Norme

Come Google impedisce le attività non valide

I nostri esperti monitorano attentamente clic e impressioni sugli annunci Google allo scopo di salvaguardare i tuoi interessi e quelli dei nostri inserzionisti. A tal fine, utilizziamo sia sistemi automatizzati che revisioni manuali, analizzando tutti i clic e le impressioni sugli annunci per le attività di clic non valide che possono incrementare artificialmente i costi di un inserzionista o le entrate di un publisher.

La tecnologia proprietaria di Google analizza clic e impressioni per stabilire se corrispondono a un modello di utilizzo che potrebbe mirare a incrementare artificialmente i costi di un inserzionista o le entrate di un publisher. Il nostro sistema utilizza sofisticati filtri per distinguere tra attività generate da un normale utilizzo da parte degli utenti e attività che possono costituire un rischio per i nostri inserzionisti. Alcuni esempi di queste attività comprendono clic o impressioni generate da utenti malintenzionati, robot automatizzati, sorgenti di traffico e publisher che incoraggiano a fare clic sui propri annunci. Il sistema ci consente di filtrare la maggior parte di clic e impressioni non validi e agli inserzionisti non viene addebitato alcun importo per questa attività.

Oltre al nostro sistema automatizzato, disponiamo di un team dedicato alla rilevazione delle attività non valide che utilizza diversi strumenti speciali e una grande varietà di tecniche basate su una consolidata esperienza nel rilevamento e nel monitoraggio del comportamento degli utenti e nell'analisi degli scenari. Aggiorniamo costantemente i nostri meccanismi di rilevamento per contrastare attivamente le attività non valide.

Per ulteriori informazioni sui nostri sistemi e sulla procedura per prevenire attività non valide, consulta il Centro risorse per la qualità del traffico sugli annunci.

Hai trovato utile questo articolo?
Come possiamo migliorare l'articolo?