Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
true

Tag, attivatori, variabili e livello dati

Google Tag Manager utilizza gli "attivatori", le "variabili" e un "livello dati" per impostare l'attivazione dei tag sul tuo sito web o nella tua app per dispositivi mobili.

Guarda questo video per una rapida presentazione dei concetti chiave e della terminologia di Google Tag Manager.

In questo articolo:

Tag e attivatori

Un tag è uno snippet di codice che viene eseguito su una pagina. I tag possono avere varie funzioni, ma la maggior parte dei tag utilizzati in Google Tag Manager è destinata a inviare informazioni dal tuo sito a una terza parte. Ad esempio, il tag Google Analytics e il tag di monitoraggio delle conversioni di AdWords inviano a Google informazioni sull'attività sul tuo sito.

Se non utilizzi una soluzione per la gestione dei tag come Google Tag Manager, devi aggiungere il codice di ognuno dei tuoi tag direttamente al codice sorgente del tuo sito. Con Google Tag Manager, puoi controllare invece tutti i tuoi tag da un'unica interfaccia utente web.

In genere, i tag vengono eseguiti, o attivati, quando la pagina si carica o in risposta a un'interazione sulla pagina. In Google Tag Manager, devi definire gli attivatori per specificare quando i tag devono essere attivati. Un esempio è l'attivatore predefinito "Tutte le pagine", il quale, come indica il nome, può essere utilizzato per impostare il tag in modo che venga attivato su qualsiasi pagina del tuo sito al momento del caricamento.

Attivatori e variabili

Un attivatore è una condizione che deve restituire il valore true o false nell'orario di attivazione. A tale scopo viene confrontato il valore presente in una variabile con il valore da te specificato al momento della definizione dell'attivatore.

Una variabile di Tag Manager è una coppia nome-valore configurata per cui il valore viene inserito in fase di attivazione. Tag Manager presenta numerosi tipi di variabili integrate; inoltre, consente di configurare variabili personalizzate.

Ad esempio, la variabile predefinita "url" contiene sempre l'URL della pagina al momento caricata. Se vuoi che un tag si attivi solo sulla pagina example.com/acquisto/ricevuta.html, devi definire un attivatore simile al seguente:

  • Evento: visualizzazione di pagina
  • Tipo di attivatore: visualizzazione di pagina
  • Attiva su: alcune visualizzazioni di pagina
    • Attiva il tag quando queste condizioni sono vere:
      l'URL corrisponde a example.com/acquisto/ricevuta.html

Puoi definire le variabili in base alle tue esigenze e fornire con ciascuna di esse alcune informazioni che devono essere disponibili nell'orario di attivazione. Successivamente, puoi utilizzare queste variabili nelle condizioni degli attivatori o per trasmettere informazioni ai tag. Ad esempio, potresti definire una variabile contenente il prezzo di un articolo che l'utente sta visualizzando oppure una variabile contenente un valore costante come la stringa ID del tuo account Google Analytics.

Variabili e livello dati

Supponiamo che desideri definire una variabile contenente il prezzo di un articolo che l'utente sta visualizzando. Come fa la variabile a conoscere il prezzo di un articolo nell'orario di attivazione? Può recuperare il prezzo dal livello dati nel codice sorgente (devi chiedere allo sviluppatore del sito di impostare un oggetto livello dati contenente le informazioni che desideri). Un livello dati è un oggetto che può essere configurato per contenere le informazioni da trasferire a Google Tag Manager. È possibile configurare variabili di livello dati in Google Tag Manager per acquisire questi valori da utilizzare in un secondo momento. Affinché GTM sia in grado di valutare il valore di una variabile di livello dati, occorre anche forzare un evento.

Ad esempio, supponiamo che desideri attivare un tag di remarketing sulla Rete Display di Google ogni volta che un visitatore spende più di € 100 sul tuo sito. L'attivatore del tag deve conoscere il valore della transazione del visitatore per poter valutare se supera o meno € 100. Per impostare questa condizione, puoi forzare l'invio al livello dati del valore della transazione (utilizzando il metodo dataLayer.push) e definire una variabile che recuperi il valore al checkout in modo che venga valutato dall'attivatore.

Affinché le variabili recuperino le informazioni relative all'orario di attivazione, non devi necessariamente impostare un livello dati. Le variabili di Tag Manager possono essere configurate anche per recuperare i valori direttamente dalle variabili JavaScript, dai cookie proprietari o dal DOM. Ad esempio, quando si utilizza un attivatore Clic o Modulo, è possibile recuperare le informazioni sugli elementi con i quali si interagisce. Per ulteriori informazioni, leggi Variabili ed Eventi Google Analytics.

È buona norma, tuttavia, fare in modo che le variabili recuperino le informazioni direttamente da un oggetto livello dati ben strutturato, anziché affidare il compito alle variabili JavaScript o al DOM. Se le tue variabili dipendono da variabili specifiche o da elementi DOM e tali variabili o elementi cambiano in occasione degli aggiornamenti del sito, le tue variabili potrebbero non funzionare più. La creazione di un riferimento a tutte le informazioni pertinenti in un livello dati riduce al minimo la probabilità che si verifichi questo problema, permette di definire un modello di dati accessibile e ben organizzato e semplifica la risoluzione dei problemi. Tieni presente che ogni pagina deve disporre del codice che forza l'invio al livello dati delle informazioni necessarie, in quanto il livello dati non si trasferisce da una pagina all'altra. Consulta l'articolo Livello dati o interfaccia utente di Google Tag Manager? della nostra Guida alle soluzioni per ulteriori informazioni sul motivo per cui l'implementazione del livello dati può rappresentare la migliore soluzione per te.

Per ulteriori informazioni sull'implementazione di un livello dati sul tuo sito, consulta la Guida per gli sviluppatori di Google Tag Manager.

Scenari di implementazione

Che cosa devi fare per implementare Google Tag Manager sul tuo sito? Quando occorre implementare un livello dati? Esistono tre possibili scenari di implementazione:

  • Se i tuoi tag devono attivarsi solo quando le pagine si caricano (ad es. non devono attivarsi in risposta alle interazioni degli utenti sulla pagina) e non hanno bisogno di informazioni oltre all'URL e al referrer, è sufficiente aggiungere lo snippet contenitore a ogni pagina del sito.

  • Se i tuoi tag devono attivarsi solo quando le pagine si caricano, ma hanno bisogno di informazioni oltre all'URL e al referrer (ad esempio tipo di pagina o User ID), potrebbe essere necessario aggiungere codice che crei un livello dati e vi forzi l'invio delle informazioni. Aggiungi il codice del livello dati sopra lo snippet contenitore, in modo che le informazioni del livello dati siano disponibili al caricamento della pagina. Tieni presente che ogni pagina deve contenere il codice necessario per creare un livello dati e forzarvi l'invio delle informazioni, in quanto il livello dati non si trasferisce da una pagina all'altra.

    Se le informazioni necessarie al caricamento della pagina sono disponibili direttamente nelle variabili JavaScript e nel DOM, potrebbe non essere necessario implementare un livello dati. Tuttavia, il recupero diretto delle informazioni dalle variabili JavaScript e dal DOM dovrebbe essere considerato una soluzione intermedia. La soluzione migliore è impostare un livello dati che contenga le informazioni necessarie. La creazione di un riferimento a tutte le informazioni in un livello dati permette di definire un modello di dati accessibile e ben organizzato e semplifica la risoluzione dei problemi.

  • Se i dati che desideri raccogliere o utilizzare per attivare un tag non sono disponibili prima che sia terminata l'interazione dell'utente con la pagina (ad es. desideri attivare un tag in risposta all'interazione di un utente e non semplicemente quando si carica la pagina), dovrai aggiungere un codice che forzi l'invio dei dati al livello dati e successivamente configurare Tag Manager per sfruttare il livello dati quando si verificano determinati eventi. Ad esempio, potresti forzare l'invio dei metadati associati a un video riprodotto da un utente, al colore di un prodotto (ad es. un'automobile) personalizzato dall'utente o agli URL di destinazione dei link su cui l'utente ha fatto clic.

Eventi livello dati predefiniti per il Web

Per impostazione predefinita, Google Tag Manager forza l'invio di un determinato insieme di valori al livello dati delle applicazioni web. Questi valori sono:
  • gtm.js: viene forzato l'invio al livello dati non appena Google Tag Manager è pronto per l'esecuzione.
  • gtm.dom: viene forzato l'invio al livello dati quando il DOM è pronto.
  • gtm.load: viene forzato l'invio al livello dati quando la finestra è completamente caricata.
Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?
false