[GA4] Informazioni sulle conversioni modellate

Google utilizza modelli per stimare le conversioni online che non possono essere osservate direttamente. I modelli consentono un'attribuzione precisa delle conversioni senza identificare gli utenti, ad esempio per motivi di privacy, a causa di limitazioni tecniche o quando gli utenti passano da un dispositivo all'altro. L'inserimento delle conversioni modellate consente a Google di offrire report più accurati, ottimizzare le campagne pubblicitarie e migliorare le offerte automatiche.

Come funzionano le conversioni modellate

I modelli di Google cercano le tendenze tra le conversioni osservate direttamente e non. Ad esempio, se le conversioni attribuite su un browser sono simili a quelle non attribuite da un altro browser, il modello di machine learning prevederà l'attribuzione complessiva. In base a questa previsione, viene quindi eseguita l'aggregazione delle conversioni per includere sia quelle modellate sia quelle osservate.

Approccio alla definizione del modello di conversione di Google

Verificare l'accuratezza e comunicare le modifiche

La convalida di holdback (una best practice di machine learning) garantisce l'accuratezza costante dei modelli di Google. Le conversioni modellate vengono confrontate con le conversioni osservate che erano state sottoposte a holdback e le informazioni vengono utilizzate per mettere a punto i modelli. Google comunicherà le modifiche che potrebbero avere un impatto rilevante sui tuoi dati.

Adottare un approccio rigoroso per la generazione di report

Le conversioni modellate vengono incluse solo quando la loro qualità è ragionevolmente certa. Se il volume di traffico non è sufficiente per fornire dati al modello, le conversioni modellate non vengono incluse nei report o, nel caso di Google Analytics, vengono attribuite al canale Diretto. Questo approccio consente a Google di compensare la perdita di osservabilità evitando sovrastime.

Eseguire la personalizzazione per la tua attività

L'algoritmo di definizione dei modelli più generale di Google viene applicato separatamente per riflettere l'unicità della tua attività e del comportamento dei clienti.

Non identificare i singoli utenti

Google non consente gli ID impronta né altri tentativi di identificazione di singoli utenti. Aggrega invece i dati, ad esempio i tassi di conversione storici, il tipo di dispositivo, l'ora del giorno, i dati geografici e così via, per prevedere la probabilità delle conversioni.

Conversioni modellate nelle proprietà Google Analytics 4

L'inserimento delle conversioni modellate su più canali nella proprietà Google Analytics 4 è iniziato verso la fine di luglio 2021. I dati relativi al periodo prima di questa data non sono interessati.

I report principali (come quelli su eventi, conversioni e attribuzione) ed Esplorazioni, in cui puoi selezionare dimensioni basate sugli eventi, includeranno i dati modellati. Questi report attribuiscono automaticamente gli eventi di conversione sui vari canali in base a una combinazione di dati osservati (ove possibile) e dati modellati (ove necessario).

Esempi di definizione del modello di conversione

  • Per i browser che non consentono la misurazione delle conversioni con cookie di terze parti vengono utilizzate le conversioni modellate in base al traffico dei tuoi siti web.
  • Per i browser che limitano la finestra temporale per i cookie originali vengono utilizzate le conversioni modellate (oltre la finestra).
  • In alcuni paesi è necessario il consenso per utilizzare i cookie per attività pubblicitarie. Quando gli inserzionisti utilizzano la modalità di consenso, le conversioni vengono modellate per gli utenti che non hanno dato il proprio consenso.
  • In base alle norme relative all'ATT (Trasparenza sul tracciamento delle app) di Apple, gli sviluppatori devono ottenere l'autorizzazione per utilizzare determinate informazioni provenienti da altre app e siti web. Google non utilizzerà informazioni, ad esempio l'IDFA, che rientrano in queste norme. Vengono modellate le conversioni i cui annunci hanno origine dal traffico interessato dall'ATT.
  • Quando l'interazione con l'annuncio e la conversione si verificano su dispositivi diversi, le conversioni potrebbero essere modellate.
  • Per facilitare l'attribuzione delle conversioni di tipo visualizzazione "engaged" (EVC), la definizione del modello di conversione prende in considerazione sia gli eventi basati sui clic sia le visualizzazioni "engaged" per YouTube.
  • Eventuali conversioni importate in Google Ads dalle proprietà Google Analytics 4 collegate includeranno la modellazione.

Suggerimento

Quando esamini i report di Google Analytics, tieni presente che i dati sulle conversioni attribuiti per ciascun canale possono comunque essere aggiornati per un massimo di sette giorni dopo la registrazione della conversione. Il motivo è che Analytics elabora questi dati e li utilizza per l'addestramento del modello. Per un maggiore accuratezza, seleziona un intervallo di date prima o dopo la settimana precedente.

Risorse correlate

È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?
false
Ricerca
Cancella ricerca
Chiudi ricerca
App Google
Menu principale
Cerca nel Centro assistenza
true
69256
false