Conoscere l'impatto degli URL duplicati

Di tanto in tanto, determinati siti rendono disponibili gli stessi contenuti tramite URL differenti utilizzando ID sessione o altri parametri URL. Un ID sessione è un numero che viene aggiunto al percorso di un URL, creando così una nuova pagina in grado di offrire un'esperienza personalizzata alla persona che visita il sito corrispondente. Ad esempio, gli ID sessione consentono a un sito di shopping di differenziare i clienti, in modo tale che ciascun utente possa controllare il contenuto del proprio carrello mentre sfoglia il catalogo del sito. I parametri URL, d'altro canto, sono meno specifici nell'identificare i singoli clienti: ad esempio, quando un utente cerca "cuccioli" sul sito di un negozio per animali, può filtrare o ordinare i risultati in base all'età, alla razza, al colore e alla fascia di prezzo. Ogni combinazione di filtri rappresenta quindi un URL diverso, poiché i filtri aggiungono nuove stringhe o parametri al percorso originale dell'URL per modificare i contenuti visualizzati dagli utenti, sebbene gli URL contengano in genere risultati simili o duplicati.

 Esempio

I seguenti URL rimandano agli stessi contenuti: una collezione di abiti verdi (green dresses), anche se alcune pagine potrebbero essere organizzate o filtrate in modo leggermente diverso.

 http://www.example.com/products/women/dresses/green.htm
 http://www.example.com/products/women?category=dresses&color=green
 http://example.com/shop/index.php?product_id=32&highlight=green+dress&cat_id=1&sessionid=123&affid=431

Quando Google rileva contenuti duplicati, come le pagine nell'esempio riportato sopra, un algoritmo di Google raggruppa gli URL duplicati in un unico cluster e seleziona ciò che l'algoritmo ritiene essere l'URL migliore per rappresentare il cluster nei risultati di ricerca (ad esempio, Google potrebbe selezionare l'URL con la maggior parte dei contenuti). Google cerca quindi di consolidare ciò che sappiamo degli URL nel cluster, ad esempio la popolarità dei link, in un unico URL rappresentativo per migliorare infine l'accuratezza del posizionamento della pagina e dei risultati nella Ricerca Google.

Quando, tuttavia, Google non riesce a trovare tutti gli URL in un cluster o non è in grado di selezionare l'URL rappresentativo che preferisci, puoi utilizzare lo strumento Parametri URL per comunicare a Google informazioni su come gestire gli URL contenenti parametri specifici.

Tieni presente che lo strumento Parametri URL deve essere utilizzato con cautela. Se commetti un errore quando indichi i contenuti duplicati che non devono essere inclusi nella scansione, Google potrebbe interrompere la scansione delle pagine che desideri rendere disponibili nella Ricerca Google.

Ad esempio, se comunichi a Google di sottoporre a scansione un URL contenente il parametro cibo solo se presenta il valore cibo=salato, Google potrebbe non analizzare un URL che contiene il valore cibo=dolce nel percorso dell'URL. Di conseguenza, le pagine web del tuo sito relative ai dolci non sono rilevabili nella Ricerca Google.

SUCCESSIVA: CLASSIFICAZIONE DEI PARAMETRI URL

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?