Iniziare a utilizzare Postmaster Tools

Puoi utilizzare Postmaster Tools per monitorare i dati relativi a grandi volumi di email inviate e trovare i dati sul tuo dominio di invio. Puoi visualizzare diverse dashboard per comprendere dettagli quali errori di Gmail come quelli di recapito, segnalazioni di spam, Feedback Loop e altro ancora.

Per utilizzare Postmaster Tools, devi disporre di un Account Google. Se non hai un Account Google, creane uno.

Aggiungere il tuo dominio a Postmaster Tools

  1. Accedi a Postmaster Tools.
  2. In basso a destra, fai clic su Aggiungi Add.
  3. Inserisci il dominio di autenticazione.
    Suggerimento: puoi aggiungere il dominio DKIM (DomainKeys Identified Mail) o SPF (Sender Policy Framework).
  4. Tocca Avanti.
  5. Verifica il tuo dominio:
    • Per dimostrare la proprietà di questo dominio, fai clic su Verifica.
      Suggerimento: dopo la verifica, potrebbe essere necessario del tempo prima che lo stato della verifica del tuo dominio venga aggiornato in "Verificato". Ulteriori informazioni su come verificare il dominio.
    • Per saltare questo passaggio e continuare senza verifica, fai clic su Non ora. Dovrai verificare il tuo dominio a un certo punto per visualizzare i dati relativi a quel dominio. Per tornare indietro e verificare, passa il mouse sopra il dominio che vuoi verificare. Quindi, fai clic su Altro Altro e poi Verifica dominio.

Gestire l'accesso ai dati

Se possiedi un dominio verificato, puoi condividere i tuoi dati di Postmaster Tools con chiunque abbia un Account Google. Puoi anche aggiungere e rimuovere proprietari dal tuo dominio.

Aggiungi qualcuno al tuo dominio

  1. Accedi a Postmaster Tools.
  2. Passa il mouse sopra il dominio verificato a cui vuoi aggiungere qualcuno.
  3. A destra, fai clic su Altro Altro e poi Gestisci utenti.
  4. In basso a destra, fai clic sul pulsante "Aggiungi".
  5. Nella finestra popup, inserisci l'indirizzo email dell'Account Google della persona con cui vuoi accedere ai dati di Postmaster Tools del tuo dominio.

Suggerimento: quando concedi l'accesso a una persona, questa non riceverà una notifica, quindi ti consigliamo di informarla. Tuttavia, potrà visualizzare il dominio quando accede a Postmaster Tools.

Interpretare i numeri nella dashboard

Puoi utilizzare i dati delle varie dashboard per capire qual è il modo migliore per inviare le tue email.

Tasso di spam

Il tasso di spam indica la percentuale di email contrassegnate come spam dagli utenti rispetto alle email inviate alla Posta in arrivo degli utenti attivi. Se un numero consistente di email viene inviato direttamente alle cartelle Spam, potresti notare un basso tasso di spam, anche se gli utenti potrebbero continuare a contrassegnare le email nella Posta in arrivo come spam.

Reputazione IP

Una reputazione IP più elevata significa che le email inviate da questo indirizzo IP saranno recapitate più probabilmente nella Posta in arrivo del destinatario anziché nella cartella dello spam. Ad esempio, se invii molte email e gli utenti le contrassegnano come spam, il tuo livello di reputazione IP diminuirà.

Per ridurre il feedback negativo degli utenti, controlla regolarmente l'elenco di invio. Assicurati di inviare email solo agli utenti che sono interessati.

Informazioni sulle reputazioni

Le definizioni di spam riportate di seguito includono sia la posta identificata come spam dal filtro antispam di Gmail sia la posta contrassegnata come spam dagli utenti.

  • Cattiva: in passato sono state rilevate grandi quantità di spam. La posta proveniente da questa entità verrà quasi sempre rifiutata al momento della connessione o contrassegnata come spam.
  • Scarsa: in passato sono state rilevate abitualmente quantità considerevoli di spam ed è probabile che la posta di questo mittente venga contrassegnata come spam.
  • Discreta: la posta è generalmente "buona", ma ha occasionalmente inviato piccole quantità di spam. La maggior parte delle email provenienti da questa entità ha un buon tasso di recapitabilità, eccetto i casi in cui i livelli di spam subiscono un aumento significativo.
  • Buona: in passato è stato rilevato un tasso di spam molto basso e la posta è conforme alle linee guida per i mittenti di Gmail. Il filtro antispam raramente contrassegna la posta come spam.


Suggerimento: tieni presente che i filtri antispam sono basati su migliaia di segnali e la reputazione IP è solo uno di questi.

Reputazione dominio

Una reputazione di dominio più elevata significa che le email provenienti dal tuo dominio di invio (SPF e DKIM) hanno meno probabilità di essere filtrate in una cartella dello spam del destinatario.

Informazioni sulle reputazioni

Le definizioni di spam riportate di seguito includono sia la posta identificata come spam dal filtro antispam di Gmail sia la posta contrassegnata come spam dagli utenti.

  • Cattiva: in passato sono state rilevate enormi quantità di spam. La posta proveniente da questa entità verrà quasi sempre rifiutata dall'SMTP o contrassegnata come spam.
  • Scarsa: in passato sono state rilevate abitualmente quantità considerevoli di spam ed è probabile che la posta di questo mittente venga contrassegnata come spam.
  • Discreta: la posta è generalmente "buona", ma ha occasionalmente inviato piccole quantità di spam. La maggior parte delle email provenienti da questa entità ha un buon tasso di recapitabilità, eccetto i casi in cui i livelli di spam subiscono un aumento significativo.
  • Buona: in passato è stato rilevato un tasso di spam molto basso e la posta è conforme alle linee guida per i mittenti di Gmail. Il filtro antispam raramente contrassegna la posta come spam.


Suggerimento: tieni presente che i filtri antispam sono basati su migliaia di segnali e la reputazione del dominio è solo uno di questi.

Feedback Loop

Questa dashboard è disponibile dopo aver configurato lo Spam Feedback Loop (FBL) di Gmail. Per visualizzare una tabella con gli identificatori segnalati da FBL e i tassi di spam corrispondenti, fai clic su qualsiasi punto dati del grafico.

Informazioni sui grafici FBL

  • Grafico dei tassi di spam FBL medi: mostra i tassi di spam per tutti gli identificatori segnalati da FBL in una data specifica (se applicabile) di un arco di tempo.
  • Grafico della quantità di identificatori: mostra il numero di identificatori unici segnalati da FBL in una data specifica (se applicabile) di un arco di tempo.
Autenticazione

Questa dashboard mostra la percentuale delle email che hanno superato SPF, DKIM e DMARC rispetto a tutto il traffico ricevuto per cui è stata richiesta l'autenticazione.

Informazioni sui grafici SPF, DKIM e DMARC

  • Grafico SPF: mostra la percentuale di posta che ha superato l'SPF rispetto a tutta la posta proveniente da quel dominio che ha richiesto l'autenticazione SPF; è esclusa la posta oggetto di spoofing. 
  • Grafico DKIM: mostra la percentuale di posta che ha superato il DKIM rispetto a tutta la posta proveniente da quel dominio che ha richiesto l'autenticazione DKIM.
  • Grafico DMARC: mostra la percentuale di posta che ha superato DMARC rispetto a tutta la posta ricevuta dal dominio che ha superato l'autenticazione SPF o DKIM.
Crittografia

Questa dashboard mostra la percentuale crittografata del traffico in arrivo e in uscita.

Informazioni sui grafici TLS in arrivo e in uscita

  • TLS in arrivo: mostra la percentuale di posta in arrivo (verso Gmail) che ha superato il TLS rispetto a tutta la posta ricevuta da quel dominio.
  • TLS in uscita: mostra la percentuale di posta in uscita (proveniente da Gmail) che ha superato il TLS rispetto a tutta la posta inviata a quel dominio.
Errori di recapito

Questo grafico monitora la percentuale di email totali rifiutate o il cui invio non è temporaneamente riuscito rispetto a tutto il traffico autenticato. Sotto il grafico puoi visualizzare un elenco dei motivi per cui l'invio di un'email non è riuscito.

Informazioni sugli errori di recapito

  • Limite di frequenza superato: il dominio o l'IP inviano il traffico a una frequenza sospetta e sono stati applicati dei limiti di frequenza temporanei.
  • Presunto spam: i nostri sistemi sospettano che il traffico sia spam.
  • L'email potrebbe avere contenuti di spam: si sospetta che il traffico contenga spam soprattutto a causa dei contenuti.
  • Allegato non affidabile o non supportato: il traffico contiene allegati non supportati da Gmail.
  • Criterio DMARC del dominio del mittente: il mittente ha impostato un criterio DMARC di rifiuto.
  • L'IP di invio ha una reputazione scarsa: la reputazione IP di invio è molto scarsa.
  • Il dominio di invio ha una reputazione scarsa: la reputazione del dominio di invio è molto scarsa.
  • L'IP è in una o più RBL pubbliche: l'IP è presente in una o più Real-time Blackhole List (RBL). Rimuovi il tuo dominio dalla RBL.
  • Il dominio è in una o più RBL pubbliche: il dominio è presente in una o più Real-time Blackhole List. Rimuovi il tuo dominio dalla RBL.
  • Record PTR non affidabile o mancante: manca un record PTR nell'IP di invio.

Articoli correlati

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?
Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
17
false