Azione richiesta: modifiche agli operatori di ricerca di Drive

A partire dal 27 aprile 2021, il modo in cui gli operatori di ricerca to: e from: di Drive trovano file corrispondenti ai criteri di ricerca in Google Vault cambierà e i file condivisi prima del mese di marzo 2021 non verranno restituiti dalle ricerche. A partire dal mese di febbraio 2021 è disponibile un nuovo operatore di ricerca, sharedwith:, che consente di cercare corrispondenze in modo analogo a quanto avviene con l'operatore to:.

Chi è interessato, cosa fare e quando

Se la tua organizzazione utilizza gli operatori di ricerca di Drive to: o from:, controlla che le query salvate in Google Vault restituiscano i risultati previsti.

  • Per ottenere un comportamento analogo a quello attuale dell'operatore to:, nelle query di ricerca usa l'operatore sharedwith:.
  • Per ottenere un comportamento analogo a quello attuale dell'operatore from:, utilizza l'operatore owner: nelle query di ricerca.

Il comportamento degli operatori di ricerca sarà implementato in diverse fasi, descritte nella sezione seguente. Puoi aggiornare le query di ricerca immediatamente. Riceverai una notifica in Vault quando le ricerche in cui sono utilizzati gli operatori to: o from: adotteranno il nuovo comportamento.

Tempistiche della transizione

Fase 1. Rilascio dell'operatore di ricerca sharedwith: di Drive: febbraio 2021

L'operatore di ricerca sharedwith: è disponibile per tutte le organizzazioni e può essere utilizzato su Drive e in Vault. Dopo il completamento della prima fase, consigliamo di aggiornare le query salvate. Inizialmente, i file restituiti dagli operatori sharedwith: e to: saranno gli stessi, ma ci sarà una piccola variazione nella fase successiva.

Fase 2. sharedwith: restituisce più file corrispondenti ai criteri di ricerca: metà marzo 2021

L'operatore di ricerca sharedwith: restituisce i file che l'account specificato può visualizzare, commentare o modificare e, inoltre, i file di proprietà dell'account specificato. Se confronti i risultati restituiti da ricerche che utilizzano sharedwith: e to:, i primi includono più file perché sono presenti anche i file di proprietà dell'account.

Fase 3. Modifica del comportamento di to: e from: in Drive: da marzo ad aprile 2021

Il nuovo comportamento sarà implementato gradualmente a partire dalle ricerche su Drive. Durante questa fase, le ricerche di file di Drive in Vault che utilizzano to: o from: seguiranno il comportamento attuale. Se confronti i risultati di ricerca di Drive e Vault, dopo che la modifica in Drive sarà applicata alla tua organizzazione i risultati ottenuti saranno diversi.

Fase 4. Modifica del comportamento di to: e from: in Vault: 27 aprile 2021

A partire dal 27 aprile 2021, il nuovo comportamento di to: e from: si applicherà a tutte le ricerche di Drive in Vault.

In cosa consistono le modifiche del comportamento degli operatori di ricerca

Il nuovo comportamento di to: e from: per le ricerche di Drive rende gli operatori più intuitivi e consente di determinare non solo chi ha accesso a un file ma anche chi ha fornito questo accesso. Tuttavia, è possibile che gli operatori non soddisfino le tue esigenze di eDiscovery. Scopri di più su come cambia il comportamento e consulta alcuni esempi nella tabella seguente:

Operatore di ricerca di Drive Comportamento attuale Nuovo comportamento (a partire dal 27 aprile 2021)
to:

Restituisce in tutti i file che l'account specificato è autorizzato a visualizzare, commentare o modificare, ma di cui non è proprietario.

Se il file si trova in una cartella che è stata condivisa con l'account specificato, ma non è stato condiviso direttamente con tale account, la query lo considera corrispondente.

Esempio

Se utente1@azienda.it ha l'autorizzazione di modifica per file1 e cartellaA, che contiene fileA:

  • to:utente1@azienda.it restituisce file1 e fileA

Restituisce i file condivisi direttamente con l'account specificato.

Non restituisce i file condivisi prima di marzo 2021.

Se il file si trova in una cartella che è stata condivisa con l'account specificato, ma non è stato condiviso direttamente con l'account, la query non restituisce il file.

Esempio

Se utente1@azienda.it ha l'autorizzazione di modifica per file1 e cartellaA, che contiene fileA:

  • to:utente1@azienda.it restituisce file1, ma non fileA
from:

Restituisce i file di proprietà dell'account specificato (come accade con owner:). Per i file che si trovano su Drive condivisi, restituisce i file creati dall'account specificato.

Esempio

Se un file è di proprietà di utente@azienda.it ed è condiviso da utente2@azienda.it:

  • from:utente1@azienda.it restituisce il file
  • from:user2@company.com non restituisce il file

Restituisce i file condivisi dall'account specificato.

Non restituisce i file condivisi prima di marzo 2021.

Esempio

Se un file è di proprietà di utente@azienda.it ed è condiviso da utente2@azienda.it:

  • from:utente1@azienda.it non restituisce il file
  • from:utente2@azienda.it restituisce nel file
sharedwith: Nessuna (nuovo operatore)

Restituisce tutti gli account che hanno un'autorizzazione diretta o indiretta a visualizzare, commentare o modificare un file su Drive, inclusi i file di proprietà dell'account.

Per ottenere il comportamento attuale dell'operatore to:, utilizza sharedwith:account ‑owner:account.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?
Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
96539
false