Norme del programma AdSense

Tutti i publisher sono tenuti a rispettare le seguenti norme. Pertanto, ti invitiamo a leggerle attentamente. In caso di mancato rispetto delle norme senza avere ottenuto l'autorizzazione da parte di Google, ci riserviamo il diritto di disattivare la pubblicazione degli annunci nel sito e/o di disattivare l'account AdSense in qualsiasi momento. Se il tuo account viene disattivato, non ti sarà più consentito partecipare al programma AdSense.

Poiché il regolamento è soggetto a modifica in qualsiasi momento, ti consigliamo di consultarlo frequentemente per eventuali aggiornamenti. Conformemente ai Termini e condizioni online, sei tenuto a tenerti informato sulle norme e a verificare che l'account sia conforme. Eccezioni a queste norme sono consentite solo previa autorizzazione da parte di Google.

Clic e impressioni non validi

I publisher non possono fare clic sui propri annunci o utilizzare qualsiasi mezzo per aumentare artificiosamente le impressioni e/o i clic, inclusi i metodi manuali.
Ulteriori informazioni

I clic sugli annunci Google devono essere originati da un effettivo interesse dell'utente. Qualsiasi metodo utilizzato per generare artificialmente impressioni o clic sugli annunci è severamente proibito. Tra i metodi non consentiti vi sono, a titolo esemplificativo, impressioni o clic manuali ripetuti, strumenti per la generazione di impressioni e clic automatici e l'utilizzo di robot o software che tenti di ingannare il nostro sistema. Ti ricordiamo che fare clic sui propri annunci per qualsiasi motivo è severamente vietato.

Incoraggiamento a fare clic

È vietato ai publisher chiedere a terzi di fare clic sui propri annunci o utilizzare metodi di attivazione ingannevoli per ottenere clic. Sono inclusi, a titolo esemplificativo, l'offerta di compensi agli utenti per la visualizzazione degli annunci o l'esecuzione di ricerche, la promessa di raccogliere fondi per terze parti in cambio di tale comportamento o il posizionamento di immagini accanto a singoli annunci.
Ulteriori informazioni

Al fine di offrire un'esperienza soddisfacente a utenti e inserzionisti, i publisher che partecipano al programma AdSense non possono:

  • Offrire ricompense agli utenti per la visualizzazione di annunci o l'esecuzione di ricerche oppure promettere compensi a terze parti per tali comportamenti.
  • Incoraggiare gli utenti a fare clic sugli annunci Google tramite frasi quali "fai clic sugli annunci", "sostienici", "visita questi link" o altre espressioni simili.
  • Attirare l'attenzione degli utenti verso gli annunci utilizzando frecce o altri espedienti grafici.
  • Inserire immagini fuorvianti in corrispondenza di singoli annunci.
  • Inserire gli annunci in script che creano caselle mobili.
  • Formattare gli annunci in modo che non sia possibile distinguerli da altri contenuti della pagina.
  • Formattare i contenuti del sito in modo che sia difficile distinguerli dagli annunci.
  • Inserire etichette fuorvianti sopra le unità pubblicitarie Google. Ad esempio, è possibile assegnare agli annunci l'etichetta "Link sponsorizzati" o "Pubblicità", ma non "Siti preferiti" oppure "Offerte principali di oggi".

Norme relative ai contenuti

I publisher non possono inserire codice AdSense nelle pagine con contenuti che violano le norme sui contenuti di Google, tra cui contenuti per adulti, violenti o che incitano all'intolleranza razziale. Per ulteriori informazioni, consulta l'articolo sui contenuti vietati.
Visualizza tutte le norme relative ai contenuti.

I siti in cui vengono pubblicati annunci Google non possono contenere né rimandare a:

  • Contenuti pornografici o destinati a un pubblico adulto
  • Contenuti violenti
  • Contenuti di incitamento all'odio (inclusi contenuti che istigano all'ostilità o promuovono violenza contro persone o gruppi sulla base di razza o origine etnica, religione, disabilità, sesso, età, stato di veterano di guerra o orientamento/identità sessuale), molestie, bullismo o contenuti simili che promuovono diffamazione nei confronti di un individuo o di un gruppo.
  • Oscenità eccessive
  • Contenuti correlati alla pirateria informatica e al cracking di prodotti software
  • Contenuti relativi a sostanze stupefacenti illegali e accessori correlati
  • Contenuti che promuovono, vendono o pubblicizzano prodotti ottenuti da specie in pericolo o minacciate
  • Vendita di birra o bevande a elevato tasso alcolico
  • Vendita di tabacco o prodotti correlati al tabacco
  • Vendita di farmaci che richiedono prescrizione medica
  • Vendita di armi o munizioni (ad es. armi da fuoco, componenti di armi da fuoco, coltelli da combattimento o pistole stordenti)
  • Vendita o distribuzione di esercitazioni scritte o tesi universitarie
  • Contenuti relativi a programmi che offrono compensi agli utenti in cambio di clic su annunci o offerte oppure per svolgere ricerche, navigare su siti web o leggere email
  • Qualsiasi altro contenuto che sia illegale, promuova attività illecite o vìoli i diritti legali di terzi

Inoltre, i publisher non sono autorizzati a inserire il codice AdSense in pagine che presentano la maggior parte dei contenuti in una lingua non supportata.

Materiale protetto da copyright

I publisher AdSense non sono autorizzati a pubblicare annunci Google su pagine web che includono contenuti protetti dalla legge sul copyright, salvo nel caso in cui dispongano dei diritti legali necessari per la pubblicazione di tali contenuti. Questa norma interessa anche i siti che pubblicano materiale protetto da copyright, i siti che ospitano file protetti da copyright e i siti contenenti link che indirizzano il traffico a siti contenenti materiale protetto da copyright. Per ulteriori informazioni, consulta le nostre norme DMCA.

Prodotti contraffatti

I publisher AdSense non possono pubblicare annunci Google su pagine web che offrono in vendita o promuovono la vendita di prodotti contraffatti. I prodotti contraffatti contengono un marchio o un logo identico o sostanzialmente non distinguibile da un marchio esistente. Questi prodotti imitano le caratteristiche del brand del prodotto nel tentativo di essere confusi con il prodotto originale del proprietario del brand.

Istruzioni per i webmaster

I publisher AdSense sono tenuti a rispettare le norme sulla qualità per i webmaster.
Visualizza estratti
  • Non inserire un numero eccessivo di parole chiave, parole chiave ripetute o non pertinenti nei contenuti o nel codice delle pagine web.
  • Evita testo o link nascosti.
  • Evita le cosiddette pagine "doorway", create appositamente per motori di ricerca o altri sistemi che mirano alla soppressione dei cookie quali, ad esempio, programmi affiliati con contenuto originale scarso o inesistente.
  • Non includere contenuti o metodi ingannevoli o fraudolenti per migliorare il posizionamento del sito nel motore di ricerca (ad esempio il PageRank del sito).
  • Crea un sito utile e ricco di informazioni e pagine che descrivano i contenuti in modo chiaro e accurato.

Sorgenti di traffico

Non puoi inserire annunci Google in pagine che ricevono traffico da determinate sorgenti. Ad esempio, i publisher non possono partecipare a programmi "paid-to-click", inviare email indesiderate o pubblicare annunci in seguito ad azioni eseguite da applicazioni software. Inoltre, i publisher che utilizzano la pubblicità online devono garantire che le loro pagine siano conformi alle norme sulla qualità della pagina di destinazione di Google.
Ulteriori informazioni

Per garantire un servizio di qualità elevata agli utenti Internet e agli inserzionisti Google, i siti in cui vengono pubblicati gli annunci Google non possono:

  • Utilizzare servizi di terze parti che generano clic o impressioni, quali programmi "paid-to-click", "paid-to-surf", "auto-surf" e "click-exchange".
  • Essere promossi via email collettive indesiderate o annunci non richiesti su siti web di terze parti.
  • Pubblicare annunci Google, visualizzare caselle di ricerca o risultati di ricerca derivanti da azioni eseguite da applicazioni software, ad esempio barre degli strumenti.
  • Essere caricati da software in grado di attivare popup, reindirizzare gli utenti a siti web indesiderati, modificare impostazioni del browser o interferire in altro modo con la navigazione del sito. Il publisher è tenuto a garantire che nessuna rete pubblicitaria o nessun affiliato si serva di questi metodi per indirizzare il traffico alle pagine contenenti il codice AdSense.
  • Ricevere traffico generato dalla pubblicità online se il sito non è conforme alle norme sulla qualità della pagina di destinazione di Google. Ad esempio, gli utenti devono avere la possibilità di trovare facilmente ciò che viene pubblicizzato nell'annuncio.

Comportamento degli annunci

Ai publisher è consentito apportare modifiche al codice degli annunci AdSense, a condizione che tali modifiche non alterino artificialmente il rendimento degli annunci e non danneggino gli inserzionisti.

Posizionamento degli annunci

Ai publisher viene consigliato vivamente di provare diversi posizionamenti e formati di annunci. Tuttavia, il codice AdSense non può essere inserito in posizioni inappropriate, quali popup, email o software. I publisher, inoltre, devono rispettare le norme di ogni prodotto utilizzato. Per ulteriori informazioni, consulta l'articolo sulle norme sul posizionamento degli annunci.
Visualizza tutte le norme sul posizionamento degli annunci.

Gli annunci, le caselle di ricerca e i risultati di ricerca di Google non possono essere:

  • Integrati in un'applicazione software (non applicabile ad AdMob) di qualsiasi tipo, comprese le barre degli strumenti.
  • Visualizzati in finestre popup o pop-under.
  • Posizionati in email, programmi di posta elettronica (incluso webmail) o su pagine che presentano soprattutto contenuti dinamici (come chat dal vivo, messaggistica immediata o commenti che vengono aggiornati automaticamente) (non applicabile ad AdMob).
  • Posizionati in email, programmi di posta elettronica o programmi di chat (non applicabile ad AdMob).
  • Oscurati da elementi della pagina.
  • Inseriti in pagine non basate su contenuti (non applicabile ad AdSense per la ricerca, AdSense per la ricerca per cellulari o AdMob).
  • Inseriti in pagine appositamente ideate per la pubblicazione di annunci.
  • Inseriti in pagine i cui URL o contenuti potrebbero indurre gli utenti a pensare che sono associati con Google a causa di un uso improprio di loghi, marchi o altri elementi distintivi del brand.
  • Inseriti o visualizzati con altri prodotti o servizi Google, in modo tale da violare le norme del prodotto o del servizio.

Comportamento dei siti

I siti in cui vengono pubblicati gli annunci Google devono essere facili da navigare. I siti non devono modificare le preferenze degli utenti, reindirizzare gli utenti a siti web non desiderati, avviare download, distribuire malware o contenere finestre popup o pop-under che interferiscono con la navigazione del sito.

Cookie per la pubblicità di Google

I publisher AdSense devono redigere e rispettare norme sulla privacy che prevedono la possibilità per le terze parti di inserire e leggere cookie sui browser degli utenti o di utilizzare web beacon per raccogliere dati a seguito della pubblicazione di annunci sul sito web.
Ulteriori informazioni

Google utilizza i cookie DoubleClick sui siti web dei publisher che pubblicano annunci AdSense per i contenuti. In base a quanto stabilito da leggi, norme e regolamenti vigenti, il publisher avrà il diritto unico ed esclusivo di utilizzare tutti i dati che derivano dall'uso del cookie DoubleClick per qualsiasi scopo correlato alla propria attività, a condizione che Google conservi il diritto di utilizzare e divulgare questi dati conformemente ai termini delle norme sulla privacy per la pubblicità di Google nonché alle leggi, alle norme e ai regolamenti vigenti.

Se il tuo attuale contratto per i servizi pubblicitari con Google o DoubleClick contiene già una clausola che regolamenta gli aspetti relativi alla proprietà dei dati, tale clausola prevarrà su queste norme per la regolamentazione della raccolta dei dati nell'ambito di questo contratto.

Ulteriori informazioni sulla stesura delle norme sulla privacy.

Identificazione degli utenti

I publisher non devono trasferire informazioni a Google che:

  • Google potrebbe utilizzare o riconoscere come informazioni di identificazione personale; oppure
  • identificano in modo permanente un particolare dispositivo (come l'identificativo univoco di un telefono cellulare se tale identificativo non può essere reimpostato).

Privacy

Devi segnalare chiaramente l'eventuale raccolta, condivisione e utilizzo dei dati su qualsiasi sito, app o altra proprietà conseguentemente all'uso di qualsiasi servizio pubblicitario di Google. Per ottemperare a questo obbligo relativamente all'utilizzo dei dati da parte di Google, puoi mostrare in modo ben visibile un link alla pagina Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei nostri partner.

Children's Online Privacy Protection Act (COPPA)

Se si implementa un servizio pubblicitario di Google su un sito o sezione di sito soggetto al Children's Online Privacy Protection Act (COPPA, legge per la protezione della privacy online dei bambini) è necessario (a) comunicare a Google tali siti o sezioni di siti disciplinati dalle norme COPPA utilizzando gli strumenti disponibili in questa pagina: https://www.google.com/webmasters/tools/coppa oppure il metodo per applicazioni illustrato in questa pagina: https://developers.google.com/mobile-ads-sdk/docs/admob/additional-controls e (b) non utilizzare pubblicità basata sugli interessi (incluso remarketing) per scegliere come target: (i) attività pregresse o attuali degli utenti che hanno notoriamente meno di 13 anni o (ii) attività pregresse o attuali su siti destinati a utenti di età inferiore a 13 anni.

Contenuti correlati ai giochi a distanza

AdSense pone restrizioni al posizionamento di annunci sui siti dedicati ai giochi a distanza e accanto a contenuti correlati ai giochi a distanza. Le norme per i contenuti correlati ai giochi a distanza variano in base al Paese in cui si trova il publisher. I publisher che non si trovano in un dato gruppo di Paesi non possono pubblicare annunci accanto contenuti correlati ai giochi a distanza o su pagine che presentano link a contenuti correlati ai giochi a distanza. Ciò include qualsiasi contenuto che consente agli utenti di effettuare scommesse o giocare in cambio della possibilità di guadagnare denaro o altri premi.
Ulteriori informazioni

I publisher nel seguente gruppo di Paesi possono monetizzare pagine con giochi a distanza online, informazioni su contenuti correlati ai giochi a distanza online e pagine con link a contenuti correlati ai giochi a distanza. I contenuti correlati ai giochi a distanza includono giochi di casinò online, scommesse sportive, bingo, lotterie, suggerimenti, quote, scommesse con handicap, mahjong, materiali didattici e integrativi e codici bonus.

Austria Grecia Portogallo
Belgio Irlanda Romania
Canada Italia Serbia
Danimarca Israele Spagna
Finlandia Norvegia Svezia
Francia Perù Regno Unito

Per essere presi in considerazione, al momento questi publisher devono soddisfare i severi requisiti di Google e devono essere selezionati e approvati dal team delle norme di AdSense prima che gli annunci possano essere visualizzati. Se sei idoneo, AdSense si assicurerà di contattarti. I publisher residenti al di fuori di questi Paesi non sono autorizzati a pubblicare annunci accanto a contenuti che permettono qualsiasi tipo di scommessa o che presentano link a tali tipi di contenuti.

Per mantenere la Rete Display Globale adatta ai minori, gli annunci verranno visualizzati solo sui contenuti correlati ai giochi a distanza, qualora sia il publisher sia il visitatore della pagina si trovino all'interno di un Paese che approva i contenuti correlati ai giochi a distanza e il visitatore sia maggiorenne.

Inoltre, i publisher hanno ora la possibilità di attivare la ricezione di annunci per i giochi a distanza attraverso la funzione di filtro per categoria. Se non desideri ricevere annunci correlati ai giochi a distanza sul tuo sito, non devi intraprendere alcuna azione.

Esempi

Publisher non selezionati o autorizzati per contenuti correlati a giochi a distanza:

Ammessi Non ammessi
  • Siti con giochi a soli fini di divertimento, concorsi, lotterie, riffe
  • Siti di giochi a distanza correlati a una determinata località (siti di hotel e destinazioni turistiche con casinò)
  • Siti che promuovono sport di tipo fantasy
  • Siti che vendono libri, ebook, riviste, programmi TV con attività correlate ai giochi a distanza
  • Forum di discussione o blog su giochi a distanza che non indirizzano il traffico verso siti di giochi a distanza
  • Siti che vendono attrezzature per giochi a distanza
  • Siti di giochi a distanza online, come casinò online o siti di scommesse online
  • Siti che indirizzano il traffico verso siti di giochi a distanza online, ad esempio tramite link organici

Publisher selezionati e approvati per contenuti correlati ai giochi a distanza e residenti in uno dei seguenti Paesi: Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Israele, Norvegia, Perù, Portogallo, Romania, Serbia, Spagna, Svezia, Regno Unito:

Ammessi
  • Siti di giochi a distanza online, come casinò online o siti di scommesse online
  • Siti che indirizzano il traffico verso siti di giochi a distanza online, ad esempio tramite link organici
  • Siti con giochi a soli fini di divertimento, concorsi, lotterie, riffe
  • Siti di giochi a distanza correlati a una determinata località (siti di hotel e destinazioni turistiche con casinò)
  • Siti che promuovono sport di tipo fantasy
  • Siti che vendono libri, ebook, riviste, programmi TV con attività correlate ai giochi a distanza
  • Forum di discussione o blog su giochi a distanza che non indirizzano il traffico verso siti di giochi a distanza
  • Siti che vendono attrezzature per giochi a distanza

Norme specifiche dei prodotti

AdSense per i contenuti: i publisher possono inserire fino a tre unità pubblicitarie di AdSense per i contenuti in ogni pagina. Di queste tre unità pubblicitarie, solo una può avere le dimensioni 300 x 600. In ciascuna pagina, i publisher possono inserire più di un'unità pubblicitaria per tutte le altre dimensioni di annuncio, fatta eccezione per la dimensione 300 x 600. Oltre alle tre unità pubblicitarie di AdSense per i contenuti, in ciascuna pagina i publisher possono anche inserire fino a tre unità di link e due caselle di ricerca. Queste norme si applicano ai siti ottimizzati per computer desktop e per dispositivi mobili di fascia alta.

AdSense per la ricerca: in ogni pagina è possibile posizionare fino a due caselle di ricerca di Google AdSense. Inoltre, è possibile inserire una sola unità di link o un solo annuncio illustrato sulle pagine con i risultati di AdSense per la ricerca. Le query devono provenire da dati inseriti direttamente nella casella di ricerca e non possono essere modificate. Ad esempio, non è consentito precompilare la casella di ricerca con termini o inserire link a pagine predefinite a livello di codice (il cosiddetto "hard coding"). Il codice di AdSense per la ricerca non può essere integrato in applicazioni software come una barra degli strumenti.

Altri prodotti:

Ultimo aggiornamento: 31 marzo 2014