Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale

Importare e modificare i dati delle mappe

Queste funzioni sono disponibili solo in Google Earth Pro.

Importare gli indirizzi

Se vuoi visualizzare più località in tutto il mondo, puoi importare gli indirizzi in Google Earth. Ogni indirizzo importato viene convertito in un segnaposto su Google Earth.

Linee guida per l'importazione degli indirizzi
  • Puoi importare indirizzi che si trovano solo in Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia, Italia, Germania e Spagna.
  • Non puoi utilizzare un indirizzo contenente una casella postale.
  • Campi indirizzo singoli: puoi specificare via, CAP, città e provincia in un unico campo.
  • Campi con più indirizzi: puoi specificare via, CAP, città e provincia in un unico campo.
  • Valori predefiniti indirizzo parziale: se alcuni punti hanno indirizzi parziali, puoi utilizzare l'importazione guidata dei dati per specificare valori predefiniti per i campi mancanti, come la provincia o il CAP.
Importare dati di indirizzi da un file CSV

Se desideri fare pratica nell'importazione dei dati, puoi scaricare un file CSV di esempio da utilizzare per i passaggi. Oppure puoi seguire questi passaggi con il tuo file CSV.

  1. Apri Google Earth. Poi, fai clic su File Avanti Importa.
  2. Individua il percorso del file campione e selezionalo. Poi, fai clic su Apri. Viene visualizzata l'importazione guidata dati.
  3. Scegli le seguenti opzioni:
    • "Tipo di campo" Delimitato
    • "Delimitato" Virgola
  4. Utilizza il riquadro di anteprima per verificare che i dati siano stati importati correttamente.
  5. Fai clic su Avanti. Accanto a "I dati non contengono informazioni di latitudine/longitudine", seleziona la casella.
  6. Fai clic su Avanti. Seleziona "Indirizzi suddivisi in più campi".
  7. Nella sezione "Selezione campi indirizzo", controlla i nomi di ogni campo.
  8. Fai clic su Avanti. Controlla l'elenco dei campi e il tipo di dati relativo a ciascun campo. Poi, fai clic su Indietro.
  9. Fai clic su Fine. Google Earth avvia la geocodifica dei tuoi dati.
  10. Nella finestra di dialogo, per utilizzare un modello di stile, fai clic su .
  11. Fai clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva modello. Salva il modello come file (.kst) utilizzabile quando importerai e formatterai i dati in futuro.

Google Earth mostra i dati sugli indirizzi sotto forma di icone nel visualizzatore 3D. Puoi modificare le proprietà dei segnaposto con la stessa procedura utilizzata per qualsiasi altro segnaposto.

Correggere gli errori di importazione
  • Nel riquadro di anteprima, se i dati relativi a stato e città si trovano nelle colonne errate, il file può contenere alcuni indirizzi con un secondo indirizzo ("Indirizzo 2") e alcuni senza. Per risolvere il problema, deseleziona "Considera delimitatori consecutivi come unico delimitatore."
  • Se ricevi un errore perché Google Earth non riesce a geocodificare uno dei tuoi indirizzi, modifica i dati o le impostazioni di importazione in Google Earth.
  • I dati importati si trovano nella cartella "Luoghi Temporanei" all'interno del riquadro "Luoghi". Se desideri salvare i dati importati, prima di uscire da Google Earth trascina i dati fuori dalla cartella e seleziona File Avanti Salva Avanti Salva i miei luoghi.

Importare immagini

Puoi aprire i file immagine GIS per proiettare immagini incorporate con informazioni di visualizzazione di coordinate specifiche della mappa nel visualizzatore 3D. I file che utilizzano il sistema di proiezione NAD83 non sono supportati da Google Earth.

  • TIFF (.tif), inclusi file GeoTiff e Tiff compressi
  • National Imagery Transmission Format (.ntf)
  • Erdas Imagine (.img)

Altri file di immagine

Puoi importare immagini anche se modifichi manualmente le coordinate per ottenere un posizionamento corretto. I file immagine senza le giuste informazioni di proiezione non saranno riproiettate con precisione.

  • Portable Network Graphic (.png)
  • Joint Photographic Expert (.jpg)
  • Atlantis MFF Raster (.hdr)
  • File di database PCIDSK (.pix)
  • Formato pixmap portatile (.pnm)
  • Bitmap indipendente dal dispositivo (.bmp)
Aprire immagini GIS

Puoi aprire le immagini GIS in Google Earth per visualizzarle sull'immagine di una mappa.

  1. Apri Google Earth.
  2. Fai clic su File Avanti Apri. Poi, scegli il file che desideri importare.Viene visualizzata la finestra di modifica dell'overlay.
  3. Specifica la posizione del nuovo overlay in una cartella qualsiasi del riquadro "Luoghi".
  4. Scegli le proprietà dell'immagine GIS:
  • L'immagine riproiettata viene salvata come overlay. L'immagine viene salvata nella directory di Google Earth sul disco rigido. Il nome del file PNG è costituito dal nome del file di origine e dai parametri di ridimensionamento e ritaglio selezionati durante l'importazione della sovrapposizione. Continua a leggere per avere ulteriori informazioni sul ridimensionamento e il ritaglio delle immagini.
  • La riproiezione di file immagine di grandi dimensioni può richiedere del tempo. Se hai ritagliato o ridimensionato un'immagine di input o tenti di riproiettare un'immagine che utilizza una grande quantità di memoria della texture, viene visualizzato un indicatore di stato della riproiezione. Puoi annullare l'operazione in qualsiasi momento.
  • Le immagini che non contengono informazioni di proiezione vengono trattate come normali file di overlay. Puoi posizionare l'immagine manualmente procedendo come per qualsiasi immagine di overlay.
  • Le Immagini che contengono informazioni di proiezione non corrette o non supportate non vengono importate. Una finestra di dialogo indica che la riproiezione non può essere eseguita e che l'immagine non verrà importata.
Salvare le immagini GIS

Dopo avere importato i dati delle immagini, puoi salvare le modifiche apportate ai contenuti dei dati GIS importati:

Spostare le immagini importate nella cartella "I miei luoghi". Se hai già spostato l'overlay di immagini nella cartella "I miei luoghi", le eventuali modifiche apportate vengono salvate automaticamente e visualizzate a ogni avvio di Google Earth.

Salvare l'overlay delle immagini come file KMZ. Se desideri rimuovere le immagini importate dalla cartella "I miei luoghi":

  1. Fai clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento e seleziona Salva con nome dal menu popup.
  2. Poi, salva l'overlay GIS come file KMZ sul disco rigido del computer o in un qualsiasi percorso accessibile.
  3. Elimina l'overlay dall'elenco "I miei luoghi" e aprilo in qualsiasi momento.

Importazione di dati vettoriali

Puoi importare file con punti, linee, percorsi e poligono sulle tue mappe.

  1. Apri Google Earth.
  2. Fai clic su File Avanti Apri.
  3. Seleziona il tipo di file che desideri importare o scegli Tutti i formati di importazione dei dati.

Al termine dell'importazione, gli elementi vettoriali compaiono nel visualizzatore 3D e il file importato viene elencato nella cartella "Luoghi temporanei".

Nota. Se non utilizzi un modello di stile e se i dati non contengono un campo "Nome", il primo campo disponibile contenente testo viene utilizzato come etichetta dei dati.

Utilizzare i dati vettoriali di terze parti

La maggior parte dei dati vettoriali GIS di terze parti consiste in una raccolta di file di supporto. Se i dati previsti non compaiono nel visualizzatore 3D, potrebbe dipendere dalla mancanza dei file di supporto.

File vettoriali e file di supporto richiesti:

  • MapInfo (TAB)
    • MAP ID
    • DAT
  • ESRI Shape (SHP)
    • I dati di proiezione SHX devono essere incorporati in un file SHP o in un file a parte con estensione PRJ DBF (per la visualizzazione dei dati dei campi)
  • File di testo generici
Importare file di testo generici

Puoi definire i tuoi dati di punti e importarli utilizzando file di testo generici.

I file di testo generico devono:

  • Avere colonne denominate i cui valori sono separate da virgole, spazi o tabulazioni.
  • Essere salvati in formato CSV o TXT.
  • Visualizzare le coordinate in:
    • Gradi, minuti, secondi (DMS)
    • Gradi decimali (DDD)
    • Gradi e minuti con secondi decimali (DMM)
  • Contenere uno o più campi che specifichino la posizione del punto sulla Terra.
  • Non utilizzare una combinazione di coordinate geografiche e campi indirizzo in un solo file.

Puoi utilizzare le coordinate di latitudine e longitudine per indicare la posizione dei dati del punto nel file di testo.

Campi opzionali e descrittivi

Puoi utilizzare tutti i campi che desideri per etichettare e descrivere i punti in Google Earth.

I campi opzionali possono essere definiti come testo o stringhe:

  • Un campo stringa può contenere caratteri alfanumerici.
  • Le stringhe possono essere racchiuse tra virgolette o contenere spazi per non essere interpretate come un numero.

Con i modelli di stile puoi utilizzare questi tipi di campi per creare utili effetti visivi nel visualizzatore 3D, come grafici o codifica a colori dei dati in base ai valori contenuti nei campi:

  • Intero
  • Valore con virgola mobile

Applicazione di un modello di stile

Puoi applicare un modello di stile ai dati vettoriali contenenti campi che desideri rendere visibili nel visualizzatore 3D.

  • I modelli di stile possono essere applicati solo a segnaposto che contengono dati di schema estesi, come quelli importati in un file di dati vettoriali.
  • Puoi utilizzare lo stesso modello di stile per dati diversi con gli stessi campi se le impostazioni del modello sono regolate per rappresentare i dati correttamente.

Per applicare un modello di stile:

  1. Dopo avere importato i dati nel riquadro "Luoghi", seleziona la cartella di dati e fai clic su Modifica Avanti Applica modello di stile.
  2. Nell'elenco "Modelli compatibili", scegli il modello di stile da applicare al tuo set di dati.
  3. Per modificare il modello di stile, seleziona Modifica il modello selezionato.
  4. Scegli il campo dei dati da utilizzare come nome (etichetta) dei dati. Nota. Il nome compare nel visualizzatore 3D e nell'elenco dei punti dei dati della finestra Luoghi.
  5. Fai clic su Colore per assegnare un elemento dei dati agli stili di colore.
  6. Fai clic su Icona per assegnare un elemento dei dati a uno o più icone.
  7. Fai clic su Altezza per assegnare un valore di altezza a un elemento dei dati.
  8. Fai clic su OK.

Visualizzerai dati e valori definiti nel visualizzatore 3D.

Assegnare campi di dati a diverse funzioni

Assegnare stili di colore

Puoi applicare il colore ad alcuni campi dei dati da te importati. In questo modo il colore viene applicato all'elemento in base al tipo di dati importati:

  • Le icone vengono colorate con dati di punti
  • Le linee vengono colorate quando applicate a linee o percorsi
  • I poligoni solidi vengono colorati con i dati di forme

Utilizza lo stile colore per colorare gli elementi in modo significativo, in base al tipo di dati e ai dati dei campi nell'intero set di dati.

Utilizzare un unico colore per tutti gli elementi

Per utilizzare un unico colore per tutti i punti e le linee nei dati importati, scegli l'opzione "Utilizza colore singolo". Poi, fai clic sul quadrato colorato accanto all'opzione. Nel selettore dei colori, scegli un colore o definiscine uno personalizzato da applicare ai dati.

Utilizzare colori casuali

Per utilizzare colori diversi applicati in modo casuale da Google Earth, seleziona l'opzione "Utilizza colori casuali". Impostando un'icona personale per i dati dei punti, il colore viene aggiunto al colore esistente dell'icona.

Impostare i colori in base ai valori dei campi

Se desideri confrontare le funzioni con un set di dati, utilizza i colori per definire i diversi valori dei campi.

Esempi:

  • Imposta una gamma ristretta di colori in base alla metratura delle schede immobiliari.
  • Imposta una gamma di colori per i shape file che mostrano il reddito familiare medio.

Segui i passaggi da 1 a 5 in Applica un modello di stile.

  1. Seleziona l'opzione Imposta colore da campo nella scheda "Colore". Poi, scegli un colore dal menu a discesa Imposta colore. Puoi scegliere campi numerici o campi di testo. 
  2. Per modificare la gamma cromatica, fai clic su ciascun blocco di colori e imposta il colore iniziale e quello finale. Google Earth calcola l'intervallo tra i due valori di colore.
  3. Per raggruppare una serie di campi numerici, scegli un numero di segmenti.
  4. Per visualizzare gli elementi dei dati per i luoghi in base al segmento dei colori, crea delle sottocartelle.Per mostrare o nascondere i gruppi di colore, utilizza la casella di controllo accanto alla cartella. Nota. Può essere assegnata solo una sottocartella per la visualizzazione del colore o dell'icona.
  5. Per invertire l'ordine della gamma cromatica e delle assegnazioni agli elementi, fai clic su Inverti ordine.
  6. Per modificare i singoli elementi di colore.
  7. Fai clic su OK per salvare il tuo modello di stile.
Assegnare icone ai dati di punti

Puoi applicare le icone ai campi dei dati. Le icone non possono essere assegnate a dati di linea o di forma.

Esistono due modi di assegnare le icone ai punti:

  • Utilizzare la stessa icona per tutti gli elementi
  • Impostare un'icona da un campo

Impostare icone ai campi dei dati

Personalizza le icone dei segnaposto importati in base ai campi dei dati.

Segui i passaggi da 1 a 5 in Applica un modello di stile.

  1. Seleziona Imposta icona da campo. Scegli il campo a cui applicare le etichette icona.
  2. Per raggruppare una serie di campi numerici, scegli un numero di segmenti. Scegli un'icona dall'elenco per ciascun segmento definito.
  3. Crea delle sottocartelle per visualizzare gli elementi dei dati per i luoghi in base al segmento dei colori.Per mostrare o nascondere i gruppi di colore, utilizza la casella di controllo accanto alla cartella. Nota. Può essere assegnata solo una sottocartella per la visualizzazione del colore o dell'icona.
  4. Per modificare un singolo elemento di icona del segmento, fai clic sul segmento per regolare il valore o l'intervallo di valori. Nota. Per regolare la diffusione dei dati secondo le tue preferenze, modifica le impostazioni dei segmenti numerici.
  5. Fai clic su OK per salvare il modello di stile.
Assegnare valori di altezza

Una volta impostati i valori di altezza, i punti, le linee e le forme vengono spostati rispetto al terreno all'altezza definita per ciascun elemento dei dati.

  • Se esegui la mappatura dell'altezza alle linee o alle forme, i valori da te indicati si combinano ai colori definiti.
  • Se esegui la mappatura dell'altezza ai dati dei punti, i punti vengono spostati utilizzando una linea colorata a pixel singolo per collegare l'icona al terreno dalla sua posizione elevata. Puoi utilizzare le impostazioni di stile per modificare ampiezza e colore delle linee.

Valori di altezza per i campi di testo

Se il campo che decidi di mappare contiene dati testuali, i primi otto campi univoci vengono definiti ciascuno nel proprio segmento. Esegui la mappatura di valori di altezza solo a un campo che ha al massimo otto valori univoci.

Valori di altezza per i campi numerici

Quando assegni i valori di altezza a un campo numerico, puoi scegliere tra due metodi di mappatura:

  • Mappatura continua: utilizza i valori massimi e minimi di un campo per stabilire la visualizzazione di un'altezza minima e massima per l'intero set. Utilizza questo metodo per i set più piccoli di dati, dove le singole differenze tra punti o forme vengono visualizzate facilmente.
  • Suddivisione dei valori in segmenti: crea fino a 8 gruppi di altezza per i tuoi dati. Utilizza questo metodo per set di dati di grandi dimensioni, per i quali le altezze a mappatura continua non sono facilmente visibili nel visualizzatore 3D.
Modificare le impostazioni di stile dei punti della mappa

Per semplificare la visualizzazione dei punti dei dati e delle linee nel visualizzatore 3D, puoi modificare le impostazioni di stile di ciascun punto per modificare lo spessore delle linee.

  1. Passa il mouse sul punto da modificare. Poi, seleziona Proprietà.
  2. Nella sezione "Stile, Colore", modifica la visualizzazione del punto in base alle necessità.
  3. Fai clic su OK.

Nota. Per grandi set di dati, applica le modifiche alle intere cartelle o sottocartelle.

Scegliere i tipi di campo

Quando utilizzi la mappatura di altezza, icone o colori per campi specifici nel set di dati, puoi definire una serie di segmenti per mostrare diversi intervalli di dati. Per la mappatura di colori, icone e altezze hai a disposizione due tipi di campi di base.

Campi di testo (stringa)

Se un tipo di campo contiene dati non numerici, Google Earth esegue la mappatura dei primi otto campi di testo univoci allo stile. Se i dati contengono meno di otto valori, ciascun valore univoco viene associato a un colore, un'icona o un valore di altezza diverso. Se i dati contengono più di otto valori, i primi otto valori univoci vengono mappati a uno stile, mentre gli altri vengono raggruppati insieme e mappati tutti a un nono stile. Perciò, in genere risulta più comodo applicare uno stile a campi di testo che contengano set di dati univoci di piccole dimensioni.

Campi numerici

I campi di dati numerici vengono automaticamente distribuiti nel numero di segmenti selezionati e comprendono il conteggio degli elementi in ciascun segmento. Se aumenti o diminuisci il numero di segmenti, l'applicazione redistribuisce automaticamente il numero di elementi in ciascun segmento.

Correggere gli errori di formattazione dei campi

Se utilizzi un'applicazione per fogli di calcolo per creare i dati, scegli un formato cella numerico. Se il tuo file CSV salvato da un foglio di calcolo contiene campi numerici ma la procedura di creazione guidata del modello di stile non li riconosce come tali, è possibile che la formattazione non sia corretta.

Per verificare se il campo attuale è segnato come di testo o numerico:

  1. Apri il file CSV in un semplice editor di testo e osserva il campo in questione.
  2. I campi racchiusi tra virgolette sono impostati come testo, anche se contengono unicamente dei numeri.
  3. Rimuovi manualmente le virgolette dal file oppure apri l'applicazione per fogli di calcolo e imposta il formato numerico delle celle.
  4. Poi, salva di nuovo i dati CSV.