Panoramica sul diritto all'oblio

I. Cos'è il diritto all'oblio?

Il "diritto all'oblio" è un termine comunemente utilizzato per indicare un diritto istituito per la prima volta nel maggio 2014 nell'Unione europea a seguito della sentenza della Corte di giustizia europea. La Corte ha stabilito che la legge europea per la protezione dei dati conferisce ai privati il diritto di richiedere ai motori di ricerca come Google di rimuovere determinati risultati relativi a query correlate al nome di un utente. Per decidere cosa rimuovere, i motori di ricerca devono valutare se le informazioni in questione sono "inesatte, inadeguate, irrilevanti o eccessive" e se è di interesse pubblico che tali informazioni restino disponibili nei risultati di ricerca.

Nel 2018, l'UE ha adottato il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). L'articolo 17 del GDPR sancisce un "diritto alla cancellazione" simile a quello riconosciuto dalla Corte di giustizia europea previsto dalla legge precedente, che è stata sostituita dal GDPR. Leggi simili sono state adottate anche da alcuni paesi al di fuori dell'Unione europea. Per fare qualche esempio, a luglio 2015 la Russia ha approvato una legge che consente ai cittadini di rimuovere un link dai motori di ricerca russi se "viola le leggi russe o se contiene informazioni false o obsolete" [26], da allora anche Turchia e Serbia hanno istituito le loro versioni del diritto all'oblio.

II. Chi può presentare una richiesta di rimozione di contenuti ai sensi delle leggi sulla protezione dei dati?

In generale, le norme sulla protezione dei dati si applicano solo al trattamento dei dati personali relativi a privati. Le aziende e le altre persone giuridiche solitamente non dispongono dei diritti per la rimozione di contenuti relativi a query basate sul nome della loro azienda.

La maggior parte delle richieste proviene direttamente dalla persona interessata, ma è possibile presentare una richiesta per conto di altri, purché si possa confermare di essere legalmente autorizzati a farlo. Per ulteriori informazioni sui propri diritti legali e per verificare la propria idoneità, consultare le leggi locali.

III. Cosa controllare prima di inviare una richiesta

Se l'utente ha pubblicato personalmente i contenuti, potrebbe essere in grado di rimuovere il materiale dal Web o di impedirne la visualizzazione nei risultati di ricerca. Molti social network forniscono controlli per la privacy per proteggere i contenuti creati dall'utente, nonché modi per rimuovere i contenuti illeciti pubblicati da altri.

Visualizzare un elenco di alcuni strumenti comuni

Rimuovere il materiale dal Web può essere più efficace che rimuoverlo solo da Google per le ricerche relative al proprio nome.

Se l'utente riesce a rimuovere i contenuti dal Web, i risultati di Google verranno aggiornati quando i nostri crawler di ricerca accederanno di nuovo alla pagina. Se l'anteprima del risultato di ricerca di Google (o "snippet") non mostra la versione corrente della pagina, è possibile richiedere un blocco temporaneo dello snippet tramite questo strumento.

IV. Come posso inviare una richiesta?

Per inviare una richiesta, compilare questo modulo web. L'utente deve includere quanto segue:

  • L'URL specifico o gli URL specifici in cui si trovano i contenuti di cui si desidera la rimozione. Per scoprire come trovare l'URL corretto, è possibile consultare questa pagina.
  • Una descrizione di come i contenuti sono correlati all'utente e il motivo per cui dovremmo rimuoverli dai risultati di ricerca di Google.
  • La query di ricerca per la quale l'utente richiede la rimozione dei contenuti, ad esempio il suo nome completo. È possibile richiedere la rimozione dei contenuti anche per un nome diverso, ad esempio un nickname. In questo caso, l'utente è tenuto a indicare in che modo tale nome è collegato alla sua identità.
  • Un indirizzo email al quale è possibile contattare l'utente.

Per aiutarci a valutare efficacemente la richiesta, è sempre utile fornire tutte le informazioni necessarie, esaminando tutte le informazioni disponibili. A volte per poter prendere una decisione in merito alla richiesta dell'utente ci occorrono ulteriori informazioni. In questi casi, inviamo un'email all'utente chiedendo ulteriori informazioni e attendiamo la sua risposta prima di procedere.

V. Qual è il processo decisionale di Google?

I nostri revisori professionisti esamineranno manualmente la richiesta dell'utente. In generale, il revisore valuterà se e come le informazioni potrebbero essere di interesse pubblico e valuterà i dati in base ai diritti dell'utente ai sensi della legge vigente per la protezione dei dati.

Le informazioni potrebbero essere di interesse pubblico per vari motivi. Nell'ambito dell'esercizio di bilanciamento, Google prende in considerazione una serie di fonti diverse, ad esempio le linee guida sviluppate dagli enti di protezione dei dati europei, tra cui le linee guida sull'implementazione della sentenza della Corte europea del gruppo di lavoro articolo 29 e le linee guida del comitato europeo per la protezione dei dati e la prassi giuridica della Corte di giustizia europea che chiarisce i concetti di base delle leggi dell'Unione europea sulla protezione dei dati.

I nostri revisori esaminano fattori come:

Il ruolo dell'utente nella vita pubblica

Le figure pubbliche sono persone fisiche come politici, celebrità, dirigenti aziendali o autorità religiose che, a causa del proprio lavoro, hanno una posizione sociale, una funzione o impegni specifici che si traducono in un'influenza sulla società tramite tale posizione.

  • Cerchiamo di capire se e in che modo le informazioni sono correlate al ruolo pubblico dell'utente. Meno le informazioni si riferiscono direttamente al modo in cui l'utente è conosciuto pubblicamente, più è probabile che interverremo per rimuovere i contenuti.

    Ad esempio, le informazioni sulla vita personale dell'utente potrebbero non essere pertinenti al suo ruolo pubblico come architetto. Tuttavia, se i contenuti riguardano critiche relative alle sue prestazioni in qualità di architetto, è meno probabile che le rimuoviamo. Il nostro approccio è quello di valutare se l'accesso alle informazioni può proteggere il pubblico da una condotta pubblica o professionale non adeguata oppure di informare il pubblico in merito alle prestazioni precedenti complessive dell'utente in qualità di professionista o di altro ruolo pubblico.

  • Inoltre, prendiamo in considerazione l'importanza del suo ruolo pubblico. Ad esempio, i candidati alle elezioni politiche chiedono al pubblico votante di giudicare la loro idoneità per la carica in base a diversi fattori. È meno probabile che rimuoviamo informazioni relative a candidati politici, alti funzionari dello stato e simili.
  • Dopo che una persona smette di rivestire uno specifico ruolo pubblico, l'interesse pubblico relativo a quella persona dipende dal livello del ruolo rivestito in precedenza, dal ruolo attuale e dalla quantità di tempo trascorso. Ad esempio, se è probabile che una persona si candidi nuovamente per incarichi pubblici o se questa persona è ancora al centro dell'attenzione pubblica in una posizione diversa e continua ad avere un'influenza sul pubblico, spesso manteniamo le informazioni su di lei disponibili per fini storici. Ad esempio, sarà estremamente improbabile che rimuoviamo informazioni relative a un capo del governo.

Fonti delle informazioni

  • Se la pagina si trova su un sito governativo, consideriamo il fatto che il governo abbia deciso di pubblicare le informazioni in questione e di renderle disponibili ai motori di ricerca su base continuativa. Ci rimettiamo completamente a tale decisione. I documenti governativi svolgono un ruolo fondamentale nell'informare la società riguardo alle questioni di interesse pubblico e la decisione del governo di mantenere pubbliche tali informazioni è un indicatore importante del fatto che sussiste un interesse pubblico.
  • Se le informazioni si trovano su un sito di notizie e sono state redatte nell'ambito dell'attività giornalistica, i giornalisti hanno stabilito che i contenuti sono di interesse pubblico. Prendiamo in considerazione il giudizio dei media in materia di giornalismo per determinare quali informazioni sono pertinenti e di interesse pubblico, in particolare per quel che riguarda i materiali pubblicati più recentemente.

Attualità dei contenuti

  • Valutiamo se le informazioni contenute in un risultato di ricerca sono ancora pertinenti. La pertinenza spesso è strettamente correlata all'attualità dei contenuti.
  • Cerchiamo di capire se le informazioni disponibili sono ragionevolmente attuali e non sono diventate obsolete a causa della pubblicazione di notizie relative a fatti avvenuti successivamente. Ad esempio, una notizia relativa a un imminente processo penale potrebbe diventare obsoleta più rapidamente se il processo si è concluso senza una condanna o se la condanna è stata annullata in appello.
  • Se le informazioni riguardano un ruolo nella vita pubblica svolto dall'utente al momento della pubblicazione, controlliamo se l'utente ha abbandonato quel ruolo e se attualmente svolge un ruolo simile, al fine di determinare se tali informazioni sono ancora pertinenti per lui. Ad esempio, se le informazioni riguardano il suo ruolo di dirigente in un'azienda e l'utente dirige ancora la stessa azienda o un'azienda simile, è meno probabile che le informazioni vengano rimosse anche se è trascorso un po' di tempo dalla pubblicazione.

L'effetto sugli utenti di Google

  • Valutiamo se le persone che usano la Ricerca Google per cercare il nome dell'utente hanno un forte interesse nel trovare le informazioni in questione. Ad esempio, se l'utente fornisce servizi professionali, è probabile che le recensioni di tali servizi effettuate da clienti precedenti siano di interesse legittimo per i clienti futuri.
  • Allo stesso modo, in caso di informazioni relative a condanne penali, valutiamo se sia assolutamente necessario continuare a mostrare tali informazioni per proteggere la libertà di informazione dei nostri utenti, inclusa la possibilità di tutelarli da simili reati futuri grazie alla loro divulgazione. Nel considerare il periodo di tempo prima di rimuovere le informazioni riguardanti un reato, esaminiamo anche i regolamenti locali in merito a come una condanna possa essere scontata, cancellata o altro, ovvero le procedure che consentono alla persona su cui gravano accuse penali di lasciarsi la condanna alle spalle in modo ufficiale.

Verità o falsità

  • Non siamo nella posizione di valutare se le accuse sull'utente siano vere o false. A differenza di un tribunale, non possiamo chiamare testimoni o ascoltare deposizioni sotto giuramento e non sempre conosciamo tutti i fatti che potrebbero invece aiutare un giudice a stabilire se qualcosa sia vero o falso.
  • Se per lei è importante dimostrare che tali informazioni non sono vere, fornisca prove attendibili. Ad esempio, se un tribunale si è dichiarato a favore dell'utente in un procedimento legale riguardo alle accuse mosse contro di lui, ci rimetteremo a tale decisione.

Dati sensibili

  • Valuteremo la sensibilità o la riservatezza dei contenuti. I contenuti sensibili potrebbero includere, ad esempio, informazioni sulla salute, l'orientamento sessuale, il gruppo etnico o la religione di una persona. Siamo molto più propensi a rimuovere i contenuti che contengono queste informazioni, soprattutto se il richiedente non ha acconsentito alla loro pubblicazione.

Nessuno di questi fattori è assoluto e l'elenco riportato sopra non è esaustivo. Spesso un caso richiede di prendere in considerazione aspetti contrapposti che esaminiamo attentamente prima di prendere una decisione. Se non abbiamo tutte le informazioni che ci occorrono, potremmo chiedere all'utente di fornirci ulteriori dettagli che ci aiutino a capire in che modo i vari fattori potrebbero influire sulla sua richiesta.

VI. Cosa comporta una rimozione ai sensi delle leggi sulla protezione dei dati?

Verranno rimossi dai risultati di ricerca soltanto i contenuti relativi alle query correlate al nome dell'utente. I contenuti rimossi correlati al nome dell'utente potrebbero rimanere nei nostri risultati relativi ad altre query.

Rispettiamo l'applicazione territoriale delle leggi vigenti nell'area geografica dell'utente. Ad esempio, nell'Unione europea rimuoviamo gli URL dalle versioni dei risultati di ricerca di Google visualizzate nei paesi in cui è in vigore la legge europea per la protezione dei dati. Inoltre, utilizziamo gli indicatori di geolocalizzazione (come gli indirizzi IP) per limitare l'accesso all'URL rimosso su tutti i servizi della Ricerca Google per gli utenti che riteniamo si trovino nel paese del richiedente. Ai sensi di una decisione della Corte di giustizia europea del 2019, non applichiamo queste rimozioni ai servizi relativi a paesi al di fuori dell'UE.

Se l'utente desidera rimuovere una pagina dai risultati di ricerca di un altro paese, può presentare una richiesta qui e spiegare perché le leggi di quel paese richiedono la rimozione.

VII. Dove posso trovare maggiori informazioni?

Per ulteriori informazioni, consultare le Domande frequenti relative alle richieste di rimozione di risultati di ricerca ai sensi delle leggi sulla privacy europee. Per informazioni più dettagliate, è possibile consultare l'articolo sull'applicazione del diritto all'oblio negli ultimi cinque anni.

Nel nostro Rapporto sulla trasparenza è possibile trovare molte informazioni sui dati ed esempi anonimizzati di richieste che abbiamo ricevuto. Poiché si tratta di richieste autentiche, dobbiamo proteggere la privacy dei richiedenti. Ciò significa che non possiamo condividere ulteriori informazioni sui singoli casi o sul processo decisionale.

App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
false