Mediazione

Panoramica di Mediazione AdMob

Che cosa è la mediazione AdMob?

La mediazione è una funzione di AdMob che consente di gestire in unico posto tutte le origini annuncio utilizzate per pubblicare gli annunci sulle tue app. Utilizzando la mediazione, puoi inviare richieste di annunci in arrivo a più origini annuncio e trovare le migliori origini annuncio per soddisfare tali richieste. Le mediazione utilizza i gruppi di mediazione per cercare di massimizzare le entrate posizionando tutte le origini annuncio in base al rendimento ottimizzato.

 

Che cosa sono i gruppi di mediazione?

I gruppi di mediazione sono combinazioni di impostazioni di targeting che ti aiutano a ottimizzare le entrate generate dalle tue unità pubblicitarie. Puoi creare i gruppi di mediazione in anticipo e successivamente aggiungere le unità pubblicitarie e le origini annuncio, oppure crearli tutti contemporaneamente. Anziché impostare ripetutamente le opzioni di mediazione per ciascuna unità pubblicitaria, puoi semplicemente impostarle una volta per i gruppi di mediazione e aggiungere le unità pubblicitarie ai gruppi desiderati.

Per trovare la pagina dei gruppi di mediazione, accedi al tuo account AdMob e fai clic su Mediazione nella barra laterale.

Una volta impostata la mediazione in AdMob, puoi utilizzare la guida per Google Developers (Android o iOS) per implementare la mediazione nelle tue app.

Come funzionano i gruppi di mediazione?

Quando una richiesta di annuncio viene inviata ad AdMob da una delle unità pubblicitarie, la mediazione AdMob esamina la richiesta di annuncio e la confronta con le impostazioni di targeting dei gruppi di mediazione definiti.

  • Se la richiesta corrisponde al targeting per uno dei tuoi gruppi di mediazione, tale gruppo riempirà la richiesta di annuncio pubblicando un annuncio da una delle sue origini annuncio incluse.
  • Se la richiesta corrisponde a più di un gruppo di mediazione, AdMob utilizzerà la priorità del gruppo per stabilire quale gruppo deve soddisfare la richiesta di annuncio. Se possibile, i conflitti tra i gruppi di mediazione devono essere evitati.
  • Se la richiesta non corrisponde a nessun gruppo di mediazione, viene automaticamente soddisfatta dal gruppo AdMob (predefinito).

Nota: i gruppi di mediazione non hanno una struttura a cascata o a catena dal'uno all'altro. Se una richiesta di annunci non può essere abbinata a un gruppo di mediazione, verrà soddisfatta dal gruppo AdMob (predefinito). Tuttavia, le reti pubblicitarie incluse come origini annuncio all'interno di un gruppo di mediazione hanno una struttura a cascata quando si cerca di soddisfare una richiesta di annuncio.

Esempio

Di seguito riportiamo un esempio:

 

Un publisher ha creato un'app di gioco Android e vuole aggiungere 10 unità pubblicitarie banner. Poiché la maggior parte degli utenti dell'app è giapponese, il publisher desidera utilizzare un gruppo di mediazione per gestire le origini dati che pubblicano annunci destinati agli utenti in Giappone.

 
Innanzitutto, il publisher crea tutte le 10 unità pubblicitarie in AdMob. 
 
Poi crea 1 gruppo di mediazione e sceglie le seguenti impostazioni:
  • Formato: "Banner"
  • Piattaforma: "Android"
  • Nome: "Annunci banner in giapponese"
  • Località: "Giappone" 

In seguito aggiunge tutte le 10 unità pubblicitarie al gruppo di mediazione, aggiunge e configura le origini dati (diverse reti pubblicitarie di terza parte con un buon rendimento in Giappone) e poi salva il gruppo.

 

Infine, il publisher implementa l'unità pubblicitaria e la mediazione nell'app.

Qual è la priorità del gruppo di mediazione?

La priorità dice ad AdMob quale gruppo di mediazione è più importante per i tuoi obiettivi di entrate. Quando più gruppi di mediazioni possono essere utilizzati per soddisfare una richiesta di annuncio, AdMob utilizza il valore nella colonna Priorità per determinare quale gruppo di mediazione deve soddisfare tale richiesta.

Ci sono alcune cose da tenere presenti quando si imposta la priorità: 

  • Se più gruppi di mediazione corrispondono al targeting di una richiesta di annuncio (località, piattaforma e così via), verrà scelto il gruppo di mediazione con la priorità più alta (il numero più piccolo) per soddisfare la richiesta di annuncio.
  • La priorità più alta che si può impostare è 1. 
  • La priorità più bassa che puoi impostare è il numero uguale al numero di gruppi di mediazioni che hai creato. Esempio: se si dispone di 5 gruppi di mediazione, 5 è la priorità più bassa che si può impostare. Se si imposta la priorità a 8, sarà automaticamente portata a 5.

Dopo che una richiesta di annuncio è abbinata a un gruppo di mediazione, la richiesta di annuncio avrà una struttura a cascata nelle origini annuncio di tale gruppo.

Esempio

Di seguito riportiamo un esempio:

 

AdMob riceve una richiesta di annuncio da un utente Android a Vancouver, Canada. La richiesta di annuncio corrisponde a 3 dei gruppi di mediazione del publisher: 
 
  • "Annunci banner per Android in Nord America" (priorità 3, utilizza InMobi, Flurry e la Rete AdMob)
  • "Annunci banner per Android in tutto il mondo" (priorità 5, utilizza AdFalcon, Flurry e la Rete AdMob)
  • "Annunci banner per Android in Canada" (priorità 1, utilizza Flurry, Chartboost e la Rete AdMob)
 
Il gruppo di mediazione "Annunci banner per Android in Canada" sarà scelto per pubblicare l'annuncio perché la sua priorità è 1, più alta delle priorità degli altri gruppi in conflitto. La richiesta di annuncio avrà una struttura a cascata nelle origini annuncio incluse nel gruppo di mediazione: Flurry e poi Chartboost e poi la Rete AdMob.

Evitare il conflitto tra gruppi di mediazione

Puoi evitare il conflitto con una pianificazione preventiva. Se scegli come target un paese o una regione, una piattaforma o un formato dell'annuncio in modo esplicito in un gruppo di mediazione, puoi escludere la tua scelta dall'altro gruppo di mediazione creato. 

Nell'esempio in alto, il publisher ha già creato un gruppo specializzato che indirizzava le richieste di annunci banner provenienti dagli utenti Android canadesi. Il publisher avrebbe potuto evitare i conflitti tra i gruppi escludendo il Canada dagli altri gruppi di mediazione di annunci banner Android.

Tuttavia, se crei più gruppi di mediazione per gestire le tue origini annuncio, può verificarsi un conflitto. È importante considerare la priorità corretta per i tuoi gruppi di mediazione per avere la certezza che AdMob possa utilizzarli per tentare di massimizzare le entrate in modo efficace. 

Gruppo AdMob (predefinito)

Nella maggior parte dei casi, una richiesta di annuncio ricevuta da AdMob sarà confrontata con i tuoi gruppi di mediazione e soddisfatta dal gruppo con i criteri corrispondenti. Tuttavia, alcune richieste di annuncio non corrispondono a nessuno dei tuoi annunci di mediazione.

Il gruppo di mediazione (predefinito) di AdMob tenta automaticamente di soddisfare tutte le richieste non associate a nessuno dei tuoi gruppi di mediazione. Gli annunci provengono direttamente dalla rete AdMob.

Il gruppo AdMob (predefinito) è già creato per te nella scheda Gruppi di mediazione.

Esempio

Di seguito riportiamo un esempio: 
 
Un publisher ha creato i 6 gruppi di mediazione seguenti in AdMob: 
 
  • Annunci interstitial per utenti Android finlandesi
  • Annunci interstitial per utenti iOS finlandesi
  • Annunci interstitial per utenti Android norvegesi
  • Annunci interstitial per utenti iOS norvegesi
  • Annunci interstitial per utenti Android svedesi
  • Annunci interstitial per utenti iOS svedesi

Tutti i 6 gruppi di mediazione escludono le località di altri paesi.

Se un utente di un'app su un dispositivo iOS in Finlandia genera una richiesta di annuncio Interstitial, questa viene soddisfatta dal gruppo di mediazione "Utenti iOS finlandesi".
Tuttavia, cosa succede se un utente Android in Danimarca genera una richiesta di annuncio interstitial?  La richiesta di annuncio non corrisponde a nessuno di questi gruppi, pertanto viene soddisfatta dal gruppo AdMob (predefinito).
È stato utile?
Come possiamo migliorare l'articolo?