Raggiungere il pubblico giusto al momento giusto

Il prossimo passo è quello di raggiungere i segmenti di pubblico giusti attraverso i vari punti di contatto del percorso del cliente. La pubblicità programmatica può aiutarti ad automatizzare il targeting per pubblico.

Prima di iniziare 

Crea una campagna o un gruppo di annunci distinti per targeting per pubblico diversi: non combinare i tipi di targeting per pubblico nello stesso gruppo di annunci, ad esempio Affinità con In-Market. Poiché i nostri segmenti di pubblico sono studiati per raggiungere obiettivi specifici, nella maggior parte dei casi consigliamo di utilizzare campagne distinte per controllare separatamente budget, offerte e altre impostazioni. 

Evita il targeting per livelli: se aggiungi dati demografici, argomenti, posizionamenti e parole chiave oltre al targeting per pubblico, la tua campagna raggiungerà solo il sottoinsieme del pubblico che si trova in quel gruppo demografico o che interagisce con i contenuti target (ad es. in-market per le sneaker E che interagisce con contenuti correlati a tali scarpe). Con questa opzione, la scalabilità della copertura di pubblico e, di conseguenza, le conversioni saranno notevolmente ostacolate. 

Utilizzare il remarketing e Customer Match per coinvolgere nuovamente chi ha visitato il sito web in passato

Remarketing

Il remarketing mantiene la visibilità dei tuoi annunci per gli utenti che hanno già visitato il tuo sito o la tua app. In media, i consumatori visitano i siti web per dispositivi mobili 6 volte nel processo di acquisto. Ti consigliamo di riprovare a coinvolgerli quando sono più propensi ad acquistare5. Prendi in considerazione queste fonti per creare i tuoi elenchi del segmento di pubblico per il remarketing sulla Rete Display:

  • Visitatori dei siti web per computer desktop e delle versioni per dispositivi mobili: la fonte più comune per la creazione di elenchi per il remarketing. Top list per includere tutti i tipi di visitatori del sito web, le visualizzazioni di pagina della categoria, gli utenti che hanno abbandonato il carrello degli acquisti, le visualizzazioni di pagina dei prodotti e gli utenti che hanno effettuato una conversione in passato.
  • Utenti delle app per dispositivi mobili: sono due i principali casi d'uso per il remarketing delle app per dispositivi mobili, ossia l'incremento delle conversioni e il ricoinvolgimento in app. Per generare nuove conversioni, i tuoi elenchi per il remarketing dovrebbero includere i visualizzatori dei prodotti e gli utenti che hanno abbandonato il carrello degli acquisti. Per generare ricoinvolgimento in app, invece, i tuoi elenchi per il remarketing dovrebbero essere focalizzati sugli ex utenti e su quelli inattivi. Consulta gli elenchi disponibili per il coinvolgimento in app per dispositivi mobili.
  • Visualizzatori di video di YouTube: una volta che hai collegato il tuo account Google Ads e il tuo canale YouTube, crea elenchi per il remarketing video basati sugli spettatori di YouTube e sulle loro interazioni specifiche con il canale.

Se la tua attività ha un grande portafoglio di prodotti (come nel caso della vendita al dettaglio o dei viaggi) ti consigliamo di iniziare con il remarketing dinamico. In questo modo, ai potenziali clienti verrà mostrato un annuncio il più personalizzato possibile, in base al tuo inventario attuale e senza il bisogno di creare migliaia di annunci diversi.

Per ulteriori suggerimenti sul remarketing avanzato per la Rete Display di Google, consulta la nostra guida su come raggiungere i clienti con il remarketing.

Suggerimento

Utilizza Google Ads Editor per applicare collettivamente gli elenchi dei segmenti di pubblico ai tuoi gruppi di annunci.

Sapevi che…

Quando il remarketing dinamico viene abbinato alle offerte basate sul ROAS target, gli inserzionisti osservano un incremento del ritorno sulla spesa pubblicitaria fino al 40%6.

Customer Match

Customer Match consente di utilizzare i tuoi dati online e offline per raggiungere e coinvolgere nuovamente i clienti.

Si tratta di uno strumento pubblicitario utile per diversi obiettivi di business, dall'aumento della notorietà del brand all'incremento delle conversioni. Di seguito sono elencati alcuni esempi di segmenti di pubblico diversi che puoi scegliere come target con Customer Match:

  • Segmenti di pubblico cross-sell o up-sell: elenchi volti a promuovere il comportamento di acquisto in base al tipo o ai canali di acquisto precedenti.
  • Segmenti di pubblico fidelizzati: elenchi basati sul valore relativo degli utenti o sul loro essere clienti di lunga data per promuovere offerte speciali, programmi fedeltà o nuove suite di prodotti.
  • Segmenti di pubblico ex utenti: elenchi basati su ex utenti con particolare attenzione al ricoinvolgimento o alla riattivazione.

Perfezionare il remarketing e gli elenchi Customer Match con i segmenti di pubblico simili

Aumenta la copertura delle campagne di remarketing e di Customer Match con il targeting per segmenti di pubblico simili di Google. I segmenti di pubblico simili trovano nuovi utenti che condividono interessi con quelli presenti negli elenchi di remarketing e Customer Match. In questo modo le tue conversioni di remarketing possono aumentare fino al 38% in più rispetto a quando usi il remarketing da solo7.

Suggerimenti

  • Prendi in considerazione la possibilità di creare segmenti di pubblico simili in base agli acquirenti passati o ai prodotti e i servizi più venduti.
  • Crea una nuova campagna per i segmenti di pubblico simili. In questo modo ti sarà più facile gestire le offerte, gli annunci e il targeting.

Trovare altri clienti con i segmenti di pubblico personalizzati

Se vuoi mostrare gli annunci a nuovi clienti con un'elevata intenzione di acquisto, utilizza i segmenti di pubblico in-market. Se hai bisogno di segmenti più personalizzati, puoi utilizzare anche i segmenti di pubblico personalizzati. Se stai già pubblicando campagne sulla rete di ricerca, puoi utilizzare alcune best practice per questa rete nelle campagne sulla Rete Display di Google:

  • Utilizza le parole chiave con il maggior rendimento nelle campagne sulla rete di ricerca
  • Utilizza la tassonomia del tuo sito web per organizzare la struttura delle tue campagne
  • Aggiungi parole chiave basate su concetti ampi e organizzale in gruppi di annunci ben tematizzati

Al momento di scegliere le parole chiave, non perdere tempo con le variazioni e i termini "long tail". Sulla Rete Display di Google, tutte le parole chiave sono a corrispondenza generica, per cui le variazioni non aumentano la portata dei tuoi annunci.

Nota: se i tuoi annunci vengono visualizzati in posizionamenti che non sembrano collegati alle tue parole chiave per la Rete Display, è possibile che dipenda dalla cronologia di navigazione recente degli utenti che li stanno visualizzando o da altri fattori simili.

Se desideri raggiungere consumatori nuovi e altamente qualificati, che stiano cercando attivamente dei prodotti o dei servizi della tua categoria, utilizza i segmenti di pubblico in-market. Assicurati di scegliere come target il pubblico più pertinente per la tua attività; puoi scegliere fra quasi 500 categorie. Ad esempio, potresti trovare dei potenziali clienti che sono in-market per le borse o i gioielli all'interno della categoria "vendita al dettaglio".

Infine, generalmente, i nuovi clienti comportano un CPA maggiore rispetto ai clienti esistenti. Tienilo presente quando imposti le tue offerte target.

Suggerimento

Non utilizzare contemporaneamente vari metodi di targeting per gli elenchi dei segmenti di pubblico. Se imposti troppe restrizioni, i tuoi annunci non verranno pubblicati.

Ampliare la copertura con l'espansione del pubblico 

Se hai bisogno di aiuto per trovare altri clienti nel targeting della tua campagna, attiva l'espansione del pubblico. L'espansione del pubblico di Google Ads amplia la copertura estendendola a utenti aggiuntivi per aiutarti ad aumentare le conversioni con gli annunci display di Google a un costo per cliente uguale o simile.

Leggi ulteriori informazioni sull'espansione del pubblico.

Aumentare ulteriormente la copertura delle campagne con segmenti di pubblico nella canalizzazione iniziale

Se il tuo obiettivo principale è la notorietà del brand e hai bisogno di aiuto per espandere la copertura delle campagne display, prendi in considerazione l'utilizzo di segmenti di canalizzazione iniziale, ad esempio affinità, affinità personalizzata, eventi importanti e dati demografici dettagliati.

Affinità e affinità personalizzata: i segmenti di affinità sono stati creati appositamente per rispecchiare le passioni degli utenti. Con queste informazioni è possibile raggiungere i segmenti di pubblico in base al comportamento di acquisto, allo stile di vita e alle abitudini di consumo. I segmenti di pubblico di affinità includono utenti che spesso fanno acquisti, cenano fuori, vanno dal parrucchiere o dall'estetista o partecipano a eventi dal vivo. Se stai cercando di raggiungere un segmento di pubblico non incluso nella tassonomia dei segmenti di pubblico di affinità, ti consigliamo di utilizzare l'affinità personalizzata. Ti suggeriamo di inserire alcune parole chiave e qualche URL in modo che possiamo utilizzarli come punto di partenza per creare un elenco personalizzato per te.

Dati demografici dettagliati: i segmenti di pubblico con dati demografici dettagliati ti consentono di raggiungere gli utenti in base a eventi relativi alla loro vita oltre all'età e al sesso (ad es. proprietà della casa, stato civile, istruzione e fasi dell'essere genitori). 

Eventi importanti: i segmenti di pubblico relativi agli eventi importanti ti consentono di raggiungere utenti che si trovano in momenti di transizione importanti della loro vita, quando è più probabile che prendano decisioni di acquisto importanti. Alcuni esempi di segmenti disponibili sono relativi ad acquisto di una casa, inizio di un nuovo lavoro e pensionamento.

Nota: è normale ottenere CPA target leggermente più elevati per segmenti di pubblico di potenziali clienti rispetto a quelli basati sulla canalizzazione finale. Se utilizzi Smart Bidding, assicurati di impostare target leggermente più alti per questi segmenti.

Iscriviti alla newsletter sulle best practice per ricevere aggiornamenti e suggerimenti avanzati su Google Ads direttamente nella tua casella di posta.

5 Fonte: studio Google/Nielsen, Mobile Path to Purchase: Five Key Findings, novembre 2013.
6 Fonte: dati interni di Google, 2013.
7 Fonte: mediana calcolata in base ai dati interni di Google, marzo 2015.

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?

Hai bisogno di ulteriore assistenza?

Accedi per scoprire altre opzioni di assistenza che ti consentiranno di risolvere rapidamente il tuo problema

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
73067
false