Informazioni sul tagging automatico

Il tagging automatico è una funzionalità necessaria per:

  • Monitorare le conversioni sul tuo sito web da qualsiasi browser
  • Importare i dati sugli eventi chiave in Google Ads da Google Analytics e da altre origini esterne, ad esempio il tuo sistema di gestione dei rapporti con i clienti (CRM)
  • Importare nei report di Google Analytics i dati di costo e delle campagne Google Ads
  • Importare nei report Google Ads le metriche sul coinvolgimento del sito di Google Analytics, quali la frequenza di rimbalzo e la durata media della sessione

Il tagging automatico è ora attivo per impostazione predefinita per i nuovi account. Questo articolo spiega come funziona il tagging automatico e come può essere attivato o disattivato.

Nota: se vuoi continuare a monitorare il traffico di Google Ads utilizzando i tag manuali e non intendi creare integrazioni tra Analytics e Google Ads, puoi eseguire il tagging manuale degli URL di destinazione nei tuoi annunci con i parametri UTM per raccogliere i dati. Tuttavia, in Google Analytics 4 (GA4), il tagging automatico ha la priorità sul tagging manuale a causa dell'assenza di un'opzione di override.
Alcuni browser richiedono il tagging automatico per monitorare le conversioni.

Perché utilizzarlo

Il tagging automatico è una funzionalità imprescindibile che, se utilizzata con il monitoraggio delle conversioni Google Ads o con Google Analytics, ti consente di verificare in che misura i clic sui tuoi annunci generano attività importanti dei tuoi clienti, ad esempio acquisti sul tuo sito web, telefonate, download di app, iscrizioni a newsletter e altro ancora. A seconda del tipo di conversione da monitorare, il processo di impostazione del monitoraggio delle conversioni è diverso. Infatti, il primo passaggio da eseguire è scegliere l'origine degli eventi chiave, ossia la loro provenienza.

Il tagging automatico è indispensabile, inoltre, per le attività che necessitano di monitorare le conversioni offline, ad esempio le vendite effettuate presso il negozio fisico conseguentemente alla pubblicità online.

Come funziona

Dopo che un utente fa clic sul tuo annuncio, il tagging automatico aggiunge all'URL di destinazione alcune informazioni, quali un parametro chiamato GCLID, abbreviazione di "Google Click Identifier" (identificatore di clic di Google). Ad esempio, se qualcuno fa clic sull'annuncio per www.example.com, l'URL finale sarà www.example.com/?gclid=123xyz. Se hai attivato il tagging automatico e sul tuo sito web è presente un tag Google Analytics, il GCLID viene memorizzato in un nuovo cookie di Google Analytics nel dominio del tuo sito (scopri di più sul modo in cui Google Ads monitora le conversioni sul sito web) ,

A volte, il GCLID viene creato in corrispondenza di un'impressione, anziché di un clic. In quei casi, se un utente fa nuovamente clic sullo stesso annuncio, verrà utilizzato lo stesso GCLID. Nel Report sul rendimento dei clic, più clic sullo stesso annuncio da parte dello stesso utente vengono conteggiati come più clic nella stessa riga GCLID.

Una piccola percentuale di siti web non consente parametri URL arbitrari e restituisce una pagina di errore quando il tagging automatico è attivato. Verifica con il tuo sviluppatore web se questo è il tuo caso oppure esegui un test facendo clic sul tuo annuncio. Se il link diretto al tuo sito funziona, significa che puoi utilizzare il tagging automatico. Se ricevi un messaggio di errore, devi disattivare il tagging automatico nell'account Google Ads. Prima di riattivarla, chiedi al tuo sviluppatore web di consentire l'uso di parametri URL arbitrari.

Se il tuo sito web prevede reindirizzamenti, verifica che il GCLID venga trasmesso alla pagina di destinazione finale, per monitorare le conversioni.

Nota: quando crei un nuovo evento chiave, il tagging automatico viene attivato per impostazione predefinita se non stai già utilizzando il monitoraggio delle conversioni su più account. Se lo stai utilizzando, dovrai attivare manualmente il tagging automatico in ogni account secondario. Scopri come verificare se il tagging automatico è attivo

Attivare o disattivare il tagging automatico

Il tagging automatico è attivo per impostazione predefinita per i nuovi account. Per controllare lo stato corrente del tagging automatico nel tuo account e attivarlo o disattivarlo, procedi come indicato di seguito. Se non riesci a utilizzare il tagging automatico, puoi avvalerti del tagging manuale per importare i dati di Google Ads in Google Analytics.

Nota: le istruzioni riportate di seguito fanno parte del nuovo design dell'esperienza utente Google Ads. Per utilizzare il design precedente, fai clic sull'icona "Aspetto" e seleziona Usa il design precedente. Se utilizzi ancora la versione precedente di Google Ads, consulta la mappa di riferimento rapido o utilizza la barra di ricerca del pannello di navigazione in alto in Google Ads per trovare la pagina che cerchi.

Illustrazione di come attivare il tagging automatico in Google Ads.

  1. Nell'account Google Ads, fai clic sull'icona Amministrazione Icona Amministrazione.
  2. Fai clic su Impostazioni account.
  3. Fai clic sulla sezione Tagging automatico.
  4. Potrai controllare lo stato attuale del tagging automatico per il tuo account. Per attivare o disattivare il tagging automatico, seleziona o deseleziona la casella "Aggiungi un tag all'URL a cui vengono indirizzati gli utenti facendo clic sul mio annuncio".
  5. Fai clic su Salva.

Stai riscontrando problemi?

Risolvere un problema di collegamento

Se hai bisogno di ulteriore assistenza per Google Analytics in Google Ads, contattaci.

Web To App Connect

Se hai un sito web e un'app mobile, puoi impostare il monitoraggio delle conversioni da app utilizzando Web to App Connect. Dopo aver utilizzato l'interfaccia Web to App Connect per impostare il monitoraggio delle conversioni e i link diretti (che consentono di collegare gli annunci direttamente all'app dell'attività), puoi offrire un'esperienza fluida dal web all'app ai clienti e generare in media tassi di conversione 2 volte superiori per i clic sugli annunci nella tua app rispetto al tuo sito web mobile.

Con Web to App Connect, i clienti possono completare facilmente l'azione desiderata, che si tratti di acquistare, registrarsi o aggiungere articoli al carrello. Inoltre, dall'interfaccia Web to App Connect puoi monitorare queste azioni di conversione in-app e ricevere consigli su come migliorare la tua campagna.

Per iniziare a utilizzare Web to App Connect, completa i tre passaggi riportati di seguito:

  1. Nell'account Google Ads, fai clic sull'icona Strumenti Icona degli strumenti.
  2. Fai clic sul menu a discesa Pianificazione nel menu della sezione.
  3. Fai clic su Hub pubblicitario per app. Viene visualizzata l'interfaccia di Web to App Connect.

Scopri di più su come migliorare le conversioni con l'interfaccia di Web to App Connect.

È stato utile?

Come possiamo migliorare l'articolo?
true
Achieve your advertising goals today!

Attend our Performance Max Masterclass, a livestream workshop session bringing together industry and Google ads PMax experts.

Register now

Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale