i totali del grafico e i totali della tabella per diversi motivi.

Differenze generiche:

  • Quando aggiungi un filtro Pagina o Aspetto nella ricerca, a volte puoi registrare un aumento (talvolta anche molto consistente) dei dati relativi a clic e impressioni mostrati sopra il grafico e al suo interno. Il motivo è che questi filtri aggregano (raggruppano) i dati per pagina anziché per proprietà. (Tieni presente che, in rari casi, i totali possono diminuire invece che aumentare per ragioni tecniche.) Al contrario, la rimozione dal report di tutti i filtri Pagina e Aspetto nella ricerca può mostrare una diminuzione dei totali di clic e impressioni, dal momento che tutti i dati vengono così aggregati (raggruppati) per proprietà anziché per URL.
  • Quando applichi un filtro per pagina o query, i totali "corrisponde a" e "non corrisponde a" potrebbero non corrispondere ai totali non filtrati. Ad esempio, se vengono sommati i totali di "Query contenenti: mouse" e di "Query non contenenti: mouse", il risultato potrebbe non corrispondere al valore totale qualora non sia applicato alcun filtro delle query. Questo avviene perché le query anonimizzate vengono omesse e i dati vengono troncati a causa delle limitazioni di pubblicazione.
  • In alcuni casi più rari, quando filtri i dati per pagina o query, potresti notare una discrepanza tra i dati del grafico e della tabella. Questo perché i dati vengono troncati in modo diverso, a seconda delle combinazioni di raggruppamento e filtri utilizzate. In questi casi, quando i totali sono diversi, il totale effettivo corrisponderà almeno al valore maggiore mostrato (e potenzialmente a un valore ancora superiore).
  • L'aggiunta di un filtro inefficace (come il filtro dei risultati in base all'URL principale del sito "example.com/") può causare discrepanze per vari motivi.

Totali del grafico più alti:

  • La tabella può mostrare massimo 1000 righe, quindi alcune righe potrebbero essere omesse.
  • Quando visualizzi i dati suddivisi per query, i risultati anonimizzati (rari) non vengono inclusi nella tabella.
  • I singoli totali giornalieri potrebbero omettere query rare.

Totali della tabella più alti:

  • Se i dati della tabella sono raggruppati per pagina o aspetto nella ricerca, i totali della tabella sono raggruppati per URL, mentre i totali del grafico sono ancora raggruppati per proprietà. Pertanto, se una singola proprietà compare più volte in un'unica ricerca, viene conteggiata come 1 risultato nel grafico, ma come più risultati nella tabella.
  • Alcuni aspetti nella ricerca sono sottocategorie di altri aspetti. Ad esempio, Elenco offerte di lavoro è una sottocategoria di Risultato avanzato, quindi lo stesso risultato viene elencato in entrambe le righe.

Discrepanze tra Search Console e altri strumenti

I dati di Search Console potrebbero essere leggermente diversi dai dati riportati in altri strumenti. Alcuni possibili motivi sono:

  • Il report sul rendimento non mostra tutti i dati per tutelare la privacy degli utenti. Ad esempio, potremmo non tenere traccia di alcune query eseguite pochissime volte o di query contenenti informazioni personali o sensibili.
  • L'elaborazione dei nostri dati di origine potrebbe causare differenze tra queste statistiche e le statistiche riportate in altre fonti (ad esempio per eliminare duplicati). Tuttavia, queste differenze non dovrebbero essere significative.
  • Potrebbe intercorrere un certo periodo di tempo tra il momento in cui vengono calcolati i valori e il momento in cui diventano visibili ai webmaster. I dati vengono pubblicati a intervalli, ma la raccolta avviene senza soluzione di continuità. Tuttavia, di norma i dati raccolti dovrebbero essere disponibili entro due o tre giorni.
  • I fusi orari incidono sui dati. Il report sul rendimento monitora i dati giornalieri in base al fuso orario della California, etichettando i dati relativi a ogni giorno in base a questo fuso orario. Se gli altri tuoi sistemi utilizzano fusi orari diversi, le visualizzazioni giornaliere potrebbero non corrispondere esattamente. Ad esempio, in Google Analytics l'ora viene indicata nel fuso orario locale del webmaster.
  • Alcuni strumenti, come Google Analytics, monitorano solo il traffico degli utenti che hanno attivato JavaScript nel loro browser.
  • I dati scaricati non sono disponibili o non corrispondono a un numero. Se scarichi i dati del report, per i valori mostrati in quest'ultimo sotto forma di ~ o - (non disponibili o non corrispondenti a un numero) verrà visualizzato zero nei dati scaricati.

Differenza fra l'aggregazione dei dati per proprietà e per pagina

A volte i dati in questo report vengono aggregati per proprietà, mentre a volte vengono aggregati per pagina.

Aggregato per proprietà significa che tutti i risultati della stessa query che rimandano alla stessa proprietà di Search Console vengono conteggiati una sola volta in totale. Pertanto, se una query contiene due URL dello stesso sito (example.com/petstore/giraffe ed example.com/recipes/pumpkin_pie), viene conteggiata un'impressione quando i risultati vengono aggregati per proprietà.

Aggregato per pagina significa che ogni URL univoco in un risultato di ricerca viene conteggiato una sola volta, anche se rimanda alla stessa pagina. In questo caso, se una query contiene due URL dello stesso sito (example.com/petstore/giraffe ed example.com/recipes/pumpkin_pie), vengono conteggiate due impressioni.

I dati del grafico sono aggregati per proprietà.

I dati della tabella sono aggregati per proprietà tranne quando sono raggruppati per pagina o aspetto nella ricerca, quando sono raggruppati per pagina.

Se aggreghi i dati per proprietà, il sito accreditato con i dati è quello contenente l'URL canonico della destinazione del link nei risultati di ricerca.

Ulteriori dettagli

  • Per quanto riguarda le impressioni, se aggreghi i dati per proprietà e la proprietà viene mostrata due volte in una pagina dei risultati di ricerca, viene conteggiata un'unica impressione; se invece raggruppi i dati per pagina o aspetto nella ricerca, ogni pagina univoca viene conteggiata separatamente.
  • Per quanto riguarda i clic, se raggruppi i dati per proprietà, la proprietà viene mostrata due volte nei risultati di ricerca e l'utente fa clic su un solo link, torna indietro e fa clic sull'altro link, viene conteggiato un unico clic perché la destinazione finale è lo stesso sito.
  • Per quanto riguarda la posizione, se aggreghi i dati per proprietà viene riportata la posizione più alta della tua proprietà nei risultati di ricerca; se invece raggruppi i dati per pagina o aspetto nella ricerca, viene riportata la posizione più alta della pagina nei risultati di ricerca.
  • A causa dei diversi metodi di valutazione, la percentuale di clic e la posizione media sono superiori se aggreghi i dati per proprietà e nei risultati di ricerca vengono mostrate diverse pagine dello stesso sito.

Esempio:

Immagina che i risultati di ricerca per "animali divertenti per bambini" restituiscano solo i tre risultati indicati di seguito, tutti dalla stessa proprietà:
www.petstore.example.com/monkeys
www.petstore.example.com/ponies
www.petstore.example.com/unicorns

Se un utente ha visto questo insieme di risultati e ha fatto clic su ciascuno dei link, ecco le metriche mostrate in Search Console:

Metrica Aggregato per proprietà Aggregato per pagina
CTR

100%

Tutti i clic relativi a un sito vengono uniti

33% per URL

3 pagine mostrate, 1/3 dei clic per ogni pagina

Posizione media

1

Si tratta della posizione più elevata del sito nei risultati

2 per ogni URL

(1 + 2 + 3) / 3 = 2

Impressioni 1 per la proprietà 1 per ogni URL

È stato utile?

Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Prova i passaggi successivi indicati di seguito:

true
Non conosci Search Console?

Non hai mai utilizzato Search Console prima d'ora? Inizia qui, che tu sia alle primissime armi, un esperto SEO o uno sviluppatore di siti web.

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale