Rapporto sulle conversioni cross-environment

Misurare le conversioni dagli utenti che comprendono cross-device e cross-environment

Le persone possiedono più dispositivi in grado di accedere a Internet e spesso visualizzano i tuoi annunci in un ambiente, ma la conversione avviene in un altro ambiente. I rapporti sulle conversioni cross-environment di Campaign Manager mostrano l'efficacia della tua campagna pubblicitaria in tutti gli ambienti (tablet, dispositivi mobili e desktop; app e Web), a prescindere dal dispositivo o dall'ambiente in cui avviene la conversione dell'utente. 

I rapporti cross-environment combinano cookie (per il Web), ID dispositivi reimpostabili (per le app per dispositivi mobili) e accessi a Google in forma anonima per identificare un utente in più ambienti.  Questo permette a Google di determinare il percorso intrapreso dall'utente, dalla prima visualizzazione dell'annuncio alla conversione. Non vengono conservati dati sull'utente specifico e tutti i rapporti sono in forma anonima.

I rapporti di conversione cross-environment possono essere complessi per la natura del tracciamento di attribuzione e del monitoraggio delle conversioni nelle app. Le conversioni cross-environment che avvengono su dispositivi o browser diversi da quelli dell'annuncio originale possono avere attribuzioni diverse, o possono non essere misurate affatto, rispetto alla convenzionale misurazione delle conversioni basata sui cookie. Tuttavia, nel complesso, l'inclusione di metriche cross-environment offrirà un quadro più completo delle conversioni nei tuoi rapporti.

Che cosa è possibile misurare

Il rapporto Conversioni cross-device di Display & Video 360 consente di calcolare le seguenti metriche in relazione agli inserzionisti, agli ordini di inserzione e agli elementi pubblicitari.

  • Conversioni totali + Cross-environment: The sum of all Post-View Conversions + Cross-Environment and Post-Click Conversions + Cross-Environment.

  • Conversioni post-visualizzazione + Cross-environment: The number of times a user has converted after viewing an ad on any of their devices.

  • Conversioni post clic + Cross-environment: The number of times a user has converted after clicking on an ad on any of their devices.

  • Entrate post-visualizzazione DCM + Cross-Environment: The cost amount passed by a Floodlight sales tag after a cross-device post-view conversion.

  • Entrate post-clic DCM + Cross-Environment: The cost amount passed by a Floodlight sales tag after a cross-device post-click conversion.

Le metriche sopra indicate vengono chiamate "cross-environment" e non "cross-device", perché calcolano il numero di conversioni degli utenti in diversi ambienti, come un'app e un browser o due browser diversi, anche se i vari ambienti sono tutti sullo stesso dispositivo.

Limitazioni

  • Gli ID dispositivo mobile devono essere trasmessi nuovamente per consentire il funzionamento dei rapporti cross-environment. I publisher di Google Ad Manager eseguono questa operazione in automatico.
  • Le attività e i tag Floodlight devono essere implementati correttamente per consentire il funzionamento dei rapporti cross-environment.
  • Le variabili Floodlight personalizzate non sono compatibili con i rapporti cross-environment.
  • In Cina, i dati cross-device sono molto ridotti.
  • I browser in-app sono complessi e la loro compatibilità con i rapporti cross-device è variabile.
  • I rapporti cross-device non sono supportati a livello di eventi in Data Transfer.
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?