Impostare i criteri Chrome a livello di dispositivo per i computer gestiti

Si applica ai browser Chrome gestiti su Windows, Mac e Linux.

Questa pagina è rivolta agli amministratori IT che vogliono impostare i criteri di Chrome sui computer gestiti dall'azienda.

Dopo aver installato il browser Chrome sui computer aziendali gestiti, puoi configurare i criteri da applicare per chi utilizza i dispositivi. Gestisci i criteri dal tuo ambiente IT, utilizzando i Criteri di gruppo di Windows o il tuo strumento di configurazione preferito per Mac o Linux. Per aiutarti nella configurazione dei criteri, Google fornisce dei modelli che puoi installare e aggiornare facilmente.  

Per visualizzare l'elenco corrente dei criteri rispettati da Google Chrome, vedi la cartella common/ nel file zip policy templates (disponibile in tutte le lingue supportate) o il sito Chromium per gli sviluppatori (solo in inglese).

Installare e configurare modelli di criteri di Chrome

Fai clic qui sotto per passare alle procedure da seguire per la tua piattaforma.

Windows

Per Windows esistono due tipi di modelli di criteri: ADM e ADMX. Verifica quale tipo puoi utilizzare sulla tua rete. I modelli indicano quali chiavi di registro puoi impostare per configurare Chrome e quali sono i valori accettabili. Per determinare le operazioni da eseguire, Chrome controlla i valori impostati in queste chiavi di registro.

Passaggio 1: scarica i modelli di criteri di Chrome

I modelli Windows e la documentazione relativa ai criteri comuni a tutti i sistemi operativi sono disponibili al seguente indirizzo:

File zip dei modelli e della documentazione per Google Chrome.

Passaggio 2: apri il modello ADM o ADMX che hai scaricato

  1. Vai a Start > Esegui: gpedit.msc.
  2. Vai a Criteri del computer locale > Configurazione computer > Modelli amministrativi.
  3. Fai clic con il pulsante destro del mouse su Modelli amministrativi e seleziona Aggiunta/rimozione modelli.
  4. Aggiungi il modello chrome.adm tramite la finestra di dialogo.
  5. Una volta completata la procedura, verrà visualizzata una cartella Google/Google Chrome sotto Modelli amministrativi, se non è già visualizzata. Se hai aggiunto il modello ADM in Windows 7, questo sarà visualizzato in Modelli amministrativi classici (ADM)/Google/Google Chrome.

Passaggio 3: configura i criteri

 Nell'Editor Criteri di gruppo, apri il modello che hai appena aggiunto e modifica le impostazioni di configurazione. I criteri modificati più di frequente sono:

  • Impostazione della pagina iniziale: l'URL che Chrome apre quando un utente avvia il browser o fa clic sul pulsante Home.
  • Invio anonimo di statistiche sull'utilizzo e segnalazioni sugli arresti anomali: per disattivare l'invio a Google, in forma anonima, di informazioni sugli arresti anomali o statistiche, modifica questa impostazione selezionando False.
  • Disattivazione degli aggiornamenti automatici: hai la possibilità di disattivare gli aggiornamenti automatici, anche se in genere non è una scelta consigliata.

Applica i criteri ai computer di destinazione. In base alla configurazione della rete, la propagazione dei criteri potrebbe richiedere del tempo oppure potrebbe essere necessario propagare i criteri manualmente mediante gli strumenti di amministrazione.

Mac

Sul Mac i criteri sono descritti in un file plist (elenco di proprietà). Questo file si trova nel bundle Google Chrome Enterprise. Per individuare il file plist:

  1. Scarica il bundle Google Chrome.
  2. Apri il bundle.
  3. Individua la cartella delle risorse.
  4. Individua il file com.google.Chrome.manifest nella cartella.
Linux

Per Linux, abbiamo creato un file JSON che puoi copiare e modificare in base alle tue esigenze.

I modelli Linux e la documentazione relativa ai criteri comuni a tutti i sistemi operativi sono disponibili al seguente indirizzo:

File zip dei modelli e della documentazione per Google Chrome.

Per la procedura completa, vedi la guida rapida a Linux nel sito Chromium.

Argomenti correlati

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?