Connettersi a Campaign Manager 360

Connettere Data Studio alla rete Campaign Manager 360 e ai dati degli inserzionisti

Per misurare il rendimento delle campagne di marketing digitale, Campaign Manager 360 ti permette di eseguire rapporti su metriche quali impressioni, clic, conversioni e spesa pubblicitaria, suddividendo i dati in base alle dimensioni, come campagne, inserzionisti, posizionamenti, creatività, dispositivi e aree geografiche.

Con il connettore Campaign Manager 360 puoi accedere ai dati di Campaign Manager 360 e trasformarli per generare dashboard e condividerle con i tuoi collaboratori.

Nota per gli utenti correnti del connettore Campaign Manager 360:
 
A partire dal 21 agosto 2018, i componenti che utilizzano i dati del connettore Campaign Manager 360 (in precedenza chiamato DoubleClick Campaign Manager - DCM) non supporteranno più richieste di dati per un intervallo superiore a due anni. I componenti basati sulle origini dati di Campaign Manager 360 mostreranno un messaggio di errore quando l'intervallo di date è impostato su un periodo superiore a due anni. Aggiorna i rapporti prima di questa modifica per richiedere dati di Campaign Manager 360 relativi a un periodo inferiore a due anni.

Come connettersi a Campaign Manager 360

Un'origine dati Data Studio può connettersi a un'intera rete pubblicitaria o a un singolo inserzionista.

Al momento non è possibile connettersi a un sottoinsieme di inserzionisti.

Per effettuare la connessione

  1. Accedi a Data Studio.
  2. In alto a sinistra, fai clic su Crea e poi seleziona Origine dati.
  3. Seleziona il connettore Campaign Manager 360.
  4. Seleziona una rete dalla colonna Profili.
    1. Per connetterti a un'intera rete pubblicitaria, seleziona Tutti gli inserzionisti dalla colonna Account.
    2. Per connetterti a un singolo inserzionista, selezionalo dalla colonna Account.
  5. In alto a destra, fai clic su CONNETTI.
    1. Viene visualizzato il riquadro dei campi dell'origine dati.
    2. L'origine dati è ora connessa al tuo set di dati.

Configurare l'origine dati

Il riquadro dei campi dell'origine dati ti consente di configurare l'origine dati rinominando i campi e aggiungendo descrizioni, aggiungendo campi calcolati, nonché modificando aggregazioni e tipi di dati. Ulteriori informazioni sull'utilizzo dei campi dell'origine dati.

Controllare chi vede i dati

Nella parte superiore destra del riquadro dei campi puoi modificare le credenziali per origine dati. Le credenziali determinano chi può vedere i dati forniti da questa origine dati.

L'opzione CON LE CREDENZIALI DEL PROPRIETARIO permette ad altre persone di visualizzare o creare rapporti che utilizzano i dati senza che debbano disporre di credenziali di accesso proprie per il set di dati.

L'opzione CON LE CREDENZIALI DEL VISUALIZZATORE, invece, prevede che ogni utente dell'origine dati fornisca le proprie credenziali per accedere al set di dati.

Ulteriori informazioni sulle credenziali per origine dati.

Creare un nuovo rapporto dall'origine dati

  1. In alto a destra, fai clic su CREA RAPPORTO.
  2. Viene visualizzato l'editor rapporti.
  • Fai clic su AGGIUNGI A RAPPORTO.
  • L'origine dati viene aggiunta al rapporto.
  • Ora puoi creare grafici e controlli per recuperare i dati dall'origine dati.
  • Non hai mai utilizzato Data Studio?

    Segui il tutorial per creare un rapporto o scopri ulteriori informazioni sull'editor rapporti.

    Vuoi utilizzare l'origine dati con diversi account? Prova ad aggiungere un controllo dei dati.

    Il controllo dei dati consente ai visualizzatori di selezionare l'account che fornisce i dati da vedere in un rapporto. Ciò può eliminare la necessità di creare origini dati e rapporti separati per i vari account. Ulteriori informazioni.

    Note

    Le dimensioni e metriche disponibili tramite Data Studio rappresentano un sottoinsieme dei campi disponibili tramite lo strumento Report Builder di Campaign Manager 360 o l'API Campaign Manager 360. Ulteriori informazioni su dimensioni e metriche di Campaign Manager 360.

    Il connettore Display & Video 360 restituisce i dati di massimo 2 anni.  

    È stato utile?
    Come possiamo migliorare l'articolo?