Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale

Informazioni sui record di risorse

I record di risorse forniscono informazioni basate sul DNS relative a componenti hardware e software che puntano al tuo dominio e lo supportano (host, server dei nomi, server web e server di posta).

Ogni record di risorse è composto da una serie di campi:

  • Nome: etichetta che indica il nome o il proprietario del record. Può essere il dominio principale (indicato da @) o un sottodominio (ad esempio, "www").
  • Tipo: tipo di record, ad esempio, il record A (Address).
  • TTL: (Time To Live) frequenza con cui una copia del record memorizzata nella cache, lo spazio di archiviazione locale, deve essere aggiornata (recuperata dallo spazio di archiviazione originale) o eliminata. TTL più brevi indicano che i record vengono recuperati più spesso (l'accesso è più lento e i dati sono più aggiornati), mentre TTL più lunghi indicano record che vengono recuperati meno frequentemente (l'accesso è più veloce e i dati sono meno aggiornati). Il valore predefinito è un'ora.
    Nota: quando si apportano delle modifiche a un record di risorse, può essere necessaria l'intera durata del tempo TTL prima che le modifiche vengano propagate. Quando si aggiunge un nuovo record di risorse, questo risulta visibile agli utenti Internet dopo cinque minuti.
  • Dati: dati del record, che variano a seconda del tipo di record, ad esempio, l'indirizzo IP di un host nel caso di un record A. Questi sono i dati che vengono restituiti nel corso di una ricerca DNS.

Nota: Google Domains supporta la classe Internet IN per impostazione predefinita, pertanto il campo Class non è incluso.

Tipi di record di risorse

Oltre ai record di risorse DNS descritti qui, Google Domains supporta anche record sintetici che ampliano le funzionalità dei record di risorse. Per ulteriori informazioni, vedi Record sintetici.

A

I record A (indirizzo IPv4) associano il nome di dominio di un host all'indirizzo IP dell'host (mapping nome-indirizzo).

@ A 1h 123.123.123.123

Nota: i record A e i record AAAA svolgono la stessa funzione. I record A associano il nome di dominio a indirizzi IP versione 4 (IPv4), mentre i record AAAA lo associano a indirizzi IP versione 6 (IPv6).

AAAA

I record AAAA (indirizzo IPv6) associano il nome di dominio di un host all'indirizzo IP dell'host (mapping nome-indirizzo).

www AAAA 1h 2002:db80:1:2:3:4:567:89ab

Nota: i record A e i record AAAA svolgono la stessa funzione. I record A associano il nome di dominio a indirizzi IP versione 4 (IPv4), mentre i record AAAA lo associano a indirizzi IP versione 6 (IPv6).

CNAME

I record CNAME (Canonical Name) associano un nome di dominio alias a un nome di dominio canonico (vero). È possibile associare più nomi alias allo stesso dominio canonico (questo consente di configurare indirizzi IP di record A o AAAA in un'unica posizione).

In questo esempio, www è il dominio alias ed example.com il dominio canonico (associato a un indirizzo IP tramite il record A).

www CNAME 1h example.com.
example.com. A 1h 123.123.123.123

In questo esempio, www e FTP sono domini alias e server1.example.com. è il dominio canonico (associato a un indirizzo IP tramite il record A).

www CNAME 1h server1.example.com.
ftp CNAME 1h server1.example.com.
server1.example.com. A 1h 123.123.123.123

Non è possibile impostare record CNAME per il dominio principale. Inoltre, la destinazione di un record CNAME può essere solo un nome di dominio, i percorsi non sono ammessi. Se desideri reindirizzare il tuo dominio principale oppure se la destinazione è un URL che include un percorso, prova una delle seguenti opzioni:

  • Utilizza la funzionalità di inoltro dei domini anziché un record CNAME (vedi Inoltro di domini).
  • Crea un record di inoltro utilizzando le stesse voci che utilizzeresti in un record CNAME (vedi Record sintetici).
MX

I record MX (Mail Exchange) associano un nome di dominio a un server di posta che riceve le email per quel dominio. I record MX identificano quali server di posta vengono utilizzati per inviare email a un dominio.

È possibile impostare più record MX per un dominio, ciascuno con una priorità, dove i valori inferiori indicano una priorità superiore. Nell'esempio riportato sotto, se la posta non può essere recapitata utilizzando l'host con la priorità superiore (10), verrà utilizzato l'host con la priorità inferiore (20).

@ MX 1h 10 mailhost1.example.com.
@ MX 1h 20 mailhost2.example.com.

Se la priorità è uguale (10 e 10), sarà possibile utilizzare i record MX per bilanciare il carico tra gli host, ossia ciascun host potrà essere scelto arbitrariamente.

@ MX 1h 10 mailhost1.example.com.
@ MX 1h 10 mailhost2.example.com.

Nota: Google Domains non fornisce un campo distinto per la priorità. Per specificare un valore della priorità, immettilo nel campo dei dati seguito dall'host di posta (10 mailhost1.example.com.).

NS

I record NS (Name Server) associano un nome di dominio o di sottodominio a un server dei nomi. I server dei nomi contengono informazioni autorevoli in merito allo spazio dei nomi del dominio e traducono i nomi di dominio nei corrispondenti indirizzi IP (facendo riferimento ai record di risorse salvati con il server dei nomi).

In Google Domains puoi creare record NS solo per sottodomini. I record NS per il dominio principale vengono gestiti per te da Google Domains. Per ulteriori informazioni, vedi Informazioni sui record di risorse NS (server dei nomi).

ns1 NS 1h ns-cloud1.googledomains.com.
ns2 NS 1h ns-cloud2.googledomains.com.
PTR

I record PTR (Pointer) associano l'indirizzo IP di un host al nome di dominio canonico (vero) per un host (mapping indirizzo-nome). Sono detti anche ricerche DNS inverse, in quanto nei record PTR l'indirizzo IP viene scritto in ordine inverso e viene aggiunto il dominio di primo livello ARPA (Address and Routing Parameter Area).

I record PTR sono utilizzati come dispositivo di sicurezza e misura anti-spam, in quanto i server di posta e di altro tipo possono eseguire ricerche DNS inverse per verificare l'identità degli host.

Solitamente non dovrai gestire i record PTR in Google Domains, in quanto questo tipo di record deve essere impostato dal proprietario del tuo blocco di indirizzi IP, generalmente il tuo ISP. I diversi proprietari di blocchi IP presentano procedure differenti per richiedere questi record. Per ulteriori informazioni, contatta il tuo provider di servizi Internet.

Google Domains supporta i record PTR che risiedono nella zona DNS corrispondente al tuo dominio, allo scopo di consentirti di chiedere al tuo ISP di creare i record CNAME che delegano a noi la responsabilità per le ricerche inverse di quegli indirizzi specifici.

Quando il tuo provider delega a te un record PTR, crea un record CNAME che punta a un record PTR che viene gestito da te tramite Google Domains. Supponiamo ad esempio che il record A del tuo server abbia il seguente aspetto:
www     A     1h     111.222.33.4

Per delegare a te il record PTR, il tuo provider deve impostare il record CNAME riportato di seguito. Come noterai, l'ordine dei 4 numeri che compongono l'indirizzo IP è stato invertito:
4.33.222.111.in-addr.arpa.    CNAME     1h     ptr_www.example.com.

In Google Domains imposterai il seguente record PTR:
ptr_www     PTR     1h     www.example.com.

Una volta che questi record sono stati impostati, le richieste di ricerche inverse dell'indirizzo IP 111.222.33.4 verranno inviate prima al record del tuo provider per 4.33.222.111.in-addr.arpa., che le reindirizzerà al tuo record per ptr_www.example.com., che informerà il richiedente che 111.222.33.4 corrisponde a www.example.com.

Ecco un esempio analogo per gli indirizzi IPv6. Se il record AAAA del tuo server ha il seguente aspetto:
www     AAAA     1h     202:db80:1:2:3:4:567:89ab

il relativo indirizzo IPv6 completo sarà 0202:db80:0001:0002:0003:0004:0567:89ab. Per ottenere il record CNAME che il tuo provider deve impostare, inverti l'ordine di questo indirizzo (cifra per cifra, ignorando i due punti) inserendo un punto dopo ogni cifra e aggiungendo alla fine .ip6.arpa. comprensivo di punto iniziale:
b.a.9.8.7.6.5.0.4.0.0.0.3.0.0.0.2.0.0.0.1.0.0.0.0.8.b.d.2.0.2.0.ip6.arpa.     CNAME     1h     ptr_www.example.com.

Nota: Google Domains non supporta direttamente la delega di un blocco di indirizzi da parte del tuo ISP. Pertanto dovrai utilizzare Cloud DNS per creare e salvare questi record. Non è tuttavia necessario spostare TUTTO il DNS a Cloud DNS, solo i record PTR.

Per ulteriori informazioni su Google Cloud DNS, vedi:

SOA

I record SOA (Start Of Authority) sono utilizzati dai server DNS di Google per salvare le informazioni relative al tuo dominio e aiutarti a gestire il traffico tra i server dei nomi. Includono solitamente le seguenti informazioni: server dei nomi, account amministratore del server dei nomi, numero di serie del server, frequenza di aggiornamento del file di zona, tempo di attesa tra un tentativo di aggiornamento e l'altro e scadenza del file di zona.

I record SOA sono gestiti dai server dei nomi e non possono essere visualizzati o modificati in Google Domains.

SPF

SPF (Sender Policy Framework) è un metodo tecnico standard aperto, che specifica i server di posta che possono inviare email da un dominio.

Quando un server di posta invia un'email, il server di destinazione verifica il record SPF del dominio. Se l'email è stata inviata da un server di posta elencato nel record SPF, il server di destinazione accetterà l'email.

Per certi versi, i record SPF aiutano a prevenire il fenomeno dello spam causato da indirizzi mittente falsificati, in quanto le email provenienti da un dominio non vengono accettate a meno che il server di invio non sia incluso nell'elenco SPF del dominio.

SPF utilizza record TXT (Text) per associare un nome di dominio a uno o più server di posta. Il record TXT includerà il tag SPF v=spf1 e altri qualificatori, meccanismi e modificatori SPF (vedi www.openspf.org).

@ SPF   “v=spf1 +a:mailhost3.example.com +a:mailhost4.example.com –all”   
mail3   A 1h 123.123.123.7
mail4   A 1h 123.123.123.9
SRV

I record SRV (Service) associano un determinato servizio o server a un nome di dominio. Il record SRV consente di individuare un servizio senza dover necessariamente sapere su quale host è in esecuzione.

In questo esempio, il record SRV _http._tcp.example.com. include il servizio http, il protocollo su cui è eseguito il servizio tcp e il nome di dominio example.com. Il record è associato al dominio www.example.com., che a sua volta è associato a un server web (l'host con indirizzo IP 192.251.50.110). Il record ha priorità 10 (inferiore il valore, superiore è la priorità), peso 5 (per bilanciare il carico tra i record con la stessa priorità) e numero di porta 8080 che indica su quale porta si trova il servizio.

_http._tcp.example.com. SRV 1h 10 5 8080 www.example.com.
www A 1h 192.251.50.110

Nota: Google Domains non fornisce un campo distinto per i valori di priorità, peso e numero di porta, pertanto vanno immessi nel campo dei dati separati da uno spazio e seguiti dal nome del servizio (10 5 8080 www.example.com.).

TXT

I record TXT (Text) contengono informazioni arbitrarie, sotto forma di testo leggibile o dati leggibili da computer, che possono essere aggiunte a un record di risorse.

A TXT 1h "Questo è il mio dominio."
Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?