Informazioni su robots.txt

Invio del file robots.txt aggiornato a Google

La funzione Invia dello strumento Analizza robots.txt ti consente di chiedere a Google di eseguire più rapidamente la scansione e l'indicizzazione di un nuovo file robots.txt del tuo sito. Aggiorna Google e notifica le modifiche apportate al file robots.txt procedendo nel seguente modo.

1. Fai clic su Invia nell'angolo inferiore destro dell'editor robots.txt. Questa azione consente di visualizzare una finestra di dialogo Invia.

2. Scarica il codice robots.txt modificato dalla pagina Analizza robots.txt facendo clic su Scarica nella finestra di dialogo Invia.

3. Carica il nuovo file robots.txt nel percorso principale del tuo dominio sotto forma di file di testo denominato robots.txt (l'URL del file robots.txt deve essere /robots.txt).

Se non sei autorizzato a caricare file nel percorso principale del dominio, devi contattare il gestore del dominio per apportare le modifiche.

Ad esempio, se il percorso della home page del tuo sito è subdomain.example.com/site/example/, è probabile che tu non riesca ad aggiornare il file robots subdomain.example.com/robots.txt. In questo caso, devi contattare il proprietario di example.com/ per apportare le modifiche necessarie al file robots.txt.

4. Fai clic su Verifica versione pubblicata per verificare che la versione del file robots.txt pubblicata sia quella che desideri venga sottoposta a scansione da Google.

5. Fai clic su Invia versione pubblicata per notificare a Google che sono state apportate modifiche al file robots.txt e richiedernela scansione.

6. Verifica che la versione più recente sia stata analizzata correttamente da Google aggiornando la pagina nel browser per aggiornare l'editor dello strumento e visualizzare il codice del file robots.txt pubblicato. Dopo aver aggiornato la pagina, puoi anche fare clic sul menu a discesa sopra l'editor di testo per verificare quando Google ha rilevato per la prima volta la versione più recente del file robots.txt.

SUCCESSIVA: BLOCCO DEGLI URL CON LA PROTEZIONE DELLE DIRECTORY DEL TUO SERVER MEDIANTE PASSWORD

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?